Abbandonate le pelli di animali come indumenti, l’uomo passò all’uso di intrecci vegetali, per produrre tessuti. Il sistema primitivo di filatura rimase.

Slides:



Advertisements
Presentazioni simili
A cura di Simone Orsi e Claudio Prinzi
Advertisements

A cura della prof.ssa Luchetti Stefania
1° Rivoluzione Industriale
Lavoro di Elisa Castrogiovanni e Monica Rissone. Con la chiusura dei campi, i contadini e i piccoli proprietari terrieri hanno bisogno di comprare prodotti.
FIBRE TESSILI.
Plastica e nuovi materiali
La conoscenza delle proprietà ci consente
Secondo la legge 126, tutti i capi di vestiario e tessili in vendita in Italia, devono avere, oltre all’etichetta di composizione, anche quella di manutenzione.
LE MATERIE PLASTICHE STORIA APPROFONDIMENTI
I MATERIALI I MATERIALI PLASTICI I TESSUTI IL VETRO I METALLI I NUOVI MATERIALI IL LEGNO LA CARTA IL CUOIO LA CERAMICA.
STORIE DI FILATI E TESSUTI
MATERIE PRIME ENERGETICHE fonti dalle quali si ricava energia per le attività domestiche ed industriali M. p. energetiche vegetali legno.
POST-TRATTAMENTI NEI PROCESSI BIOTECNOLOGICI Università degli Studi di Perugia - Dipartimento di Ingegneria Industriale Prof. Francesco Castellani -
NYLON ARAMIDI I NYLON O POLIAMMIDI
Dryarn una fibra innovativa al servizio del comfort
Il ciclo vitale dei materiali
Il Vetro Con il termine vetro ci si riferisce a materiali che sono ottenuti tramite la solidificazione di un liquido I vetri sono quindi solidi amorfi.
La chimica nella vita quotidiana
Gli stati della materia
CLASSIFICAZIONE E PROPRIETÀ DEI MATERIALI
TESSUTO IN SETA 29/03/ CAMPIONE LA STORIA DELLA FIBRA
Seta La seta è un filamento sottile e lucente, lungo anche più di 1 Km. Si ricava dal bozzolo prodotto dal baco da seta (Bombyx mori) Questo lepidottero.
I minerali Definizione Struttura Formazione Proprietà Classificazione.
Presentazioni.
PRODUZIONE DELLA FIBRA
Proprietà dei materiali
Costruzione di uno skateboard in fibra di carbonio
L’energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro L = F x s
Glossario tessile ANNODATURA: operazione di raccordo tra due subbi di ordito per cui ogni capo del nuovo subbio è annodato al suo corrispondente del vecchio.
La Carta Che cos’è? Applicazioni Riciclaggio Come è fatta?
Storia e classificazione
I MATERIALI.
Il legno, la carta. Le fibre tessili. Il vetro..
LEGNO COS’E IL LEGNO PRODUZIONE DEI TRONCHII
DEFINIZIONE E FUNZIONI
TECNOLOGIA I ANNO TESSUTI LEGNO CARTA CERAMICA NUOVI MATERIALI METALLI
PROPRIETA’ DELLE FIBRE Proprietà fisico-chimiche
TECNOLOGIA DEI MATERIALI
I MATERIALI Maria Galuppo e Eleonora Foffano 1 C
Uscita formativa a San Michele
Le fibre Taglialavore jessica.
Le fibre animali Le fibre animali, sono costituite dai peli ricavati dal vello di alcuni mammiferi (pecora, cammello, capra, ecc.) o da lunghi filamenti.
Le fibre naturali vegetali
Le fibre tessili Una fibra è un elemento in forma allungata, flessibile e sottile che, per queste sue caratteristiche, si presta a essere filato. Alcune.
Materiali *.
Materiali *.
Le fibre vegetali Le fibre vegetali sono composte principalmente da cellulosa, che costituisce in maniera essenziale la parete cellulare della pianta.
Materiali *.
Materiali *.
LE FIBRE SINTETICHE.
FIBRE TESSILI La fibra tessile è l'insieme dei prodotti fibrosi che, per la loro struttura, lunghezza, resistenza ed elasticità, hanno la proprietà di.
Le fibre naturali e vegetali
I POLIMERI CHE COS’È UN MONOMERO? NATURALI , ARTIFICIALI E SINTETICI
Le fibbre tessili animali e vegetali!!
Il mondo delle fibre La fibra tessile è l'insieme dei prodotti fibrosi che, per la loro struttura, lunghezza, resistenza ed elasticità, hanno la proprietà.
Materie prime e materiali ORIGINE
DOWNLOAD MAPPA CONCETTUALE
IL MOVIMENTO Per l’insegnante:
STORIE DI FILATI E TESSUTI
Raramente oggi il legno è impiegato come massello (legno
Le prime materie plastiche della storia erano ricavate da prodotti vegetali (caucciù), animali (corno) o fossili (ambra) l’americano Goodyear scoprì.
SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO “R. FUCINI” DI MONTESPERTOLI (FI)
I materiali impiegati nelle murature presentano un sistema più o meno continuo di pori attraverso i quali si verifica la migrazione dell’acqua, che è la.
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II – Dip.to di Ingegneria Industriale Progetto di ricerca "LOW NOISE" Ob.2 Corso Mod "Tecniche di sperimentazione.
Conoscere per rispettare
I POLIMERI SINTETICI I polimeri sintetici sono macromolecole ad elevato peso molecolare formate per combinazione ripetuta ( unità) di precursori.
ATTIVITA’ DI TECNOLOGIA a cura di Moustapha, Francesco, Sarah e Matteo. USCITA DI ISTRUZIONE DEL 17 NOVEMBRE 2015 AL MUSEO DEL TESSILE: DALLA PIANTA DEL.
D. Introduzione al biodeterioramento
Classificazione dei materiali
Le materie plastiche Materiali *.
Transcript della presentazione:

Abbandonate le pelli di animali come indumenti, l’uomo passò all’uso di intrecci vegetali, per produrre tessuti. Il sistema primitivo di filatura rimase manuale finché si passò all’utilizzo del fuso, per arrotolare il filo. Con la filatura si sviluppò anche la tessitura, eseguita al telaio. La Rivoluzione industriale, nella seconda metà del XVIII secolo, portò la meccanizzazione dei telai, attivati dalla macchina a vapore. Alla fine del XIX secolo si cominciarono ad utilizzare fibre artificiali (derivate dalla cellulosa) e, nel XX secolo, quelle sintetiche, derivate dal petrolio. 1

NATURALI TECNOFIBRE Classificazione delle fibre tessili Le fibre tessili si suddividono in base alla loro origine: fibre naturali (animali, vegetali, minerali); tecnofibre (artificiali e sintetiche). NATURALI TECNOFIBRE • VEGETALI Cotone, lino, canapa • ARTIFICIALI Viscosa, acetato, triacetato • ANIMALI Lana, cashmere, lama, cammello • SINTETICHE Poliestere, fibra polietilenica, polipropilenica, acrilica, clorofibra • MINERALI Fibre di vetro, amianto

Caratteristiche e proprietà Numerose sono le varietà di fibre tessili, e notevoli sono le differenze di caratteristiche e proprietà. In generale, si può affermare che tutte le fibre possiedono buone proprietà meccaniche e tecnologiche. • Densità Corrisponde al peso specifico. Ad esempio, per la lana è 1,31 g/cm3; • Resistenza all’allungamento Indica quanto la fibra si può allungare senza spezzarsi. • Igroscopicità Capacità di assorbire l’umidità. • Resistenza alla rottura Indica la capacità della fibra di resistere alle sollecitazioni senza rompersi. • Lunghezza delle fibre Può variare da pochi millimetri a parecchi centimetri. • Lavorabilità Capacità della fibra di essere sottoposta alle diverse lavorazioni • Resistenza agli acidi Acidi e muffe agiscono sulla fibra fino a farla sciogliere o rovinarla. • Finezza Spessore medio delle fibre espresso in micron. • Tintura Capacità della fibra di assimilare il colore durante il processo di tintura. CHIMICO-FISICHE MECCANICHE TECNOLOGICHE

Fibre naturali vegetali

Fibre naturali animali

Fibre naturali animali

Fibre artificiali Le fibre tessili artificiali si ottengono per trasformazione chimico-meccanica di sostanze naturali come la cellulosa, le proteine animali, le alghe, il vetro. 1. Il raion viscosa La cellulosa viene trattata con soda caustica diluita in acqua. L’impasto ottenuto viene lavato, pressato, filtrato e lasciato a maturare. Le macro-molecole si trasformano in molecole più semplici, adatte alla filatura. L’impasto immerso in un solvente, dà origine alla viscosa che viene filata in apposite filiere. 2. Il raion acetato Si ottiene dalla cellulosa con aggiunta di composti chimici vari. Presenta caratteristiche di ingualcibilità, ma minore tenacità rispetto al raion viscosa. 3. Il raion cupro-ammonio (o Bemberg) La cellulosa viene dissolta in ammoniaca. Il processo è piuttosto costoso e viene usato per produrre la cosiddetta “seta artificiale”.

Sono ricavate da composti chimici derivati del petrolio. Fibre sintetiche Sono ricavate da composti chimici derivati del petrolio. Produzione I polimeri sintetici, trasformati in liquidi densi mediante fusione a caldo o dissoluzione a freddo, vengono filati attraverso filiere e consolidati poi per raffreddamento, per evaporazione del solvente o per coagulazione. Proprietà Hanno notevole resistenza all’usura, alla luce, agli agenti chimici, alle muffe e ai batteri. Sono elastiche, leggere e morbide, facili da lavare e veloci ad asciugare; non hanno bisogno di essere stirate. Il loro costo di produzione è basso.

Dalla fibra al tessuto FILATURA PROCESSO BASE Le fibre tessili sono inutilizzabili se considerate separatamente: bisogna raggrupparle e sottoporle alle operazioni di filatura, con cui si ottengono sottili corpi cilindrici, i filati. FILATURA PROCESSO BASE 1. Sfioccamento e cardatura 2. Accoppiamento e stiro 3. Torcitura

Dalla fibra al tessuto TESSITURA La tessitura dei filati si effettua con il TELAIO. Nel telaio i fili di ordito si trovano avvolti su un cilindro (subbio di ordito). Questi vengono suddivisi da due aste, chiamate licci e compattati da una serie di lamine (denti del pettine), portate da una banchina mobile (cassa battente) sulla quale scorre una navetta che porta i fili di trama. I tessuti sono il risultato dell’intreccio dei fili di ordito con le trame, disposte nel senso della larghezza. In relazione alle diverse possibilità di intreccio dei fili, avremo diversi tipi di armatura del tessuto: a tela, a saia, a raso, ecc.