Glossario tessile ANNODATURA: operazione di raccordo tra due subbi di ordito per cui ogni capo del nuovo subbio è annodato al suo corrispondente del vecchio.

Slides:



Advertisements
Presentazioni simili
AVVOLGIMENTI NELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI
Advertisements

1° Rivoluzione Industriale
Lavoro di Elisa Castrogiovanni e Monica Rissone. Con la chiusura dei campi, i contadini e i piccoli proprietari terrieri hanno bisogno di comprare prodotti.
LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
Come si produce lo zucchero filato
FIBRE TESSILI.
APPARATO TEGUMENTARIO
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare
VERSOMAT Versomat 2007 Moretti.
L’elettricità Capobianco Salvatore Avanti Classe 3° D
I MATERIALI I MATERIALI PLASTICI I TESSUTI IL VETRO I METALLI I NUOVI MATERIALI IL LEGNO LA CARTA IL CUOIO LA CERAMICA.
STORIE DI FILATI E TESSUTI
Descrizione del sistema NOVATEK
IL LEGNO Viola, Alex, Laura, Diego.
Evoluzioni della carta
VISITA AD UNA DITTA ORAFA Questa attività didattica si è svolta in un laboratorio scientifico in 4 lezioni coinvolgendo le classi terza e quarta.
L’elettricità.
La carta di ieri e di oggi
Il ciclo vitale dei materiali
Il Vetro Con il termine vetro ci si riferisce a materiali che sono ottenuti tramite la solidificazione di un liquido I vetri sono quindi solidi amorfi.
Restauro statico delle strutture in cemento armato
Le Tecniche di produzione
Prodotti Vernicianti I prodotti vernicianti sono soluzioni o sospensioni(dette anche dispersioni)di sostanze di origine organica o minerale, di consistenza.
Preparazione alla tessitura: ORDITO
LAVORO SVOLTO DA LUCA GIORGIONE
CLASSIFICAZIONE E PROPRIETÀ DEI MATERIALI
Un passo dopo l'altro: dalla prima fibra fino al capo di abbiagliamento finito vengono eseguiti molti passaggi. In differenti posti spesso lontani l'uno.
COTONIFICIO ALBINI SpA
LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
Proprietà dei materiali
IL TRASFORMATORE.
(Vedere diapositiva successiva)
FLOATING GLASS ALE & GIOVI CLASSE 1D.
Tessuti a maglia.
TECNOLOGIA I ANNO TESSUTI LEGNO CARTA CERAMICA NUOVI MATERIALI METALLI
Lo scheletro umano.
A cura di vanessa capuano
La carta.
Uscita formativa a San Michele
Motori termici I motori termici sono quelle macchine che consentono di convertire l’energia Termica in energia Meccanica ( Cinetica ) Motori a combustione.
A CURA DI SAMUELE MOIOLI
Il valore di una macchina disegnata per il cliente.
1. Il modello atomico 1.2 Gli stati di aggregazione della materia.
IL MUSEO DEL PATRIMONIO INDUSTRIALE Di BOLOGNA
COSTRUZIONE DI UN PROCESSORE
Le fibre vegetali Le fibre vegetali sono composte principalmente da cellulosa, che costituisce in maniera essenziale la parete cellulare della pianta.
Materiali *.
Materiali *.
Costruzione di un MICROPROCESSORE
LE FIBRE SINTETICHE.
FIBRE TESSILI La fibra tessile è l'insieme dei prodotti fibrosi che, per la loro struttura, lunghezza, resistenza ed elasticità, hanno la proprietà di.
La sabbia è composta da un 25% di silicio. La prima cosa da fare è separarlo dalla sabbia. Il silicio deve essere purificato tramite diversi passaggi:
Come si costruisce un processore
Le fibbre tessili animali e vegetali!!
Il mondo delle fibre La fibra tessile è l'insieme dei prodotti fibrosi che, per la loro struttura, lunghezza, resistenza ed elasticità, hanno la proprietà.
1 Le automazioni della singola macchina FunzionamentoServizioImpostazione Batteria Prelevamento delle balleRegistrazione degli scarti Impostazione parametri.
La Statica La statica è una parte della meccanica che studia l’ equilibrio dei corpi. Prof Giovanni Ianne.
Il Rocchetto di Ruhmkorff
Costruire una CPU. La prima cosa da fare è separare il silicio dalla sabbia, successivamente il silicio deve essere purificato tramite diversi passaggi.
STORIE DI FILATI E TESSUTI
Raramente oggi il legno è impiegato come massello (legno
SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO “R. FUCINI” DI MONTESPERTOLI (FI)
Realizzato da: Terenzi Andrea Tafuri Giuseppe
ATTIVITA’ DI TECNOLOGIA a cura di Daniele, Charles, Denis e Michele USCITA DI ISTRUZIONE DEL 17 NOVEMBRE 2015 AL MUSEO DEL TESSILE: DALLA PIANTA DEL COTONE.
ATTIVITA’ DI TECNOLOGIA a cura di Riccardo, Samuele, Mariam e Beatrice USCITA D’ISTRUZIONE DEL 17 NOVEMBRE AL MUSEO DEL TESSILE: DALLA PIANTA DEL COTONE.
ATTIVITA’ DI TECNOLOGIA a cura di Moustapha, Francesco, Sarah e Matteo. USCITA DI ISTRUZIONE DEL 17 NOVEMBRE 2015 AL MUSEO DEL TESSILE: DALLA PIANTA DEL.
Abbandonate le pelli di animali come indumenti, l’uomo passò all’uso di intrecci vegetali, per produrre tessuti. Il sistema primitivo di filatura rimase.
A freddo --> incrudimento Mat di partenza: Prodotti finiti - tubi
ATTIVITA’ DI TECNOLOGIA a cura di Miriam, Eleonora, Maddalena, Gabriele e Andrea USCITA D’ISTRUZIONE DEL 17 NOVEMBRE 2015 AL MUSEO DEL TESSILE: DALLA PIANTA.
FORMATURA A MANO (HAND LAY-UP)
Transcript della presentazione:

Glossario tessile ANNODATURA: operazione di raccordo tra due subbi di ordito per cui ogni capo del nuovo subbio è annodato al suo corrispondente del vecchio subbio. ARMATURA: struttura del tessuto costituito su 3 armature fondamentali: tela – saia – satino. CALANDRATURA: è un procedimento mediante il quale si fa passare un tessuto sotto cilindri rotanti per renderlo più compatto e lucido.  CARDA: macchina per sgrovigliare la lana dopo il lavaggio. CARDATURA: serve per sciogliere e separare bene le fibre una dall’altra, per liberarle dalle impurità. Le fibre vengono così disposte in un unico corpo cilindrico che assottigliando gradualmente nei vari processi di filatura, dà origine al filato. Un filato cardato è un filato non pettinato.

CATENA: ordito. CIMATURA: operazione di taglio, con la quale il pelo residuo sulla superficie del tessuto viene rasato o reso di lunghezza uniforme. DECATISSAGGIO: operazione che si esegue dopo la calandratura per attenuare, con getti di vapore, la lucidità eccessiva di una stoffa. Lo stesso nome indica una serie di importantissime operazioni necessarie a stabilizzare i tessuti per la fase di confezione. FILATURA: operazione o serie di operazioni che consentono di trasformare una fibra tessile in filato.  FOLLATURA: processo di infeltrimento con il quale si sollevano le fibre del tessuto, immerso in speciali vasche dette folloni. Le fibre vengo quindi battute ed appiattite. meccanicamente. FUSO: arnese costituito da un’asticciola metallica conica contro cui si appoggia una lamina con lo scopo di mantenere il tubetto della spola in posizione fissa durante lo svolgimento della trama.

IMBOZZIMATURA: azione che serve a rendere i fili più resistenti ed uniformi, eliminare la peluria superficiale e lubrificarli in modo da ridurre l’attrito tra di loro, durante il processo di tessitura. L’operazione consiste nell’immergere i fili nella “bozzima”, una sostanza collosa capace di fornire loro una pellicola. NAVETTA: elemento di legno o metallo dei telai,a forma di navicella, che contiene la spola, cioè l’insieme del filato. ORDITURA: operazione fatta con lo scopo di assemblare un certo numero di fili di ordito su di un singolo subbio. OPIFICIO: edificio nel quale le fibre vengono trasformate in filati. PETTINATURA: trattamento che segue la cardatura mediante il quale vengono rimosse le fibre al di sotto di una certa lunghezza. Le altre vengono disposte in maniera uniforme e parallele. La pettinatura rende i filati più lisci e resistenti: è una lavorazione costosa. PETTINE: insieme di lamine metalliche parallele dette denti che serve a dividere i fili, a mantenerli paralleli e a schiacciarli contro il tessuto già compiuto.

PURGATURA: operazione che ha lo scopo di allontanare scorie o impurità da materiali lavorati. RAMMENDATURA: operazione di apparecchiatura dei tessuti, per correggere eventuali difetti di tessitura e orditura, effettuabile esclusivamente a mano. RITORCITURA: si esegue dopo la filatura, con lo scopo di ritorcere insieme due o più filati. L’operazione è compiuta da due macchine: la bobinatrice, che unisce due o più filati e il ritorcitoio, che ritorce i fili una volta che siano stati uniti. Un filato ritorto è più robusto di un filato unico. ROCCATURA: operazione con cui si confeziona in un’ unica rocca, avvolgendolo a spire incrociate sulla roccatrice, il filato svolto successivamente da più confezioni provenienti dalla filatura o dalla torcitura. SFELTRATURA: Atto, effetto dello feltrare, cioè raddrizzare le fibre della lana colorata, prima di pettinarla.

SPOLA: bobina di filato inserita nella navetta del telaio, la quale raccoglie il filato da tessere. SUBBIO: cilindro attorno a cui si avvolgono il filo e il tessuto prodotti dal telaio. TOP: stoppino di lana risultante dalla pettinatura. TRAMA: complesso dei fili che nel tessuto si dispongono normalmente all’ ordito e che s’ intrecciano con quello durante la tessitura, mediante il passaggio dalle navette contenenti le spole. VAPORIZZAZIONE: in filatura, fissione mediante vapore caldo della torsione del filo di lana, eseguita normalmente con moderata pressione, in autoclave.