I CLIMI E GLI AMBIENTI NEL MONDO

Slides:



Advertisements
Presentazioni simili
I BIOMI TERRESTRI.
Advertisements

I punti cardinali Orizzonte: (dal greco orizo = limitato) è il campo visivo di un osservatore, in cui il cielo e la terra sembrano toccarsi. Per individuare.
Una presentazione di geografia di Leo
Zone Fredde.
Foreste Temperate.
La Foresta Equatoriale e la Savana
Palermo.
Paesaggi del mondo.
BIOMI TERRESTRI.
REELAZIONI CLIMATICHE
GLI AMBIENTI NATURALI.
Ambiente Mediterraneo Orientale.
CLIMA TROPICALE UMIDO.
Il planisfero, i paralleli di riferimento e le zone climatiche
Climi e biomi.
MUSEO DI STORIA NATURALE
I CLIMI.
IL CLIMA Il clima è la media delle condizioni meteorologiche che
CLIMI E PAESAGGI.
Le zone climatiche.
Le zone climatiche.
LA TAIGA di Alexandrina Calancea e Michele Fiori
Cos'è un bioma? il complesso degli ecosistemi di una particolare area geografica del pianeta, definiti in base al tipo di vegetazione dominante. Da cosa.
Il clima sulla Terra e i diversi ambienti.
GLI AMBIENTI DELLA TERRA
Fattori ed elementi climatici. Le fasce climatiche e i biomi.
IL CLIMA “l nostro clima, la vostra scelta!". Questa la frase che si legge sul maxi striscione di metri quadri di superficie posizionato sul ghiacciaio.
A - LA TETTONICA A ZOLLE.
ISTITUTO COMPRENSIVO “VIA G. MESSINA” PLESSO “ E. DE FILIPPO” ROMA
La biosfera terrestre (la porzione del pianeta abitata da organismi viventi) è suddivisa in unità dette biomi, ciascuna caratterizzata da.
Climi e ambienti dell’ Europa
I biomi terrestri: La taiga
. IL CLIMA DELL’EUROPA.
Fattori ed elementi climatici. Le fasce climatiche e i biomi.
Le acque Tre quarti della superficie terrestre sono ricoperti da acqua degli oceani, mari, laghi, fiumi, ghiacciai. Acqua condiziona il clima ed è indispensabile.
CLIMI E AMBIENTI.
di Mariachiara Bosi, Alberto Coffrini, Luca Giraud e Arianna Tagliani
97,5% acqua salata – 2,5% acqua dolce
LE ZONE CLIMATICHE.
STRETTA RELAZIONE CLIMA E AMBIENTE
I Biomi.
TROPICALE Tommaso Filucchi 10 slide
I FENOMENI METEREOLOGICI & LE ZONE CLIMATICHE
IL CUORE VERDE DEL MONDO
La Terra e i suoi climi Clima
CLIMA E AMBIENTI IL CLIMA Qual è il significato della parola «clima»?
Un bioma è una estesa porzione di biosfera, individuata ed identificata in base al tipo di vegetazione dominante presente. La vegetazione influenza la.
ALLA SCOPERTA DELL’AFRICA
fasce climatiche della Terra
EUROPA Lo spazio fisico lezione 1
Venti planetari.
dal greco klíma-atos, inclinazione
Le parole della geostoria
MACCHIA MEDITERRANEA Ghesini Alice e Mazzoleni Fabio Classe 3B
Un bioma è una estesa porzione di biosfera, individuata ed identificata in base al tipo di vegetazione dominante presente. La vegetazione influenza la.
Geografia del turismo Turismo e climi
Simone Pozzi e Ylenia Piali -classe 3B-
I DESERTI Emilie Bogo e Alberto Barberi
CLIMI e BIOMI.
Il planisfero, i paralleli di riferimento e le zone climatiche
Zone climatiche Ratti.
CLIMA e TEMPO. I Climi d'europa
Gli ambienti Lorenzo p. & andrea m..
I climi europei Il continente europeo si trova, quasi interamente, nella fascia temperata boreale. Nel nostro continente, possono essere individuati quattro.
IDROSFERA E ATMOSFERA LE FASCE CLIMATICHE Anno scolastico Lavoro di gruppo della classe terza I.
A – CLIMI TROPICALI UMIDI TEMPERATURE ELEVATE TUTTO L’ANNO EQUATORIALE (Af) Manca la stagione secca Bioma : Foresta Pluviale TROPICALE (Aw)
Una presentazione di Giacomo Youssef
LE FASCE TROPICALI.
Transcript della presentazione:

I CLIMI E GLI AMBIENTI NEL MONDO

LE ZONE CLIMATICHE 5 zone climatiche, suddivise in base alla variazione della temperatura in rapporto alla latitudine. Delimitate dai 4 paralleli fondamentali: i tropici e i circoli polari. Tra il Tropico del Cancro (23° e 27’ di latitudine nord) e il Tropico del Capricorno (23° e 27’ di latitudine sud) si trova la zona torrida. A nord del Circolo Polare Artico (66° e 33’ di lat. nord) e a sud del Circolo Polare Antartico (66° e 33’ di lat. sud) si trovano le zone polari. Tra il Tropico del Cancro e il Circolo Polare Artico si trova la zona temperata boreale. Tra il Tropico del Capricorno e il Circolo Polare Antartico si trova la zona temperata australe.

I CLIMI TROPICALI Zona torrida: dì e notte hanno quasi la stessa durata, i raggi del sole scaldano quasi perpendicolarmente per tutto l’anno Temperatura costante e piuttosto elevata (mai sotto i 15°). Nella fascia a cavallo dell’Equatore le precipitazioni sono costanti e giornaliere (cresce una fitta vegetazione). Man mano che si va verso i tropici le precipitazioni diminuiscono e si hanno due stagioni (stagione secca e stagione delle piogge) In corrispondenza dei Tropici le precipitazioni si molto scarse (si crea il deserto)

I CLIMI TEMPERATI I CLIMI FREDDI Alternanza delle 4 stagioni, con precipitazioni abbastanza distribuite lungo tutto l’anno. Varietà di situazioni climatiche particolari a seconda della latitudine, della distanza dal mare e dell’altitudine. I CLIMI FREDDI Temperatura sempre molto bassa perché i raggi del sole arrivano obliqui. Terreno quasi sempre ghiacciato. Due stagioni: lunghissimo inverno (temperature normalmente sotto i 10°) e breve primavera (temperature mai sopra i + 10 °)

GLI AMBIENTI NEL MONDO Nelle diverse zone climatiche si sviluppano ambienti specifici. Bioma = insieme delle specie vegetali e animali che, vivendo nello stesso ambiente, si influenzano reciprocamente. Biomi della zona torrida: Savana Steppa Deserto Foresta equatoriale e monsonica Biomi delle zone temperate: Macchia mediterranea Prateria Foresta di latifoglie Biomi delle zone polari: Tundra Taiga Sulle catene montuose elevate: bioma di alta montagna

GLI AMBIENTI TROPICALI UMIDI Foresta equatoriale o pluviale A cavallo dell’Equatore (America centro-meridionale, Africa, centrale, sud-est asiatico) Temperatura sempre elevata, piovosità abbondante in tutto l’anno, durata uguale del dì e della notte. Una sola stagione, calda e umida. Fittissima vegetazione, distribuita su più strati (liane, palme, mogano, ebano, tek) Fauna: insetti, uccelli, scimmie, rettili. Quasi assenti i grandi mammiferi (a parte puma e giaguaro)

GLI AMBIENTI TROPICALI UMIDI 2) Foresta monsonica o giungla: Paesi dell’Asia affacciati sull’Oceano Indiano. Estate: i monsoni di mare (dall’Oceano verso il continente) portano piogge. Inverno: i monsoni di terra ( dal continente verso il mare) sono privi di umidità  si alternano una stagione secca e una umida Vegetazione simile a quella della foresta equatoriale, che va a formare una giungla + coltivazioni di riso (adattissime al clima monsonico perché hanno bisogno di molta acqua). Fauna simile alla quella della foresta equatoriale, ma in alcune zone troviamo anche la tigre.

GLI AMBIENTI TROPICALI UMIDI 3) Savana: Tra l’Equatore e i Tropici, soprattutto in Africa ma anche in alcune zone del sud America e del’Australia. Le precipitazioni si concentrano durante la stagione delle piogge, di durata variabile a seconda della distanza dall’Equatore. La foresta si dirada e lascia il posto ad aree erbose, verdeggianti durante la stagione delle piogge, secche nel resto dell’anno. Albero tipico: Baobab (resiste a lunghi periodi di siccità) Fauna: mammiferi erbivori di grossa taglia (elefanti, rinoceronti, giraffe, zebre, antilopi, bufali) e carnivori (leoni, ghepardi, leopardi); rettili e uccelli.

Un baobab durante la stagione delle piogge Durante la stagione secca, gli animali della savana si abbeverano ad una delle rare pozze d’acqua

GLI AMBIENTI TROPICALI SECCHI 1) Steppa: Latitudini superiori a 15-17° a nord e a sud dell’Equatore. Si trova ai margini della savana africana e in alcune zone dell’Asia centrale, del nord America e dell’Australia. Precipitazioni scarse. Vegetazione molto rada, animali di piccola taglia (rettili, roditori, coyote in America e canguri in Australia). 2) Deserto: Precipitazioni quasi assenti per la presenza, lungo i tropici, di alte pressioni stabili (aria secca, no nubi). Deserti caldi: temperatura molto elevata durante il dì, forte escursione termica tra dì e notte, formazione di dune a causa dell’azione del vento. Vegetazione assente a parte nelle oasi. Fauna: insetti, scorpioni, rettili, roditori, cammelli, dromedari. Esempi: Sahara, Deserto Arabico, Kalahari. Deserti freddi: si formano nelle zone interne dei continenti, aride perché raggiunte da venti ormai privi di umidità. Esempio: deserto del Gobi.

GLI AMBIENTI TEMPERATI 1) Ambiente mediterraneo: Influenzato dalla vicinanza del mare (coste dell’Europa mediterranea, della California, del Cile, del Sudafrica e dell’Australia sud-occidentale) Estati calde e secche, inverno abbastanza piovoso ma mite. Piante coltivate: olivo, vite, agrumi, mandorli, alcuni cereali. Vegetazione spontanea: pino marittimo, quercia da sughero, leccio, macchia mediterranea (arbusti e piante aromatiche). 2) Foresta di latifoglie: Regioni costiere tra 45° e 60° di latitudine. Clima oceanico: estati fresche, inverni non troppo freddi, precipitazioni abbondanti e distribuite in tutte le stagioni. Vegetazione spontanea: foresta di latifoglie (spesso scomparsa per lasciar posto a coltivazioni). Fauna: cervi, cinghiali, volpi, lepri, orsi e uccelli.

GLI AMBIENTI TEMPERATI 3) Prateria Nelle zone interne di continenti (Europa, Asia occidentale, America Settentrionale, Argentina, Australia sud-occidentale) Precipitazioni non troppo abbondanti ma nemmeno troppo scarse, forti escursioni termiche annue. Piante coltivate: cereali, patate, barbabietole da zucchero, girasoli. Vegetazione spontanea: distese erbose e alberi di piccole dimensioni. Molto diffuso l’allevamento. In Argentina la prateria prende il nome di pampa (umida o secca a seconda delle precipitazioni).

La macchia mediterranea in Sardegna La pampa argentina

GLI AMBIENTI FREDDI 1) Foresta di conifere o taiga: Tra 50° e 70° di latitudine Nord Temperature rigide d’inverno, estate molto breve, scarse precipitazioni. Vegetazione: abeti, pini, larici. Fauna: renne, alci, animali da pelliccia. Detta anche foresta boreale perché si trova solo nel nostro emisfero. 2) Ambienti di alta montagna: Boschi di conifere anche a sud del 50° parallelo, sulle montagne. Non c’è un solo ambiente di montagna, dipende dalla latitudine. Per es. catene montuose delle zone tropicali, come le Ande, gli altipiani a 2000-3000 m di altitudine sono molto popolati (nelle pianure fra troppo caldo).

GLI AMBIENTI FREDDI 3) La tundra: Pianura senza’alberi, ricoperta da muschi e licheni. Solo nell’emisfero boreale. Lungo inverno gelido con modeste precipitazioni nevose, breve estate in cui si verifica il disgelo. Fauna: renne e caribù (solo d’estate, d’inverno vivono nella taiga). 4) Le zone polari: Artide e Antartide (tra i circoli polari e i poli). Temperature bassissime, quasi mai sopra lo 0. In Antartide si è arrivati anche a -80°. Mare e terreno ricoperti di neve e ghiaccio. Fauna: foche, trichechi, pinguini, orsi bianchi.

La taiga in Canada La tundra durante il disgelo