COMPITI DI REALTA’ ISTITUTO COMPRENSIVO DI COSSATO

Slides:



Advertisements
Presentazioni simili
Piano di Studi Personalizzato Classi prime
Advertisements

Istituto Statale Istruzione Superiore “E U R O P A” Pomigliano d’Arco
CURRICOLO E VALUTAZIONE
M A C E D O N I O M E L L O N I I S T I T U T O T E C N I C O C O M M E R C I A L E RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI D.P.R. 15 marzo 2010, n. 88 Art. 8,
Commissione Innovazione-Valutazione Riforma Gelmini La valutazione decimale e altro A cura Funzione Strumentale Antonia Tordella.
RELAZIONE DEI RESPONSABILI - DIPARTIMENTI SCUOLA PRIMARIA
Schema di regolamento del 13/03/09 norme vigenti per la valutazione
Progetto Dirigenti valutazione delle competenze Ottobre-dicembre 2010 Report a c. di MR.Zanchin.
COMPETENZE: CERTIFICAZIONE e...
ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO C.M. 28 del 15 marzo 2007.
Romina Manfredi (Scuole Tecniche San Carlo - Boves)
L'INSEGNANTE SPECIALIZZATO PER LE ATTIVITA' DI SOSTEGNO
IL LABORATORIO Prof. Carmelo Piu.
POF Scuola secondaria di primo grado Apecchio- Piobbico Funzione strumentale Maria Tancini.
POF Scuola secondaria di primo grado Apecchio- Piobbico Funzioni strumentali Chiara Catena Sara Chegai Maria Tancini.
Corso Formazione Presidenti esame I ciclo - Vicenza 26 maggio ESAME DI STATO I CICLO PUNTI SALIENTI CONDUZIONE: PROVE SCRITTE E COLLOQUIO PLURIDISCIPLINARE.
Valutazione tradizionale o Valutazione autentica ?
La certificazione delle competenze è prevista dalla normativa vigente sugli Esami di Stato Sia il decreto legislativo n. 59/2004 che il D.P.R. n. 275/1999.
VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI: PAROLE CHIAVE
Un modello operativo di didattica per competenze
INNOVAZIONE METODOLOGICA
LA VALUTAZIONE La valutazione è parte integrante della progettazione, non solo come controllo degli apprendimenti, ma come verifica dell’intervento didattico.
Progetto di Formazione
Obbligo di istruzione – linee guida Decreto 22 agosto 2007 Decreto 22 agosto 2007 Liceo Ginnasio Statale Mario Cutelli - Catania Collegio Docenti 27/02/08.
La valutazione delle competenze
Differenziare in ambito matematico
Costruire le Competenze nella continuità: curricolo verticale
La valutazione Che cosa Come.
LA VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE
24/6 - Presentazione dei grafici sul confronto della valutazione
MAILA PENTUCCI Civitanova Marche, 27 maggio 2014
DGR Puglia n. 145 del 13/02/2014 DGR Puglia n. 379 del 04/03/2014
LA RILEVAZIONE E LA CERTIFICAZIONE
Bando n del 26/02/ Piani Integrati 2013 Autorizzazione n. AOODGAI/11919 del 19/11/2013 Azione : C1 - FSE Annualità 2013/2014 Questionari.
Competenze.
COMPETENZE CAPACITA’ E CONOSCENZE
DALL’EUROPA DICEMBRE 2006 RACCOMANDAZIONI DEL CONSIGLIO EUROPEO
La didattica delle competenze
Modelli nazionali di certificazione competenze
La scheda di certificazione delle competenze
Gruppo del Progetto Coordinatore Referente Prof.ssa Sonia Spagnuolo Docenti Partecipanti Concetta Zecca Giuseppe Ruscelli Elisa Santagada Anna Caterina.
PERCORSO EDUCATIVO E DIDATTICO
Ammissione agli esami relativi ai percorsi triennali finalizzati al conseguimento degli attestati di qualifica professionale Valutazione allievi CLASSI.
“SCUOLE IN PROGRESS” Corso di aggiornamento sulle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione – 2012.
Le Indicazioni Nazionali per il Diario di bordo di una scuola
VALUTARE LE COMPETENZE:
Rete del distretto faentino per le Indicazioni 2012
Progettare attività didattiche per competenze
Certificazione delle competenze
Progettare attività didattiche per competenze
COMPETENZE: risultati del questionario
IL SYLLABUS DELLE COMPETENZE
Certificazione delle competenze
A.s. 06/07. NORMATIVA D.M. 26/08/81 (colloquio pluridisciplinare) D. Lgs. 297/94 T.U. D.M. 201/99 (indirizzo musicale) D.P.R. n. 275/99 art. 8 g) (Regolamento.
Certificazione delle Competenze
Verifica e Valutazione competenze
INDICAZIONI NAZIONALI, COMPETENZE E VALUTAZIONI
DOCENTI : VIOLA CRISTINA - FERLITA LIA
La certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione
ISTITUTO COMPRENSIVO «M. GIARDINI» PENNE
COMPITI AUTENTICI: CRITERI DI QUALITA’
V CIRCOLO DIDATTICO DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Certificazione delle competenze Primo ciclo di istruzione (C.M. 13/02/2015)
Didattica per competenze
GLI STRUMENTI PER VALUTARE LE COMPETENZE
Art. 2 decreto legge 137 ( legge 160) :Valutazione degli studenti 1. Fermo restando quanto previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno.
ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL I CICLO DI ISTRUZIONE Anno scolastico Inizio: da stabilire Termine: entro il 30 giugno 2010.
Piano Lauree Scientifiche I laboratori di autovalutazione per gli studenti per le aree di Chimica, Fisica e Matematica Stefania De Stefano Dipartimento.
La collaborazione fra pari nel recupero di competenze in matematica: il ruolo della riflessione metacognitiva Aosta, 8 aprile 2011 Angela Pesci Dipartimento.
CERTIFICARE PROGETTARE INSEGNARE PER COMPETENZE
Transcript della presentazione:

COMPITI DI REALTA’ ISTITUTO COMPRENSIVO DI COSSATO METTIAMOCI ALLA PROVA!

L’OGGETTO DELLA VALUTAZIONE LEGGE N. 53 DEL 28.03.2003 –ART 3 << La valutazione, periodica e annuale, degli apprendimenti e del comportamento degli studenti del sistema educativo di istruzione e formazione, e la certificazione delle competenze da essi acquisite sono affidate ai docenti …>> D. Leg.vo N. 59 DEL 19.02.2004 SI VALUTANO TRE ASPETTI: GLI APPRENDIMENTI LE COMPETENZE IL COMPORTAMENTO

DPR 22 giugno 2009 n. 122, Art 8 Certificazione delle competenze “Nel primo ciclo di istruzione, le competenze acquisite dagli alunni sono descritte e certificate al termine della scuola primaria e, relativamente al termine della scuola secondaria di primo grado, accompagnate anche da valutazioni in decimi”

VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Il riconoscimento di una competenza in uno studente come in un qualsiasi soggetto non è impresa facile, tuttavia la letteratura finora riconosce che tre sono le modalità attraverso cui si può pervenire alla valutazione delle competenze: A. COMPITI DI REALTA’ B. OSSERVAZIONE SISTEMATICA C. AUTOBIOGRAFIE

CARATTERISTICHE DEI COMPITI DI REALTA’ Il primo ambito riguarda i compiti che devono essere svolti dallo studente e/o i prodotti che questi deve realizzare. Essi devono esigere la messa in moto non solo delle conoscenze e delle abilità possedute, ma anche una loro valorizzazione in contesti e ambiti di riferimento moderatamente diversi da quelli ormai già resi famigliari dalla pratica didattica.

Sono un compito reale, complesso e nuovo Devono nascere dalla problematizzazione e dalla discussione (conversazione clinica) Non sono assimilabili ad una prova di verifica Devono esigere l’utilizzo di conoscenze e abilità possedute La competenza o le competenze necessarie per portarli a termine sono quelle su cui si fonda il percorso disciplinare Possono essere disciplinari o interdisciplinari Sono operativi: richiedono azioni precise degli allievi, attività laboratoriali, concrete, con risvolti pratici Sono spendibili: attinenti al quotidiano, al vissuto, all’esperienza, non unicamente riferibili a un sapere teorico, astratto, avulso dal contesto.

Nel compito di realtà il ruolo del docente è quello dell’osservatore che rileva con quale grado gli allievi riescono autonomamente ad utilizzare ciò che sanno, ciò che sanno fare, le loro risorse interne ed in generale le risorse esterne impiegate per realizzare il compito.

ESEMPI DI COMPITI DI REALTA’ -Scrivere le istruzioni di funzionamento della macchina erogatrice delle bibite. -Organizza la visita ad uno dei Musei del Centro storico della tua città: scegli la destinazione, spiegando i motivi della tua scelta, individua e descrivi il percorso scuola-museo. -Organizza un viaggio a … per un gruppo di persone che chiede … -Descrivi matematicamente la tua classe. -Spiega come si realizza un esperimento chimico fatto in laboratorio. -Spiega le regole di un gioco -Progetti -Esempi (vedi cartellina allegata)

Valutazione dei livelli di competenza maturati: rubrica valutativa • Livello di base non raggiunto • Livello base • Livello intermedio • Livello avanzato I LIVELLI SI ATTRIBUISCONO A TUTTE LE SINGOLE COMPETENZE

Livello base Lo studente svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze e abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali. Livello intermedio Lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite. Livello avanzato Lo studente svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell’uso delle conoscenze e delle competenze. Es. proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli.

NOTA BENE Non è obbligatorio che vi sia in generale corrispondenza tra la media dei voti e il livello attribuito Esempio: NON è scontato che si verifichi -Media del 6 = livello di base -Media 7-8 = livello intermedio -Media 9-10 = livello avanzato Esempio: un alunno può avere la media 9-10 negli apprendimenti e un livello base nelle competenze La non corrispondenza tra media dei voti e livello di competenza non è una contraddizione

VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE OSSERVAZIONE SISTEMATICA: modalità Le osservazioni sistematiche: A) permettono di rilevare il processo ossia la capacità dell’alunno di interpretare correttamente il compito assegnato, di coordinare conoscenze, abilità e disposizioni interne in maniera valida ed efficace, di valorizzare risorse esterne eventualmente necessarie o utili … B) permettono di rilevare le competenze relazionali ossia i comportamenti nel contesto della classe, durante le attività extrascolastiche, la ricreazione, ecc.

VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE OSSERVAZIONE SISTEMATICA: modalità Le modalità di osservazione possono essere: più o meno strutturate più o meno partecipate da uno o più soggetti MA: devono riferirsi ad aspetti specifici che caratterizzano la prestazione (indicatori di competenza) devono prendere in considerazione una pluralità di prestazioni

VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE . OSSERVAZIONE SISTEMATICA: gli strumenti osservativi griglie strutturate che indicano il comportamento in modo globale griglie strutturate che indicano il comportamento con la frequenza (MAI, QUALCHE VOLTA, SPESSO SEMPRE) (Vedi cartellina con schede abilità di base infanzia e primaria) griglie strutturate che indicano il comportamento con i livelli (A, B, C, D, E)

VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE C. AUTOBIOGRAFIE/AUTOVALUTAZIONE: Far raccontare le scelte operative compiute o da compiere nell’affrontare un compito Far descrivere la successione delle operazioni compiute evidenziando gli errori più frequenti e i possibili miglioramenti Far esprimere l’autovalutazione non solo del prodotto, ma anche del processo produttivo adottato

ESEMPI DI AUTOBIOGRAFIE COGNITIVE Esempio 1: - Ti è piaciuto fare questo lavoro? -E’ stato difficile per te? -Che cosa e perchè? - Il gioco piacerà ai compagni della primaria? Si capiscono queste regole? Esempio 2: -Ti è piaciuta l’attività che hai svolto? -Sei soddisfatto del risultato? Proporresti delle modifiche? -Hai potuto collaborare con i compagni? -Hai potuto esprimere le tue opinioni? -Quali difficoltà hai incontrato?  

Per sintetizzare … Collegialità Lavoro sistematico all’interno dei dipartimenti e dei consigli di classe Prove trasversali su compiti di realtà Raccolta di osservazioni sistematiche su modello comune