Unificazione nel disegno: principi generali di rappresentazione

Slides:



Advertisements
Presentazioni simili
06 corso tecniche di rappresentazione dello spazio A.A. 2009/2010 docente Arch. Emilio Di Gristina.
Advertisements

Cap. 9 Tolleranze geometriche
Assonometria.
Sistema di riferimento sulla retta
Cap. 2 Norme per il disegno tecnico
Introduzione al Disegno Tecnico
Metodo del piano sezionatore ausiliario
Presentazione a cura di Giorgio Garuti
Unificazione nel disegno
LA QUOTATURA NEL DISEGNO TECNICO (parte 1)
LA QUOTATURA NEL DISEGNO TECNICO (parte 2)
LA QUOTATURA NEL DISEGNO TECNICO (parte 3)
Unificazione nel disegno: principi generali di rappresentazione
Unificazione nel disegno: Metodi di rappresentazione
Che cos’è la pneumatica
I Poligoni.
Cap. 7 Assonometria Indicazioni generali DNT - Cap. 7 a.a. 2009/10.
Necessità delle sezioni e Norme di rappresentazione
PROIEZIONI ORTOGONALI 2
NORMATIVA E CONVENZIONI
Ottica geometrica 2 11 gennaio 2013
DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE
I QUADRILATERI “Per geometria non intendo lo studio artificioso di
Tolleranze di lavorazione
Tabella delle iscrizioni
Figure equiscomponibili
Combinazioni di lenti Le proprietà della lente sottile sono fondamentali per la comprensione di sistemi ottici rifrattivi anche complessi. Oggi il calcolo.
DESIGN FOR MANUFACTURING
ITIS OMAR Dipartimento di Meccanica sezioni intersezioni sviluppi
GEOMETRIA SOLIDA o STEREOMETRIA
Estremi di una funzione
La figura e lo sfondo Due sottocategorie di problemi
RETTA PERPENDICOLARE AD UNA RETTA DATA PASSANTE PER PUNTO ESTERNO
alcune regole ed esempi
Limitazioni geometriche e Armature
METODI E CONTROLLI STATISTICI DI PROCESSO
MODELLO URBANO Identificazione del problema MARCIAPIEDI Pianificazione delle misure Considerazioni sui modelli In generale indietroavanti Bordi diseguali.
- Tolleranze dimensionali-
Quotatura dei disegni meccanici - Linee di misura e di riferimento
La quotatura costituisce il complesso delle informazioni in un disegno che precisano le dimensioni di un oggetto o di un componente meccanico.
ASSONOMETRIA È una proiezione parallela o cilindrica.
Il Piano Cartesiano .
I solidi.
Cap. 5 Quotatura Premesse DNT - Cap. 5 a.a. 2012/13.
Geometria dell’utensile
Un approccio soft per i primi tre anni della primaria
Proiezioni ortogonali
Giroscopio un esempio.
Cap. 2 Norme per il disegno tecnico
ITIS OMAR Dipartimento di Meccanica Tolleranze Geometriche
Corso di Laurea in Disegno Industriale Corso di Disegno - A. A
Madama Chiara - Regole di Quotatura con esempi
Errori di realizzazione dei pezzi
Collegamenti smontabili filettati
DISEGNO ARTISTICO E DISEGNO TECNICO
Necessità delle sezioni e Norme di rappresentazione
Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 C stampo.
I Poligoni.
Cap. 9 Tolleranze dimensionali
Cap. 6 Sezioni, intersezioni e sviluppi di solidi elementari
Trasformazioni geometriche
Liceo Scientifico Trebisacce CS
I Poligoni.
CHE FARE PER PRIMA ? Troppo sovente ci si precipita a fare qualcosa purché lasci traccia di sé , invece…….
Da: Sergio Dellavecchia, Disegno a mano libera e linguaggio visivo, Sei, 2005, p. 23.
Istituto di Istruzione Superiore "E. Fermi" Ozieri (SS) Ist
Obiettivo : determinare la lunghezza focale di una lente mediante l’equazione dei punti coniugati. Materiale : Righello Banco ottico provvisto di scala.
angoli orientati negativamente se la rotazione avviene in verso orario
Teoria delle Piastre e dei Gusci
IL PROGETTO DELLE OPERE CIVILI
Transcript della presentazione:

Unificazione nel disegno: principi generali di rappresentazione
- Convenzioni fondamentali per le viste (UNI EN ISO :2006) - Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale (UNI EN ISO :2006) Presentazione a cura di Giorgio Garuti

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Convenzioni fondamentali per le viste -UNI EN ISO :2006 (pag1-2) Generalità La vista dell’oggetto più ricca di informazioni deve essere utilizzata come vista principale o frontale, tenendo conto, per esempio, della sua posizione di funzionamento, di fabbricazione o di montaggio. Scelta delle viste La scelta delle viste, inclusi tagli e sezioni, deve essere fatta in base ai seguenti principi: limitare i numeri delle viste (compresi tagli e sezioni) al minimo necessario e sufficiente a definire completamente l’oggetto senza ambiguità; evitare, per quanto possibile, la rappresentazione di contorni e spigoli nascosti; evitare l’inutile ripetizione di dettagli.

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Convenzioni fondamentali per le viste -UNI EN ISO :2006 (pag 2-3) Viste parziali Generalità Parti che richiedono una rappresentazione specifica ma non la vista dell’intero oggetto, possono essere rappresentate mediante una vista parziale delimitata da una linea continua fine a zig-zag …

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Convenzioni fondamentali per le viste -UNI EN ISO :2006 (pag 3) Viste parziali Viste parziali di oggetti simmetrici … è possibile disegnare oggetti simmetrici sooto forma di frazioni dell’intero… L’asse di simmetria è identificato ad entrambe le estremità da due corti linee sottili parallele tra di loro tracciate parallelamente all’asse stesso…

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Convenzioni fondamentali per le viste -UNI EN ISO :2006 (pag 3-4) Posizioni particolari delle viste Quando necessario, è permesso rappresentare la vista in una posizione ruotata rispetto a quella indicata dalla freccia di riferimento. …

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag1-2) Viste locali Quando non ne derivi ambiguità, è consentita una vista locale parziale anziché una vista completa … Le viste locali devono essere disegnate con linea continua grossa e riferite alle viste principali mediante linea mista fine a punto e tratto lungo.

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag3-4) Parti adiacenti e contorni Quando sono rappresentate le parti adiacenti ad un pezzo, devono essere disegnate con linea mista fine a due punti e a tratto lungo… Quando i contorni degli elementi non possono o non devono essere indicati in modo definitivo, la zona che dovrebbe racchiuderli deve essere indicata da linea mista fine a due punti e a tratto lungo…

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag4-5) Intersezioni … Può essere utilizzata una rappresentazione semplificata delle linee reali di intersezione … Le linee di intersezione fittizie fra superfici raccordate … devono essere rappresentate con linea continua fine che non tocchi i contorni.

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag5-6) Estremità d’albero quadrate …le spianature … sono indicate mediante le diagonali tracciate con linea continua fine …

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 6) Viste interrotte … è possibile rappresentare solo le parti necessarie … Le parti rappresentate devono essere terminate con linea continua fine irregolare o a zigzag. Le parti rimaste devono essere disegnate ravvicinate fra loro.

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 7) Elementi ripetitivi Se degli elementi identici si susseguono regolarmente, si deve rappresentare solo uno di essi e la posizione degli altri …

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 7-8) Elementi rappresentati in scala ingrandita Quando la scala del disegno è troppo piccola … le parti interessate devono essere contornate … Gli elementi di tale area devono essere riprodotti in scala più grande …

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 8) Contorno prima della lavorazione Linee di piegatura

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 9) Inclinazioni di curvature leggere

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 10-11) Parti mobili Nei complessivi, le posizioni possibili ed estreme di parti mobili possono essere rappresentate; vengono allora disegnate con linea mista fine a due punti e tratto lungo-

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 11) Pezzi finiti e grezzi E’ consentito rappresentare il profilo di un pezzo finito sul disegno del grezzo o il contorno del grezzo sul disegno del pezzo finito. … mediante linea mista fine a due punti e tratto lungo

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 12) Aspetto superficiale L’aspetto superficiale di zigrinature, rigature, scanalature, maglie o tralicci deve essere rappresentato, interamente o parzialmente, con linee continue grosse

Unificazione nel disegno
Principi generali di rappresentazione. Viste nei disegni di meccanica ed ingegneria industriale -UNI EN ISO :2006 (pag 13) Pezzi con due o più viste uguali Due o più viste identiche di uno stesso pezzo possono essere identificate con la dicitura “pezzo simmetrico” o con frecce e/o cifre e lettere maiuscole di riferimento …