Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare

Slides:



Advertisements
Presentazioni simili
Secret of success.
Advertisements

Fare impresa: dall’idea ai fatti
SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE
Struttura e comportamenti della distribuzione
Le vendite Capitolo10.
Customer satisfaction, integrazione dei processi e supply chain cap.19 Prof.ssa Annalisa Tunisini - a.a. 2006/2007.
Capitolo 4 L’analisi di settore (1)
I concorrenti L’ambiente competitivo di un’impresa è costituito dalle altre imprese che convergono nel servire gli stessi mercati-obiettivo nonché da.
Le rimanenze: la definizione
Operatore economico che produce beni e servizi destinati allo scambio
Le funzioni dell’impresa
PIANO DI MARKETING.
introduzione alla supply chain
Il processo di marketing e la sua pianificazione.
Il ruolo del marketing nelle imprese e nella società
Economia aziendale Corso di laurea in informatica
LA CATENA DEL VALORE E’ UN MODO PER DESCRIVERE L’INTRECCIO DI RELAZIONI COMPETITIVE E COOPERATIVE CHE SI ADDENSANO INTORNO AD UNA SPECIFICA IMPRESA.
La logistica La gestione dei materiali
Percorsi formativi per l’autoimpreditorialità giovanile
1 Cenasca - Cisl Obiettivo Business plan dati e informazioni, che è opportuno raccogliere per poter prendere decisioni temi e problemi che è necessario.
Il vantaggio competitivo e la catena del valore
Economia delle Aziende Pubbliche Funzione marketing - approfondimento
Il caso GP TEXTILE BULGARIA
Scienze Economiche Si occupano delle attività di produzione e consumo dei beni atti a soddisfare i bisogni delle persone.
Caratteri organizzativi e gestionali delle imprese industriali
MARKETING PER LA NUOVA IMPRESA Come migliorare i risultati di vendita con gli strumenti del marketing.
… quinte classi IGEA e MERCURIO
L’ANALISI DELL’AZIENDA
LEZIONI DI MARKETING ||
Logistica e magazzini Logistica è linsieme delle attività coinvolte nella movimentazione e nella giacenza dei materiali.
Classe I A – SERALE – Polo di Cutro Economia aziendale
Strutture e processi aziendali LO SCAMBIO E LE NEGOZIAZIONI 15 ottobre 2013 Lezione 5.
Riclassificazione a costi fissi e costi variabili
L’azienda ed i sistemi aziendali
Processi di scambio e convergenza tra prodotti e servizi
SCHEMA MODELLO DI BUSINESS PLAN
Programmazione e controllo
I processi di vendita.
Politecnico Calzaturiero Capriccio di Vigonza (PD)
Economia delle Aziende, Pubbliche e Non Profit Le funzioni aziendali
Dall’ambiente imprenditoriale al settore dell’impresa
Struttura della catena del valore di Porter
Modello di Andrews: La S.W.O.T. analysis
Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” Facoltà di Giurisprudenza
ANALISI DEI COSTI Anno accademico 2009/2010
Il Sistema Azienda.
Analisi della C ATENA DEL VALORE Prof Oldoni Deborah IIS V. BENINI –Melegnano.
IL BUDGET.
Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” Facoltà di Giurisprudenza
Modulo Formativo Imprese, strategie, mercati Roberto Grandinetti.
LA STRUTTURA E L’ORGANIZZAZIONE MODERNA DELLA RETE VENDITA
Il sistema delle operazioni aziendali.
e vantaggio competitivo
1 Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl Capitolo 3 Il sistema di misurazione del costo pieno basato sulle attività Programmazione e controllo.
Il Business Plan La Business idea concerne
Le strategie.
Lo scenario per nuove imprese e nuovi imprenditori.
IL BILANCIO DI ESERCIZIO
Capitolo 15 LA GESTIONE DELLA PRODUZIONE Università di Napoli, Federico II Prof. Sergio Sciarelli.
Progetto: Communicate "global"- Consume "local". Le produzioni agroalimentari tipiche nel web. L’e-commerce Prof. Antonio Iazzi ANALISI SETTORIALE E GESTIONE.
NB: NON USARE QUESTO FILE POWERPOINT COME MODELLO (POT) 0 Pag.Fabrizio JemmaCorso di Economia e Organizzazione Aziendale Corso di "Economia ed Organizzazione.
Laboratorio di Creazione d’Impresa L-A Strategia, Business, Settore.
MARKETING. Il marketing è il processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo di persone ottiene ciò che costituisce oggetto dei.
CIEG – Università di BolognaInnovazione e creazione di valore Innovazione tecnologica e creazione di valore Prof. Federico Munari Università degli Studi.
CATENA DEL VALORE A cura di Fabrizio Bugamelli. CATENA DEL VALORE Disaggrega un’impresa nelle sue attività strategicamente rilevanti allo scopo di comprendere.
L’UNIONE FA LA FORZA… I contenuti di questa lezione li trovi sul tuo libro di testo nelle seguenti pagine: da pag. 78 a pag. 82; da pag. 107 a pag. 111.
ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE “ La Logistica Industriale e le tecniche di programmazione e controllo delle scorte” Corso Clea Prof. Mauro Sciarelli.
LE STRATEGIE COMPETITIVE
SCELTE STRATEGICHE DI MARKETING. MARKETING MIX L’insieme delle scelte riguardanti il prodotto, il tipo di confezione, il prezzo, la distribuzione, la.
Modello della concorrenza allargata (1di6)‏
Transcript della presentazione:

Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare
Catena del valore A. Romano Team

Processo di Trasformazione
MODELLO COMPLESSO DI INPUT/OUTPUT Processo di Trasformazione Flusso fisico Flusso informativo Flusso economico/finanziario Flusso decisionale programmazione e controllo organizzativo e del personale INPUT/RISORSE OUTPUT/RISULTATI Materiali Uomini Capitali Energie Tecnologie Know-How Obiettivi Beni/Prodotti Servizi Livello tecnologico Sviluppo professionale Soddisfazione A. Romano Team

per il MERCATO dei consumatori
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare COSA FA L’IMPRESA ? l’impresa progetta produce vende distribuisce assiste i prodotti e/o servizi per il MERCATO dei consumatori A. Romano Team

LA CATENA DEL VALORE GENERICA
Ogni impresa è un insieme di attività che consistono nel progettare, produrre, vendere, distribuire e assistere i prodotti ATTIVITA’ INFRASTRUTTURALI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SVILUPPO DELLA TECNOLOGIA APPROVVIGIONAMENTO LOGISTICA IN ENTRATA ATTIVITA’ OPERATIVE LOGISTICA IN USCITA MARKETING E VENDITE SERVIZI MARGINE ATTIVITA’ DI SUPPORTO ATTIVITA’ PRIMARIE A. Romano Team

IL VALORE TOTALE PRODOTTO DALL’IMPRESA
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare La catena del valore visualizza inoltre IL VALORE TOTALE PRODOTTO DALL’IMPRESA e comprende due elementi: LE ATTIVITA’ GENERATRICI DI VALORE IL MARGINE A. Romano Team

LA SOMMA CHE I COMPRATORI SONO DISPOSTI A PAGARE PER QUELLO CHE
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LA SOMMA CHE I COMPRATORI SONO DISPOSTI A PAGARE PER QUELLO CHE UN’IMPRESA FORNISCE LORO IL VALORE = LA MISURA DEL VALORE = TOTALE PREZZO DEL PRODOTTO IL N° DI UNITA’ DEL PRODOTTO VENDUTO RICAVO TOTALE = X A. Romano Team

IL MARGINE = COSTI SOSTENUTI PER LA CREAZIONE DEL PRODOTTO
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare COSTI SOSTENUTI PER LA CREAZIONE DEL PRODOTTO (costi delle attività generatrici di valore) IL MARGINE = VALORE A. Romano Team

- generano valore - assorbono costi - producono margini
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare La CATENA DEL VALORE è la sommatoria delle attività strategicamente rilevanti, tra di esse disaggregate fisicamente e tecnologicamente, che: - generano valore - assorbono costi - producono margini A. Romano Team

Le ATTIVITA’ GENERATRICI DI VALORE sono le attività,
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare Le ATTIVITA’ GENERATRICI DI VALORE sono le attività, fisicamente e tecnologicamente distinte, svolte dall’azienda. Ogni attività generatrice si serve di: - input acquistati - risorse umane - tecnologia Ogni attività utilizza e genera: - i dati sugli acquirenti (acquisizione ordini) - i parametri sulle prestazioni (collaudo) - le statistiche sui difetti dei prodotti - informazioni A. Romano Team

ATTIVITA’ DI SUPPORTO:
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare Le ATTIVITA’ GENERATRICI DI VALORE si possono suddividere in due grandi gruppi: ATTIVITA’ PRIMARIE: sono le attività direttamente impegnate nella creazione del prodotto e/o servizio, nella sua vendita e trasferimento al compratore, e nell’assistenza post-vendita ai clienti ATTIVITA’ DI SUPPORTO: sono le attività che sostengono le attività primarie fornendo inputs, tecnologie, risorse umane etc. A. Romano Team

LE ATTIVITA’ PRIMARIE: LOGISTICA IN ENTRATA
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ PRIMARIE: LOGISTICA IN ENTRATA Input Ricevimento Magazzinaggio Distribuzione Gestione di magazzino, gestione dei materiali, controllo delle scorte, programmazione dei vettori, etc. A. Romano Team

LE ATTIVITA’ PRIMARIE: LE ATTIVITA’ OPERATIVE
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ PRIMARIE: LE ATTIVITA’ OPERATIVE Trasformazione Input Lavorazione, montaggio, confezionamento, manutenzione macchine, gestione degli impianti, etc. A. Romano Team

LE ATTIVITA’ PRIMARIE: LOGISTICA IN USCITA
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ PRIMARIE: LOGISTICA IN USCITA Magazzinaggio dei prodotti finiti, gestione dei materiali, elaborazione degli ordini, programmazione delle spedizioni, etc. Output Magazzinaggio Raccolta Distribuzione A. Romano Team

LE ATTIVITA’ PRIMARIE: MARKETING E VENDITE
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ PRIMARIE: MARKETING E VENDITE Pubblicità, promozione, forze di vendita, offerte, scelta dei canali, relazioni con i canali, determinazione dei prezzi,etc. Output Vendita A. Romano Team

LE ATTIVITA’ PRIMARIE: SERVIZI
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ PRIMARIE: SERVIZI Output Installazioni, riparazioni, addestramento, fornitura di ricambi, regolazione del prodotto, assistenza, etc. Servizi A. Romano Team

LE ATTIVITA’ DI SUPPORTO: L’APPROVVIGIONAMENTO
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ DI SUPPORTO: L’APPROVVIGIONAMENTO E’ l’attività che si riferisce all’acquisto degli input usati nella catena del valore INPUT Attività Primarie Attività di Supporto Materie prime Ricambi Materiali consumabili Macchinari Apparati di laboratorio Etc. CARATTERISTICHE Spesso è un’attività “distribuita” all’interno dell’impresa Generalmente i costi di questa attività sono bassi, ma ha influenza sui costi degli input A. Romano Team

LE ATTIVITA’ DI SUPPORTO: LO SVILUPPO DELLA TECNOLOGIA
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ DI SUPPORTO: LO SVILUPPO DELLA TECNOLOGIA E’ l’attività che si riferisce al miglioramento dei prodotti e a quello dei processi TECNOLOGIE Attività Primarie Attività di Supporto Know-how Procedure Apparecchiature di processo Etc. CARATTERISTICHE E’ di supporto per l’intera catena quando è correlata alle caratteristiche del prodotto, oppure può essere di supporto alle singole attività A. Romano Team

LE ATTIVITA’ DI SUPPORTO: LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ DI SUPPORTO: LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E’ l’attività che si riferisce alla ricerca, assunzione, addestramento, sviluppo e mobilità del personale CARATTERISTICHE E’ di supporto per l’intera catena quando per esempio intervengono negoziazioni sindacali prodotto, oppure può essere di supporto alle singole attività per l’assunzione di personale relativamente a quella attività A. Romano Team

LE ATTIVITA’ DI SUPPORTO: LE ATTIVITA’ INFRASTRUTTURALI
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare LE ATTIVITA’ DI SUPPORTO: LE ATTIVITA’ INFRASTRUTTURALI Sono attività di supporto all’intera catena del valore INFRASTRUTTURE Catena del valore Direzione generale Pianificazione Amministrazione Finanza Legale Rapporti con Istituzioni Gestione della qualità Etc. CARATTERISTICHE Le attività infrastrutturali, spesso considerate una spesa fissa non produttiva possono invece esse una fonte di vantaggio competitivo A. Romano Team

Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare
TIPI DI ATTIVITA’ Per ogni attività della catena del valore esistono tre tipi di attività rilevanti ai fini del vantaggio competitivo Assicurazione della qualità Indiretta Diretta Creano direttamente valore per il cliente: es. montaggio, montaggio in officina, pubblicità, etc. Rendono possibile svolgere in modo continuativo le attività dirette: es. manutenzione, gestione degli impianti, etc. Assicurano la qualità di altre attività: es. collaudo, monitoraggio, ispezione, etc. A. Romano Team

COME SI COSTRUISCE LA CATENA DEL VALORE
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare COME SI COSTRUISCE LA CATENA DEL VALORE La catena del valore propria di un’impresa è necessaria per analizzare il vantaggio competitivo dell’impresa nell’ambito del suo settore industriale Identificare le attività generatrici di valore Criteri di disaggregazione: logiche economiche diverse, alto impatto o differenziazione potenziale, porzione di costo crescente o significativa Disaggregare le attività suddividendole in sotto-attività, etc. fino a livelli di attività sempre più ristrette Step nella definizione della catena del valore propria di un’impresa A. Romano Team

COME SI COSTRUISCE LA CATENA DEL VALORE
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare COME SI COSTRUISCE LA CATENA DEL VALORE ATTIVITA’ INFRASTRUTTURALI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SVILUPPO DELLA TECNOLOGIA APPROVVIGIONAMENTO LOGISTICA IN ENTRATA ATTIVITA’ OPERATIVE LOGISTICA IN USCITA MARKETING E VENDITE SERVIZI MARGINE Gestione del marketing Pubblicità Amministraz.delle forze di vendita Letteratura tecnica Promozione Gestione delle forze di vendita A. Romano Team

IL SISTEMA DEL VALORE La catena del valore di un’impresa si inserisce in un flusso più ampio di attività che si chiama sistema del valore Catena del valore dei clienti Catena del valore dei fornitori Catena del valore dei canali Catena del valore dell’impresa A. Romano Team

Neonati-Bambini-Ragazzi)
IL SISTEMA DEL VALORE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO I fornitori Materie Prime Macchinari Impianti Servizi I produttori di abbigliamento Abb. Confezione (Uomo/Donna/ Neonati-Bambini-Ragazzi) Abb. Intimo Maglieria Calzetteria I canali distributivi Ingrosso Dettaglio Agenti Rappresentanti IL MERCATO DI SBOCCO A. Romano Team

- individuazione dei settori componenti la filiera;
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare La metodologia di analisi della filiera del Tessile/Abbigliamento si è basata sulle seguenti fasi: - individuazione dei settori componenti la filiera; - individuazione delle tipologie di prodotti, lavorazioni e servizi per ciascun settore; - determinazione degli elementi di interazione fra i settori; A. Romano Team

Strutturazione della filiera del T/A
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare Strutturazione della filiera del T/A Fornitura Input Sistema Produzione Beni Primari Mercato Specializzati distributivo Design { Fibre Materie Prime Produzione di Produzione di Distribuzione Cliente Tinture tessuti e filati abbigliamento Macchin. Accessori Formazione Associazioni di Servizi Professionale Categoria Prestazione di Servizi Dedicati A. Romano Team

Fornitura di input specializzati
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare Fornitura di input specializzati E’ il settore che più di ogni altro contribuisce all’immagine finale dei prodotti di abbigliamento. Esso riceve il contributo da tutta quella serie di stilisti, grandi e piccoli, il cui ruolo è creare la collezione della futura stagione. L’esercito di “creativi” comprende: DESIGN Art director; Comunicatore di moda; Fashion designer; Costumista; Designer di accessori, gioielli; Designer di tessuti; Fashion buyer; Esperti di computer graphic; Modellista; Fotografo. A. Romano Team

Fornitura di input specializzati
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare Fornitura di input specializzati Il settore delle fibre fornisce la materia prima di base con le quali si producono i filati e quindi i tessuti in genere. Le fibre possono essere: FIBRE Cotone Lana Seta Canapa Lino Artificiali Sintetiche A. Romano Team

Produzione di beni primari
Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare Produzione di beni primari Produzione di Filati, Tessuti, Stoffe Lavorazione su tessuti e stoffe Lavorazione su fibre Lavorazione su filati Lavorazioni su tessuti e stoffe: tintura in pezza lavaggi stampe pieghettatura rammendatura e pinzatura stoffe vellutazione altri finissaggi e nobilitazioni Lavorazioni su filati: ritorcitura roccatura tintura su rocca orditura tessitura creazione di maglie Lavorazioni su fibre: cardatura pettinatura - ripettinatura tintura filatura A. Romano Team