Obiettivi ·Conoscere il principio scientifico ed il funzionamento delle leve. ·Conoscere le principali applicazioni delle leve (carrucole, argano…). del.

Slides:



Advertisements
Presentazioni simili
Una delle caratteristiche distintive della specie umana è la capacità di fabbricare strumenti con i quali costruirne altri. Strumenti come il martello,
Advertisements

Carrucole Fisse & Mobili
Le Forze.
Leve puleggia semplice
LE LEVE Le leve sono macchine semplici, utilizzate per tagliare,per sollevare, per spostare con la minore fatica possibile. l’EQUILIBRIO si ottiene quando.
Leve e Energia cinetica nel gioco del Basket
Scuola Secondaria di I grado
I Meccanismi, le macchine e la nascita della Statica
Le macchine semplici e la nascita della Statica
Le leve Se vuoi mangiare una noce, per aprirla usi uno schiaccianoci; con la forza delle mani non riusciresti a romperla, ma mediante questo utensile,
Rotazione di un corpo rigido attorno ad un asse fisso
Dinamica dei moti rotatori
Carrucola fissa e mobile
MACCHINE SEMPLICI Progetto di fisica Fischia!!! 1.
CARRUCOLA FISSA E MOBILE
Macchine semplici -fisica-.
L’apparato scheletrico L’apparato muscolare
LE LEVE a cura di Pier Pastor Ris – 2^F
I parte: L’Equilibrio nei Solidi
Moto rotatorio Il moto di un corpo rigido può essere descritto come costituito da un moto traslatorio del suo centro di massa più un moto rotatorio attorno.
La Statica Lo scopo della STATICA è il calcolo delle forze agenti su strutture o entro strutture che siano in equilibrio. Lo studio di queste forze permette.
L’Equilibrio dei Corpi Solidi
La trasmissione del moto
Meccanismi e movimento
LE LEVE 26 MARZO 2012 CLASSE 3C.
Momento di una forza.
Corso di Fisica - Biomeccanica
Cap. 4 Le Leve.
Macchine semplici leva
PRIMO PRINCIPIO DELLA DINAMICA
Vantaggi lavoro compiuto applica schermo intero
LE LEVE.
Statica.
equilibrio Equilibrio traslazionale Equilibrio rotazionale
Una struttura rigida consistente in un anello sottile, di massa m e raggio R=0.15m e in una bacchetta sottile di massa m e lunghezza l=2,0R, disposti.
Una forza orizzontale costante F=1,2N è applicata tangenzialmente all’albero di un disco solido che ruota attorno ad un asse verticale. Il raggio dell’albero.
il moto rotatorio di un corpo rigido
11/16/09.
Datemi un punto dappoggio e vi solleverò il mondo… Archimede LE LEVE del CORPO UMANO.
Le forze e l’equilibrio C. Urtato
“Datemi un punto d’appoggio e vi solleverò il mondo…”
Le forze e le leve.
LE FORZE E IL MOVIMENTO.
LEVE Applicazione delle proprietà delle leve nella vita pratica.
L’equilibrio dei corpi
LL e macchine semplici sono macchine che non possono essere scomposte in macchine ancora più elementari SS ono le macchine che erano già disponibili.
EQUILIBRIO DEI CORPI Giovanna Di Benedetto 1 M
ARCHIMEDE e le sue invenzioni
Le Forze.
Concetto generale di energia
Elementi di Metrologia I micrometri
Esempio Una locomotiva di 80t si trova a 1/3 di un ponte lungo 90m.Il ponte è costituito da un trave di ferro uniforme di 800t,il quale poggia su due piloni.
sistema meccanico : asta rigida girevole
EQUILIBRIO DEI CORPI Condizioni di equilibrio di un corpo che può traslare Condizioni di equilibrio di un corpo che può ruotare Baricentro di un corpo.
Una struttura rigida consistente in un anello sottile, di massa m e raggio R=0.15m e in una bacchetta sottile di massa m e lunghezza l=2,0R, disposti.
LA MOSTRA DI ARCHIMEDE.
Schema riassuntivo sull’ equilibrio dei corpi
Le leve «Datemi un punto d'appoggio e vi solleverò il mondo».
La Statica La statica è una parte della meccanica che studia l’ equilibrio dei corpi. Prof Giovanni Ianne.
LE LEVE.
ATTIVITÀ DI LABORATORIO SCIENTIFICO
Meccanica e robotica 1/12.
Esercizio-Tre blocchi di massa rispettivamente m 1 =5Kg, m 2 =2 Kg e m 3 =3Kg poggiano su un piano orizzontale e sono uniti da due funi (vedi figura).
IL CORPO RIGIDO ESTESO Il corpo rigido esteso è il modello di un corpo reale dotato di estensione e che non è possibile ridurre a punto materiale. Sottoposto.
Datemi un punto di appoggio e solleverò il mondo! (Archimede)
Le leve.
IL NOSTRO VIAGGIO NELLA TECNOLOGIA
Transcript della presentazione:

Obiettivi ·Conoscere il principio scientifico ed il funzionamento delle leve. ·Conoscere le principali applicazioni delle leve (carrucole, argano…). del piano inclinato. ·Conoscere le principali applicazioni del piano inclinato (cuneo, vite). ·Essere capaci di risolvere semplici problemi di applicazione sulle leve e sul piano inclinato.

·Per muovere un oggetto, per tagliare o spezzare un ramo,
Le macchine semplici ·Per muovere un oggetto, per tagliare o spezzare un ramo, per trasportare dei pesi, bisogna applicare una forza all’oggetto sul quale va compiuto il lavoro. ·Finché questa forza può essere sviluppata da un uomo solo, non si pongono problemi particolari, ma quando la forza di un uomo non basta, riuscire a compiere ciò che ci proponiamo, diventa difficile. ·Per questo, nel corso dei secoli sono stati messi a punto congegni semplici che facilitavano molto il compito da svolgere. Queste macchine sono in grado di bilanciare una forza (in genere più grande) con un'altra forza (di solito più piccola) e sono chiamate macchine semplici

Macchine semplici Piano inclinato Vite Leve Carrucole Cuneo Verricello
Argano

La leva ·Si chiama leva una macchina semplice costituita da un’asta rigida in grado di ruotare intorno ad un punto fisso chiamato fulcro. ·In essa la forza motrice (Fm) e la forza resistente (Fr) vengono applicate lungo l’asta in un punto che non deve coincidere con il fulcro. ·Si chiama braccio la distanza del punto di applicazione della forza motrice (o della forza resistente) dal fulcro.

Fm : Fr = br : bm ·da cui si ricava la proporzione:
Condizione di equilibrio della leva ·La leve è in equilibrio quando il prodotto della Forza motrice per il proprio braccio è uguale al prodotto della Forza resistente per il proprio braccio. Fm x bm = Fr x br ·da cui si ricava la proporzione: Fm : Fr = br : bm

· Leva di primo genere (interfulcrata)
Tipi di leve · Leva di primo genere (interfulcrata) Il fulcro è posto tra la Fm e Fr. Può essere vantaggiosa, svantaggiosa o indifferente a seconda che il fulcro si trovi più vicino alla Fr o alla Fm o che sia esattamente intermedio. · Leva di secondo genere (interresistente) La Fr è posta tra il fulcro e la Fm, è sempre vantaggiosa perché il braccio della Fr è sempre minore di quello della Fm. Lo schiaccianoci, la carriola, il remo della barca sono esempi di leve di secondo genere. · Leva di terzo genere (interpotente) La Fm è posta tra il fulcro e la Fr; è sempre svantaggiosa perché il braccio della Fr è sempre maggiore del braccio della Fm.

Le carrucole ·La carrucola è una macchina composta da un disco scavato (puleggia) nel quale prende posto una fune o un cavo d’acciaio. Il disco può ruotare attorno ad una staffa. ·Se la staffa è fissa anche la carrucola viene detta fissa ed è praticamente una leva di primo genere indifferente. ·Se la staffa è mobile, anche la carrucola viene definita mobile ed è una leva sempre vantaggiosa. ·Esiste poi un sistema meccanico di carrucole fisse e mobili denominato paranco che consente di vincere resistenze notevoli applicando una potenza minima.

Il verricello e l’argano
·Il verricello è una macchina semplice costituita da un tamburo cilindrico, ad asse orizzontale, intorno al quale si avvolge una fune o una catena in virtù della rotazione di una ruota o manovella. ·L’argano è invece un verricello ad asse verticale usato prevalentemente per spostare carichi molto consistenti. ·Entrambe la macchine sono leve di 1° genere sempre vantaggiose perché il braccio della potenza o braccio della manovella è sempre maggiore rispetto al braccio della resistenza

Fm : Fr = h : l Si ricava: Il Piano Inclinato
E’ una macchina semplice, costituita da un piano rigido che forma un angolo acuto con il piano orizzontale. Secondo il principio di equilibrio: Fm x l = Fr x h Si ricava: Fm : Fr = h : l