La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fratelli di Gesù LAntico Testamento prepara il Nuovo Testamento L A n t i c o T e s t a m e n t o p r e p a r a i l N u o v o T e s t a m e n t o Il.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fratelli di Gesù LAntico Testamento prepara il Nuovo Testamento L A n t i c o T e s t a m e n t o p r e p a r a i l N u o v o T e s t a m e n t o Il."— Transcript della presentazione:

1

2 Fratelli di Gesù

3 LAntico Testamento prepara il Nuovo Testamento L A n t i c o T e s t a m e n t o p r e p a r a i l N u o v o T e s t a m e n t o Il Nuovo Testamento porta a compimento lAntico Il Nuovo Testamento porta a compimento lAntico

4 LAntico Testamento è composto da 46 libri LAntico Testamento è composto da 46 libri e comprende il periodo che va dalla creazione del mondo fino alla nascita di Gesù. e comprende il periodo che va dalla creazione del mondo fino alla nascita di Gesù.

5 LA LINGUA DELLA BIBBIA LA LINGUA DELLA BIBBIA LANTICO TESTAMENTO E stato scritto quasi tutto in lingua EBRAICA. Solo alcuni libri sono stati scritti in GRECO, pochissimi passi in ARAMAICO. LANTICO TESTAMENTO E stato scritto quasi tutto in lingua EBRAICA. Solo alcuni libri sono stati scritti in GRECO, pochissimi passi in ARAMAICO.

6 La Bibbia è parola di Dio, perché è scritta per IspirazioneIspirazione dello Spirito di Dio. Dio direttamente si rivolge a qualche uomo e lo impegna a farsi suo portavoce e messaggero. = NellA.T., il più delle volte questuomo è un profeta che parla e scrive in nome di DIO Nel N.T., Dio parla per mezzo di suo Figlio, che a sua volta chiama i dodici apostoli. Gli apostoli o i discepoli di questi parlano e scrivono in nome di Gesù

7 è Lazione che Dio compie per comunicare con alcuni uomini che Lui sceglie. Dio spesso esorta, obbliga, induce questi uomini a farsi scrittori della sua Parola ed espressamente gli ordina di scrivere. Questi Uomini il più delle volte sono i Profeti o i loro discepoli nellA.T., e Apostoli o i discepoli di questi nel N.T. Il profeta o il discepolo, lapostolo o il suo discepolo, offrirà il suo contributo personale di esperienza, cultura, linguaggio, intelligenza e tutto ciò che uno scrittore ritiene necessario per redigere un libro, oltre la sua volontà.

8 Quando parliamo di verità nella BIBBIA non intendiamo la verità storica o verità scientifica ma la Verità religiosa ordinata cioè alla salvezza, la verità intesa come testimonianza resa a Dio(cfr.Dei Verbum 11). Questo non significa che nella Bibbia non ci siano cognizione storiche, scientifiche, filosofiche del tempo e dei luoghi in cui è stata scritta, ma che lintenzione prima della Bibbia è quella di raccontare e testimoniare la rivelazione salvifica di Dio e di tracciare il il senso dellesistenza.

9 La Bibbia è il testo sacro sia degli Ebrei che dei cristiani. Ma mentre per i cristiani è composto da Primo e Secondo Testamento, per gli ebrei non hanno senso questi due termini non avendo riconosciuto in Gesù il Messia. La Bibbia è allora costituita per loro da quello che per i cristiani è solo il Primo o Antico Testamento, e viene così suddivisa: Torah(pentateuco), Nebiin(libri storici e Profetici), Ketubin (libri sapenziali e poetici). E Parola di DIO

10 I vari autori della bibbia, nellesprimere la parola di Dio e nel raccontare i fatti e gli avvenimenti della storia della salvezza usarono generi letterari(=forme espositive dei contenuti) Storico-Narrativo Racconti e vicende storiche Normativo Leggi e norme per regolare la vita sociale e religiosa Poetico Canti, salmi e preghiere Sapienziale Proverbi e riflessioni per riflettere sui grandi temi della vita Profetico Profezie e insegnamenti che i profeti esprimevano, a nome di Dio, per aiutare il popolo a trovare la via del bene e rimanere fedeli a Dio

11 linterpretazione La storia non è soltanto linsieme dei fatti passati o presenti, prodotti dagli uomini(= la storia fatta di date, avvenimenti documentati,personaggi). E storia anche linterpretazione Politica, economica, religiosa che si fa di questi eventi e dei personaggi che li hanno prodotti o ne sono stati condizionati. Nella Bibbia lautore Dio e lautore uomo interpretano gli eventi storici del popolo ebraico e degli uomini.

12 FORMAZIONEFORMAZIONE DEI LIBRI DELLA BIBBIA La Bibbia si è formata in Secoli di storia e contiene tutta la rivelazione di Dio che va da Abramo fino alla costituzione della Chiesa RIVELAZIONE Dio fa conoscere se stesso ad un POPOLO: Israele A.T. Allumanità: Gesù Cristo:N.T. Avvenimento (parole ed eventi intimamente connessi(D.V.(8,14) Memoria e tradizione orale (testimonianza e racconto) Interpretazione e vita della comunità Prime fonti scritte Redattore finale Comunità che accoglie, legge ascolta la Bibbia

13 I LIBRI DELLA.T. GENESI: Dio crea il mondo luomo e la donna,Dio inizia lalleanza con Abramo, Isacco e Giacobbe ESODO: Dio libera il popolo dIsraele dalla schiavitù egiziana LEVITICO: contiene le regole per Il culto, affidato alla tribù di Levi NUMERI: Libro dei censimenti con cui viene organizzato il popolo nei quarantanni nel deserto DEUTERONOMIO: Mosè ripresenta al popolo la legge del Sinai (dieci comandamenti I libri dellA.T. sono raggruppati in quattro parti Il PENTATEUCO : sono i primi cinque libri della bibbia I LIBRI STORICI: sono 16; parlano di particolari momenti storici del popolo ebraico: Giosuè, Giudici, I Re, Cronache… I PROFETI: sono 6 libri che raccolgono gli scritti dei Profeti maggiori (hanno scritto di più), Isaia, Geremia, Ezechiele,Baruc, Daniele… e 12 libri di profeti minori (hanno scritto di meno) I LIBRI DIDATTICI E SAPENZIALI : sono 7 libri: educano il popolo a vivere con saggezza e amore verso Dio e il prossimo: Giobbe, Salmi, Proverbi, Sapienza, Siracide…

14 Il contenuto Il contenuto narrativo di Gen 1-11 è particolarmente povero e si riduce in sostanza ad episodi su Adamo ed Eva, episodi su Caino e Abele, al diluvio e Noè. Questa povertà di materiale narrativo è caratterizzata da vari contatti con la letteratura extra-biblica, sia a livello di motivi e temi, che di vera e propria narrazione (come il diluvio).

15 Bibbia e cultura mesopotamica Ecco alcuni contatti da riscontrare tra il testo biblico e la cultura mesopotamica, e in minima parte con quella egizia nei primi capitoli della Genesi:

16 Miti babilonesi I più importanti sono: l'Enuma elis e l'Atrahasis. L' Enuma elis, composto probabilmente tra il 1806 e il 1507 a.C., parla di due elementi primordiali increati ed eterni: Apsu, principio maschile (oceano di acqua dolce), e Tiamat, principio femminile (mare di acqua salata). Dalla loro unione nascono otto coppie di dei, i quali infastidiscono a tal punto Apsu che decide di distruggerli. L'intervento di Ea (dio dell'acqua e della sapienza), che uccide Apsu, provoca l'iniziativa di Tiamat che, nonostante l'aiuto di una schiera di mostri, guidati da Quingu, viene sconfitta da Marduk (dio della guerra). Questi divide in due il capo della morta e con metà costruisce il firmamento separando le acque superiori dalle inferiori (nel poema non è detto che cosa Marduk fece con l'altra parte di Tiamat, probabilmente formò la terra separandola dal mare).

17 Miti Fenici Si riteneva che al principio del mondo ci fosse il caos, concepito però come massa fangosa e tenebrosa, generatrice del dio Mot. Questi, dalla forma di un grande uovo fangoso, scindendosi in due, diede origine al cielo e alla terra.

18 Somiglianze tra cosmogonia (origini del cosmo) biblica e orientale Entrambe ammettono al principio un elemento primordiale acquoso. Per entrambe la prima opera è la creazione della luce e la seconda quella del firmamento per separare le acque superiori da quelle inferiori. Anche l'Enuma elis e l'Atrahasis presentano la formazione dell'uomo come l'opera più impegnativa, realizzata solo dopo una consultazione fra gli dei utilizzando un impasto di terra. L'epopea di Gilgamesh afferma espressamente che l'uomo è creato «ad immagine del dio Anu ».

19 LA RELIGIONE BABILONESE I babilonesi avevano una religione politeista, avente origini orientali. Essi furono molto abili ad impiegare la loro religione per fini politici, facendo diventare Babilonia luogo sacro di spiritualità ed origine del tutto. Ci sono due miti Il primo mito si ricollega ad un re sumero vissuto ad Uruk, Gilgamesh, intorno al 2700 a.C., che sperimenta l'esperienza della mortalità umana e compie un viaggio verso la conoscenza perfetta. sumero Tra le sue imprese, Gilgamesh avrebbe ucciso un toro divino, inviato sulla terra dalla dea Ishtar, che opprimeva il proprio popolo. Il secondo mito, invece, richiama il diluvio universale. Secondo la tradizione sumerica, An sovrintendeva tutto ed il cielo, Enlil ed Enki, suoi figli, regnavano rispettivamente sulla terra e sugli abissi. Il primo aveva più potere del fratello, che aveva come figlio Marduk. An crea gli altri dei per lavorare sulla terra, al fine di poter mangiare, ma questi si rifiutano, perché troppo faticoso. Quindi crea luomo che rifiuta anche esso di lavorare. Qui si inserisce il mito biblico del paradiso terrestre e della cacciata da parte delluomo e della donna. La prima modifica babilonese al testo sacro sta nel fatto che, a questo punto, Enlil propone di mandare sulla terra la pestilenza ed il diluvio per punire la ribellione umana, ma Enki fa salvare Atramhasis su unarca.

20 Lepopea di

21 Epopea di Gilgamesh Che cos'è l'epopea di Gilgamesh? E' uno dei più antichi poemi conosciuti e narra le gesta di un antichissimo e leggendario re sumerico, Gilgamesh, alle prese con il problema che da sempre ha assillato l'umanità: la morte e il suo impossibile superamento.Gilgamesh

22 Racconto Quando gli dèi crearono Gilgamesh, gli diedero un corpo perfetto. Gli donarono la bellezza, il coraggio, e lo resero terribile come un toro selvaggio. Per due terzi lo fecero dio e per un terzo uomo. La società di Uruk si lamenta : Gilgamesh è il pastore della nostra città, eppure è arrogante e prepotente. Non lascia la vergine all'amante, la figlia al guerriero, la moglie al nobile.

23 Racconto Gli abitanti di Uruk si lamentano invocando addirittura l'intervento di An, dio del firmamento, affinché Gilgamesh li lasci in pace. Allora gli dèi si rivolsero ad Aruru, la signora della creazione. Fosti tu, Aruru, a plasmare Gilgamesh, adesso crea un eroe che gli stia alla pari, simile a lui quanto il suo riflesso, un altro lui, cuore tempestoso per cuore tempestoso. Che essi lottino tra loro e lascino Uruk in pace! Così la dea immerse le mani nell'acqua e con l'argilla plasmò il nobile Enkidu.

24 LA STORIA DEL DILUVIO Tanto tempo prima, narrò Utanapištim, l'umanità era così numerosa che sollevava un tale baccano da disturbare il sonno degli dèi. Così Enlil, il signore del vento, riunì il consesso degli dèi e disse: - Lo strepito dell'umanità è intollerabile! Così non si può più andare avanti! Scatenerò il Diluvio e distruggerò il genere umano! Per sei giorni e sei notti il paese di Sumer venne travolto dalla furia delle acque.

25 LA PIANTA E IL SERPENTE Utanapištim gli disse: - Gilgamesh, ti rivelerò una cosa segreta. C'è una pianta che cresce sotto l'acqua, la Pianta dell'Irrequietezza, detta Vecchio- torna-giovane. Ha spine come il rovo. Ferirà le tue mani, ma se riuscirai a prenderla sarà la tua salvezza, perché ha la virtù di ridare agli uomini la gioventù perduta. Non è proprio la Vita che cerchi, ma può comunque aiutarti a tenere lontana la vecchiaia e la morte. -

26 Racconto Gilgamesh ripartì con Uršanabi, il battelliere. Arrivato nel punto indicatogli, si legò ai piedi pietre pesanti e si tuffò dalla barca. Trascinato dalle pietre sul fondo del mare, Gilgamesh vide la pianta che cercava. La afferrò e le spine gli ferirono le mani, ma l'eroe, incurante del dolore, riuscì a strapparla. Tagliò le funi che lo ancoravano alle pietre e tornò in superficie. Mostrò la pianta a Uršanabi e disse: Porterò questa pianta a Uruk dalle forti mura, lì la darò da mangiare ai vecchi, i quali torneranno giovani e forti. Infine ne mangerò io stesso e riavrò tutta la perduta gioventù.

27 Il serpente e la perdita dellimmortalità Dopo un lungo viaggio, si fermarono per la notte, presso un pozzo di acqua fresca. Mentre Gilgamesh si bagnava nel pozzo, un serpente sentì la dolcezza della pianta poggiata sulla riva, si avvicinò e la mangiò. Subito, l'animale perse la pelle, tornando giovane, e fuggì via. Quando Gilgamesh si accorse del fatto, pianse a lungo, sconsolato. - O Uršanabi (il battelliere), è per questo che ho faticato con le mie mani, è per questo che ho spremuto il sangue del mio cuore? Per me non ho guadagnato niente; non io, ma questa bestia della terra ne gioisce! - E così fu che Gilgamesh perse l'immortalità.

28 Genesi La G enesi è il primo libro che incontriamo aprendo la B ibbia, ma non è il primo ad essere stato scritto. Per non incorrere in facili errori, nellavvicinarsi a questo come a tutti i libri della Bibbia, bisogna sapere quale è il suo obiettivo, a quali domande cerca di rispondere. Spesso, non sono quelle che appaiono a prima vista e neppure tutte quelle tradizionalmente assegnate al testo. Cercando di riassumere tutto in quattro righe, si può dire che la Genesi, attraverso il suo narrare, offre a chi vi si avvicina la possibilità di esplorare lavventura che ogni persona affronta nella sua esistenza in ogni tempo. Il genere letterario è quello sapienziale e, per questo, la verità del racconto non sta nella sua storicità, ma nel legame con lesperienza di ogni uomo e di ogni donna di ieri, di oggi e di domani.

29 Genesi I primi quattro capitoli sono cruciali ai fini di capire la struttura e quanto sarà sviluppato nellintero il libro della Genesi. Si potrebbe dire che i capitoli 1 e 2 sono un modo per dire qualcosa di Dio e, al tempo stesso, per indicare all'umano (Adàm) come sia possibile davvero somigliargli. I capitoli 3 e 4, attraverso le vicende del Serpente e di Caino, fanno conoscere l'umano, l'Adàm, nella via da lui intrapresa a partire dall'essersi ingannato nell'immaginare il modello al quale tendere.

30 Mitezza La parola chiave, dunque, che permette di farsi un'idea di questo Dio potrebbe essere " mitezza " (non violenza). Infatti egli crea senza operare distruzione ma, con la parola che si accompagna allo sguardo, opera separazione (distinzione/discernimento) rendendo abitabile, vivibile, ciò che prima era caratterizzato dall'inabitabilità.

31 Creazione Dà nutrimento a uomini e animali e, segnale importante per l'umano che a Lui dovrebbe essere simile, mette un limite alla sua signoria, cessando nel settimo giorno ogni lavoro. Tale settimo giorno non è al di fuori della creazione, ma è il giorno in cui Egli la "porta a termine" (2,2). È in un tale limite che Dio si pone e si connota, suggerendo che egli ama stare in una presenza rispettosa di ciò che è altro da sé, riconosce uno spazio in cui egli limita il suo agire perché quanto da lui avviato si compia armoniosamente.

32 Protagonisti Un secondo protagonista è ADÀM (letteralmente colui che è tratto dalla terra), l'umano, nella sua connotazione maschile e femminile. Dio osserva il suo iniziale isolamento ed afferma: Non è bene che ha adàm sia isolato (2,18). Ecco allora adàma (Eva) perché per ladàm è vitale essere posto nelle condizioni di stare in relazione e tutti i personaggi hanno un soggetto altro da se che gli sta di fronte. Lo stesso Dio ha di fronte a se lAdam che, appunto per questo, ha creato a sua immagine e somiglianza.

33 Protagonisti L'umano, poi, è collocato tra Dio e l'animale, plasmato dalla stessa terra da cui questo è tratto (2,19), ma con la vita dell'alito di Dio a forza soffiato dentro le narici (2,7). È invitato a dominare sugli altri animali (1,28), ma Dio stesso gli suggerisce in che modo quando gli assegna un cibo esclusivamente vegetale (1,29) a significare che la modalità dellesercizio del potere concessogli, deve essere tutta di mitezza e nonviolenza.

34 Albero del bene e del male E questo il senso dell'avvertimento sull'albero della conoscenza/esperienza del bene e del male (2,17). Di tutti gli alberi l'umano potrà mangiare e vivere, ma se non accetta il limite alla conoscenza/esperienza del tutto, se non pone un freno al desiderio senza limiti e al godimento del tutto, l'esito sarà la morte dell'umano. Non un castigo, dunque, ma piuttosto un avvertimento. Se Dio è tale nella relazione con ciò che crea, ponendo in questo modo un limite a se stesso, così l'umano è pienamente tale se accetta il limite che è anche spazio per l'esistenza di un altro da sé. Se non rifiuta di essere dominato dal desiderio senza limiti, questultimo lo porterà alla morte.

35 UN TERZO PROTAGONISTA: IL SERPENTE il SERPENTE, che interloquisce con l'umano. Ma cos'è questo serpente? Viene presentato come una via di mezzo tra l'uomo e l'animale, in quanto pur essendo descritto come "bestia selvatica" esso parla. Dal suo parlare emergono alcune caratteristiche:

36 caratteristiche focalizza l'attenzione sul limite che è chiesto alluomo per essere pienamente se stesso, tacendo del tutto il bene di cui l'umano può godere; porta a sospettare dell'altro (Dio) facendolo passare per un rivale e, parallelamente, fa avanzare lidea che, qualora l'umano (come di fatto accade) cedesse a questo sospetto, nulla più lo salverebbe da tale rivale malvagio e geloso. Il risultato è che, di fatto, il cedere al sospetto del serpente non può portare l'umano ad alcun bene; spinge a desiderare di conoscere/fare esperienza di tutto, come se qui stesse la vera somiglianza dell'umano con Dio.

37 Il desiderio Sembra dunque che il serpente si configuri come la parte animale che si cela nell'umano, parte che va "dominata" (governata/domata), come suggerisce il primo capitolo. In una parola, nel serpente si cela il desiderio senza limiti.

38 Stile di Dio Dio però continuerà ad essere se stesso, caratterizzato da uno stile di mitezza e cura: lui stesso cucirà le vesti di pelli alluomo e alla donna (3,21),

39 IL RACCONTO DEL DILUVIO La storia di un dominio di violenza e prevaricazione continua nel capitolo 6, con laccenno alla presenza di giganti, uomini con un nome (6,4), uomini di potere che compaiono in un clima di esasperazione del possesso e quindi della negazione delle relazioni di reciprocità: presero per sé donne quante ne vollero (6,2). Subito dopo questo accenno a dominatori potenti si fa riferimento a una terra distrutta dalla violenza, dallaver smarrito la propria via di mitezza da parte di ogni carne, ovvero ogni essere umano e animale. È in questo contesto che si apre il racconto del diluvio.

40 Strategia di Dio Di fronte alla distruzione della terra ad opera delle creature, Dio decide di utilizzare la stessa strategia violenta: la distruzione della terra attraverso quella stessa acqua che nellatto creatore era stata separata per generare uno spazio accogliente e abitabile (1,6-10). Dentro questa sua decisione si apre però uno spazio per la vita: NOÈ trovò grazia agli occhi di Dio (6,8).

41 Obbedienza per rinascere La narrazione si sviluppa in una sequenza di ordini di Dio e realizzazioni di Noè che non parla, ma obbedisce. Questo termine sta proprio ad indicare, come nella sua stessa etimologia, un ascolto profondo (ob-audire=udire dal di sotto, dal di dentro), che è ascolto della vita. Ogni gesto che Noè compie in risposta ad indicazioni quasi meticolose di Dio – che fanno pensare allattenzione con cui Dio vuole comunque garantire la vita – è un gesto che ha lo scopo di far vivere: Di quanto vive, di ogni carne, farai venire nella barca/ cesto due di ogni specie, per far vivere con te (6,19; cfr. anche 6,20; 7,3). La costruzione della barca/cesto, la coscienza autonoma degli animali che vi vengono da soli quasi in risposta ad un richiamo del creatore per seguirlo in questo progetto, la cura con cui Dio stesso chiude la porta della barca, tutto indica che dentro questa distruzione violenta, in cui Dio è presente – E io, ecco, faccio venire il diluvio (6,17) – esiste uno spazio di cura alla vita, in cui Dio è altrettanto presente.

42 Noè Noè in ascolto della vita non potrà che essere pastore di quegli animali che gli sono affidati (anche Abele era pastore, [4,2]), forse a suggerire ancora una volta lo stile che lumano è chiamato ad avere verso il creato, uno stile a immagine e somiglianza di quello del Creatore: cioè uno stile di cura e mitezza. Con la stessa benedizione con cui si apriva la creazione, concernente la fecondità, riprende la vita dopo il diluvio.

43 Conclusione il racconto biblico del diluvio NON é affatto una "brutta copia" di un mito meglio raccontato, ma rappresenta, rispetto a quello, un notevole passo avanti nella comprensione del divino da parte delluomo. Loperato di Dio non é cieco fato o vano capriccio di una mente distorta, bensì costituisce il realizzarsi nella storia di un progetto damore. Daltro canto, dovevamo aspettarci una simile differenza fra il racconto babilonese e quello della Genesi, proprio perché quello appartiene solo ad un poema epico, questa ad una storia sacra, che vuole comunicare prima di tutto un messaggio di speranza e di fiducia in Dio, in conclusione un messaggio di AMORE.

44 Fratelli di Gesù


Scaricare ppt "Fratelli di Gesù LAntico Testamento prepara il Nuovo Testamento L A n t i c o T e s t a m e n t o p r e p a r a i l N u o v o T e s t a m e n t o Il."

Presentazioni simili


Annunci Google