La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LINQUIETANTE ATTUALIT À DI UN FILOSOFO MALEDETTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LINQUIETANTE ATTUALIT À DI UN FILOSOFO MALEDETTO."— Transcript della presentazione:

1 LINQUIETANTE ATTUALIT À DI UN FILOSOFO MALEDETTO

2 NON ESISTONO PENSIERI PERICOLOSI: È IL PENSARE STESSO CHE È PERICOLOSO Hannah Arend Un giudizio di sicuro discutibile, ma che si addice alla perfezione a Spinoza: con la sua demolizione dei valori portanti di una tradizione (ebraico-cristiana) plurimillenaria, è stato tra i pensatori più radicali dellintera storia del pensiero Premessa 1

3 MAESTRO DEL SOSPETTO Spinoza è tuttaltro che ateo, ma potremmo definirlo il padre dei teorici dellateismo dellOttocento e del Novecento; il maestro di tutti i grandi maestri del sospetto che andranno alla ricerca delle radici dei miti dellOccidente Pur non essendo ateo, il processo di sdivinizzazione che ha segnato lOccidente negli ultimi due secoli deve molto a lui Premessa 2

4 UN PENSATORE MALEDETTO Benedetto è il suo nome, ma è stato il pensatore più maledetto del 600: accusato di essere ateo essere materialista negare limmortalità dellanima negare linfallibilità della Bibbia negare i miracoli negare lo stesso pilastro del cristianesimo: la risurrezione di Cristo Vi è stato chi ha scritto di lui: LIBERATE LA TERRA DA QUESTA PESTE Le sue opere sono state messe, da parte della Chiesa cattolica, allIndice dei libri proibiti Premessa 3

5 UN VERDETTO VIOLENTO Viene maledetto dalla sua comunità ebraico-portoghese di A msterdam quando ha appena 23 anni. Viene espulso dalla nazione ebraica perché accusato di opinioni e azioni malvagie abominevoli eresie atti mostruosi Il verdetto così chiude: sia maledetto di giorno e di notte; la collera del Signore si abbatta su di lui il Signore cancellerà il suo nome da sotto il cielo nessuno comunichi con lui nessuno si avvicini a lui più di quattro cubiti né legga alcun trattato composto da lui Premessa 4

6 UNA VITA TURBATA Una vita turbata, la sua: è oggetto di un attentato da parte di un ebreo fanatico subisce attacchi pesanti quando a 38 anni pubblica, seppure in forma anonima, una delle sue opere più importanti subisce attacchi ancora più pesanti, in seguito allassassinio dello statista liberale Jan de Witt, suo protettore, non solo da parte di calvinisti conservatori, ma anche moderati Una vita turbata, ma anche straordinariamente creativa: nel suo isolamento forzato, in soli ventanni, scrive opere di capitale importanza per il pensiero occidentale Muore di tisi a 44 anni Premessa 6

7 UNA STAGIONE DORO LOlanda sta registrando un impetuoso sviluppo economico una fioritura culturale straordinaria È, inoltre, il Paese più libero dEuropa: qui si rifugiano ebrei che fuggono dalle persecuzioni di Paesi cattolici vi sono università che attirano docenti e studenti stranieri si stampano libri altrove proibiti Premessa 7

8 UN PAESE LIBERO, MA…. Per lo stesso statista liberale de Witt è impensabile abolire ogni forma di censura il primato della Chiesa calvinista è intoccabile LOlanda, inoltre, è un Paese lacerato: Jan de Witt viene aggredito, linciato dalla folla e squartato col fratello Cornelis (i corpi vengono appesi nudi con la testa in giù) Premessa 8

9 INDICE Capitolo 1: IL DIO-PERSONA? UNA CREATURA UMANA Capitolo 2: I COSIDDETTI TESTI SACRI? PAROLE UMANE Capitolo 3: LIMMORTALIT À DELLANIMA? UNA SUPERSTIZIONE Capitolo 4: LA LIBERT À UMANA? UNILLUSIONE FRUTTO DELLIGNORANZA

10 CAPITOLO 1 IL DIO-PERSONA? UNA CREATURA UMANA

11 LA DEMOLIZIONE DEL DIO-PERSONA (1) Allorigine del Dio-persona vi è il tabù dellantropocentrismo (una sorta di narcisismo): siamo noi che crediamo erroneamente di essere al centro della natura Il tabù dellantropocentrismo, a sua volta, si fonda sul tabù del finalismo: siamo noi che proiettiamo sulla natura dei fini, considerando ciò che è utile a noi come finalizzato a noi Il tabù del finalismo, a sua volta, si fonda sulla erronea credenza di essere liberi Capitolo 1

12 LA DEMOLIZIONE DEL DIO-PERSONA (2) Siamo convinti erroneamente di essere liberi, cioè di non essere determinati nel nostro agire da cause che stanno a monte, ma di essere noi a proporci dei fini; così erroneamente convinti, crediamo di raggiungere i detti fini predisponendo dei mezzi ad hoc; sulla base di questa erronea convinzione, noi siamo portati a vedere nelle cose della natura utili alluomo nullaltro che dei mezzi aventi come fine luomo stesso, mezzi che, non essendo stati creati dalluomo, riteniamo siano stati creati da un Dio-Persona. Capitolo 1

13 LA DEMOLIZIONE DEL DIO-PERSONA (3) Si tratta di un ragionamento che si basa su presupposti falsi e che non è in grado di rispondere in modo convincente alle obiezioni: Obiezione 1: in natura non ci sono solo cose utili, ma anche dannose (terremoti, malattie…) Risposta: Dio, in questo modo, punisce i peccati degli uomini Obiezione 2: calamità naturali, malattie… colpiscono anche innocenti Risposta: sarebbe una pretesa assurda conoscere i disegni di Dio che sono a noi imperscrutabili DIO = RIFUGIO DELLIGNORANZA Capitolo 1

14 LA DEMOLIZIONE DI DIO (1) I grandi maestri del sospetto dei secoli più recenti altro non fanno che applicare lapproccio metodologico di Spinoza: individuare i meccanismi che sono allorigine, nella mente delluomo, dellidea di Dio. A differenza di Spinoza, tuttavia, i maestri del sospetto, tramite la loro indagine, non demoliscono lidea di un Dio personale, ma lidea tout court di Dio Capitolo 1

15 LA DEMOLIZIONE DI DIO (2) Questo, schematicamente, lo schema del ragionamento: non è Dio che ha creato luomo, ma è luomo che ha creato Dio: lidea di Dio ignoranzaimpotenzaaspirazionisete di giustizia bisogno di protezione Capitolo 1

16 LA DEMOLIZIONE DI DIO (3) Alcuni maestri del sospetto ricorrono a motivi squisitamente spinoziani. Un esempio: Feuerbach (Essenza della religione, 1846) Lorigine della vita è inesplicabile e incomprensibile, ma questo non ti autorizza a trasformare il tuo non-conoscere le cause naturali nel non-essere di tali cause, non ti autorizza a oggettivare la tua ignoranza in un essere che dovrebbe sopprimere questa ignoranza, e tuttavia non esprime altro che la natura di questa tua ignoranza Dio è lessere sommamente buono, poiché fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti, ma lessere che non distingue tra buoni e cattivi […] che non distribuisce i beni della vita secondo i meriti morali […] è la natura Capitolo 1

17 IL FINALISMO (1) La questione del finalismo scalda ancora il dibattito culturale, in particolare, a proposito dellinterpretazione dei dati biologici: Tesi 1: non possiamo negare un fine nellocchio del gufo, nella pelliccia della foca, nelle zampe di un trampoliere, nella percezione di ultrasuoni da parte dei pipistrelli Tesi 2: siamo noi che, cadendo nella trappola dellantropocentrismo, dimenticando cioè il fattore tempo (milioni di anni di evoluzione), proiettiamo dei fini nella natura Capitolo 1

18 IL FINALISMO (2) Un dibattito che ha come oggetto la stessa origine della vita: oggi sappiamo che gli atomi pesanti (carbonio, ossigeno, azoto…) - i mattoncini di base della vita - si sono formati nel cuore delle supernove per poi iniziare, dopo lesplosione di queste stelle, un viaggio che è durato miliardi di anni. Problema: tutto questo era finalizzato alla formazione della vita su quel marginale e minuscolo pianeta che è la Terra?

19 UNA PURIFICAZIONE RADICALE DELLIDEA DI DIO Spinoza percorre fino in fondo la strada aperta nella storia del pensiero occidentale da Senofane, in altre parole cerca di purificare lidea di Dio da ogni forma, anche più residuale, di antropomorfismo Senofane ha di mira le divinità di Omero e di Esiodo Spinoza ha di mira lidea di Dio di tutta la tradizione ebraico- cristiana Capitolo 1

20 DEUS SIVE NATURA Il Dio spinoziano non è persona non ha intelletto non ha volontà non è libero non è provvidente non è giudice… Capitolo 1

21 LEQUIVOCO DEL DEUS SIVE NATURA Il Dio spinoziano non si identifica con luniverso fisico, ma è infinitamente più ricco (è immanente, ma insieme infinitamente trascendente). Tuttavia spesso, in particolare da parte di scienziati, è stato equivocato. Così, ad esempio, Paul Davis (La mente di Dio): poiché laveva identificato con luniverso fisico Capitolo 1

22 UN FASCINO IRRESISTIBILE Il Deus sive Natura, nella sua versione semplificata, ha affascinato Einstein e affascina tuttora numerosi scienziati. Così Einstein: Credo nel Dio di Spinoza che si rivela nellarmonia di tutto ciò che esiste, ma non in un Dio che si occupa del destino e delle azioni degli esseri umani E Paul Davies (La mente di Dio) così scrive: Oggi questo tipo di filosofia – che le cose sono come sono per una sorta di necessità o inevitabilità logica – è molto comune fra gli scienziati Capitolo 1

23 REINVENTARE IL SACRO Sulla stessa scia, pur essendo lontano dal determinismo classico, si colloca un biologo di fama mondiale, Stuart Kauffmann (in Reinventare il sacro). Così scrive: Dio in quanto dispiegamento della natura. Un simile Dio non è lontano da quello di Spinoza. Ma, a differenza di Spinoza, desidero dire che siamo in parte oltre la convinzione galileiana che tutto è governato da leggi, ma quella stessa creatività è resa possibile da ciò che dalle leggi è governato […] Allora tutto il dispiegamento della natura è Dio, un Dio pienamente naturale. Capitolo 1

24 CAPITOLO 2 I COSIDDETTI TESTI SACRI? PAROLE UMANE

25 LA DISSACRAZIONE DEI TESTI SACRI Scandalizza la demolizione spinoziana dellimmagine del Dio-persona, ma scandalizza ancora di più la sua storicizzazione dei testi sacri. Spinoza, applicando alla Bibbia la stessa metodologia che si usa per qualsiasi testo, va alla ricerca delle radici storiche delle credenze ivi espresse e così manda in frantumi la Parola di Dio. Individua, ad esempio, la genesi delle contraddizioni bibliche delle diverse immagini antropomorfiche di Dio della convinzione degli Ebrei di essere il popolo eletto dei miracoli che rispondono allesigenza di convincere gli altri popoli che il popolo ebreo è quello eletto da Dio Capitolo 2

26 I MIRACOLI Spinoza non solo storicizza i testi cosiddetti sacri, ma individua lassurdità di determinate credenze. Così, ad esempio, smonta la credenza nei miracoli: Considerato che Capitolo 2 le leggi delluniverso = decreti immutabili di Dio allora credere nei miracoli = credere che Dio possa agire contro la propria natura = credere nei miracoli = superstizione = credere nei miracoli = credere che Dio è impotente (è costretto a sospendere le sue leggi per raggiungere i suoi scopi) di conseguenza la fede nei miracoli conduce di fatto allateismo

27 MOS È NON È LAUTORE DEL PENTATEUCO Capitolo 2 nel Pentateuco Mosè a)parla di sé in terza persona b)racconta la sua morte c)si confronta con profeti successivi d)racconta vicende posteriori Considerato cheallora Il Pentateuco non ha come autore Mosè

28 LA RIVELAZIONE? È IMPOSSIBILE Spinoza, nel Breve trattato su Dio, luomo e il suo bene, sostiene limpossibilità della rivelazione divina: se Dio avesse detto agli Israeliti Io sono Jehova, vostro Dio, essi, allora, avrebbero dovuto già sapere, senza le parole, che egli era Dio […]; infatti sapevano bene che voce, tuono e fulmine non erano Dio, sebbene la voce dicesse che [tutto ciò] era Dio Capitolo 2

29 SMITIZZAZIONE DEI VANGELI Spinoza smitizza non solo il V. T., ma anche il N. T. Così si esprime nelle sue lettere: Lincarnazione di Cristo: è come se si affermasse che il circolo ha assunto la natura di quadrato Leucaristia (nellinterpretazione cattolica): bisogna essere privi di mente per credere che si possa divorare e avere negli intestini quel Dio sommo ed eterno La resurrezione di Cristo: si tratta di un evento solo spirituale. Del resto anche Abramo credette che Dio fosse stato a pranzo con lui, che tutti gli Israeliti credettero che Dio, circondato dal fuoco, fosse sceso dal cielo sul monte Sinai Capitolo 2

30 NEL SOLCO DI SPINOZA (1) Anche se la moderna ricerca storica nasce con lIlluminismo (un periodo, quindi, successivo al nostro autore), non si può negare che gli esegeti attuali della Bibbia, anche cattolici, si muovono lungo il solco aperto da Spinoza stesso: vanno, cioè, alla ricerca delle radici storiche delle credenze contenute nei libri sacri e tendono a distinguere nettamente ciò che – sulla base delle fonti storiche – è accaduto da ciò che è semplicemente creduto. Capitolo 2

31 NEL SOLCO DI SPINOZA (2) Non vi è unanimità tra i biblisti, ma è quanto meno singolare che tra gli esegeti più radicali vi siano anche dei cattolici. Ecco alcune esemplificazioni: Il primo racconto della Genesi? Una sorta di parabola orientale che sicuramente ha rubato dalle culture degli Assiri, Babilonesi, Egizi, civiltà anchesse ricche di racconti popolari niente affatto scientifici sullorigine del mondo. Il secondo racconto della Genesi? Una costruzione letteraria finalizzata allesigenza di dimostrare che il Dio del popolo ebraico era più potente degli altri dèi (a lui è bastata una parola per creare) o a rispondere ad alcune domande: perché la nudità è comunemente associata alla vergogna? perché i serpenti strisciano? perché il lavoro manuale è considerato comunemente così mal ricompensato? Il diluvio universale? Solo uninondazione locale Capitolo 2

32 NEL SOLCO DI SPINOZA (3) Lo zolfo e il fuoco che Dio ha fatto piovere su Sodoma e Gomorra? Forse solo una serie di incendi provocati da un terremoto che ha fatto fuoriuscire dalle viscere della Terra gas e petrolio. Il racconto dellEsodo? Siamo di fronte a un materiale che oggi sarebbe quasi del tutto rifiutato come fonte storica Luccisione di Golia da parte di Davide, la storia di Giona inghiottito da una balena, la distruzione delle mura di Gerico da parte di Giosuè? Racconti privi di fondamento storico. Capitolo 2

33 NEL SOLCO DI SPINOZA (4) E il bisturi degli esegeti ha come oggetto anche il Nuovo Testamento I vangeli? Non sono opere di storia: essi mirano prima di tutto a proclamare e a rafforzare la fede in Gesù come Figlio di Dio, Signore e Messia. La loro presentazione, dallinizio alla fine, è modellata dalla loro fede che il crocifisso Gesù fu risuscitato da morte e tornerà nella gloria per giudicare il mondo Decenni di adattamenti liturgici, di espansioni omiletiche e di attività creativa dei profeti cristiani hanno lasciato il loro segno sulle parole di Gesù nei quattro vangeli. È più probabile che Gesù sia nato non a Betlemme, ma a Nazaret. I fratelli di Gesù? Proprio dei fratelli, non dei cugini (nel N.T. non cè un singolo caso chiaro in cui fratello significhi cugino). Gesù dodicenne che interpreta le Sacre Scritture nel tempio, la presenza di Maria durante la passione e la morte di Gesù, lepisodio del buon ladrone, linvocazione Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Racconti privi di base storica. Capitolo 2

34 NEL SOLCO DI SPINOZA (5) Alcuni biblisti cattolici mettono in discussione perfino dei pilastri stessi su cui si è costruito nel tempo il patrimonio cristiano. La verginità della madonna? Una credenza che si inserisce […] come momento nel processo maturato dalla fede dei primi cristiani che retrodatavano sempre di più la figliolanza divina di Gesù risorto. Non abbiamo nessuna prova chiara che il passo di Is. 7,14 citato da Matteo […] fosse stato interpretato in riferimento a un concepimento verginale prima che gli autori del Nuovo Testamento […] lo usassero. La presentazione di Luca del concepimento verginale è un prodotto della riflessione teologica non di un avvenimento storico Capitolo 2

35 NEL SOLCO DI SPINOZA (6) La maledizione del fico sterile? Ha un evidente senso simbolico: indica la fine della grande istituzione religiosa del tempio. Il racconto del risuscitamento della figlia di Giairo? È possibile che la figlia di Giairo sia stata effettivamente la destinataria di uno dei miracoli di guarigione compiuti da Gesù, ma, poiché era in un punto di morte, ben presto gli entusiasti seguaci di Gesù, forse già durante la sua vita, trasformarono lepisodio in un racconto di risuscitamento dai morti

36 NEL SOLCO DI SPINOZA (7) Le guarigioni della figlia di una cananea e del ragazzo del centurione romano di Cafarnao? Pagine create dalla comunità protocristiana per giustificare la sua missione ad paganos Il racconto di Gesù che cammina sullacqua? Quello che i testi dellAntico Testamento affermano su Dio che ostenta la sua potenza in una teofania è applicato direttamente a Gesù nel suo ministero pubblico

37 NEL SOLCO DI SPINOZA (8) Il miracolo della trasformazione dellacqua in vino a Cana? Esso rientra alla perfezione nella struttura letteraria e teologica complessiva del vangelo, dove ricopre un suo ruolo che è in totale armonia con essa […] sembra essere – per la maggior parte, se non del tutto – una creazione dellevangelista. La pesca miracolosa? Un racconto inventato sulla base della dichiarazione di Gesù Vi farò pescatori di uomini Capitolo 2

38 NEL SOLCO DI SPINOZA (9) La resurrezione di Cristo (il cuore stesso del Cristianesimo)? come Mosè ha incontrato Dio, certo non in modo visionario, e ancor prima Abramo, così essi hanno incontrato Gesù risorto. Il farsi vedere a non vuol dire propriamente né visione sensibile con gli occhi, né propriamente visione interiore, bensì essere sopraffatti da una presenza divina che si disvela: un esserci che è un autodisvelarsi. E… il sepolcro vuoto? Si colloca […] sul piano del metaforico e della logica narrativa. La liberazione dal sepolcro è modello e immagine […] della liberazione dalla morte e del dono di una vita nuova e precisamente indistruttibile storicamente ci si può interrogare, in linea di principio, sul vissuto che ha spinto queste persone a convincersi e a dire che il crocifisso è stato risuscitato ed esaltato e che si è fatto vedere a loro, interpretando teologicamente unesperienza personale, un contatto, un incontro con il crocifisso vivo e presente esattamente come Abramo e Mosé hanno incontrato Dio Capitolo 2

39 CAPITOLO 3 LIMMORTALIT À DELLANIMA? UNA SUPERSTIZIONE

40 LIMMORTALIT À DELLANIMA? UNA SUPERSTIZIONE Spinoza demolisce il Dio-Persona della tradizione ebraico-cristiana, dissacra le cosiddette Sacre Scritture, ma non solo: nega un altro pilastro del patrimonio di credenze dellOccidente, vale a dire limmortalità dellanima. Spinoza è chiaro: la credenza nellimmortalità dellanima non ha nulla di razionale, ma nasce da due sentimenti: Capitolo 3 Immortalità dellanima PauraSperanza

41 NULLA DI PERSONALE PUÒ SOPRAVVIVERE Si tratta di una superstizione perché la mente (sensazioni, emozioni….) ha a che fare solo col corpo e con le modificazioni del corpo: quando il corpo non cè più, quindi, la mente non può provare alcuna sensazione di piacere o di dolore, né può avere ricordi. Così scrive Spinoza (dim. prop. XXI, parte V Etica): La Mente […] non può immaginare nulla […] né può ricordarsi di cose passate, se non nel corso della durata del corpo. Questo non significa che secondo Spinoza non rimanga nulla dopo la morte del corpo, ma ciò che sopravvive non ha nulla di personale, nulla che abbia a che vedere con un io consapevole di sé. Capitolo 3

42 NEUROSCIENZE (1) Oggi, in seguito agli sviluppi delle neuroscienze, è impossibile negare la relazione stretta tra la mente (coscienza…) e il supporto cerebrale. Così il biologo Boncinelli: Chi pensava che dietro il pensare, la memoria e anche la creatività si nascondesse chissà che cosa, è rimasto piuttosto deluso: non si tratta che di una selva – ordinata per dire la verità – di onde elettriche che si inseguono e si intersecano. E la coscienza? Ancora Boncinelli: laffiorare alla coscienza di una serie di eventi mentali corrisponderebbe al passaggio di un certo numero di gruppi di neuroni da uno stato di oscillazione elettrica disordinata e asincrona a uno più ordinato e sincrono […] Quella che noi chiamiamo coscienza o vita interiore è quindi una collezione di atomi del presente. Capitolo 3

43 NEUROSCIENZE (2) La relazione è talmente stretta che è impensabile, dal punto di vista delle neuroscienze, una qualsiasi sopravvivenza dellio, di una coscienza personale dopo la morte. Capitolo 3 Considerato che nella fase avanzata dellAlzheimer lio è già totalmente disgregato Considerato che lio è del tutto (o quasi) spento nello stato vegetativo permanente Ne consegue è assurdo pensare che possa sopravvivere un io (o una coscienza) quando come supporto non vi sarà più un cervello, ma della polvere

44 CAPITOLO 4 LA LIBERT À ? UNILLUSIONE FRUTTO DELLIGNORANZA

45 TUTTO È NECESSARIO Tutto, secondo Spinoza, è retto da leggi necessarie: è quindi unillusione pensare che luomo viva in unoasi felice isolata dal resto delluniverso. Spinoza è chiaro: la credenza nella libertà è frutto dellignoranza. Così scrive nellAppendice della parte I dellEtica: gli uomini ritengono di essere liberi poiché sono consapevoli delle proprie volizioni e dei propri appetiti, mentre non pensano neppure lontanamente alle cause dalle quali sono disposti a appetire e a volere, poiché di queste cause sono ignari. Gli uomini, in altre parole, conoscono i loro desideri, ma ne ignorano le cause: da qui la convinzione di essere essi stessi a scegliere liberamente dei fini e i mezzi per ottenerli. Capitolo 4

46 COME UNA PIETRA CHE ROTOLA Spinoza, in una lettera a Schuller, ricorre allimmagine della pietra: Ora supponi, per favore, che la pietra, mentre continua a muoversi, pensi e sappia che tende, per quanto può, a continuare a muoversi. Questa pietra, poiché è cosciente soltanto della sua pulsione e a questa non indifferente, crede di essere liberissima e di non perseverare nel moto per nessunaltra causa che non sia la sua volontà. Questa è quellumana libertà che tutti si vantano di avere. Capitolo 4

47 COME UN UBRIACO E prosegue nella stessa lettera a Schuller: Così il bambino crede di volere liberamente il latte; il fanciullo irato di volere la vendetta e il timido la fuga. Lubriaco crede di dire per libera decisione della mente quelle cose che poi, da sobrio, vorrebbe aver taciuto. Così, colui che delira, il ciarlatano e molti di questa razza credono di agire per libero decreto della mente, non di essere trasportati dallimpulso. Capitolo 4

48 UNA PALLINA CHE ROTOLA LUNGO UNA COLLINA SASSOSA (1) Douglas R. Hofstadter, in Gödel, Escher, Bach, ricorre a un esempio simile: una pallina che rotola lungo una collina sassosa. Compie delle scelte? Credo che diremmo tutti di no, anche se nessuno di noi è in grado di prevedere il suo tragitto neanche per una distanza molto breve. […] possiamo immaginare molti cammini possibili per la pallina e vediamo che nel mondo reale essa ne segue solo uno. A un qualche livello della nostra mente, quindi, non possiamo fare a meno di pensare che la pallina ha scelto un singolo cammino tra la miriade di quelli mentalmente possibili Capitolo 4

49 UNA PALLINA CHE ROTOLA LUNGO UNA COLLINA SASSOSA (2) Hofstadter prosegue: La pallina sembra scegliere ogni volta un percorso diverso, per quanto si cerchino di riprodurre le precise condizioni della sua prima discesa. E luomo? Immaginiamo che la sua mente sia un programma sofisticato che, a differenza di un normale programma per giocare a scacchi che non controlla se stesso e di conseguenza non ha la minima idea di come vengano decise le sue mosse è in grado di controllare se stesso e di avere idee riguardo alle sue idee, ma non di controllare i suoi processi in tutti i suoi minimi particolari: in questo caso ha una sorta di senso intuitivo del suo modo di procedere, ma non ne ha una piena comprensione. Da questa situazione di equilibrio tra conoscenza di sé ed ignoranza di sé proviene la SENSAZIONE DEL LIBERO ARBITRIO. Capitolo 4

50 UN MILIONE DI MILIARDI DI CONNESSIONI E il biologo Edoardo Boncinelli così scrive: io sarei cauto nellusar espressioni come Decido io o decide qualcosa dentro di me. Non direi nemmeno La corteccia decide, mi limiterei piuttosto a La corteccia prende atto. Qualunque sia il meccanismo della decisione, la corteccia cerebrale ci racconta inesorabilmente che siamo noi a decidere. Ecco perché la chiamo la grande imbrogliona […] ed è forse lei che […] produce la grande illusione del libero arbitrio La base biologica della libertà […] coincide con la grandissima complessità delle nostre connessioni: un milione di miliardi, mille volte di più di un cane, un milione di volte di più di un topo. Capitolo 4

51 PERCH È PARLARE ANCORA DI LIBERO ARBITRIO? Boncinelli così prosegue: Posto di fronte a un problema, un verme ha 2, 3, 4 soluzioni; un cane ne potrà avere 10; un essere umano ne ha una quantità enorme. Di conseguenza: Siamo più liberi di un cane, il quale lo è più di un topo, il quale lo è di più di una mosca […] Ma… Perché insistiamo a parlare di libero arbitrio nel 2009? Anche se questo fa fino, è un po come se io chiamassi la bicicletta velocipede, peggio celerifero. Il problema del libero arbitrio di Agostino, ma in fondo anche di Spinoza, si colloca in un contesto storico piuttosto diverso dal nostro. Allora il determinismo veniva dalla volontà di Dio, oggi si associa sempre più spesso a quanto ci insegnano le scienze sperimentali. Negli anni il baricentro dellespressione Deus sive natura si è spostato verso il secondo termine. Capitolo 4

52 CONCLUSIONE

53 CONSENSO DI SCIENZIATI Le idee di Spinoza hanno fatto molta strada. Nella cerchia degli scienziati (e non solo) sono numerosi coloro che abbracciano lidea di un Dio del tutto impersonale che si identifica o con larmonia della natura o con la perenne creatività di questa. Non si tratta, è vero, della stessa idea di Spinoza, ma comunque, della versione semplificata del Deus sive natura spinoziano. Conclusione

54 GLI SVILUPPI DELLESEGESI BIBLICA (1) Lesegesi biblica ha fatto passi da gigante nella ricerca della genesi storica della fede del popolo ebraico e della fede della primitiva comunità cristiana. Indagine storica e fede, di sicuro, camminano su due piani diversi, ma non vi è dubbio che tale indagine può mettere seriamente in discussione la fede: non a caso i fondamentalisti cristiani - sia cattolici che protestanti – vedono nellesegesi biblica moderna una minaccia alla fede. Di sicuro si sta dilatando sempre di più il divario tra loggetto della ricerca degli specialisti e la fede cristiana alimentata dalla gerarchia cattolica. Conclusione

55 GLI SVILUPPI DELLESEGESI BIBLICA (2) Lapproccio spinoziano ai miracoli indubbiamente riflette un background culturale (vedi la concezione deterministica delluniverso) oggi messa in discussione dal principio di indeterminazione di Heisenberg. Lapproccio attuale dellesegesi biblica è diverso: lobiettivo non è quello di verificare o falsificare dei miracoli (obiettivo inaccessibile con gli strumenti della ricerca storica), ma di indagare, analizzando le fonti più antiche dei vangeli, se i cosiddetti miracoli abbiano avuto in qualche misura a che fare con episodi accaduti durante il ministero di Gesù o se siano stati creati dalla fede della primitiva comunità cristiana. Conclusione

56 IL SUPPORTO DELLE NEUROSCIENZE Le neuroscienze, certamente, hanno a che vedere solo con lo sperimentale e, di conseguenza, non intaccano tout court le convinzioni filosofiche e religiose, ma non vi è dubbio che le neuroscienze abbiano rafforzato la negazione spinoziana dellimmortalità dellanima. Conclusione

57 BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Spinoza, Opere (a cura di Filippo Mignini), Mondadori, Milano 2007 Steven Nadler, Leresia di Spinoza, Einaudi, Torino 2005 Richard J. Coggins, Introduzione allAntico Testamento, il Mulino, Bologna 1998 Giuseppe Barbaglio, Gesù ebreo di Galilea. Indagine storica, Edizioni Dehoniane, Bologna 2002 John P. Meier, Un ebreo marginale, Ripensare il Gesù storico, Queriniana, Brescia (quattro volumi dal 2001) Douglas R. Hofstadter, Gödel, Escher, Bach, Adelphi, Milano 1990 E. Boncinelli, G. Giorello, Lo scimmione intelligente. Dio, natura e libertà, Rizzoli, Milano 2009 E. Boncinelli, Mi ritorno in mente, Longanesi, Milano 2010 Stuart Kauffmann, Reinventare il sacro, Codice Edizioni, Torino 2010


Scaricare ppt "LINQUIETANTE ATTUALIT À DI UN FILOSOFO MALEDETTO."

Presentazioni simili


Annunci Google