La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA DEMENZA In Italia. La perdita di numerosi funzioni sia fisiche che mentali sono una conseguenza dellinvecchiamento. (udito, vista, memoria, intelligenza,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA DEMENZA In Italia. La perdita di numerosi funzioni sia fisiche che mentali sono una conseguenza dellinvecchiamento. (udito, vista, memoria, intelligenza,"— Transcript della presentazione:

1 LA DEMENZA In Italia

2 La perdita di numerosi funzioni sia fisiche che mentali sono una conseguenza dellinvecchiamento. (udito, vista, memoria, intelligenza, agilità, equilibrio, e così via).

3 Il deterioramento delle capacità mentali è in realtà causato, molto spesso oltre che da numerose malattie, alcune delle quali curabili, dallabbandono, dallemarginazione sociale, dalla perdita di relazioni affettive, nonché dalla carenza di esercizio mentale e fisico.

4 Recentemente è stato dimostrato che, accanto a fenomeni di perdita – di cellule e di collegamenti- nel cervello senescente sono conservate capacità riparative e rigenerative. (Plasticità neuronale)

5 Un ambiente stimolante e soprattutto lesercizio aiutano ad evitare le conseguenze negative dellinvecchiamento cerebraleUSALO O LO PERDERAI E possibile invecchiare conservando la propria autonomia

6 Non bisogna sottovalutare i disturbi anche lievi della memoria: lefficacia della cura dipende in buona parte dalla tempestività con cui si interviene

7 La memoria è una delle funzioni più complesse dellattività umana. è la capacità di riprodurre nella propria mente unesperienza precedente; cioè quellinsieme di funzioni localizzate nel cervello che consentono di registrare messaggi o informazioni grazie alla collaborazione degli organi di senso e di rievocarli quando lo desideriamo. I sensi sono essenziali per lacquisizione di nuove informazioni, che poi vengono immagazzinate nella memoria.

8 La memoria è influenzata dalla presenza di malattie (endocrine, infettive, tumori), la cui cura consente un completo recupero della capacità di ricordare. La depressione e lansia costituiscono una causa frequente, potenzialmente reversible, di disturbo della memoria. La depressione e lansia possono essere scatenate o favorite dalla riduzione dei rapporti sociali, dal pensionamento, della perdita di persone care, oppure da condizioni di malattie che limitano lautonomia o provocano dolore

9 Il 6-8% degli over 65 soffre di disturbi progressivi della memoria Spesso è da associare alla Malattia di Alzheimer o alla demenza vascolare. E da sottolineare che il 90% degli anziani non è demente ed ha un cervello in grado di funzionare a patto che lo tenga allenato

10 Le abilità non sfruttate vengono perdute Lefficacia dellesercizio è nota fin dai tempi di Cicerone

11 Per concludere ecco alcuni suggerimenti per conservare una buona memoria Concedersi più tempo, rispetto al passato, per imparare cose nuove; apprendere può richiedere più tempo ed una maggiore concentrazione. Predisporre un ambiente adatto per lapprendimento; la luce deve essere viva; devono essere eventualmente usati occhiali o apparecchi acustici. Se si è incerti circa le informazioni che si sono ricevute, è necessario richiedere che queste vengano ripetute

12 Non aspettarsi di ricordare fatti o nomi velocemente come nella giovinezza. Proporsi di eservitarela memoria facendo mentalmente o ad alta voce brevi riassunti di letture o di trasmissioni televisive, almeno una volta al giorno. Le amnesie talvolta nascondono quello che non si vuol ricordare o che non interessa. Non esiste alcun farmaco miracoloso per la memoria.

13 La demenza è una malattia del cervello che comporta la compromisiione delle funzioni cognitive (quali la memoria, il ragionamento, il linguaggio, la capacità di orientarsi, di svolgere compiti motori complessi) tale da pregiudicare la possibilità di una vita autonoma

14

15 Demenza lieve (1 - 3 anni) Sintomi cognitivi Minimo disorientamento temporale,possibile disorientamento topografico Perdita della memoria, modesta, per eventuali eventi recenti; interferenza attività quotidiane Difficoltà a trovare le parole con la relativa conservazione della capacità di comprensione Difficoltà nellesecuzione di problemi complessi; giudizio sociale adeguato

16 Sintomi non cognitivi Spesso presenti ansia, depressione, negazione di malattia. Talora presenti alterazioni del pensiero (ideazione paranoidea) e della personalità (apatia, irritabilità) Stato funzionale Incapace di compiere indipendentemente le attività lavorative e quelle sociali complesse, ad esclusione di attività facili Lieve ma sensibile compromissione nelle attività della vita domestica; usualmente abbandonati hobbies ed interessi Può richiedere supervisione, facilitazione o minimo aiuto per vestirsi e nelligiene personale Assenza di alterazioni nelle funzioni motorie

17 Demenza moderata (3 – 6) anni Sintomi cognitivi Usualmente disorientamento temporale, spesso nello spazio Perdita della memoria di entità severa: il materiale nuovo è perso rapidamente Difficoltà severa nellesecuzione di problemi complessi; giudizio sociale compromesso Chiaro disturbo del linguaggio Difficoltà nella esecuzione di compiti motori complessi, quali vestirsi (aprassia) Sintomi non cognitivi Accentuazione delle alterazioni comportamentali; spesso presente vagabondaggio, alterazioni delle funzioni vegetative (insonnia, inappetenza)

18 Stato funzionale Nessuna possibilità di attività indipendente fuori casa: può essere portato fuori casa se accompagnato Richiede molta assisytenza per cura personale (vestirsi, igiene); generalmente assente lincontinenza urinaria Necessità di essere stimolato alla cura della propria persona

19 Demenza Grave (2 – 3 Anni) Sintomi cognitivi Perdita della memoria grave: rimangono solo alcuni frammenti Difficoltà nel riconoscere volti o luoghi familiari Residua lorientamento personale Perdita del linguaggio fino a gergo sematico o mutismo Sintomi non cognitivi Spesso presenti comportamenti stereopati (affaticamento, vagabondaggio, vocalizzazione persistente) Talora agitazione, irritabilità, inappetenza, alterazione del ritmo sonno veglia

20 Stato funzionale Non è in grado di uscire di casa nemmeno se accompagnato Completa perdita dellautosufficienza per lavarsi, vestirsi e alimentarsi Incontinenza sfinterica

21 Demenza Severa (1 – 2 anni) Totale incapacità di comunicare, anche in modo non verbale Allettato Incontinente Deve essere alimentato, talora in modo artificiale Talora in stato vegetativo

22 La demenza è una sindrome provocata da un lungo elenco di malattie, alcune molto rare altre molto frequenti. In oltre il 50% dei casi essa è causata dalla malattia di Alzheimer Nel 10% dei casi è dovuta allarteriosclerosi cerebrale (lesioni multiple) Nel 10% dei casi la demenza è dovuta alla contemporanea presenza di Malattia di Alzheimer e lesioni ischemiche /demenza mista)

23 Solo il % delle demenze è guaribile. ATTENZIONE: a volte le conseguenze di una febbre alta o un medicinale sbagliato possono essere scambiate per sintomi di demenza

24 La malattia rappresenta la forma più frequente forma di demenza nei paesi occidentali (50- 60% dei casi)

25 I Fattori di rischio per la malattia di Alzheimer Cause ipotizzate Età della madre alla nascita Mancinismo Fattori ambientali Assenza di storia di fumo di sigaretta Cause Possibili Traumi cranici Malattia cerebrovascolare Sindrome depressiva ad esordio lento Familiarità per il morbo di Parkinson Ipotiroidismo Sesso femminile Mancata assunzione di estroprogestinici o di farmaci anti - infiammatori

26 Cause Accertate ETA Familiarità per demenza o sindrome di Down Scolarità e professione svolta per la maggior parte della vita

27 I Fattori Rischio per la demenza vascolare Età avanzata Sesso maschile Ipertenzione arteriosa Episodi di ipotensione arteriosa Diabete mellito Storia di ictus Malattie cardiache Malattie vascolari periferiche Abuso di alcool Anestesia generale Familiarità per malattie cardiovascolari

28 La prevenzione della demenza e del declino cognitivo nellanziano Controllo dellipertensione arteriosa Estroprogestincici nelle donne in menopausa Uso di acido acetilsalicinico nei soggetti a rischio di ischemia cerebrale Svolgere una regolare attività fisica Mantenere lattività mentale Evitare labuso di alcool Evitare farmaci potenzialmenente dannosi Consumare una dieta ricca di frutta e vegetali Evitare carenze vitaminiche, in particolare vitamine E e vitamine B12 Controllare i disturbi sensoriali (vista, udito) Curare la depressione


Scaricare ppt "LA DEMENZA In Italia. La perdita di numerosi funzioni sia fisiche che mentali sono una conseguenza dellinvecchiamento. (udito, vista, memoria, intelligenza,"

Presentazioni simili


Annunci Google