La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 1 Corso E 32 1° giorno: 5 marzo 2009 Legno fonte energetica e materiale da costruzione PROTEZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 1 Corso E 32 1° giorno: 5 marzo 2009 Legno fonte energetica e materiale da costruzione PROTEZIONE."— Transcript della presentazione:

1 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 1 Corso E 32 1° giorno: 5 marzo 2009 Legno fonte energetica e materiale da costruzione PROTEZIONE ANTINCENDIO Relatore: Ing. Gianbattista Agostini

2 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 2 Legna da ardere (tipologia) legna in pezzitrucioli/segatura bricchette/pelletcippato H 2 O: %; Polvere: media; Alimentazione: manuale; H 2 O: < 10 % Polvere: poca; Alimentazione: manuale/aut. H 2 O: < 20 % Polvere: moltissima; Alimentazione: manuale/aut. H 2 O: % Polvere: molta; Alimentazione: automatica

3 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 3 PELLETCIPPATOTRUCIOLI Installazione se < 20 kW: EI 0 se < 70 kW: EI 30/30 se rischio minimo consentiti altri usi 70 kW: EI 60/EI 30 se < 20 kW: EI 0 se < 70 kW: EI 30/30 se rischio minimo consentiti altri usi 70 kW: EI 60/EI 30 EI 60/EI 30 Vale anche per legna in pezzi

4 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 4 PELLETCIPPATOTRUCIOLI Alimentazione tra deposito e locale caldaia EI 30 con assi di contenimento dispositivi alimentaz. icb con distanza 0.1 m da combustibili; se attraversano altri locali: EI XX o mancette tagliaf. da deposito a scorta ( 2 m 3 ) con sistema pneumatico icb o mancette tagliaf. aggregati idraulici ammessi tra deposito e locale caldaia EI 30 con assi di contenimento dispositivi alimentaz. icb con distanza 0.1 m da combustibili, se attraversano altri locali: EI XX o mancette tagliaf. da deposito a scorta ( 2 m 3 ) con sistema pneumatico icb o mancette tagliaf. aggregati idraulici ammessi dispositivi alimentaz. icb con distanza 0.1 m da combustibili, se attraversano altri locali: EI XX o mancette tagliaf. dispositivi alimentaz. azionabili dallesterno separazione EI 60 da locali deposito con alimentazione manuale niente passaggio diretto

5 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 5 PELLETCIPPATOTRUCIOLI Stoccaggio EI 0 ma separati EI 60 in edifici agricoli con paglia e fieno con convogliatori aut. EI 60/30, eccezione: se appoggiati a parete est. EI 60 solo icb. nel locale caldaia max 10 m 3 con separazione antipolvere contenitori e locali svuotabili tramite aperture EI 30 solo installaz. elettriche per impianto (IP - timer luce - interruttore est.) come per pellet locali sotterranei con apertura 2.5 x 1.5 m diretta allesterno se non possibile svuotare dallalto fare aperture laterali praticabili dallest. ventilazione deposito e locale macchine idrauliche se ventilazione con aria da locale caldaia ci vuole serranda EI 60 motorizzata deposito EI 60 con un lato su parete esterna, o icb se appoggiato a parete est. EI 60 o con distanze 10 m 1 m 2 ogni 20 m 3 in costruzione leggera per sfogo esplosione una parete est. con apertura di sgombero (min. 0.8 x 0.8 m) nessuna conduttura parafulmine totale spegnimento autom. azionabile manualm. da posizione sicura (anche x filtri)

6 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 6 PELLETCIPPATOTRUCIOLI Riempimento no Δp bocchettoni e condotti icb. durante il riempimento pneumatico del deposito, negli impianti con alimentaz. autom., caldaia disattivata come per pellet riempimento diretto da impianto di macinazione non consentito condotte di aspirazione icb con serranda EI 60 (chiusa se fermo) in sili o locali, aperture evacuazione aria EI 30 (chiusa se fermo) 5 m tra sbocco camino e cicloni o filtri locale filtri EI 60/30 con dispositivi per scarico pressione piccoli impianti in falegnameria con contenitore a norma o max 6 sacchi 110 l

7 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 7 Dispositivi antiritorno di fiamma PELLETCIPPATOTRUCIOLI I dispositivi di alimentazione devono essere dotati di dispositivi di protezione contro i ritorni di fiamma in modo da impedire la formazione e la propagazione di incendi tra limpianto di combustione ed il locale di stoccaggio. Devono essere installati due dispositivi di protezione contro i ritorni di fiamma indipendenti luno dallaltro. In caso di ritorni di fiamma limpianto si deve interrompere automaticamente la produzione di calore e far scattare simultaneamente un allarme ben percepibile.

8 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 8 PELLETCIPPATOTRUCIOLI Dispositivi antiritorno di fiamma a)separatore (RSE) del combustibile tipo cassetto, elevatore a tazze, stella, saracinesca, ecc.) - con omologaz. VKF - b)sorveglianza della temperatura (TÜB) sopra alla condotta in corrispondenza delle pareti (> 70 °C) - con omologaz. VKF - a)come misura a) per i pellet (RSE) b)spegnimento (SLE) - con omologaz. VKF - con attivazione term. indipendente da elettricità con aliment. diretta da rete idrica o con serbatoio alimentato automat. quando scende il livello (diametro Ø ½) a)come misura a) per i pellet o cippato (RSE) b)come misura b) per cippato (SLE) Se contenitore ermetico nel locale caldaia di capacità max 2 m 3 : RHE + TÜB nel contenitore

9 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 9 H dello sbocco del camino impianti piccoli Per impianti a legna con P T fino a 70 kW Solo per impianti a gas con P T fino a 40 kW

10 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 10 H dello sbocco del camino impianti medi e grandi Gli impianti a legna con P T > 70 kW devono soddisfare principalmente le seguenti disposizioni : i cappelli sono di regola vietati laltezza dello sbocco del camino deve superare:

11 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 11 RAlt: esempi esplicativi

12 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 12 Privilegiare la velocità despulsione non posare cappelli ma coni (Venturi) scegliere un diametro del camino possibilmente ridotto non sono ammessi collegamenti con altri impianti

13 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 13 Locale caldaia (generale) EI 60 o EI 30 EI 30 max 10 m 3 e legna

14 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 14 Locale caldaia (pellet o cippato) locale EI 60/EI 30 p = 0 deposito EI 60/EI 30

15 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 15 Riempimento pneumatico

16 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 16 Separazione caldaia deposito

17 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 17 Mancette

18 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 18 Deposito trucioli e carica manuale apertura di scarico con coperchio EI 30 locale caldaia EI 60 Estratto da nota esplicativa Impianti a trucioli dellAICAA / VKF

19 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 19 Carica trucioli in tramoggia locale di carica EI 60 (icb) locale caldaia EI 60 (icb) porta EI 30 tramoggia di carica (icb) Estratto da nota esplicativa Impianti a trucioli dellAICAA / VKF

20 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 20 Deposito sotterraneo Estratto da nota esplicativa Impianti a trucioli dellAICAA / VKF

21 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 21 Serranda tagliafuoco

22 Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 22 Contenitore pellet/cippato 2 m 3 Estratto da nota esplicativa Impianti a trucioli dellAICAA / VKF


Scaricare ppt "Protezione antincendio patronato corso 11.1 Diapositiva 1 Corso E 32 1° giorno: 5 marzo 2009 Legno fonte energetica e materiale da costruzione PROTEZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google