La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le modalità di impiego delle Forze dellOrdine. Pianificazione dei servizi per livelli concentrici progressivi è costituito dalle attività di natura preventiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le modalità di impiego delle Forze dellOrdine. Pianificazione dei servizi per livelli concentrici progressivi è costituito dalle attività di natura preventiva."— Transcript della presentazione:

1 Le modalità di impiego delle Forze dellOrdine

2 Pianificazione dei servizi per livelli concentrici progressivi è costituito dalle attività di natura preventiva che si sostanziano nelle vigilanze, ispezioni e bonifiche che devono essere eseguite, con largo anticipo rispetto allinizio dellevento, presso tutti i luoghi interessati, i quali acquistano varia sensibilità in base alle informazioni fornite dalle Questure dei luoghi di partenza e dalle attività svolte dalle Squadre tifoserie delle Digos delle Autorità Provinciali di P.S. interessate. Primo livello Il governo delle manifestazioni LE AUTORITA PROVINCIALI DI P.S. pianificano gli itinerari stradali, ferroviari e cittadini interessati alla presenza di tifosi ed i relativi servizi di osservazione, vigilanza, controllo e tutela dellordine e la sicurezza pubblica, tenendo presente che, ove possibile, essi dovranno essere modulati per evitare momenti di criticità con altre tifoserie in transito o stanziali. IL DELEGATO ALLA SICUREZZA IN SENO AL GOS testa e valuta periodicamente, anche con apposite esercitazioni, il sistema di organizzazione della sicurezza adottato. instaura e mantiene rapporti con i propri omologhi presso le altre società calcistiche, scambiando con gli stessi notizie riguardanti la movimentazione dei sostenitori della squadra; Verifica il numero dei biglietti messi in vendita per la tifoseria ospite; Verifica i sistemi di emissione e distribuzione degli stessi sul territorio nazionale; verifica la reale consistenza numerica dei biglietti venduti sia per i tifosi locali e per gli ospiti e della disponibilità di biglietti da acquistare il giorno dellincontro per settori diversi da quello riservato agli ospiti; Verifica le condizioni di sicurezza dellimpianto e di efficienza ed efficacia dei sistemi e degli apparati.

3 Il Gruppo Operativo Sicurezza Il Gruppo Operativo di Sicurezza costituisce la sede primaria ove devono essere elaborati tutti gli elementi informativi prodromici alla gestione dellevento e, in tale consesso, anche a seguito di sopralluoghi e verifiche, occorre pianificare, in sinergia con tutti gli altri Enti, a vario titolo compartecipi alla gestione, le attività finalizzate a fornire un momento di supporto allAutorità Provinciale. Vigili del Fuoco Delegato alla sicurezza Responsabile del pronto intervento strutturale ed impiantistico allinterno dello stadio Funzionario responsabile del GOS Prono Intervento Sanitario Polizia Municipale Delegato alla sicurezza della squadra ospite Altri Il governo delle manifestazioni in impianti sportivi: organo consultivo del Questore

4 Sicurezza Impianti: Decreto Ministeriale del come mod. dal D.M. 6 giugno 2005 Il G.O.S.: i compiti verifica la predisposizione di tutte le misure organizzative dellevento, anche in relazione ad eventuali prescrizioni imposte, in base alla Check List delle attività da espletare, in occasione dello svolgimento di incontri di calcio vigila sulla corretta attuazione del piano finalizzato al mantenimento delle condizioni di sicurezza adotta le iniziative necessarie a superare contingenti situazioni di criticità ed emergenziali, fatte salve le direttive in materia di ordine e sicurezza pubblica emanate dal Questore della provincia Il G.O.S.: le attività Partecipa ai sopralluoghi della CPV, con propri componenti Elabora le relazioni tecniche sugli impianti per le valutazione di sicurezza Approva il piano finalizzato al mantenimento delle condizioni di sicurezza, redatto dalla società utilizzatrice; dispone gli elenchi nominativi delle persone, diverse dagli spettatori, autorizzate allaccesso allimpianto sportivo e delle mansioni svolte. Esprimere, a richiesta del Questore, parere su esigenza elevazione separatori o presenza combinazioni parapetti e altre misure di sicurezza aggiuntive e perimetrazione con steward; verifica i requisiti soggettivi dei soggetti incaricati, escludendo dall organigramma e dalle conseguenti attività i soggetti privi dei requisiti medesimi e quelli che non diano garanzia di non abusare dello specifico servizio cui sono preposti. Valuta tempi di apertura dei cancelli in maniera adeguata allesecuzione dei servizi di prefiltraggio e filtraggio Prescrive le modalità di utilizzo dei metal detector Valuta le richieste di introduzione/esposizione di striscioni ed altre manifestezioni esteriori pervenute alle società sportive e verifica le procedure autorizzatorie Dallapertura dei cancelli assume anche la funzione di Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione e Centro di gestione delle emergenze Gestione dellordine e della sicurezza pubblica:

5 avere disponibilità, in tempo reale, del numero totale, per settore e per tipologia (abbonamenti/giornalieri/accrediti), dei titoli di accesso distribuiti e venduti o ceduti a titolo gratuito da fornire, a richiesta, alle autorità di pubblica sicurezza; associare a ciascun biglietto venduto o ceduto le generalità dellacquirente o cessionario memorizzando i dati in modo sicuro e protetto. assicurare limmediata disponibilità dei dati relativi allassociazione a ciascun titolo di accesso delle generalità dellacquirente o utente da parte dellautorità giudiziaria o di pubblica sicurezza ed ufficiali di pubblica sicurezza o di polizia giudiziaria espressamente designati. assicurare che nei luoghi in cui sono distribuiti o posti in vendita i titoli di accesso siano affisse apposite avvertenze per gli acquirenti, recanti, in modo leggibile, il regolamento di utilizzo dellimpianto e che, con latto dacquisto, il titolare si è impegnato a prendere visione ed a rispettare tutti i punti dello stesso. Dovrà essere comunque evidenziato: Il possesso del titolo di ingresso valido, con lindicazione corretta dei dati personali, costituirà requisito indispensabile per laccesso degli spettatori allarea di servizio esterna, nonché per la permanenza nella zona spettatori e nello spazio riservato agli spettatori indicato nel titolo stesso. che lutilizzazione del titolo di acquisto comporta laccettazione delle norme del regolamento; che il rispetto di tali norme è condizione indispensabile per laccesso e la permanenza degli spettatori nellimpianto sportivo; che laccesso agli impianti sportivi può comportare la sottoposizione dellinteressato a controlli di prevenzione e sicurezza sulla persona e nelle eventuali borse e contenitori al seguito, finalizzati esclusivamente ad impedire l'introduzione nello stadio di oggetti o sostanze illecite, proibite o suscettibili di indurre o provocare atti di violenza; Obblighi delle società organizzatrici dellevento Decreto Interministeriale del 6 giugno 2005 in materia di ticketing

6 variazione di settore dei tagliandi di ingresso per motivi di ordine e sicurezza pubblica, documentando la determinazione (artt. 2 e 3 DM 6 giugno 2005 sui biglietti) RICHIESTA PARERE DIRIGENTE DEI SERVIZI DI ORDINE E SICUREZZA PUBBLICA La determinazione della capienza dei settori per incontri a rischio (art. 2, co. 2 del DM 6 giugno 2005 sui biglietti) RICHIESTA PARERE GOS Elevazione dei separatori fino a 2,20 m. Realizzazione di tutti e tre gli elementi di separazione ovvero ulteriori misure di sicurezza Perimetrazione della zona di attività sportiva con steward (art. 19 ter del DM 18 marzo 1996 come modificato dal DM 6 giugno 2005) RICHIESTA PARERE GOS PER LA TRATTAZIONE NELLAMBITO DEL C.P.O.S.P. Lapprovazione del sistema di afflusso degli spettatori dai varchi di ingresso dellarea di servizio esterna e dai tornelli Acquisizione del progetto Istruttoria Approvazione con eventuali prescrizioni Trasmissione al C.P.O.S.P. Il governo delle manifestazioni in impianti sportivi Il Questore provvede a: La cura dello scambio informativo, costante e continuo, sia con la Questura che origina la trasferta che quelle interessate agli itinerari percorsi per raggiungere lo stadio; nonché con le specialità polstrada e polfer le quali, a loro volta, assicurano continui contatti operativi con le strutture delle società Autogrill e con lEnte Ferrovie. Richiesta informazioni alle Questure interessate Informazione al C.P.O.S.P. Ordinanza e note preventive Ordinanza di servizio

7 Per urgenti e gravi necessità pubbliche connesse allo svolgimento di manifestazioni sportive, il Prefetto, al fine di tutelare lordine pubblico e la sicurezza pubblica, può disporre, sentito il comitato provinciale per lordine e la sicurezza pubblica integrato per la circostanza da rappresentanti del Ministero per i beni e le attività culturali e del CONI, il differimento dello svolgimento di manifestazioni sportive ad altra data ritenuta idonea, ovvero, in situazioni connotate dalla permanenza del periodo di grave turbativa, il divieto dello svolgimento di manifestazioni sportive per periodi ciascuno di durata non superiore ai 30 giorni. Art. 7 – bis della legge 401/89

8 Pianificazione dei servizi per livelli concentrici progressivi è costituito dai lineamenti operativi da assicurare per laccoglienza e linstradamento delle tifoserie ove occorre, in linea di massima, per il principio della normalizzazione della gestione, prediligere dispositivi che consentano larrivo allo stadio in via quanto più possibile autonoma, utilizzando la viabilità ordinaria. Occorre operare una selezione in base alle informazioni provenienti dalle Questure di partenza e/o dei servizi di scorta in atto delle frange esagitate, o notoriamente turbolente che devono essere dirottate in aree collettore, per un loro giungere allo stadio in sicurezza, mediante lutilizzo di mirati dispositivi e limpegno di percorsi differenziati. Secondo livello Il governo delle manifestazioni in impianti sportivi IL DELEGATO ALLA SICUREZZA IN SENO AL GOS Individuazione di idonee e sufficienti aree di parcheggio separate per le opposte tifoserie e per le varie tipologie di mezzi utilizzati dai tifosi per raggiungere lo stadio; Eventuale predisposizione di brochure informative o diffusione di comunicati stampa per avvisi alla cittadinanza e/o ai tifosi; LE AUTORITA PROVINCIALI DI P.S. Individuazione e allestimento con idonea cartellonistica o provvedimenti di variazione della viabilità ordinaria, di itinerari riservati e separati per le opposte tifoserie; Valutazione delleventuale attivazione dei sistemi di videosorveglianza in ambito cittadino nelle zone interessate alla presenza, al transito ed al trasporto dei tifosi; per movimentazioni non organizzate, la predisposizione di nuclei di osservazione, anche attraverso gli equipaggi preposti al controllo del territorio, ai seguenti punti sensibili: - arterie cittadine costituenti nodi nevralgici per la viabilità urbana in concorso con comandi di Polizia Municipale; - caselli autostradali e stazioni ferroviarie, dintesa con le specialità stradale e polfer.

9 Il piano per il mantenimento delle condizioni di sicurezza Il titolare dellimpianto o complesso sportivo, ovvero, la società utilizzatrice, per gli impianti di capienza superiore ai posti ove si disputino incontri di calcio, sono rispettivamente responsabili del mantenimento delle condizioni di sicurezza. (…) Detti soggetti, per la corretta gestione della sicurezza, devono curare la predisposizione di un piano finalizzato al mantenimento delle condizioni di sicurezza, al rispetto dei divieti, delle limitazioni e delle condizioni di esercizio ed a garantire la sicurezza delle persone in caso di emergenza che tenga conto delle specifiche prescrizioni imposte dalla Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo e deve: disciplinare le attività di controllo per prevenire gli incendi; prevedere listruzione e la formazione del personale addetto alla struttura, comprese le esercitazioni sulluso dei mezzi antincendio e sulle procedure di evacuazione in caso di emergenza; contemplare le informazioni agli spettatori ed agli atleti sulle procedure da seguire in caso di incendio o altra emergenza; garantire il funzionamento, durante le manifestazioni, dei dispositivi di controllo degli spettatori; garantire la perfetta fruibilità e funzionalità delle vie di esodo; garantire la manutenzione e lefficienza dei mezzi e degli impianti antincendio; garantire la manutenzione e lefficienza o la stabilità delle strutture fisse o mobili della zona di attività sportiva e della zona spettatori; garantire la manutenzione e lefficienza degli impianti; contenere lindicazione delle modalità per fornire assistenza e collaborazione ai Vigili del fuoco ed al personale adibito al soccorso in caso di emergenza; prevedere listituzione di un registro dei controlli periodici. In tale registro devono essere annotati anche i dati relativi alla formazione del personale addetto alla struttura. Il registro deve essere mantenuto costantemente aggiornato ed esibito ad ogni richiesta degli organi di vigilanza. Sicurezza Impianti: Decreto Ministeriale del come mod. dal D.M. 6 giugno 2005

10 Comporta la pianificazione di un dispositivo standard di sicurezza e di salvaguardia della pubblica incolumità, da attivare in occasione di ciascun incontro disputato presso limpianto attraverso limpiego di contingenti prestabiliti di Forze di Polizia territoriali e di pronto intervento antisommossa, da un adeguato numero di steward ed altre professionalità tecniche, che permetta di garantire il mantenimento delle condizioni di funzionalità dellimpianto sia per gli aspetti di safety che di security. Terzo livello Pianificazione dei servizi per livelli concentrici progressivi Il governo delle manifestazioni in impianti sportivi Ministero dellInterno FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Dipartimento della P.S. Prefetto e Questore Polizia di Stato Arma dei Carabinieri Guardia di Finanza C.P.V Ministero per le politiche giovanili e le attività sportive CONI Ufficio sicurezza ambientale Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ferrovie dello Stato Autostrade Comuni Polizia Municipale Proprietario degli impianti Lega Nazionale Prdelessionisti A e B Lega Nazionale Dilettanti Lega Professionisti Serie C Giudice Sportivo Ufficio Indagini Giudice Sportivo Ufficio Indagini Giudice Sportivo Ufficio Indagini Organi centraliOrgani periferici Osservatorio GOS CNIMS Sala Unificata Polfer e Polstrada Aziende di trasporto locale Strutture che assicurano lefficienza e lefficacia del dispositivo

11 Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione Il centro deve essere dotato di strumenti idonei per ricevere e trasmettere comunicazioni agli addetti al servizio antincendio su tutte le aree dellimpianto ed allesterno, nonché di impianto di diffusione sonora mediante altoparlanti in modo da consentire la possibilità di diffondere comunicati per il pubblico e apparati ricetrasmittenti in numero congruo per le dotazioni dei rappresentanti delle forze dellordine, dei Vigili del fuoco e degli enti di soccorso sanitario. Allinterno del centro di gestione delle emergenze devono essere custodite le planimetrie dellintera struttura riportanti lubicazione delle vie di uscita, dei mezzi e degli impianti di estinzione e dei locali a rischio specifico, gli schemi funzionali degli impianti tecnici con lindicazione dei dispositivi di arresto, il piano di emergenza, lelenco completo del personale, i numeri telefonici necessari in caso di emergenza, ed ogni altra indicazione necessaria. Sicurezza Impianti: Decreto Ministeriale del come mod. dal D.M. 6 giugno 2005 E un locale con visibilità sullo spazio riservato agli spettatori e sullo spazio di attività sportiva che dovrà ospitare il GOS, individuato al fine di: creare le condizioni ambientali ottimali per il regolare svolgimento dellevento e la tutela dellordine e la sicurezza pubblica (Art. 19 ter lett. a DM ) Coordinare le operazioni da effettuare in situazioni di emergenza (Centro di gestione delle emergenze di cui allart. 19 DM ) Ospitare la Sala controllo monitor del sistema di video sorveglianza interna ed esterna allimpianto che deve avere una capienza adeguata ad ospitare lapparato di regia ed il personale tecnico adibito alla sua gestione (Art. 1 DM sulla videosorveglianza)

12 Gruppo Operativo Sicurezza I servizi degli steward sono svolti la direzione ed il controllo del Delegato alla sicurezza e sotto la vigilanza del responsabile del Gruppo Operativo Sicurezza, di seguito denominato G.O.S., nominato ai sensi dellarticolo 19-ter del decreto del Ministro dellinterno del 18 marzo 1996, concernente Norme di sicurezza per la costruzione e lesercizio di impianti sportivi, come successivamente modificato ed integrato, nonché degli ufficiali di pubblica sicurezza designati dal Questore con propria ordinanza, i quali assicurano gli interventi che richiedono lesercizio di pubbliche potestà o limpiego di appartenenti alle Forze di polizia Organigramma di impiego del personale Gruppo Operativo Sicurezza Centro per la Sicurezza dellevento Personale delle Forze di Polizia Capo Unità e steward Personale delle Forze di Polizia Capo Unità e steward Funzionario responsabile del GOS Direttore del servizio OP Delegato alla Sicurezza Capo degli Steward Funzionari designati con ordinanza del Questore Responsabili di Funzione Funzionari designati dal Dirigente del servizio OP Coordinatore idem Training top level Basic Training Level First Training Level La gestione delle manifestazioni in impianti sportivi

13 Prima della gara Gestione delle manifestazioni in impianti sportivi Presso lo stadio, verrà attivato il Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione sportiva dove siederanno il GOS e il Dirigente del Servizio di OP, oltre al personale che opera utilizzando le tecnologie di controllo dellimpianto. Questi attori, per tutta la durata di apertura al pubblico dellimpianto, lasceranno solo eccezionalmente, e comunque temporaneamente, il Centro per raggiungere altri settori dello stadio. Il Funzionario responsabile del GOS, ovvero lo stesso Dirigente del servizio qualora rivesta anche tale incarico, riunirà tutti i componenti di tale organismo per analizzare collegialmente le problematiche legate allevento sportivo, le esigenze o fatti di rilievo, le conseguenti determinazioni adottate e delle relative incombenze cui dare attuazione. In tale circostanza saranno definiti operativamente, tra laltro, i compiti specifici da affidare agli steward (es.: uso dei metaldetector, perimetrazione del campo, divisione interna dei settori, ecc.) Tali informazioni, determinazioni e relative incombenze sono comunicate dai componenti il Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione sportiva per via gerarchica, ciascuno al proprio personale. Il Responsabile del GOS ed il Dirigente del servizio, sulla base delle direttive impartite dal questore con lordinanza, attuerà il piano operativo dei servizi di O.P., e, da questo momento, dirigeranno, coordineranno e controlleranno i servizi delle Forze di Polizia allinterno ed allesterno stadio avvalendosi direttamente dei Funzionari, Ufficiali ed agenti posti a sua disposizione, vigilando sullattuazione dei Piani di impiego degli steward. Analogamente, il Delegato alla sicurezza, sulla base dei Piani di impiego precedentemente approvati dal GOS, da questo momento dirigerà, coordinerà e controllerà i servizi degli steward avvalendosi direttamente dei Responsabili di Funzione e del personale che, attraverso essi, opera alle sue dipendenze (Coordinatori, Capo Unità, Steward). In Questura, tutti i dirigenti ed i funzionari impiegati nei servizi, compresi quelli dei reparti mobili ed i rappresentanti delle altre forze di polizia inviate di rinforzo, nonché gli specialisti di cui si intenderà avvalersi (unità cinofile, elicotteristi ecc.), parteciperanno al tavolo tecnico del questore, finalizzato tra laltro a conseguire il coinvolgimento e la consapevolezza operativa di tutto il personale. Nella circostanza, dovrà essere illustrata ai reparti non territoriali la toponomastica della città, con particolare riferimento agli itinerari seguiti dai tifosi per lafflusso allo stadio ed il deflusso dalla città.

14 Prima della gara Gestione delle manifestazioni in impianti sportivi Presso lo stadio, tutti i funzionari, Ufficiali ed Agenti delle Forze di Polizia nonché i Responsabili di Funzione, Coordinatori, Capi Unità e steward, gli specialisti e i tecnici parteciperanno a briefings operativi di settore nel corso dei quali verranno condivise informazioni, determinazioni e relative incombenze disposte dal Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione sportiva. Tutto il personale, darà attuazione ai rispettivi piani di impiego raggiungendo le località, aree e settori di servizio presso cui svolgerà le attività preventive di ispezione, bonifica e verifica, segnalando e risolvendo qualsiasi anomalia, richiedendo, se del caso, lintervento dei soggetti competenti. Al termine di tali attività, ciascuno raggiungerà le postazioni di servizio loro assegnate dandone comunicazione, per via gerarchica, al Centro. Il Delegato alla Sicurezza, accertato che tutti gli steward, presa visione dei compiti e delle procedure di competenza, verifica lelenco nominativo, corredato di sigle radio ed utenze telefoniche, dei Responsabili di funzione e dei coordinatori. Analogamente procederà il Responsabile del GOS ed il Dirigente dei servizi O.P. in riferimento ai Funzionari e Capi squadra delle Forze di Polizia posti a loro disposizione per i servizio allinterno ed allesterno dellimpianto. Solo quando tali operazioni si saranno positivamente concluse, saranno attivati i dispositivi ed i sistemi di accesso, nonché le relative attività di sicurezza e controllo e limpianto sarà aperto al pubblico. In ambito cittadino, tutti i funzionari ed il personale impiegato, compresi quelli dei reparti mobili ed i rappresentanti delle altre forze di polizia inviate di rinforzo, nonché gli specialisti daranno attuazione alle misure ed i servizi preventivi disposti dal Questore con propria ordinanza, mantenendo stretti e tempestivi contatti con il Dirigente del Servizio O.P., che siede presso il Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione sportiva dello stadio, per la segnalazione di ogni rilievo.

15 Gestione delle manifestazioni in impianti sportivi Il Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione sportiva assicura la circolazione interna delle notizie ed informazioni provenienti dai canali a ciascun componente riservati, nonché la celere e univoca diramazione ai soggetti dipendenti addetti alla sicurezza, delle informazioni e/o disposizioni necessarie per il buon svolgimento dellevento sportivo, in relazione alle indicazioni ricevute dal Responsabile del GOS. Questultimo in caso di indicazioni su diverse modalità di svolgimento dei servizi, avrà cura di specificare eventuali variazioni gerarchiche ed i collegamenti operativi che richiedono collaborazione e/o operatività congiunta, al fine delle opportune integrazioni con i servizi di ordine e sicurezza pubblica,. I responsabili di Funzione – assicurando il raccordo e lesatta attivazione delle procedure proprie dello loro specifiche funzioni per le attività di sicurezza pubblica (controllo varchi area riservata ed area di massima sicurezza, controllo aree parcheggio, separazione tra settori, osservazione e controllo interno settori e dal perimetro del terreno di giuoco, ecc.) e per gli aspetti di incolumità pubblica (antincendio, soccorso pubblico e sanitario, procedure emergenziali ed evacuazione impianto, ecc.) - riferiscono e prendono disposizioni direttamente dal Delegato alla Sicurezza dandone comunicazione ai Coordinatori dei settori interessati. Si relazionano e collaborano costantemente con i Funzionari di P.S. designati dal Questore con propria ordinanza di servizio. I coordinatori – assicurando, nei settori dellimpianto a cui sono addetti, lattivazione e la supervisione delle procedure connesse agli specifici aspetti di sicurezza e incolumità pubblica e lassolvimento dei connessi compiti da parte degli steward attraverso il coordinamento dellattività di più Capi squadra, addetti allo stesso settore dellimpianto pur se a diverse funzioni - riferiscono e prendono disposizioni direttamente dai competenti Responsabili di Funzione dandone comunicazione ai Capi Unità dei settori interessati. Si relazionano e collaborano costantemente con i Funzionari di P.S. designati dal Dirigente del servizio O.P.. I Capi unità - individuati dal Delegato alla Sicurezza su parere conforme del G.O.S. – nel garantire una capillare funzione di direzione e controllo degli addetti alla sicurezza, sovrintendono le attività di più Steward (massimo 20), addetti, nello stesso settore dellimpianto, a identiche funzioni, fungendo da diretti referenti dei Coordinatori di riferimento (ad un unico capo squadra possono fare riferimento più postazioni nel caso che le stesse siano poste ad una distanza tale da consentire unagevole comunicazione orale). Si relazionano e collaborano costantemente con gli Ufficiali di P.S. e P.G. designati allo specifico settore di attività. Riferiscono e prendono disposizioni dai Coordinatori dandone comunicazione alle loro unità. Per tutta la durata di apertura al pubblico dellimpianto:

16 Durante lo svolgimento dellevento ed in corso di attuazione del dispositivo di sicurezza si possono verificare criticità, non prevedibili ed ipotizzabili, che devono essere da chiunque le rilevi tempestivamente e puntualmente riferite, soprattutto se richiedono valutazioni di ordine superiore o di altri soggetti/enti/organismi o lassolvimento di pubbliche funzioni. Se tali criticità, da un punto di vista operativo non possono essere soddisfatte con il modello flessibile di intervento delineato, si può far ricorso ai riferimenti normativi ed ordinamentali che prevedono la possibilità di valutare la temporanea o definitiva sospensione dellavvio o della disputa della gara: qualora gravi incidenti si verifichino, sia pure allesterno o lontano dallimpianto sportivo, valutato che, il reiterarsi degli stessi allinterno della struttura può esporre a rischio gli spettatori, gli atleti, gli addetti allo svolgimento della gara e gli appartenenti alle forze di polizia; nel caso di perdurante esposizione di striscioni, cartelli, emblemi o simboli non consentiti; a seguito dellaccensione o lancio di fumoni e/o petardi; per il verificarsi di incidenti allinterno dellimpianto. In tali evenienze, risulterà fondamentale: che lordine sia impartito dal Dirigente del servizio di O.P., secondo le procedure indicate dalla FIGC, agli organi sportivi (ovvero allarbitro, anche per il tramite del quarto ufficiale di gara o dellassistente dellarbitro) di non iniziare o sospendere la gara. che le procedure siano puntualmente partecipate agli spettatori attraverso i sistemi di diffusione sonora dellimpianto, tramite lintervento diretto degli steward e degli altri operatori dislocati nellarea, avendo cura di non creare nei confronti della folla in movimento ulteriori situazioni di panico. Che venga data puntale attuazione del piano di emergenza per il deflusso degli spettatori, da realizzarsi in ogni stadio, a cui sono preposti gli addetti alla sicurezza dellimpianto nonché tutte le amministrazioni presenti nellambito del centro per la gestione della sicurezza. Anche in caso di disordini, giova ricordare che gli interventi dissuasivi e luso dei mezzi di coazione devono rappresentare un rimedio estremo per fronteggiare situazioni non altrimenti gestibili. Insorgenza di criticità Riferimenti: Circ. n. 555/OP/2192/2004/CNIMS del 10 settembre 2004 Circ. n. 555/OP/1095/2005/CNIMS del 14 aprile 2005

17 Gestione delle manifestazioni in impianti sportivi I Capi Unità rilevano, annotano e segnalano ai Coordinatori, le eventuali variazioni avvenute sullassetto di sicurezza consegnando loro la documentazione, debitamente compilata, relativa alle attività svolte in materia di custodia degli oggetti e materiali lasciati in consegna, lindirizzamento e lassistenza alle persone diverse dagli spettatori, violazioni al regolamento duso dellimpianto. I Coordinatori raccolgono la documentazione, le annotazioni e le segnalazioni dei Capi Unità che da loro dipendono e la consegnano ai competenti Responsabili di Funzione relazionando sulle attività svolte, sui rilievi e le eventuali variazioni avvenute sullassetto di sicurezza I Responsabili di Funzione raccolgono la documentazione, le annotazioni e le segnalazioni dei coordinatori annotando i rilievi di verifica con esito negativo nellapposito registro, con indicazione della data di ogni verifica, dei riscontri specifici e delle segnalazioni dintervento e relazionano al Delegato alla sicurezza e rilevano, sullattività svolta, le eventuali variazioni avvenute sullassetto di sicurezza ed i conseguenti provvedimenti presi e da prendere. Allo stesso consegnano peraltro la documentazione, debitamente compilata, relativa alle contravvenzioni al regolamento duso dellimpianto. Analoga attività verrà svolta, per via gerarchica, dalle Forze dellOrdine, del Servizio sanitario, dei Vigili del Fuoco e della Polizia Municipale rappresentate nel GOS. Presso il Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione sportiva il Responsabile del GOS: raccoglierà tutta la documentazione relativa ai rilievi di ordine, sicurezza ed incolumità pubblica registrate allinterno ed allesterno dellimpianto in occasione della manifestazione sportiva nonché quella relativa alle contravvenzioni al regolamento duso dellimpianto registrate dagli steward per il successivo inoltro alla Prefettura; Presiederà un de – briefing del GOS per fare un punto di situazione dellattività svolta e da svolgere, a seguito dellultima gara ed in previsione della successiva; Prenderà contatti unitamente al Delegato alla Sicurezza con il delegato dellufficio indagini della Federcalcio per confrontarsi sui fatti accaduti allinterno ed allesterno dello stadio. Dopo lincontro


Scaricare ppt "Le modalità di impiego delle Forze dellOrdine. Pianificazione dei servizi per livelli concentrici progressivi è costituito dalle attività di natura preventiva."

Presentazioni simili


Annunci Google