La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 RAZIONALITA LIMITATA INCERTEZZA FABBISOGNO INFORMATIVO SEMPLIFICAZIONI COGNITIVE E AZIONI COLLETTIVE SISTEMA INFORMATIVO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 RAZIONALITA LIMITATA INCERTEZZA FABBISOGNO INFORMATIVO SEMPLIFICAZIONI COGNITIVE E AZIONI COLLETTIVE SISTEMA INFORMATIVO."— Transcript della presentazione:

1 1 RAZIONALITA LIMITATA INCERTEZZA FABBISOGNO INFORMATIVO SEMPLIFICAZIONI COGNITIVE E AZIONI COLLETTIVE SISTEMA INFORMATIVO

2 2 PROCESSO DI GESTIONE DEL FLUSSO INFORMATIVO Informazioni – Decisione - Comportamento Attività: Raccolta Elaborazione Trasmissione o Comunicazione Vincoli: Attenzione Memoria Comprensione Comunicazione overload informativo

3 3 Razionalità la selezione delle alternative di comportamento preferite in rapporto ad un sistema di valori in base ai quali sia possibile valutare le conseguenze di un comportamento. Simon, Razionalità ottimizzante 2.Razionalità limitata Razionalità de-limitata Limiti: Livello informativo Livello inconscio Livello sociale 1.Soluzioni ottimali 2.Soluzioni soddisfacenti

4 4 Razionalità de-limitata Incertezza sussiste quando non si è in grado di assegnare alle conseguenze delle proprie azioni una precisa probabilità di accadimento e dunque la scelta diventa un problema. INCERTEZZAINCERTEZZA Problemi non strutturati Problemi semistrutturati Problemi strutturati Problemi strutturati: ben definiti, con confini chiari, con un numero finito di potenziali alternative per risolverlo, con ununica soluzione Problemi non strutturati: non chiaramente definiti, con più di una soluzione

5 5 Incertezza è definita dalla differenza fra il volume di informazioni necessarie per svolgere unattività e il volume di informazioni già possedute da un individuo. Incertezza Fabbisogno informativo Processo di ricerca Conoscenza Per fronteggiare lincertezza Semplificazioni cognitive: conoscenza minima, semplificazione e riduzione delle informazioni necessarie Attivazione di azioni collettive: aumento della quantità di informazioni e conoscenza disponibile

6 6 1. LE SEMPLIFICAZIONI COGNITIVE Elaborazione: selezione di una delle tante prospettive che si potrebbero adottare per comprendere il problema. Scomposizione: divisione di un problema complesso in tanti sottoproblemi più semplici che si affrontano uno per volta. Eurisma: regole mentali e comportamentali apprese dalla propria esperienza o acquisite mediante il contatto con altri.

7 7 1. LE SEMPLIFICAZIONI COGNITIVE Metodo di ricerca che consente di risparmiare risorse di analisi Si stima la probabilità che un evento si verifichi o che una persona si comporti in un certo modo Inducono a trarre delle conclusioni sulla probabilità di accadimenti futuri in base solo alle informazioni immediatamente disponibili Forniscono un punto di riferimento da cui partire per affrontare un problema

8 8 Effetto framing Distorsione Distorsione: Una volta adottato un punto di vista o frame su un problema si perde la capacità di vederne altri, e questo può generare rigidità e conflitti Adozione di un particolare punto di vista che esclude gli altri provocando distorsioni nelle scelte 1. LE SEMPLIFICAZIONI COGNITIVE Frames diversi Stili cognitivi diversi Incapacità di vedere aspetti nuovi della realtà Difficoltà di comprensione e conflitti tra attori con schemi cognitivi diversi

9 9 2. AZIONI COLLETTIVE Una somma di competenze individuali che produce una competenza collettiva Lunità di analisi elementare Attore organizzativo Individui o gruppi di individui caratterizzati da percezioni omogenee in relazione al problema sotto esame Individui Gruppi di interesse o unità organizzative Azienda Network

10 10 Gli attori fronteggiano lincertezza ed il fabbisogno informativo che ne discende attraverso: Semplificazioni cognitive Azioni collettive Processi organizzativi essenziali alla base del comportamento organizzativo: 1.Processi di sense making, con cui si assegna un significato ai problemi e agli eventi che si osservano 2.Processi di decision making, che servono a scegliere il comportamento da adottare 3.Processi di apprendimento, con cui si valuta se il risultato del proprio comportamento ha prodotto gli esiti desiderati

11 11 Unorganizzazione rappresenta un efficace e diffuso mezzo per acquisire, elaborare e trasmettere un numero elevato di informazioni e si rileva in grado di affrontare, mediante i processi di sense making, di decision making, e di apprendimento che ne discendono, un grado di incertezza superiore a quello dei singoli individui che la compongono.

12 12 Divisione del lavoro genera fabbisogno Coordinamento Interdipendenza Informativa tra i diversi attori crea Sistemi Informativi


Scaricare ppt "1 RAZIONALITA LIMITATA INCERTEZZA FABBISOGNO INFORMATIVO SEMPLIFICAZIONI COGNITIVE E AZIONI COLLETTIVE SISTEMA INFORMATIVO."

Presentazioni simili


Annunci Google