La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I.T.I.S. G. GALILEI- Roma 13-11-2013 Adriana Lanza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I.T.I.S. G. GALILEI- Roma 13-11-2013 Adriana Lanza."— Transcript della presentazione:

1 I.T.I.S. G. GALILEI- Roma Adriana Lanza

2 La scelta di un riferimento comune per i criteri di valutazione della prova di Matematica agli Esami di Stato, con la sperimentazione di una griglia condivisa a livello nazionale, è uno degli aspetti più innovativi del PNM La proposta, accolta favorevolmente da molti docenti, risponde allesigenza di: garantire luniformità di giudizio tra le commissioni superare lisolamento e lindividualismo contribuire al dibattito, sempre attuale, su quella cultura della valutazione che non trascura lattenzione ai processi di insegnamento-apprendimento

3 ADESIONE ALLA GRIGLIA NAZIONALE La crescita di adesioni tra il primo e il secondo anno è frutto del lavoro di organizzazione e diffusione del Progetto, grazie anche alla collaborazione dei referenti regionali. La griglia ha inoltre subito alcune lievi modifiche in base ai suggerimenti dei gruppi di lavoro nellambito dei seminari. Il terzo anno ha visto invece una fase di > Il numero dei Sì è cresciuto dal 30% circa del 2011, al 54% del 2013

4 La griglia, attualmente diffusa tramite il sito Matmedia.it, utilizzata nelle tre ultime sessioni desame La griglia

5 I pesi, fissati a livello nazionale,sono verbalizzati prima della prova e resi noti subito dopo il suo svolgimento INDICATORI E PUNTEGGI MASSIMI I criteri per la valutazione, gli indicatori corredati da descrittori, sono: Conoscenze Capacità logiche e argomentative Correttezza e chiarezza degli svolgimenti Completezza

6 La seguente tabella di conversione traduce il punteggio conseguito dal candidato nel voto espresso in quindicesimi La tabella di conversione Al problema e ai 5 quesiti è riconosciuta pari dignità. La sufficienza corrisponde alla fascia Il voto di 15/15 corrisponde alla fascia

7 I giudizi corrispondenti ai Sì La griglia è considerata molto/abbastanza agevole, completa e utile Lattributo Agevole è quello che suscita minore entusiasmo

8 Le risposte alla domanda : NO Perché? I commissari che si sono espressi per il No sono invitati a motivare la propria decisione, scegliendo la risposta tra: Non condivido gli indicatori Non condivido i pesi Non condivido la tabella di conversione Altro Rispetto ai risultati del 2012 si nota un aumento dei Non condivido gli indicatori e Non condivido i pesi rispetto ai non condivido la tabella di conversione La maggioranza ha scelto Altro

9 I commenti che affiancano il No I commenti forniscono la chiave di lettura dei precedenti risultati statistici relativi alle motivazioni del No I giudizi si riferiscono alla struttura della griglia e allattribuzione dei punteggi Le motivazioni indicate con Altro assumono una precisa connotazione I commenti evidenziano: Motivi di opportunità: si condivide la scelta del Consiglio di classe 70% Motivi di praticità: si preferisce una griglia familiare e collaudata 20% Cause di forza maggiore: la griglia non era nota alla Commissione o non è pervenuta in tempi utili 10%

10 OSSERVAZIONI Da una prima analisi, tra le motivazioni del No alla griglia nazionale, sembravano prevalere le ragioni estranee alla struttura della griglia o ai parametri di valutazione La lettura dei commenti però suggerisce unaltra chiave interpretativa La maggioranza delle motivazioni del No in effetti corrisponde al No dei Consigli di classe, ovvero dei dipartimenti di matematica dei vari istituti scolastici E ragionevole supporre, per una sorta di autosimilarità, che tali scelte dipendano dalle stesse perplessità emerse dai commenti del questionario

11 Per continuare lesperienza di valutazione condivisa è necessario ancora un lavoro di sperimentazione riflessione scelta consapevole Le critiche,rivolte ad alcuni aspetti peculiari della griglia, non possono essere trascurate

12 CARATTERISTICHE DELLA GRIGLIA Analizziamo la struttura della griglia e i parametri di valutazione per evidenziarne i punti di forza e di debolezza e per osservare quale influenza può avere sulle prestazioni degli studenti

13 Criticità Lassegnazione non motivata dei punteggi massimi può generare una certa diffidenza La difficoltà nellinterpretazione può andare a scapito delloggettività e delluniformità di giudizio La non completa indipendenza degli indicatori rischia di premiare due volte i risultati positivi e penalizzare doppiamente gli errori Punti di forza: Il ventaglio abbastanza ampio dei descrittori li rende flessibili e adatti alla varietà dei contenuti delle prove e dei percorsi didattici nonché alla diversità delle risposte degli studenti La condivisione dei pesi, da parte dei commissari desame, favorisce, prima ancora delluniformità di giudizio nella valutazione dellelaborato, lomogeneità nellinterpretazione del testo e nellindividuazione degli obiettivi cognitivi da privilegiare INDICATORI E PUNTEGGI MASSIMI

14 Diamo un significato alle scelte dei pesi rileggendo le tracce con attenzione

15 La traccia

16

17 PROBLEMA 1-Indirizzo di Ordinamento- PROBLEMA 1-PNI-Brocca Il problema dellindirizzo di Ordinamento mira a valutare soprattutto la piena conoscenza e comprensione di alcuni concetti di Analisi,quello del PNI la capacità di utilizzare dati e informazioni provenienti dalla lettura di un grafico. In entrambi i problemi si dà maggiore rilievo alle conoscenze e alle capacità logico-argomentative (lo svolgimento non è eccessivamente lungo né particolarmente complesso,le risposte si basano su deduzioni e inferenze,non sono richieste particolari abilità di calcolo)

18 Quesito 3 comune ai 2 indirizzi Si considerino, nel piano cartesiano, i punti A = (2, - 1) e B = (-6;-8). Si determini lequazione della retta passante per B e avente distanza massima da A. I 6 punti assegnati alle capacità logico- argomentative, con evidente riferimento alla scelta di procedure ottimali, contro i 3 punti assegnati alla correttezza dei calcoli, è un chiaro invito a valorizzare le soluzioni a carattere sintetico piuttosto che quelle analitiche. Soluzione

19 Quesito 5 Indirizzo di Ordinamento- Quesito 5 -PNI-Brocca 5. ORD:In un libro si legge: Due valigie della stessa forma sembrano quasi uguali, quanto a capacità, quando differiscono di poco le dimensioni lineari: non sembra che le persone si rendano ben conto che ad un aumento delle dimensioni lineari (lunghezza, larghezza, altezza) del 10% (o del 20% o del 25%) corrisponde un aumento di capacità (volume) di circa il 33% ( oppure 75% o 100%: raddoppio) E così? Si motivi esaurientemente la risposta. 5.PNI :In un libro si legge: se per la dilatazione corrispondente a un certo aumento della temperatura un corpo si allunga ( in tutte le direzioni) di una certa percentuale (p.es. 0,38%), esso si accresce in volume in proporzione tripla ( cioè dell1,14%), mentre la sua superficie si accresce in proporzione doppia (cioè di 0,76%). Ecosì?Giustifica la tua risposta

20 I due testi presentano una forte analogia ma la griglia di valutazione evidenzia una certa differenza, assegnando 7 punti alle capacità logico-argomentative nel primo e 8 nel secondo. Il quesito dellOrdinamento, con il riferimento esplicito alle valigie, è in grado di orientare subito lo studente verso il calcolo del volume di un parallelepipedo mentre quello del PNI esige un maggiore impegno nella modellizzazione matematica e quindi nella scelta della strategia risolutiva.

21 Quesito 10 Ordinamento,Quesito 9 Indirizzo PNI-Brocca Se la figura a lato rappresenta il grafico di, f(x) quale dei seguenti potrebbe essere il grafico di f(x)? A B C D 9.Tre amici discutono animatamente di numeri reali. Anna afferma che sia i numeri razionali che gli irrazionali sono infiniti e dunque i razionali sono tanti quanti gli irrazionali. Paolo sostiene che gli irrazionali costituiscono dei casi eccezionali, la maggior parte dei numeri reali sono razionali. Luisa afferma,invece, il contrario: sia i numeri razionali che gli irrazionali sono infiniti, ma esistono più numeri irrazionali che razionali. Chi ha ragione? Si motivi esaurientemente la risposta. I punteggi, in ciascuno di questi quesiti, sono assegnati solo ai primi due indicatori E evidente che per questi quesiti la valutazione delle conoscenze e delle capacità argomentative non può prescindere dalla correttezza e dalla chiarezza della risposta. Si suggerisce inoltre di non prendere in considerazione la completezza in quanto non sono significative le risposte parziali.

22 Criticità Troppo permissiva nei confronti di elaborati svolti in modo corretto ma molto frammentario Fasce troppo ampie nella conversione dei punteggi alti Non adatta a valorizzare le eccellenze Punti di forza: Assegna la sufficienza a chi consegue la metà del punteggio globale Supera la logica dell > La tabella di conversione

23

24 Eventuale relazione tra gli esiti delle prove e lutilizzo o meno della griglia nazionale Le tabelle seguenti permettono un confronto tra gli esiti delle prove dei candidati valutati dai commissari che hanno adottato la griglia nazionale e gli esiti relativi ad altri strumenti di valutazione

25 Nellindirizzo di ordinamento la distribuzione condizionata al Sì, sia rispetto alla distribuzione marginale dei totali, sia rispetto alla distribuzione condizionata al No, presenta un lieve aumento nella percentuale degli > e una lieve diminuzione della percentuale degli insufficienti Nellindirizzo PNI-Brocca le differenze non sembrano significative

26 Un risultato analogo è stato osservato negli anni precedenti

27

28 I commenti sulla griglia La griglia è giudicata troppo articolata (analitica), di poco agevole utilizzo, poco flessibile. >

29 I I I punteggi > > Il carattere troppo analitico,giudicato negativo nella struttura della griglia, è invece visto come necessario per lattribuzione dei punteggi

30 La distribuzione dei punteggi > Lattribuzione dei punteggi mediante indicatori e la scelta di pesi dipendenti dalla specificità della traccia non sono sufficienti a superare la tendenza ad una valutazione di tipo quantitativo? >

31 ALTRI COMMENTI > <<… credo che in qualche modo nella griglia di valutazione si debba tener conto del fatto che non sempre si riesce a completare il programma e quindi si dovrebbe dare un peso all'andamento della prova nei confronti della media della classe >>

32 Troppo tempo! >

33 Troppo tempo? La griglia di Matmedia è davvero eccessivamente laboriosa? È proprio tempo sprecato quello che si dedica alla valutazione attenta e consapevole di un elaborato ?

34 Grazie dellattenzione Adriana Lanza


Scaricare ppt "I.T.I.S. G. GALILEI- Roma 13-11-2013 Adriana Lanza."

Presentazioni simili


Annunci Google