La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università di Pisa Facoltà di Lettere e Filosofia Scuola dei Master Master in Comunicazione Pubblica e Politica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università di Pisa Facoltà di Lettere e Filosofia Scuola dei Master Master in Comunicazione Pubblica e Politica."— Transcript della presentazione:

1 Università di Pisa Facoltà di Lettere e Filosofia Scuola dei Master Master in Comunicazione Pubblica e Politica

2 Comune di X Piano di comunicazione 2009/2014 per il potenziamento del sistema di raccolta differenziata dei R.S.U.

3 Il nostro comune comprende: Capoluogo Abitanti: 4062 Frazione 1 Abitanti:516 Frazione 2 Abitanti:187 Frazione 3 Abitanti:358 Frazione 4 Abitanti:122 Frazione 5 Abitanti:439 TOTALE: 5684 abitanti

4 Premessa Miglioramento del processo di comunicazione esterna: opportunità di informare cittadini e istituzioni. Miglioramento del processo di comunicazione esterna: opportunità di informare cittadini e istituzioni. Miglioramento comunicazione interna: opportunità di far conoscere ai dipendenti strategie aziendali e attività di comunicazione rivolte ai pubblici esterni. Miglioramento comunicazione interna: opportunità di far conoscere ai dipendenti strategie aziendali e attività di comunicazione rivolte ai pubblici esterni. C O M U N I C A Z I O N E I N T E G R A T A

5 Il piano di comunicazione propone Un sistema di comunicazione come patrimonio culturale dellEnte Un sistema di comunicazione come patrimonio culturale dellEnte Individuare chi deve fare tale funzione Individuare chi deve fare tale funzione Individuare obiettivi strategici, mezzi, tempi e costi attività Individuare obiettivi strategici, mezzi, tempi e costi attività Procedere a verifiche periodiche per interventi correttivi Procedere a verifiche periodiche per interventi correttivi

6 Comunicazione gestita da URP, Ufficio Stampa, Uffici SISTEMA DELLA COMUNICAZIONE URPUfficio StampaUffici - gestisce vari strumenti di comunicazione; - promuove ladozione di sistemi di comunicazione interna; - gestisce le campagne di comunicazione di particolare impatto sulla cittadinanza e di interesse strategico - gestisce i rapporti con gli organi di informazione; - prepara ed emette comunicati stampa; - organizza conferenze stampa; - ogni ufficio gestisce la propria attività comunicativa seguendo procedure e standard in grado di garantire una comunicazione coerente e costante che possa far emergere un percorso ed una immagine comunicativa riconducibile allente istituzionale nel suo complesso; - gli uffici gestiscono la propria comunicazione utilizzando strumenti propri e strumenti gestiti dallUrp e dallUfficio Stampa.

7 Il sistema di raccolta rifiuti si basa su Disponibilità di impianti adeguati al recupero e trattamento materiale Disponibilità di impianti adeguati al recupero e trattamento materiale Organizzazione raccolte Organizzazione raccolte Comportamenti corretti cittadino (presupposto base) Comportamenti corretti cittadino (presupposto base)

8 Il Comune deve Promuovere cultura ambientale Promuovere cultura ambientale Promuovere comportamenti responsabili fra le nuove generazioni nei confronti dellambiente Promuovere comportamenti responsabili fra le nuove generazioni nei confronti dellambiente Creare sinergie tra gli altri attori sociali (altri enti, scuole, imprese…) che si occupano di ambiente e rifiuti Creare sinergie tra gli altri attori sociali (altri enti, scuole, imprese…) che si occupano di ambiente e rifiuti Accrescere la sensibilità ambientale ed il riciclo per aumentare la quota di raccolta differenziata Accrescere la sensibilità ambientale ed il riciclo per aumentare la quota di raccolta differenziata

9 Dlgs 22/97 - Decreto Ronchi definisce che la gestione dei rifiuti è Attività di pubblico interesse (art.2 comma 1) Attività di pubblico interesse (art.2 comma 1) si conforma ai principi di responsabilizzazione e cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nellutilizzo e nel consumo dei beni da cui originano i rifiuti (art.2 comma 3) si conforma ai principi di responsabilizzazione e cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nellutilizzo e nel consumo dei beni da cui originano i rifiuti (art.2 comma 3) qualsiasi sostanza od oggetto [...] di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia lobbligo di disfarsi (art.6 comma 1) qualsiasi sostanza od oggetto [...] di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia lobbligo di disfarsi (art.6 comma 1) la determinazione del consenso sociale intorno agli specifici processi attuativi che si pongono in essere, unitamente allattivazione di unefficace comunicazione bidirezionale con le entità coinvolte sul territorio la determinazione del consenso sociale intorno agli specifici processi attuativi che si pongono in essere, unitamente allattivazione di unefficace comunicazione bidirezionale con le entità coinvolte sul territorio

10 Analisi dello scenario utenti che dichiarano di conoscere il servizio

11 Analisi dello scenario/2 Carenza informazione su raccolta differenziata Carenza informazione su raccolta differenziata Esistenza di servizi di igiene pubblica Esistenza di servizi di igiene pubblica Presenza di diversi attori economici come esercizi commerciali, servizi ricettivi per il turismo favorevoli o meno alla raccolta Presenza di diversi attori economici come esercizi commerciali, servizi ricettivi per il turismo favorevoli o meno alla raccolta Presenza dei media, dei pubblici favorevoli o meno e del pubblico in generale Presenza dei media, dei pubblici favorevoli o meno e del pubblico in generale

12 LE QUATTRO FASI PRIMA FASE: -immagine coordinata -campagna pubbliredazionale -portale internet SECONDA FASE:-monitoraggio permanente e customer relationship TERZA FASE: -campagne su temi specifici (porta a porta, cassonetti, spazzamento stradale) -pubblicita esterna, radio, tv QUARTA FASE: -formazione e sensibilizzazione utenti più giovani -collaborazione con docenti scuole elementari, medie.

13 CALENDARIZZAZIONE DELLE CAMPAGNE PREVISTE Arco temporale: Arco temporale: Campagne previste: raccolta tramite cassonetti,raccolta porta a porta, spazzamento stradale, conferimento in centri di raccolte. Campagne previste: raccolta tramite cassonetti,raccolta porta a porta, spazzamento stradale, conferimento in centri di raccolte.

14 CALENDARIZZAZIONE DELLE CAMPAGNE PREVISTE Campagne previste: I semII semI semII semI semII semI semII semI semII semI semII sem Portale web Raccolta tramite cassonetti Campagna raccolta porta a porta presso utenze familiari Campagna spazzamento stradale Campagna conferiment o in centri di raccolta

15 PRIMA FASE Obiettivi Sensibilizzazione della popolazione Sensibilizzazione della popolazione Raggiungimento dell obiettivo fissato dalla legge nazionale: 50% di raccolta differenziata al Raggiungimento dell obiettivo fissato dalla legge nazionale: 50% di raccolta differenziata al Strategia di intervento Ideazione-progettazione del Marchio Ideazione-progettazione del Marchio Portale Internet Portale Internet Newsletter Newsletter Advertising classico/su Media Advertising classico/su Media

16 SECONDA FASE Attività di ascolto e rilevazione della soddisfazione degli utenti Attività di ascolto e rilevazione della soddisfazione degli utenti COME? Indagine di customer satisfaction attraverso questionari telefonici(campione:150)

17 SECONDA FASE/2 Marketing diretto Marketing diretto Raccolta Dati Personali attraverso pratiche di registrazione usando il portale Web Raccolta Dati Personali attraverso pratiche di registrazione usando il portale Web

18 TERZA FASE Comunicazione diretta e indiretta attraverso varie iniziative Comunicazione diretta e indiretta attraverso varie iniziativeObiettivi Informare famiglie sul valore della raccolta differenziata Informare famiglie sul valore della raccolta differenziata Informare la popolazione sulle modalità del servizio Informare la popolazione sulle modalità del servizioStrategia Uso quotidiani, TV, radio locale, pubblicità esterna(manifesti) Uso quotidiani, TV, radio locale, pubblicità esterna(manifesti) Direct marketing(mailing, depliant) Direct marketing(mailing, depliant) Verifica dei risultati raggiunti Verifica dei risultati raggiunti

19 QUARTA FASE Obiettivo Sensibilizzazione e formazione fasce più giovani Strategia Coinvolgimento delle scuole Coinvolgimento delle scuole Incontri nelle scuole elementari e medie Incontri nelle scuole elementari e medie Giochi a premi e concorsi Giochi a premi e concorsi Distribuzione di materiale cartaceo e multimediale Distribuzione di materiale cartaceo e multimediale Conoscenza del portale Conoscenza del portale

20 IL BUDGET ANNUALE Budget previsto: Budget previsto: ovvero ovvero Circa 5 pro capite annui


Scaricare ppt "Università di Pisa Facoltà di Lettere e Filosofia Scuola dei Master Master in Comunicazione Pubblica e Politica."

Presentazioni simili


Annunci Google