La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

E. Barbiero 20101 Corso di Laurea di Infermieristica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Udine Sede di Mestre 1 dicembre 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "E. Barbiero 20101 Corso di Laurea di Infermieristica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Udine Sede di Mestre 1 dicembre 2010."— Transcript della presentazione:

1 E. Barbiero Corso di Laurea di Infermieristica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Udine Sede di Mestre 1 dicembre 2010

2 E. Barbiero Sicurezza del paziente e strumenti di segnalazione di eventi avversi

3 E. Barbiero Definizione di Rischio clinico La possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile alle cure sanitarie, che causa un prolungamento del periodo di degenza, un peggioramento delle condizioni di salute o la morte. (Ministero della Salute)

4 E. Barbiero Definizione di Clinical Risk Management "Il Clinical Risk Management è una risposta organizzativa al bisogno di ridurre gli errori ed i loro costi, nel senso più ampio il Risk Management include procedure necessarie a ridurre rischi da tutti i fattori di rischio, non semplicemente fattori clinici". (Vincent, 1995)

5 E. Barbiero Il Risk Management in sanità rappresenta linsieme di varie azioni complesse messe in atto per garantire la sicurezza del paziente migliorando la qualità delle prestazioni sanitarie. E inevitabile che lerrore debba essere considerato come una componente ineliminabile della realtà umana, ma proprio per questo, fonte di conoscenza e miglioramento per evitare il ripetersi delle circostanze che hanno portato lindividuo a sbagliare e mettere in atto iniziative che riducano lincidenza di errori o comunque contenere gli effetti dannosi. Ministero della salute;Risk management in Sanità. Il problema degli errori; Roma,marzo 2004

6 E. Barbiero Obiettivi del Clinical Risk Management Progettare organizzazioni sicure Aumentare la sicurezza dei pazienti Migliorare gli outcome Diffondere la cultura della sicurezza Ridurre i costi, riducendo gli eventi avversi prevenibili e le implicazioni medico-legali ed assicurative che ne derivano

7 E. Barbiero IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO RICERCA DELLA RELAZIONE TRA LA PROBABILITA CHE SI VERIFICHI UNO SPECIFICO ACCADIMENTO E LA GRAVITA DELLE SUE CONSEGUENZE

8 E. Barbiero Piano Sanitario Nazionale Interesse alla sicurezza 1.Una gestione efficace del rischio clinico presuppone che tutto il personale sia consapevole del problema, che sia incoraggiata la segnalazione degli eventi avversi e che presti attenzione ai reclami e al punto di vista dei pazienti. 2.Le strategie di gestione del rischio clinico devono utilizzare un approccio multidisciplinare, di sistema, e devono prevedere attività di formazione e monitoraggio degli eventi avversi. 3.La formazione(…) deve consentire a tutti gli operatori di acquisire la consapevolezza del problema del rischio clinico, per favorire la cultura della sicurezza che considera lerrore come fonte di apprendimento e come fenomeno organizzativo, evitando la colpevolizzazione del singolo.

9 E. Barbiero Macro aree di rischio evidenziate dal ministero della salute 1. Cause e fattori legati alla comunicazione 2. Cause e fattori umani 3. Cause e fattori ambientali 4. Cause e fattori legati alle tecnologie sanitarie, farmaci, linee-guida e barriere

10 E. Barbiero Cause e fattori legati alla comunicazione - Cause o fattori legati alla carenza/mancanza di informazione e comunicazione -Inadeguatezze nella documentazione analizzata ai fini del chiaro inquadramento del paziente, del piano di trattamento e della risposta del paziente al trattamento -Inadeguatezze nella comunicazione tra gli operatori sanitari nella gestione del processo assistenziale - Inadeguatezze nella comunicazione tra operatori sanitari e pazienti/familiari/accompagnatori nel processo assistenziale

11 E. Barbiero Cause e fattori umani -Cause e fattori correlabili alla carente formazione/addestramento degli operatori -Inadeguatezze nelle competenze/conoscenze degli operatori - Inadeguatezze legate alla organizzazione del lavoro (ad esempio, organizzazione dei turni, fatica, stress)

12 E. Barbiero Cause e fattori ambientali Cause o fattori correlabili all'ambiente fisico -Fattori strutturali -Fattori legati alla logistica - Fattori legati al microclima

13 E. Barbiero Cause e fattori legati alle tecnologie sanitarie, farmaci, linee-guida e barriere - Dispositivi medici e apparecchiature elettromedicali farmaci - Linee-guida, raccomandazioni, protocolli assistenziali, procedure

14 E. Barbiero 'look-alike/sound-alike'', Nomi che si scrivono e si pronunciano in modi simili e confezioni simili nel colore e nelle dimensioni che possono indurre in errore nelle varie fasi della gestione del farmaco, sia in ospedale, sia sul territorio, negli ambulatori e anche in farmacia. Stiamo parlando dei cosiddetti farmaci ''look- alike/sound-alike'', ossia 'Lasa', un acronimo utilizzato per indicare quei farmaci che possono essere scambiati con altri per la loro somiglianza grafica o fonetica.

15 E. Barbiero In caso di errore le conseguenze possono essere anche molto gravi. Un fenomeno apparentemente poco visibile, ma sicuramente da non sottovalutare, al punto che il ministero della Salute ha messo in piedi un progetto, ''Farmaci Lasa e sicurezza dei pazienti'', con l'obiettivo di prevenire gli errori in terapia causati da questo tipo di farmaci sia in ambito ospedaliero che territoriale. Ed e' stato istituito anche un gruppo di lavoro, formato da esperti dell'Aifa, dell'Istituto Superiore di Sanità e del ministero, che dovrà divulgare raccomandazioni specifiche in tal senso da condividere con le Regioni e le aziende sanitarie

16 E. Barbiero La prima parte dello studio illustra i risultati dell'indagine conoscitiva effettuata dal primo novembre 2008 al 30 aprile 2009, e spiega che in 9 mesi sono pervenute da parte di ospedali, farmacie di comunità, società scientifiche e distretti sanitari segnalazioni, delle quali solo 73 non utilizzabili ai fini del progetto. Il 67% delle segnalazioni sul rischio di scambio di farmaci proviene dagli ospedali e dai distretti sanitari, il 25,1% dalle farmacie di comunità, il 6,2% dal domicilio dell'utente e l'1,6% dagli ambulatori dei medici di famiglia

17 E. Barbiero Luogo dove è avvenuto o poteva avvenire lo scambio di farmaci Luogo N % Ospedali/ distretti sanitari ,1% Farmacia di comunità ,1% Domicilio utente 62 6,2% Ambulatorio MMG e PdF 16 1,6% Totale %

18 E. Barbiero Motivazioni che hanno indotto o che potevano indurre in errore Motivazioni N % Somiglianza grafica del nome e della confezione ,7% Somiglianza fonetica del nome ,7%

19 E. Barbiero I più frequenti Eventi sentinella secondo la JCAHO Suicidio o tentato suicidio Errori nelluso dei farmaci Intervento chirurgico sul alto sbagliato Morte o lesione durante la contenzione del paziente Ritardo nel trattamento Lesioni volontarie Errori trasfusionali Scambio di neonati Incendio Morte o lesioni ostetriche gravi alla madre Morte perinatale o lesione grave al neonato Eventi legati al malfunzionamento di apparecchiature elettromedicali

20 E. Barbiero La somiglianza grafica del nome e dell'aspetto della confezione e la somiglianza fonetica del nome sono quindi da considerate fattori ad alto rischio di errore nella preparazione e somministrazione della terapia farmacologica.

21 E. Barbiero Lista eventi sentinella Ministero della salute Procedura in paziente sbagliato Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) Errata procedura su paziente corretto Strumento o altro materiale lasciato allinterno del sito chirurgico che richiede un successivo intervento o ulteriori procedure Reazione trasfusionale conseguente ad incompatibilità AB0 Morte, coma o grave danno derivati da errori in terapia farmacologica Morte materna o malattia grave correlata al travaglio e/o parto Morte o disabilità permanente in neonato sano di peso >2500 grammi non correlata a malattia congenita Morte o grave danno per caduta di paziente Suicidio o tentato suicidio di paziente in ospedale Violenza su paziente Atti di violenza a danno di operatore Morte o grave danno conseguente ad un malfunzionamento del sistema di trasporto (intraospedaliero, extraospedaliero) Morte o grave danno conseguente a non corretta attribuzione del codice triage nella Centrale operativa 118 e/o allinterno del Pronto Soccorso Morte o grave danno imprevisti conseguente ad intervento chirurgico Ogni altro evento avverso che causa morte o grave danno al paziente

22 E. Barbiero Improving patient safety and reducing errors James BC - 5th European Forum on Quality Improvement in Health Care-Amsterdam 23 march Eventi avversi da farmaci 2. Infezioni ospedaliere 3. TVP ed EP 4. Lesioni da decubito 5. Danni fisici 6. Danni trasfusionali 7. Gestione pazienti critici 8. Eventi rari (aggressioni, suicidi) 9. Procedure

23 E. Barbiero Strumento di segnalazione per eventi avversi ed eventi sentinella

24 E. Barbiero Nessuna organizzazione o specialità professionale si può definire completa senza un sistema di segnalazione Vicent Patient safety, 2006

25 E. Barbiero I sistemi di reporting sono considerati strumenti indispensabili in tutte le organizzazioni che vogliono sviluppare attività di gestione del rischio

26 E. Barbiero In letteratura lIncident Reporting è documentato da oltre 25 anni: introdotto dalla NASA come sistema confidenziale, volontario, non punitivo e anonimo di raccolta delle informazioni su eventi avversi, eventi senza danno e near misses, è stato tradotto in sanità a partire dagli anni 80 in Australia e Regno Unito

27 E. Barbiero Modello organizzativo per la gestione della sicurezza del paziente nel sistema socio-sanitario della Regione Veneto Dgr n.1831/2008

28 E. Barbiero Strumenti per lanalisi del Rischio Clinico Analisi reattiva: studio a posteriori degli incidenti per individuarne le cause Analisi proattiva: individuazione ed eliminazione delle criticità del sistema prima che lincidente si verifichi

29 E. Barbiero DEFINIZIONI Evento avverso: si considera evento avverso un risultato non desiderato delle cure, che può avvenire anche durante atti o procedure eseguite con scrupolosa attenzione Un evento avverso attribuibile ad errore è un evento avverso prevenibile

30 E. Barbiero LERRORE Lerrore può essere definito in molti modi. Per i nostri propositi un errore è il fallimento di una o più azioni pianificate per il raggiungimento di uno scopo desiderato. (J. Reason, 2001)

31 E. Barbiero INCIDENT REPORTING PRINCIPI E unanalisi che si focalizza principalmente sullorganizzazione Utilizza uno strumento che raccoglie dati completi, esaustivi di eventi avversi evitati (e non solo) Cosa e quando è successo Come è avvenuto Perché è avvenuto, quali fattori lo hanno determinato – Richiede la formazione di chi lo utilizza – Fornisce la spiegazione del perché qualcosa è andato storto – Considera anche i risultati positivi per apprendere buone pratiche Vincent, 2001

32 E. Barbiero Struttura scheda di segnalazione Struttura di provenienza (Ospedale, Casa di Cura…) Operatore che segnala Dati del paziente Regime di erogazione Descrizione dellevento Cosa è successo? Dove? Quando?Come e Perché? Chi si è accorto di cosa stava accadendo? Data, ora, luogo Come si sono svolti i fatti Fattori che possono aver contribuito allevento

33 E. Barbiero

34 E. Barbiero Fattori che possono aver contribuito allevento (è possibile indicare più di una risposta) Fattori legati al paziente _ Condizioni generali precarie/ fragilità/ infermità _ Non cosciente/ scarsamente orientato _ Poca/ mancata autonomia _ Barriere linguistiche/culturali _ Mancata adesione al progetto _ Difficoltà nel seguire istruzioni / procedure _ Inadeguate conoscenze/ inesperienza _ Fatica/ stress _ Presa scorciatoia/ regola non seguita _ Mancata/ inesatta lettura documentaz./ etichetta _ Mancata supervisione _ Scarso lavoro di gruppo _ Mancata verifica preventiva apparecchiatura Fattori legati al sistema _ Staff inadeguato/ insufficiente _ Insufficiente addestramento/ inserimento _ Gruppo nuovo/ inesperto _ Elevato turn–over _ Scarsa continuità assistenziale _ Protocollo/ procedura inesistente/ ambigua _ Insuccesso nel far rispettare protocolli/ procedure _ Mancato coordinamento _ Mancata/ inadeguata comunicazione _ Mancanza/ inadeguatezza attrezzature _ Mancata/ inadeguata manutenzione attrezzature _ Mancanza/ inadeguatezza materiale di consumo _ Ambiente inadeguato

35 E. Barbiero Fattori legati al personale Altri fattori specificare)………………………….. Suggerimenti per prevenire/evitare il ripetersi dellevento ………………………………………………………………………………… ……………………………………….. Da questo punto in poi compilazione a cura del Referente Medico dellIncident Reporting…………….………

36 E. Barbiero Raccomandazioni per la sicurezza del paziente suggeriti dal Ministero della Salute RACCOMANDAZIONE SUL CORRETTO UTILIZZO DELLE SOLUZIONI CONCENTRATE DI CLORURO DI POTASSIO – KCL – ED ALTRE SOLUZIONI CONCENTRATE CONTENENTI POTASSIO RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE LA RITENZIONE DI GARZE, STRUMENTI O ALTRO MATERIALE ALLINTERNO DEL SITO CHIRURGICO RACCOMANDAZIONE PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI, DEL SITO CHIRURGICO E DELLA PROCEDURA PREVENZIONE DEL SUICIDIO DI PAZIENTE IN OSPEDALE RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITÀ AB0 RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE DELLA MORTE MATERNA O MALATTIA GRAVE CORRELATA AL TRAVAGLIO E/O PARTO RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE DELLA MORTE, COMA O GRAVE DANNO DERIVATI DA ERRORI IN TERAPIA FARMACOLOGICA RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE GLI ATTI DI VIOLENZA A DANNO DEGLI OPERATORI SANITARI PREVENZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI CONSEGUENTI AL MALFUNZIONAMENTO DEI DISPOSITIVI MEDICI/APPARECCHI ELETTROMEDICALI MORTE O DANNO GRAVE CONSEGUENTE AD UN MALFUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI TRASPORTO (INTRA ED EXSTRA OSPEDALIERO) RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE LA RITENZIONE DI GARZE, STRUMENTI O ALTRO MATERIALE ALLINTERNO DEL SITO CHIRURGICO

37 E. Barbiero Obiettivi specifici per la sicurezza del paziente in sala operatoria 1 Operare il paziente corretto ed il sito corretto 2 Prevenire la ritenzione di materiale estraneo nel sito chirurgico 3 Identificare in modo corretto i campioni chirurgici 4 Preparare e posizionare in modo corretto il paziente 5 Prevenire i danni da anestesia garantendo le funzioni vitali 6 Gestire le vie aeree e la funzione respiratoria 7 Controllare e gestire il rischio emorragico 8 Prevenire le reazioni allergiche e gli eventi avversi della terapia farmacologica 9 Gestire in modo corretto il risveglio ed il controllo postoperatorio 10 Prevenire il tromboembolismo postoperatorio 11 Prevenire le infezioni del sito chirurgico 12 Promuovere unefficace comunicazione in sala operatoria 13 Gestire in modo corretto il programma operatorio 14 Garantire la corretta redazione del registro operatorio 15 Garantire una corretta documentazione anestesiologica 16 Attivare sistemi di valutazione dellattività in sala operatoria

38 E. Barbiero Le persone possono sbagliare nonostante competenza conoscenza e abilità Lattenzione deve essere posta sul contesto culturale, organizzativo e non sul singolo operatore Bisogna incrementare motivazione, abilità conoscenza Bisogna definire modelli di comunicazione riconosciuti e riconoscibili promuovere un clima positivo alla identificazione e prevenzione dellerrore Rivedere globalmente lorganizzazione quando si inseriscono nuovi elementi tecnologici che possono creare nuovi ambiti di errore


Scaricare ppt "E. Barbiero 20101 Corso di Laurea di Infermieristica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Udine Sede di Mestre 1 dicembre 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google