La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Francesca Menchini Clinica oculistica, Università degli Studi di Udine 0432559907.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Francesca Menchini Clinica oculistica, Università degli Studi di Udine 0432559907."— Transcript della presentazione:

1 Francesca Menchini Clinica oculistica, Università degli Studi di Udine

2 Anatomia dellocchio

3 Visione? Visione? Annessi oculari? Annessi oculari? Mezzi diottrici? Mezzi diottrici?

4 Introduzione La visione è una funzione complessa che dipende da FATTORI AMBIENTALI interazione luce-materia FATTORI ANATOMO-FISIOLOGICI oculari sistema nervoso centrale

5 Globo oculare Organo sferoidale Alloggiato nellorbita e relativamente protetto dalle palpebre, ad eccezione di una piccola superficie anteriore extraorbitaria Organo sensoriale assialmente trasparente la sua trasparenza assiale è assicurata dallesistenza di un corridoio centrale, costituito da una successione di strutture perfettamente attraversabili dalla luce poste al davanti di una membrana nervosa altamente sofisticata: la retina.

6 BULBO OCULARE

7 Morfologia dellapparato visivo Protettive Nutritizie Refrattive Sensoriali e percettive Motorie Innervative

8 Strutture protettive del bulbo oculare Orbita E costituita da 7 ossa: sfenoide, frontale, zigomatico, mascellare, palatino, etmoide, lacrimale Piramide tronca Apice posteromediale Base anteriore

9 Strutture protettive del bulbo oculare Orbita Lunghezza: mm (asse longitudinale) Volume: cc

10 Strutture protettive del bulbo oculare Orbita Rapporti Il tetto dellorbita seno paranasale frontale la fossa cranica anteriore La parete mediale le cavità nasali seno etmoidale sfenoide Il pavimento dellorbita seno mascellare fossa pterigo – maxillo – palatina La parete laterale regione temporale in avanti fossa cranica media, indietro

11 Strutture protettive del bulbo oculare Muscoli oculari estrinseci

12

13 Retti Superiore Inferiore Mediale Laterale Movimenti di verticalità e lateralità Innervazione: III (RL VI)

14 Strutture protettive del bulbo oculare Muscoli oculari estrinseci Obliqui Superiore Inferiore Movimenti di rotazione Innervazione: OI III, OS IV

15 Strutture protettive del bulbo oculare Annessi oculari Gli annessi oculari sono organi oculari secondari con funzioni di supporto Non indispensabili allesercizio della visione Motilità Protezione Lubrificazione dellocchio Annessi: Le sopracciglia Le palpebre La congiuntiva Lapparato lacrimale I muscoli estrinseci

16 Strutture protettive del bulbo oculare Palpebre Formazioni cutaneo-muscolo-fibrose Cute Connettivo sottocutaneo Strato muscolare (orbicolare) Connettivo sottomuscolare Strato fibroso (tarso) Strato congiuntivale Funzione protettiva Distribuzione del film lacrimale

17 Strutture protettive del bulbo oculare Palpebre

18 Margini liberi Lunghezza 30 mm Spessore 2-3 mm Gh sebacee anteriori (Zeiss) Gh sudoripare (Moll) Gh sebacee posteriori (Meibomio) Canti Interno (mediale) Esterno (laterale)

19 Strutture protettive del bulbo oculare Palpebre Porzione muscolare M elevatore (III nc, m striato) M orbicolare (VII nc) M di Muller ( m liscio, simpatico)

20 Strutture protettive del bulbo oculare Palpebre Funzioni difesa oculare lavaggio della superficie oculare distribuzione e rinnovo del film lacrimale protezione della retina da eccessiva intensità luminosa (abbagliamento) facilitazione nellaspirazione del liquido lacrimale, da parte del sacco lacrimale formazione dello strato lipidico del film lacrimale (il secreto sebaceo delle ghiandole di Meibonio) limitazione del tasso di evaporazione del film lacrimale

21 Strutture protettive del bulbo oculare Apparato lacrimale Produzione (gh lacrimali) Ghiandola lacrimale principale Alloggiata nella fossa lacrimale Porzione orbitarie e palpebrale (separate da aponeurosi dellelevatore) Numerosi dotti escretori (10-12, fornice congiuntivale superiore) Secrezione lacrimale riflessa Ghiandole lacrimali accessorie (Ciaccio, Krause, Wolfring) Alloggiata nella congiuntiva Mantengono costante la secrezione lacrimale basale

22 Strutture protettive del bulbo oculare Apparato lacrimale Smaltimento (vie lacrimali di deflusso) Puntini lacrimali (superiore ed inferiore) Canalini lacrimali (2, 12 mm. Canalino comune 1 mm) Sacco lacrimale (fossa lacrimale) Dotto nasolacrimale (12-14 mm) Meato nasale inferiore (valvola di Hasner)

23 Strutture protettive del bulbo oculare Apparato lacrimale

24 Film lacrimale Sottile pellicola semiliquida in continuo ricambio, che si distribuisce su tutta la parte esposta dellocchio

25 Strutture protettive del bulbo oculare Apparato lacrimale La produzione del liquido lacrimale cessa del tutto durante il sonno In media: un millilitro nelle 24 ore 50% delle lacrime prodotte viene perduto attraverso levaporazione Contiene un enzima antibatterico (lisozima), molto efficiente nei confronti dei batteri non patogeni Lentità della produzione del liquido lacrimale viene misurata con il test di Schirmer

26 Bulbo oculare Sfera leggermente asimmetrica Diametro A-P mm Diametro trasversale 24 mm Diametro verticale 23.6 mm Volume 6.5 cc

27 Bulbo oculare in sezione 3 tuniche: Esterna (sclera e cornea) Media Anteriore (iride e corpo ciliare) Posteriore (coroide) Interna (retina) 3 cavità: Camera anteriore Camera posteriore Camera vitrea

28 Bulbo oculare Sclera Congiuntiva Cornea Iride Cristallino Retina Coroide Nervo ottico

29 Sclera Tunica esterna (5/6) Azzurra-giallastra Lamina cribrosa Vasi arteriosi e venosi Fibre NO

30 Congiuntiva Mucosa perfettamente trasparente Palpebrale Del fornice Bulbare Strato epiteliale Stroma (vasi, nervi, gh di Krause e Wolfring) Ricca vascolarizzazione A e v ciliare anteriore A e v palpebrali mediali superiore ed inferiore A e v congiuntivali

31 Congiuntiva Palpebrale tarsale Fornice marginale

32 Congiuntiva bulbare limbus

33 Cornea Tunica fibrosa Spessore 1 mm periferia mm al centro Relativamente inestensibile e consistente Forma convessa

34 Cornea Perfettamente trasparente perfetta regolarità, equidistanza e uniformità dimensionale dei fasci di fibre collagene tasso idrico che è del 78% persistenza di una mucoproteina embrionale omogeneizzante totale assenza di vasi Riccamente innervata

35 Cornea Lepitelio del limbus superiore ed inferiore è particolarmente ricco di cellule staminali (difesa nei confronti della congiuntiva) Raggio orizzontale di curvatura: 7,8 millimetri Raggio verticale di curvatura: 7,7 millimetri La differenza del valore dei 2 raggi di curvatura è causa dellastigmatismo fisiologico

36 Cornea Epitelio pavimentoso pluristratificato microvilli rivolti verso lesterno Membrana di Bowman struttura fibrillare, acellulare, ialina Stroma 9/10 dello spessore corneale struttura lamellare di natura collagene, con fibre collagene parallele, equidistanti e dello stesso diametro Membrana di Descemet struttura fibrillare, elastica, resistente Endotelio: mezzo milione di cellule di forma esagonale molto appiattite, fortemente aderenti fra loro e disposte in un unico strato

37 Cornea Funzioni Azione di contenimento meccanico Effetto ottico convergente

38 Contenuto oculare umore acqueo cristallino corpo vitreo

39 Contenuto oculare: umor acqueo Liquido incolore, limpido e trasparente contenuto proteico è poverissimo scarse quantità di glucosio apprezzabile è il tasso di acido ialuronico quasi assenti sono gli elementi cellulari (una cellula per millimetro cubo) prodotto dallattività secretiva e filtrante dellepitelio ciliare Deflusso: trabecolato irido – corneale (90%) trabecolato ciliare (10%).

40 Contenuto oculare: umor acqueo Funzione diottrica Funzione pressoria Funzione conservativa della morfologia oculare Funzione nutritiva nei confronti del cristallino e della cornea Funzione termica: evita alla cornea, al cristallino e alliride forti sbalzi di temperatura

41 Contenuto oculare: cristallino tenuto in sito dalle fibre zonulari lente biconvessa, in grado di modificare la propria curvatura, il proprio indice di rifrazione e, quindi, il suo potere diottrico Capsula (più spessa allequatore, più sottile al polo posteriore) Corteccia (fibre più giovani) Nucleo (fibre più vecchie)

42 Contenuto oculare: cristallino

43 Privo di vasi, strutture nervose e connettivo Nutrimento: umor acqueo Potere rifrattivo: 19 – 20 diottrie (24-25 diottrie nellinfanzia)

44 Contenuto oculare: cristallino Funzioni Funzione diottrica Accomodazione Funzione di assorbimento dei raggi ultravioletti (protezione della retina)

45 Cristallino nel giovane

46 Cristallino nellanziano

47 Contenuto oculare: corpo vitreo Massima componente delle strutture oculari ( ¾ dellintero volume del globo) Gel viscoso Tessuto connettivo costituito da tre elementi: sostanza fondamentale (90% di H2O e sali [potassio, magnesio, sodio, calcio, cloro, fosforo, glucosio, azoto proteico e non proteico e acido ialuronico]) struttura fibrillare di natura collagene (età avanzata, miopia degenerativa) componente cellulare (cellule mesenchimali dette ialociti, dotate di capacità fagocitarie e capaci di secernere lacido ialuronico e il collagene)

48 Contenuto oculare: corpo vitreo Funzioni Funzione diottrica Funzione nutritiva nei confronti del cristallino e, in minor misura, dalla retina Funzione ammortizzante antitraumatica Funzione morfostatica Funzione pressoria Funzione di sostegno meccanico nei confronti della retina Funzione di assorbimento dei raggi ultravioletti

49 Tunica vascolare: uvea struttura prevalentemente vascolare, relativamente povera di connettivo e ricca di pigmento contenuta allinterno della membrana sclerale suddivisibile in tre parti coroide corpo ciliare iride

50 Tunica vascolare Coroide Porzione posteriore, la più estesa della tunica vascolare Interposta tra la faccia profonda della sclera e lo strato più superficiale della retina Tessuto straordinariamente vascolarizzato, molto ricco di pigmento, ma poverissimo di connettivo Da ciò deriva la sua fragilità (trauma contusivo del bulbo oculare può facilmente provocare nella coroide una lesione di tipo emorragico, lasciando invece indenne la sclera)

51 Tunica vascolare Coroide Portata ematica della coroide è 20 volte maggiore di quella del cervello e 5 volte maggiore di quella del rene

52 Tunica vascolare Corpo ciliare anello concentrico aderente alla faccia profonda della sclera porzione intermedia della tunica vascolare, interposto tra la coroide indietro e liride in avanti parte anteriore frastagliata (processi e recessi ciliari) bagnata dallumore acqueo

53 Tunica vascolare Iride la sola componente delluvea ad essere visibile attraverso la cornea disco colorato, forato al centro (pupilla) camera anteriore, tra la faccia posteriore della cornea in avanti e la faccia anteriore delliride e il polo anteriore del cristallino indietro camera posteriore, tra la faccia posteriore delliride in avanti, lequatore del cristallino e i processi ciliari con le fibre zonulari indietro

54 Tunica vascolare Iride STRATO CELLULARE ANTERIORE: fibroblasti e melanociti di variabile quantità STRATO CONNETTIVO VASCOLARE connettivo lasso (stroma delliride) grande cerchio arterioso delliride piccolo cerchio arterioso delliride (derivato del primo) vicino al margine pupillare STRATO MUSCOLARE SFINTERICO: muscolo liscio anulare della larghezza di un millimetro, situato tutto intorno al foro pupillare STRATO MUSCOLARE DILATATORE: muscolo liscio di tipo mio – epiteliale, più largo di quello sfinterico che si estende dal margine periferico ciliare fino a poca distanza dal bordo pupillare STRATO PIGMENTATO: epitelio pigmentato in diretta prosecuzione con lEPR

55 Retina: anatomia topografica Nervo ottico (2x1.5 mm) Vasi retinici Zona centrale Zona equatoriale Zona periferica 21 mm dal centro del NO Diametro totale retinico 42 mm

56 Retina: anatomia topografica Macula: area ovale di circa 5.5 mm caratterizzata da uno strato plurimo di cellule gangliari e da un alta concentrazione di coni La colorazione gialla della macula è legata alla presenza dei carotenoidi: luteina e zeaxantina presenti negli assoni dei coni e nello strato delle fibre di Henle che filtrano le radiazioni luminose a corta lunghezza donda potenzialmente dannose

57 Macula La macula ha un diametro approssimativo di 5.5 mm e comprende: Il diametro della fovea (1.5 mm) Due volte la larghezza della parafovea (1 mm) Due volte la larghezza della perifovea (3 mm)

58 Retina: anatomia topografica Fovea: depressione della superficie retinica interna al centro della macula, diametro di 1.5 mm FAZ: µm Foveola: zona più sottile della retina priva di cellule gangliari e costituita esclusivamente da coni

59 Retina: vascolarizzazione Vasi coroideali (65-85%): retina esterna A. centrale retinica (20-30%): strati retinici interni Rami arteriosi intraretinici3 strati capillari: Capillari rediali peripapillari Strato capillari interno Strato capillare esterno Venule precapillari Venule Vena centrale retinica

60 Retina: vascolarizzazione

61 Istologia: struttura della retina Epitelio pigmentato Strato dei coni e dei bastoncelli Membrana limitante esterna Strato dei granuli esterni Strato plessiforme esterno Strato dei granuli interni Strato plessiforme interno Strato delle cellule gangliari Strato delle fibre ottiche Membrana limitante interna

62 Anatomia della retina Fotorecettori EPR Membrana di Bruch Coroide

63 Nervo ottico Prosecuzione degli assoni del neurone gangliare retinico assoni completamente privi di mielina (invisibili) assumono, invece, un colore marcatamente bianco nel momento in cui, in procinto di uscire dal globo, si rivestono di mielina, raccogliendosi tutti insieme (papilla ottica)

64 Papilla ottica

65 Area ovalare del diametro verticale di due millimetri e del diametro orizzontale di 1,5 millimetri Macchia cieca Dal centro del disco ottico (escavazione fisiologica) emergono i vasi centrali arteriosi e venosi della retina Arteria centrale della retina: irrorazione del terzo più interno del foglietto nervoso della retina i due terzi più esterni ricevono il loro rifornimento nutritivo dalla coroide I tronchi venosi raccolgono il sangue refluo dalla retina e lo convogliano attraverso la vena centrale della retina alle vene oftalmiche

66 Nervo ottico Il nervo ottico è costituito da più di fibre nervose Lunghezza di 5-6 cm tratto intraoculare (1 millimetro) tratto intraorbitario (2,5 cm) tratto intracanalicolare (1 cm) tratto intracranico (1,5 cm)

67

68 Visione? Visione? Annessi oculari? Annessi oculari? Mezzi diottrici? Mezzi diottrici?


Scaricare ppt "Francesca Menchini Clinica oculistica, Università degli Studi di Udine 0432559907."

Presentazioni simili


Annunci Google