La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Allergeni alimentari: impiego di metodi analitici validati per lindagine in Regione Piemonte nel periodo 2007- 2009 Daniela Manila Bianchi IZS Piemonte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Allergeni alimentari: impiego di metodi analitici validati per lindagine in Regione Piemonte nel periodo 2007- 2009 Daniela Manila Bianchi IZS Piemonte."— Transcript della presentazione:

1 Allergeni alimentari: impiego di metodi analitici validati per lindagine in Regione Piemonte nel periodo Daniela Manila Bianchi IZS Piemonte Liguria e Valle dAosta S.C. Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni

2 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Di cosa parliamo … Allergeni e allergie Normativa allergeni alimentari Validazione di metodi di laboratorio Piano di monitoraggio Regione Piemonte

3 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA ALLERGIE ALIMENTARI Patogenesi scatenanti una reazione immunologica INTOLLERANZE ALIMENTARI Reazione di ipersensibilità di natura non allergica Allergeni e allergie Manila Bianchi, 4 giugno 2010

4 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Allergeni e allergie Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Il 90% delle allergie è attribuito a: latte vaccino, uova, crostacei, pesce, arachidi, soia, frutta con guscio, cereali (Scampisi, 2003),(Moneret, 2005). Risulta allergico il 2% degli adulti l8% dei bambini Sicherer et al., 2003

5 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Allerte RASFF allerte EU Manila Bianchi, 4 giugno 2010

6 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Allerte RASFF 2008 Manila Bianchi, 4 giugno 2010

7 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Paese di origine dellallerta – RASFF 2008 Manila Bianchi, 4 giugno 2010

8 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA 8Cereali e prodotti da forno 8Preparazioni a base di cacao, caffè e te 4Pasticceria 3Alimenti dietetici e supplementi 1Prodotti della pesca 1Frutta e verdure 1Erbe e spezie 5Carne diversa da pollame 2Latte e prodotti lattiero caseari 2Bevande non alcoliche 1Frutta a guscio 6Piatti pronti e snack 5Zuppe, brodi e salse 1Altro 48TOTALE Allerte allergeni: Alimenti coinvolti RASFF, 2008 Manila Bianchi, 4 giugno 2010

9 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Normativa allergeni Dir 89/395/CEE Dir 89/396/CEE Dir 2000/13/CE Dir 2003/89/CE Dir 2006/142/CE Dir 2007/68/CE D.Lvo 109/1992 D.Lvo 181/2003 D.Lvo 114/2006 D.Lvo 178/2007 Reg CE 415/2009

10 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 E sancito lobbligo per i produttori di dichiarare in etichetta tutti gli ingredienti e le sostanze da loro derivate (Tabella 1) abolendo la regola del 25% prevista dalla vecchia Direttiva 2000/13/CE (D. Lgs. N. 109 del 27/01/1992 a livello nazionale), secondo la quale era possibile non indicare i componenti degli ingredienti composti che rappresentavano meno del 25% del prodotto finito e la possibilità di indicare uno degli ingredienti solo con il nome della categoria di appartenenza.

11 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Cereali contenenti glutine (cioè frumento, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi ibridati) e prodotti derivati Crostacei e prodotti derivati Uova e prodotti derivati Pesce e prodotti derivati Arachidi e prodotti derivati Soia e prodotti derivati Latte e prodotti derivati (compreso il lattosio) Frutta a guscio cioè mandorle,nocciole, noci comuni, noci di acagiù, noci pecan noci del Brasile, pistacchi, noci del Queensland e prodotti derivati Sedano e prodotti derivati Senape e prodotti derivati Semi di sesamo e prodotti derivati Anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 10 mg/kg o 10 mg/l espressi come SO 2.» Allergeni alimentari che devono essere dichiarati ove presenti (Sezione III, Allegato I della Direttiva 2003/89/CE, previsto dallart. 8 comma 1)

12 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Laboratori ufficiali 1. L'autorità competente designa i laboratori che possono eseguire l'analisi dei campioni prelevati durante i controlli ufficiali. 2. Le autorità competenti, tuttavia, possono designare soltanto i laboratori che operano, sono valutati e accreditati conformemente alle seguenti norme europee: EN ISO/IEC su "Criteri generali sulla competenza dei laboratori di prova e di taratura"; EN su "Criteri generali per la valutazione dei laboratori di prova"; EN su "Sistemi di accreditamento dei laboratori di taratura e di prova – requisiti generali per il funzionamento e il riconoscimento" Reg. 882/2004 art L'accreditamento e la valutazione dei laboratori di prova possono riguardare singole prove o gruppi di prove. 4. L'autorità competente può annullare la designazione di cui al paragrafo 1 se le condizioni non sono più rispettate

13 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Metodi analitici REG. CE 2076/2005 Entro il 31/12/2009

14 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Validazione di metodi analitici Identificazione di metodi applicabili su campioni del CU Stesura di POS Verifica preliminare delle performance dei metodi Ottimizzazione in laboratorio Validazione primaria dei metodi Partecipazione a circuiti interlaboratorio

15 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Accreditamento di metodi di laboratorio DNA crostacei RealTime PCR DNA molluschi RealTime PCR Ovoproteine ELISA Beta-lattoglobuline ELISA Validazione primaria in laboratorio di analisi per determinazione

16 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Validazione di metodi analitici precisione (in termine di ripetibilità e riproducibilità) specificità e sensibilità analitica robustezza stabilità accuratezza limite di rivelazione (LOD) Parametri minimi da valutare Impegno notevole Costi: tempo, reagenti, personale

17 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Validazione di metodo in Real-Time PCR per determinazione di Specificità: 100% LOD: ng di DNA di crostacei in 100 ng totali (circa 1 copia genomica) Robustezza: ottima Precisione: K=1 CROSTACEI Specificità: 100% LOD: 0.1 ng di DNA di crostacei in 100 ng totali (circa 6 copie genomiche) Robustezza: ottima Precisione: K=1 MOLLUSCHI

18 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Validazione di metodo in ELISA per determinazione di Sensibilità diagnostica 1 Specificità diagnostica 1 LOD: 0.4 ppm Robustezza: buona Stabilità buona LATTOGLOBULINE Sensibilità diagnostica 1 Specificità diagnostica 1 LOD: 0.4 ppm Robustezza: buona Stabilità buona OVOPROTEINE

19 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010

20 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Lesperienza piemontese Manila Bianchi, 4 giugno 2010

21 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Lesperienza piemontese Manila Bianchi, 4 giugno 2010

22 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Campionamento ufficiale (4 o 5 aliquote) Prelievo eseguito dai Servizi Veterinari Regionali Campioni non conformi: segnalazione NC e possibilità richiesta analisi di revisione

23 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Campioni eseguiti a seguito di segnalazione di sintomatologia 2 gelati di soia 1 prosciutto cotto 1 gelato di riso Sintomatologia allergica in 4 bambini Campionamento ufficiale da parte di A.C. Positività per beta-lattoglobuline

24 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 19 maggio 2010 I risultati del piano di monitoraggio 2007 N° analisi non conformi % N.C. Lattosio 16974,1 % β-lattoglobuline 17184,67 % Ovoproteine ,26 % Analisi Totali ,72 %

25 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 19 maggio 2010 I risultati del piano di monitoraggio 2008 N° analisi non conformi % N.C. Lattosio 23041,73% β-lattoglobuline ,14 % Ovoproteine ,26 % Crostacei 7900 % Molluschi 7700 % Analisi Totali ,44 %

26 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 19 maggio 2010 I risultati del piano di monitoraggio 2009 N° analisi non conformi % N.C. Lattosio 12110,8 % β-lattoglobuline 27672,5 % Ovoproteine % Crostacei 7411,35 % Molluschi 6011,66 % Analisi Totali ,5%

27 Il trend ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Lattosio = 4,1 % 1,73%0,8% β- lattoglobuline = 4,67 % 7,14%2,5% Ovoproteine = 5,26 % 4,26%4% Crostacei = 0 % 1,35% Molluschi = 0 % 1,66%

28 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Conclusioni Garantire elevato livello di sicurezza alimentare e tutela dei consumatori Problematica che interessa una porzione limitata della popolazione ma con % crescenti Requisiti normativi relativamente recenti rispetto ad altri criteri di sicurezza

29 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Conclusioni Necessità di metodi analitici: validati (garanzia di performance elevate) che rispondono ai requisiti di legge che soddisfano le esigenze del laboratorio che soddisfano le esigenze del cliente (OSA o AC)

30 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Conclusioni OSA: Necessità di implementare autocontrollo in relazione a problema allergeni Disporre di metodi analitici per autocontrollo altrettanto affidabili Verifica costante di processi e impianti per controllare il rischio di ingresso allergeni in filiere free

31 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi, 4 giugno 2010 Conclusioni Autorità Competente: Positiva esperienza della Regione Piemonte Monitoraggio prosegue nel 2010 Contributo alla sensibilizzazione degli OSA

32 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE DAOSTA Manila Bianchi S.C. Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Allergeni alimentari: impiego di metodi analitici validati per lindagine in Regione Piemonte nel periodo 2007- 2009 Daniela Manila Bianchi IZS Piemonte."

Presentazioni simili


Annunci Google