La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE FASI E GLI STADI IL ITALIANO L2 Per l'acquisizione di una seconda lingua l'apprendente deve percorrere un passaggio chiamato interlingua. In tale passaggio,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE FASI E GLI STADI IL ITALIANO L2 Per l'acquisizione di una seconda lingua l'apprendente deve percorrere un passaggio chiamato interlingua. In tale passaggio,"— Transcript della presentazione:

1 LE FASI E GLI STADI IL ITALIANO L2 Per l'acquisizione di una seconda lingua l'apprendente deve percorrere un passaggio chiamato interlingua. In tale passaggio, costituito da fasi, determinanti sono la motivazione gli imput la vicinanza di parlanti italofoni

2 FASI DELL'INTERLINGUA FASA PREBASICA Preferenza per l'ascolto Utilizzo della comunicazione non verbale per completare il senso del discorso Utilizzo di parole chiave Utilizzo di frasi nominali Morfologia assente o molto semplificata Sintassi molto essenziale

3 FASE BASICA Acquisizione graduale dei mezzi morfologici per esprimere la temporalità. Collocazione degli eventi in successione temporale. Utilizzo del participio passato per esprimere il passato e l'infinito per esprimere il presente Comparsa delle prime forme di subordinazione Inizio dello sviluppo morfologico Utilizzo di una regola appresa anche in contesti non sempre appropriati.

4 FASE POSTBASICA L'apprendente si avvicina sempre più alla lingua obiettivo : Accordo fra soggetto e participio passato Strutturazione verbale quasi completa Conquiste in evoluzione a livello lessicale e morfologico

5 STADI IL PRIMO STADIO LA TEMPORALITA' Utilizzo dei verbi al presente ( 2^- 3^ persona) Utilizzo dell'infinito per esprimere abitualità Utilizzo di avverbi per indicare il passato LA MORFOLOGIA Utilizzo dei nomi senza variabilità e senza accordo con il resto della frase Omissione degli articoli Comparsa dei primi pronomi (lui- lei) LA MODALITA' DI ESPRESSIONE È molto rudimentale e si avvale di supporti comunicativi non verbali

6 SECONDO STADIO LA TEMPORALITA' Comparsa del participio passato e dell'imperfetto con funzione durativa Omissione dell'ausiliare LA MORFOLOGIA Accordo degli articoli : il; i – la;le, col nome sia nel genere, che nel numero. Uso degli articoli determinativi lo - gli e degli articoli indeterminativi ( avviene più tardi) LA MODALITA' DI ESPRESSIONE Utilizzo dei verbi dovere - potere Prima comparsa dell'uso dei verbi credere - pensare

7 TERZO STADIO LA TEMPORALITA' Presenza dell'imperfetto per esprimere il passato Prime forme copulative ( era -ero) Uso dell'imperfetto dei verbi potere - volere LA MORFOLOGIA Inizio dell'accordo fra aggettivi e nomi sia nel genere, che nel numero Incerto l'accordo tra soggetto e aggettivo predicativo ( la tavola è largo) LA MODALTA' DI ESPRESSIONE Ampliamento dell'uso dei verbi potere e dovere ( il libro deve essere qui)

8 ALTRI STADI Successivamente l'apprendente, con gradualità, giunge ad una strutturazione della frase i cui elementi si concordano tra loro in modo corretto. Anche le coniugazioni dei verbi si perfezionano progressivamente. ( La presentazione è una rielaborazione sulla base dei materiali di studio e di G.Favaro Insegnare l'italiano agli alunni stranieri )


Scaricare ppt "LE FASI E GLI STADI IL ITALIANO L2 Per l'acquisizione di una seconda lingua l'apprendente deve percorrere un passaggio chiamato interlingua. In tale passaggio,"

Presentazioni simili


Annunci Google