La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Inquadramento clinico del dolore radicolare di origine vertebrale: lepicrisi Guido Orlandini Medicina del Dolore Casa di Cura Bevenuto Cellini Torino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Inquadramento clinico del dolore radicolare di origine vertebrale: lepicrisi Guido Orlandini Medicina del Dolore Casa di Cura Bevenuto Cellini Torino."— Transcript della presentazione:

1 1 Inquadramento clinico del dolore radicolare di origine vertebrale: lepicrisi Guido Orlandini Medicina del Dolore Casa di Cura Bevenuto Cellini Torino Ancona, 30 settembre - 2 ottobre 2004

2 2 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino …lepicrisi algologica è lo studio delle informazioni raccolte durante la visita… …per dedurre la diagnosi patogenetica e nosologica del dolore…

3 3 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Una nota… …è inesatto parlare di epicrisi nel dolore radicolare di origine vertebrale… …quando sinizia lepicrisi non si conosce ancora la diagnosi e non si sa che si è di fronte ad un dolore radicolare di origine vertebrale… …quindi… …anzichè di epicrisi nel dolore radicolare di origine vertebrale si deve parlare di analisi dei ragionamenti che fanno giungere alla diagnosi di dolore radicolare di origine vertebrale...

4 4 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)] Le tappe dellepicrisi algologica

5 5 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Analisi dei ragionamenti che fanno giungere alla diagnosi di dolore radicolare di origine vertebrale …riscontri dellanamnesi algologica, dellesame obiettivo e delle indagini strumentali… …resta da dedurre la diagnosi patogenetica e nosologica…

6 6 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Occorre valutare le risposte ai seguenti quesiti: 1)dovè il dolore? 2)qualè la distribuzione quantitativa del dolore? 3)qual è la distribuzione qualitativa del dolore?

7 7 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Primo quesito: dovè il dolore? …nel distretto: cranio/facciale, cervicale/della spalla/dellarto superiore, toracico, addominale/pelvico, lombosacrale e dellarto inferiore, ano-perineo/genitale…

8 8 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino sottodistrettuale …se il dolore ha distribuzione sottodistrettuale è improbabile che sia radicolare: questo si verifica solo nel dolore da patologia di C5 per larto superiore e di L3 per linferiore. polidistrettuale …altrettanto improbabile è un dolore radicolare con distribuzione polidistrettuale, a meno che non si tratti dellinfrequente combinazione di dolori radicolari simultaneamente presenti in distretti differenti. distrettuale …al contrario, la distribuzione distrettuale fa ritenere che il dolore possa essere radicolare. Secondo quesito: Qualè la distribuzione quantitativa del dolore?

9 9 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Terzo quesito: Qualè la distribuzione qualitativa del dolore? Locale Strutturale Metamerica parziale Metamerica completa Periferica Cordonale Somatotopica centrale Casuale …se il dolore e gli eventuali disturbi neurologici associati hanno distribuzionemetamerica completa è quasi certo che si tratti di dolore radicolare

10 10 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino casi esemplificativi un dolore con distribuzione metamerica completa, specie se con disturbi della sensibilità, della motilità e dei riflessi osteotendinei, è correlato con una lesione algogena di:

11 11 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Se: il dolore e i disturbi sensitivi interessano le regioni lombare spinale e paraspinale, glutea, laterale della coscia e mediale della gamba e del piede Si ha: ridotta capacità di estendere la gamba per deficit del quadricipite femorale (innervato da L3-L4) iporiflessia del rotuleo (integrato da L3-L4) possibile ma infrequente positività della manovra di Wasserman possibile dolore provocato dalla flessione del tronco N.B.: Si tenga presente che gli ultimi due riscontri sono più frequenti nelle radicolopatie L2 ed L3 che nella L4 perché quelle manovre sollecitano più i nervi radicolari L2 ed L3 che lL4 L4 [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)]

12 12 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino L5 Se: il dolore ed i disturbi neurologici interessano le regioni lombare spinale e paraspinale, glutea, anterolaterale e posteriore della gamba nonchè dorsomediale del piede fino alle prime tre dita Si ha: lieve deficit motorio di: tibiale anteriore (innervato principalmente da L4 e in parte da L5) estensore lungo delle dita (innervato da L5 ed S1) muscoli posteriori della coscia (innervati da L5 ed S1) alterazione del riflesso medioplantare (integrato da L5, S1 ed S2) con conservazione di quello achilleo (integrato da S1 ed S2) e positività della manovra di Lasegue (abbastanza specifica per la patologia di L5) [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)]

13 13 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino S1 Se: il dolore ed i disturbi neurologici interessano le regioni glutea, laterale e posteriore della coscia, posteriore della gamba, calcaneale, plantare e del margine laterale del piede fino alle ultime due dita Si ha: deficit motorio dellELA e del tricipite surale (innervati da S1 ed S2) alterazioni dei riflessi achilleo (integrato da S1 ed S2) e medioplantare (integrato da L5, S1 ed S2) negatività della manovra di Lasegue [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)]

14 14 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Se: il dolore e i disturbi sensitivi interessano le regioni deltoidea, anteriore del braccio, laterale dellavambraccio e radiale della mano in corrispondenza del I-II dito Si ha: difficoltà (non impossibilità) a flettere lavambraccio sul braccio (per deficit del bicipite che è innervato da C5 e da C6) difficoltà a flettere ed estendere la mano (per deficit dei flessori e degli estensori del carpo, innervati da C6 e C7) difficoltà ad extraruotare il braccio per deficit del supinatore, innervato da C5 e principalmente da C6) iporiflessia bicipitale (integrato da C5 e C6) C6 [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)]

15 15 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Se: il dolore ed i disturbi sensitivi interessano le regioni posteriori del braccio e dellavambraccio, il dorso ed il palmo della mano nonché il II-III-IV dito Si ha: difficoltà ad estendere lavambraccio sul braccio (per deficit del tricipite, innervato da C7 e C8), difficoltà estendere le dita della mano (per deficit degli estensori radiali del carpo e dellestensore comune delle dita innervati da C7) alterazioni dei riflessi brachioradiale (C6, C7, C8), flessore della mano (C7), tricipitale (C7 e C8), di estensione della mano (C7 e C8) e flessore delle dita (C7, C8, T1) C7 [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)]

16 16 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Se: il dolore ed i disturbi sensitivi interessano le regioni posteromediale del braccio e mediale dellavambraccio e della mano nonché il IV ed il V dito Si ha: difficoltà ad intraruotare lavambraccio (per deficit del pronatore quadrato innervato principalmente da C8), difficoltà a flettere la mano (per deficit del palmare lungo, innervato da C7 e C8), difficoltà a flettere le dita della mano (per deficit dei flessori profondo e superficiale delle dita innervati da C8 e T1) alterazoni dei riflessi tricipitale, di estensione della mano (integrati da C7 e C8) e flessore delle dita (integrato da C7, C8 e T1) C8 [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)]

17 17 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino Se: il dolore è nel sottodistretto delle regioni laterali del torace con distribuzione metamerica completa (che qui coincide con quella periferica), spesso con disturbi neurologici (riduzione e/o distorsione della sensibilità) N.B. per lampia sovrapposizione dei territori di distribuzione dei complessi radici-nervi radicolari e dei nervi intercostali limitrofi, questultima si ha solo se sono interessati molti metameri T1-T6 [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)]

18 18 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino …in queste circostanze la lesione algogena può essere nelle radici spinali, vale a dire in una sede prossimale al ganglio della radice dorsale, o nei corrispondenti nervi radicolari in una sede che comprende il ganglio o è appena distale ad esso… Radice spinale Nervo radicolare

19 19 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino …ernia posteriore (mediana o paramediana) [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)] il conflitto interessa il sacco durale e le radici spinali prossimamente al ganglio il conflitto interessa il complesso ganglio/nervo radicolare… ernia laterale (intraforaminale o extraforaminale)

20 20 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)] …un conflitto discoradicolare significativo è da escludere in unernia posteriore mediana o paramediana… …questa non può schiacciare le radici contro il piano osseo che si trova a considerevole distanza… …è responsabile del dolore la flogosi della superficie esterna del sacco durale indotta dal contatto col materiale irritante di cui lernia è costituita... (…epidurite circoscritta…) Nerve trunk pain

21 21 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino [da Orlandini G. La semeiotica del dolore: dai presupposti teorici alla pratica clinica. Manuale duso pluridisciplinare. Antonio Delfino Editore, Roma (in stampa)] …un conflitto discoradicolare significativo è possibile in unernia laterale intraforaminale… … in questa sede il complesso ganglio/nervo radicolare è confinato in una spazio angusto che consente allernia di schiacciarlo contro il piano osseo rappresentato dalla parete posteriore del forame di coniugazione …sono responsabili del dolore: la flogosi della superficie esterna del sacco durale (…epidurite circoscritta…) il danno ischemico da compressione delle fibre nervose Nerve trunk pain Dolore neuropatico

22 22 Medicina del dolore, Casa di Cura Benvenuto Cellini Torino N.B. …nel sospetto clinico di dolore radicolare, si proceda allo studio radiologico del canale spinale per verificarne oltre il contenuto (ernia, aracnoidite spinale adesiva, fibrosi peridurale, tumori) anche la morfologia (specie le dimensioni, in relazione ad uneventuale stenosi)…


Scaricare ppt "1 Inquadramento clinico del dolore radicolare di origine vertebrale: lepicrisi Guido Orlandini Medicina del Dolore Casa di Cura Bevenuto Cellini Torino."

Presentazioni simili


Annunci Google