La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elementi utilizzabili per il coinvolgimento dei consigli di classe LIFS rappresenta unopzione metodologica e non un ulteriore progetto aggiuntivo. E un.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elementi utilizzabili per il coinvolgimento dei consigli di classe LIFS rappresenta unopzione metodologica e non un ulteriore progetto aggiuntivo. E un."— Transcript della presentazione:

1 Elementi utilizzabili per il coinvolgimento dei consigli di classe LIFS rappresenta unopzione metodologica e non un ulteriore progetto aggiuntivo. E un metodo di lavoro che si sviluppa su tre anni e viene introdotto gradualmente sulla classe consentendo agli insegnanti di adattarsi e abituarsi alla nuova opzione metodologica.

2 Strategie utili per coinvolgere il consiglio di classe Indicazioni di massima Il dirigente individua il/i docente/i referente/i che dovrebbe/ro essere membro/i del c.di.c. Sarebbe opportuno attivare lIFS su due consigli di classe in parallelo per ottimizzare il lavoro e consentire il confronto.

3 Organizzazione delle attività : La scuola NON è SOLA ma è previsto il supporto della rete IFS e delle Centrali IFS regionale o nazionale E prevista la possibilità di utilizzare esperti nel caso in cui il docente necessiti di un supporto specifico per qualche attività E un lavoro svolto in rete e finalizzato a sviluppare competenze informatiche negli studenti ma non richiede competenze specifiche nei docenti

4 Come presentereste il progetto al consiglio di classe Elemento essenziale: sviluppo temporale Classe Terza: sensibilizzazione al progetto analisi del contesto (ambito in cui è possibile coinvolgere la totalità delle discipline) Individuazione azienda tutor Definizione delle caratteristiche principali dellIFS

5 Sviluppo temporale Quarta: Costituzione dellIFS Attività di gestione operativa Quinta: Conclusione e diffusione dei risultati

6 Metodologia IFS E una metodologia innovativa e coinvolgente e può diventare elemento forte di caratterizzazione del sistema tecnico professionale. Può essere utilizzata come elemento caratterizzante e qualificante lindirizzo di studio nelle giornate di scuola aperta e in sede di orientamento delle scuole medie. Può diventare oggetto di finanziamento per la realizzazione di percorsi di alternanza. E una metodologia fondata sullesperienza diretta e concreta, imprime nella mente dei ragazzi quanto vissuto ed appreso favorendone il ricordo in modo duraturo

7 OBIETTIVI DIDATTICO/FORMATIVI DELLIMPRESA FORMATIVA SIMULATA Sviluppa un apprendimento competente legato alla complessità del sistema economico sociale. Stimola il protagonismo e la disponibilità a mettersi in gioco dei giovani. Consente un uguale coinvolgimento di tutti gli studenti valorizzando le potenzialità di ciascuno. Agevola il recupero di soggetti deboli sia in termini di motivazione, sia in termini di modalità di apprendimento. Consente una valorizzazione delle eccellenze e una ottimizzazione nellutilizzo del tempo scuola. E un contesto operativo in cui è possibile fare agire agli studenti le competenze, sia disciplinari che trasversali acquisite, e quindi certificarle.

8 Percorsi IFS competenze raggiungibili Leggere testi di varia natura Interpretare testi e dati Produrre testi e presentazioni Sapersi relazionare Lavorare in gruppo Avere spirito diniziativa Lavorare in modo autonomo e con affidabilità Usare le tecnologie informatiche Usare linguaggi adeguati rispetto allo scopo

9 Ulteriori opportunità Sostituire in parte il percorso pluridisciplinare Rappresentare spunto per avviare percorsi pluridisciplinari originali. Essere oggetto di terza prova

10 Punti di forza Progettualità didattica Apprendimento significativo Didattica orientativa Apertura allesterno

11 Punti di difficoltà Lavoro in team Autonomia nel comportamento Capacità di adattamento Criteri logistico - organizzativi

12 Percorso dellImpresa Formativa Simulata Attività progettuali per tutti gli indirizzi di studio Attività progettuali per gli Istituti scolastici ad indirizzo Economico aziendale- Turistico- Servizi sociali

13 ATTIVITA PROGETTUALI PER TUTTI GLI INDIRIZZI DI STUDIO Attivazione Analisi del territorio Individuazione impresa tutor Sensibilizzazione Analisi della metodologia dellI.F.S. Struttura e compiti dellI.F.S. Conoscenza dellattività svolta dallimpresa tutor Studio di fattibilità Elaborazione Business Idea Formalizzazione della Missione Business Plan Formalizzazione del Business Plan Realizzazione del progetto organizzativo gestionale Realizzazione del sito web dellimpresa simulata sul server della rete IFS Start Up dimpresa Costituzione I.F.S. Adempimenti connessi alla fase costitutiva

14 ATTIVITA PROGETTUALI PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI AD INDIRIZZO ECONOMICO – TURISTICO – SERVIZI SOCIALI Gestione Operativa Acquisti, Vendite, Finanziamenti, Rapporti Bancari, Gestione del Personale, Adempimenti amministrativi, fiscali e previdenziali. Bilancio e Controllo di Gestione Contabilità Direzionale

15 Lanalisi del territorio e individuazione dellimpresa tutor CONTENUTI STRUMENTI – FONTI DISCIPLINETEMPI Il contesto socio Economico del fermano Le PMI del Distretto Fermano Libri di Testo Biblioteca della Scuola. Dispense Docenti Ricerche di Camera di Commercio – Unione Industriali del Fermano – Banche e altri Enti Siti WEB – Incontri: presidente giovani industriali: Enrico Paniccià Presidente sezione calzaturiera: Gironacci Vice Presidente ANCI: Roberto Vallasciani Responsabile problematiche sociali: Don Mario Lusek. Economia Aziendale Le PMI del distretto: Visite ad Aziende del distretto Scelta dellimpresa tutor Storia dellimpresa tutor Il passaggio generazional e Geografia Analisi del Analisi del contesto economico- ambientale: da una dimensione a livello locale alla internazionalizzaz ione. LEconomia Globale LEconomia Digitale Problematiche inerenti la concorrenza con la Cina Storia Evoluzione storica delleconomia del distretto fermano. Lingue straniere Rapporti di import ed export delle imprese del distretto. Religione Letica e il codice di comportamento Evoluzione dello stile di vita Processi di integrazione dei lavoratori extra comunitari e non. Commercio equo e solidale 1 mese

16 La sensibilizzazione CONTENUTI RAPPORTI CON LIMPRESA TUTOR RAPPORTI CON LE FAMIGLIE E TERRITORIOo PERIODO E LUOGO Sensibilizzazione della metodologia dellimpresa formativa simulata. Conoscenza dei mercati di sbocco dellimpresa tutor Le altre imprese del distretto fermano con caratteristiche similari a quella dellimpresa tutor Un incontro con i docenti del consiglio di classe per la condivisione degli obiettivi formativi. Un incontro con gli alunni sia in classe, sia in azienda per conoscere gli aspetti organizzativi e aziendali dellimpresa tutor. Descrizione delle problematiche inerenti alla gestione dellimpresa tutor. Incontro preliminare per la presentazione del progetto e del percorso ai seguenti soggetti: Famiglie Associazioni di categoria Direttore INPS e INAIL Agenzia delle Entrate Rappresentanti del credito Presidente e segretario dellordine dei Ragionieri. Aula Magna dellIstituto alla presidenza del dirigente scolastico.

17 ContenutiStrumenti Fonti Discipline Economia AziendaleMatematicaDiritto ed Economia Geografia Economica Lingue straniere Elementi di Marketing Le sfide strategiche delle PMI Le Nuove imprese e le nuove opportunità. Libro di testo. Biblioteca dIstituto Presentazion i in Power Point preparate dai docenti dellIstituto. Gli attori e le forze principali in un moderno sistema di MKTG Lambiente di Marketing. Il sistema informativo di MKTG: le informazioni interne Le Sfide strategiche delle PMI: La trasparenza del grado di solidità patrimoniale. Le fasi della Creazione di una nuova impresa Raccordo delle diverse attività e rielaborazione dati contesto socio economico Le informazioni di MKTG: Le attività di ricerca. Individuazione delle fonti di informazione Modelli di ricerca dei dati Strumenti per la raccolta dei dati Piani di Campionamen to Metodi di contatto La tutela giuridica delle dellesclusiva delle tecnologie applicate ai prodotti e ai processi Lanalisi della concorrenza. Le Sfide strategiche delle PMI: La managerializz azione. Le Sfide strategiche delle PMI: Linternazion alizzazione e linnovazion e tecnologica Problematiche di WEB Marketing attraverso lesame di siti internet. Analisi della documentazion e connesse alle operazioni import-export nei diversi paesi Ricerca sulle fiere internazionali di settore Ricerca sui mercati di approvvigionamen to e di sbocco nei paesi di lingua…..

18 Elaborazione del Business Plan Tempi: Classe IV - primo quadrimestre Obiettivi DISCIPLINE Produrre testi coerenti, coesi e strutturati Acquisire e comprendere i linguaggi specifici delle singole discipline Avvicinarsi al linguaggio multimediale Utilizzare correttamente le tecniche operative disciplinari Comunicare le proprie idee e conoscenze in modo chiaro e corrette Acquisire elementi di conoscenza dei processi di costituzione e gestione di unimpresa Acquisire le capacità di lavorare in gruppo Economia Aziendale Raccordo tra le diverse attività Business Idea Organigramma e mansionario Definizione e redazione prospetto impieghi e fonti Preventivi dimpianto Geografia Studio dei mercati di sbocco dellazienda tutor Individuazione di mercati alternativi Religione Commercio equo e solidale La banca etica Italiano e Storia Analisi del territorio dal punto di vista storico culturale I diversi stili comunicativi (in relazione al contesto) La comunicazione formale e tecnica (sia verbale che scritta) Lingue straniere Studio degli enti pubblici preposti allo sviluppo dei commerci internazionali Predisposizione di modulistica in lingua Diritto Individuazione della forma sociale da adottare Aspetti di regolamentazione e-commerce Arte/informatica/grafic a….. Studio del logo Studio della veste grafica Matematica Analisi volume/risultati per la definizione del catalogo prodotti Educazione fisica Le legge 626 sulla sicurezza negli ambienti di lavoro con particolare allattività tipica dellazienda tutor

19 Modulo interdisciplinare Comunicazione dimpresa Obiettivi Conoscere diversi tipi di linguaggi Conoscere gli elementi della comunicazione Saper trasmettere la mission aziendale individuandone gli elementi essenziali nella comunicazione esterna Individuare la strategia comunicativa Saper scegliere il linguaggio più adatto Saper scegliere il mezzo più adatto Sviluppare creatività Usare le tecnologie della cominicazione

20 Adesione Adesione attraverso applicativo WEB Sviluppare IFS Protocollo di adesione alla rete telematica delle IFS da inviare al Simucenter Regionale Il percorso metodologico - didattico Programmazione del Consiglio di Classe Programmazione individuale

21 Lattivazione dellI.F.S. La procedura viene gestita attraverso lapplicativoSVILUPPARE IFS Analisi del Mercato Analisi del territorio Business Idea Redazione del Business Plan Percorsi di alternanza con la metodologia dell Impresa Formativa Simulata Percorsi di alternanza con la metodologia dell Impresa Formativa Simulata

22 Costituzione dellImpresa Formativa Simulata Versamenti sul c.c. vincolato Redazione dellAtto Costitutivo e Statuto Domanda Iscrizione al Registro delle Imprese Eventuale vidimazione libri obbligatori Anagrafiche soci e non soci Agenzia Simulata delle Entrate Dichiarazione di Inizio Attività Adempimenti fiscali

23 I.F.S. – STATO – ( Simucenter Regionale) Esame delle denunce e controllo allegati Rilascio ricevute di deposito. Visura e certificato di Iscrizione. I.F.S. Agenzia delle Entrate (simucenter) Attribuisce numero di partita IVA Adempimenti per il Personale Dipendente Invio a I.F.S. STATO INPS – INAIL Domanda di Iscrizione INPS e Denuncia di esercizio INAIL

24 Adempimenti rete telematica delle I.F.S. Terminati gli adempimenti iniziali si ottiene la password per realizzare le operazioni di esercizio Possibilit à di richiedere uno spazio WEB sul portale Regionale Sul portale del Simucenter sono disponibili numerosi documenti utili da scaricare

25 Percorsi di alternanza con la metodologia dell Impresa Formativa Simulata La gestione dellI.F.S. Transazioni commerciali e finanziarie con altre Imprese Formative Simulate nazionali o estere In subordine con imprese ombra appositamente costituite dalla Funzione Mercato Le operazioni si realizzano attraverso lapplicativo WEB della rete telematica delle I.F.S.

26 Adempimenti Amministrativi e Fiscali nel rispetto delle normative vigenti e delle procedure reali attraverso le Funzioni Stato e Agenzia delle Entrate (CO.GE - Bilancio – Dichiarazioni Fiscali ecc. ecc.) Operazioni Bancarie Apertura e gestione del conto corrente on line Operazioni di Finanziamento con domanda, istruttoria ed erogazione. Riscossioni con carte di credito.

27 Eventuale Partecipazione a Fiere I prodotti sono messi a disposizione dall Impresa tutor Il materiale di comunicazione mix preparato dagli alunni Eventuale organizzazione di stage Presso l azienda tutor Presso aziende con caratteristiche simili all impresa tutor Monitoraggio delle attività Certificazione delle Competenze


Scaricare ppt "Elementi utilizzabili per il coinvolgimento dei consigli di classe LIFS rappresenta unopzione metodologica e non un ulteriore progetto aggiuntivo. E un."

Presentazioni simili


Annunci Google