La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giovanni Pascoli 1855 San Mauro di Romanga 1867assassinio del padre Ruggero 1872studi liceali a Firenze presso gli Scolopi 1891Si laurea a Bologna Aderisce.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giovanni Pascoli 1855 San Mauro di Romanga 1867assassinio del padre Ruggero 1872studi liceali a Firenze presso gli Scolopi 1891Si laurea a Bologna Aderisce."— Transcript della presentazione:

1 Giovanni Pascoli 1855 San Mauro di Romanga 1867assassinio del padre Ruggero 1872studi liceali a Firenze presso gli Scolopi 1891Si laurea a Bologna Aderisce al movimento socialista rivoluzionario 1895la bicocca in Garfagnana 1905cattedra universitaria a Bologna 1912muore a Bologna

2 Il percorso delle opere MyricaeMyricae Brevi liriche ambientate nella campagna romagnola e ispirate alla poetica del fanciullino 1891 PoemettiPoemetti Primi poemetti e Nuovi poemettiPrimi poemetti e Nuovi poemetti Narrazioni in versi della vita di una famiglia contadina Ricorre alla terzina dantesca 1897 Canti di CastelvecchioCanti di Castelvecchio brevi liriche ambientate nella campagna toscana della Garfagnana e ispirate alla poetica del fanciullino Poemi conviviali 20 coltissimi poemetti scritti in endecasillabi Eroi della storia o dellla mitologia greca Odi e Inni Poesia civile e celebrativa di tono nazionalistico..Poeta-vate 1906 Raccolte in versi

3 Il sabatoIl sabato Ispirato al Sabato del villaggio di Leopardi e sul fatto che ogni poeta deve udire e vedere 1896 Il fanciullinoIl fanciullino Il poeta è un eterno fanciullo che sa stupirsi di tutto come un bambino 1897 La ginestraLa ginestra Saggio critico su Leopardi 1898 Scritti in prova di poetica

4 Interpretazione critica del simbolismo della Divina Commedia Minerva oscura 1898 Sotto il velame 1900 La mirabile visione 1901 Scritti in prova di poetica Scritti in prova di poetica La grande proletaria si è mossaLa grande proletaria si è mossa A favore della guerra in Libia 1911

5 Poetica del fanciullino La realtà non conta tanto in sé stessa, quanto per come luomo riesce a vederla e a sentirla dentro di sé Le piccole cose più importanti delle cose grandi Da Il Fanciullino –In ogni uomo cè un fanciullo, spesso soffocato o ignorato dal mondo esterno Se si risveglia fa sognare ad occhi aperti, fa scoprire le cose e fa volare con la fantasia

6 Il fanciullino osserva con una prospettiva rovesciata: –Le cose grandi le vede piccole –Le cose piccole le ingrandisce È un individuo di natura e non di cultura Non è una condizione anagrafica, ma una condizione interiore Rappresenta la natura pura e ingenua, candida e innocente

7 Poeta-fanciullo 1.Guarda la realtà con stupore ed entusiasmo 2.Percepisce il lato bello e interessante di ogni cosa 3.Oltrepassa con la fantasia, le apparenze comuni e banali 4.Rinuncia alleloquenza, alla dottrina allimitazione 5.Parole incontaminate della gente semplice 6.Fine della poesia è la poesia pura (lart pour lart dei Parnassiani)

8 Il fanciullino Sa percepire con meraviglia Sa esprimere con fantasia - Le cose piccole:grandi - Le cose grandi. Piccole - Voci segrete della natura lo commuovono - Vede ciò che gli adulti non vedono più- -Con parole semplici e spontanee -- con immagini ed analogie -- non con concetti ed erudizione -Con intuizioni e non con ragionamenti Ambedue: - Colgono le misteriose relazioni e corrispondenze tra le cose - Si esprimono in modo istintivo e irrazionale - Usano le parole semplici della gente comune Ambedue: - Colgono le misteriose relazioni e corrispondenze tra le cose - Si esprimono in modo istintivo e irrazionale - Usano le parole semplici della gente comune Coincide con il poeta

9 Simbolismo pascoliano Dice le cose non come sono, ma come le sente Visione bassa del fanciullino: dominano i particolari Ambientazioni analitiche NidoNido: immagine reale e anche metaforica –è la casa in cui rinchiudersi per sfuggire al male che sta fuori – è la famiglia oltre la quale ci sono i malvagi –Simbolo: di regressione allinfanzia Diffidenza verso ciò che è sconosciuto Volontà per reazione di restare chiusi in ambiente protetto –Ogni partenza dal nido è un tradimento –Simbolo poetico dellinettitudine, incapacità di vivere

10 Costellazione simbolica Nascono da una percezione bassa e istintiva Cose e realtà della campagna Ambiente naturale del fanciullo Attenzione ai particolari, ii dettagli Cose e realtà della campagna Ambiente naturale del fanciullo Attenzione ai particolari, ii dettagli Il nido, la madre Regressione allinfanzia Rifiuto della vita adulta percepita come male Espressione dellesclusione e dellinettitudine Il nido, la madre Regressione allinfanzia Rifiuto della vita adulta percepita come male Espressione dellesclusione e dellinettitudine

11 Stile e tecniche espressive Lingua speciale per la poesia –Mette in versi sogni, incubi, visioni e pone sullo stesso piano il reale e lirreale –Soluzioni formali nuove su ogni piano: Ambito fonico. A livello del suono delle singole parole Ambito semantico. A livello del significato dei vocaboli Ambito ritmico e metrico. Struttura della composizione Ambito sintattico: struttura del periodo Suoni onomatopee –uso delle onomatopee cioè di parole o di espressioni che riproducono un rumore o un suono particolare Rivisitazione della metrica tradizionale –Riutilizza sistemi metrici e ritmici molto tradizionali o antichi Sonetto, terzina in endecasillabi, strofe della poesia greca e latina Uso della rima

12 Scelta lessicale –Diversi tipi di linguaggio: Raro e prezioso, quasi arcaico Linguaggio settoriale di una qualche attività o mestiere Linguaggio pregrammaticale dei bambini Linguaggio agrammaticale degli illetterati Sintassi soggettiva –Frasi ellittiche (prive di soggetto o verbo) –Ricorso sistemico alla coordinazione, anziché alla subordinazione –Uso dellanalogia (una similitudine in qui viene soppresso il come) –Uso della sinestesia (accostamento di parole che appartengono a sfere sensoriali diverse)

13 Rivoluzione stilistica di Pascoli Poetica del fanciullino Novità di suoni Uso largo delle onomatopee Novità di lessico Parole ora arcaiche e preziose, ora precise (gergo di arti e mestieri), ora dialettali e sgrammaticate Novità di sintassi Periodi brevi, prevalenza della coordinazione, discorso spezzato Novitàmetriche Frequenti cesura, numerosi segni di punteggiatura. Nenia, cantilena Novità figure retoriche Uso di sinestesia e analogia, figure che suggeriscono senza definire Rinnova profondamente il linguaggio poetico tradizionale Rinnova profondamente il linguaggio poetico tradizionale


Scaricare ppt "Giovanni Pascoli 1855 San Mauro di Romanga 1867assassinio del padre Ruggero 1872studi liceali a Firenze presso gli Scolopi 1891Si laurea a Bologna Aderisce."

Presentazioni simili


Annunci Google