La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I disturbi del comportamento alimentare.Mettiamoci in discussione!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I disturbi del comportamento alimentare.Mettiamoci in discussione!"— Transcript della presentazione:

1 I disturbi del comportamento alimentare.Mettiamoci in discussione!

2 DCA FOCUS POINTS QUELLO CHE IL PEDIATRA FA,QUELLO CHE NON FA, QUELLO CHE DOVREBBE FARE E QUELLO CHE NON DOVREBBE FARE. Dott.Vincenzo Memoli Pdf AslNa3 sud

3 Dati epidemiologici INCREMENTO in tutto il mondo dei DCA. Incremento anche nel sesso maschile e in età più precoci (<12 anni incremento ospedalizzaz. X DCA 119 % Ahrq news2009). Incidenza :AN 0.5 %,BN 2%, EDNOS da 0.8 % al14% in base alle definizioni (j.Adol.health 2005,37, ). Cause: influenza dei media,della moda ma anche campagne mondiali contro lobesità con enfasi su diete e peso forma!

4 Sono malattie mentali con alla base Predisposizione genetica Fattori ambientali,familiari, emozionali etc. successivamente Alterazioni neuroendocrine e complicanze organiche. Nelle fasi avanzate diventa una patologia difficile da trattare,a rischio exitus e complicanze irreversibili.

5 Early stage : la dx precoce Opportunità per il pediatra con una nuova definizione diagnostica. Ma in questa fase : sottovalutazione e/o negazione del problema sia da parte delladolescente che dalla famiglia. Riluttanza ad andare ancora dal pediatra. Inesistenza e/o inefficacia della pediatria di comunità e degli interventi integrati.

6 Centro per gli adolescenti? Si, ma deve essere multidisciplinare. Sensibilizzazione per il bilancio delladolescente anche in occasione delle visite presportive o altre occasioni per : EDUCAZIONE ALIMENTARE ! Dati auxologici : P.C. P/H, BMI. CURVE DI CRESCITA :la più semplice ed economica valutazione di salute. (almeno 3 dati ogni anno per una buona valutazione )

7 Un fallimento della dx. in questa fase iniziale, determina un incremento della gravità del disturbo e un più difficoltoso trattamento! Non sempre vi sono i criteri del DSM IV : Vi può essere MANCATA CRESCITA Più che LA PERDITA DI PESO... A volte Deviazione a pecentili inferiori, ma ancora con Peso normale. Molti sono insoddisfatti della propria immagine ma non sempre hanno DCA.

8 DIETING Dieting has also been implicated as potent proximal risk factor in the development of disordered eating...( from American Accademy of pediatrics,Guidance for the Clinician in Rendering Pediatric Care).

9 DIETE COME FATTORE DI RISCHIO(Am. Psycol 2007) Approccio sistematico al ragazzo obeso o sovrappeso, evitando pericolose prescrizione dietetiche isolate e valutazioni sullaspetto fisico. Prevenzione integrata di Obesità e DCA Primo approccio psicologico di base. Screening di base per EDNOS... AN E BN SPECIALISTA.

10 COME FARE LO SCREENING Concordare con gli specialisti! EAT (Eating attitude test) The Scoff questionnaire Altro ? In base alletà ? Piccolo problema: il ragazzo non va dal pediatra...!! Allora ???

11 Il pediatra va dove sta il ragazzo! Scuole,comunità,palestre,centri sportivi etc. oppure Trovare sistemi per far venire il ragazzo dal pediatra... Bilancio delladolescente,idoneità sportive altro...!

12 Approccio pratico iniziale Valutazione oggettiva e soggettiva del suo peso precedente e attuale, in relazione ai suoi desideri (quale dovrebbe essere il tuo peso ideale,che peso vorresti avere?) Valutazione dellattività fisica e del suo significato ( se non la fai come ti senti ?) Diario alimentare e valutazione calorica Domande sulluso di diuretici, purganti pillole etc. Alternanza di digiuno e abbuffate, anche notturne. Fumo,alcol, droghe,anobolizzanti etc..

13 Patologie neuropsichiatriche precedenti anche in ambito familiare. Valutare tutte le patologie organiche che i sintomi aspecifici di AN BN EDNOS possono simulare. Dx.differenziale!! (m.endocrine, infezioni, neoplasie, m. gastrointestinali etc.)

14 Alcuni dei SEGNI E SINTOMI NEGLI ADOLESCENTI CON DCA Bradicardia sinusale,aritmie,ipotensione Variabilità pressoria,soffio sistol.(prol.mitr) Alterazioni ECG(QT interval) Ipotermia Apatia,stanchezza,s.ossessivi compulsivi Calvizie incipiente Scialoadenite,stomatite,ulcere,erosione smalto dentale,stomatite angolare Pelle secca,lanugo, pellagra like dermatite(def.ac. Urocanico) Necklace -like

15 Ritardato o interrotto sviluppo puberale Amennorea o irregolarità mestruali Endocrinopatie Atrofia genitali nei soggetti post-puberali Acrocianosi e ipoperfusione tessutale Carotenemia (colorazione cutanea) Edema delle estremità Stato depressivo o ansioso Vomito e sintomi da RGE,dolori addominali, epigastralgia Anemia,leucopenia,piastrinopenia DISTURBI ELETTROLITICI Gastrointestinali ETC... Tutti gli organi possono essere interessati

16 Esami iniziali Emocromo,Elettroliti Ca. Mg, glicemia, funz. Epato-renale TSH es.urine. Se Amenorrea : gravi-test FSH LH Prl E2 MOC (se amenorrea più di 6 mesi) INOLTRE: es. celiachia diagnostica di immagine in base a sintomi...es.specialistici! Ecg Valutazione psichiatrica (comorbilità pre o post)

17 Dopo la Dx: VALUTAZIONE MEDICA E NUTRIZIONALE COMPLESSIVA DECIDERE SE : TRATTAMENTO OSPEDALIZZATO MULTIDISCIPLINARE (INTENSIVO) O TRATTAMENTO AMBULATORIALE CON SUPPORTI SPECIALISTICI.

18 TERAPIA MEDICHE In base alle varie patologie organiche presentate. Riabilitazione nutrizionale. Supporto multivitaminico. Farmaci (non esiste un consensus unanime) Psicoterapia

19 CONCLUSIONE RUOLO DETERMINANTE DEL PEDIATRA SIA IN AMBULATORIO CHE NELLA COMUNITA. PREVENZIONE PRIMARIA CON EDUCAZIONE ALIMENTARE SOSTENIBILE E CORRETTO STILE DI VITA. SCREENING DELLE FASI INIZIALI. INTERATTIVITA CON GLI SPECIALISTI. SENSIBILIZZAZIONI A PROGRAMMI DI POLITICHE SANITARIE FINALIZZATE.


Scaricare ppt "I disturbi del comportamento alimentare.Mettiamoci in discussione!"

Presentazioni simili


Annunci Google