La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 4.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 4."— Transcript della presentazione:

1 Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 4

2 Le lingue di superstrato Nel 456 d.C. la Sardegna, ormai completamente latinizzata, fu occupata dai Vandali. Si tratta della prima di una serie di dominazioni che, tuttavia, non avranno come conseguenza limposizione delle rispettive lingue (e neppure di una sola di esse), come era accaduto coi Romani. Più semplicemente, si avrà laccoglimento da parte del sardo di una serie di elementi esterni (prestiti), che ne modificheranno, in misura differente a seconda dei casi, la fisionomia.

3 Per indicare uno strato linguistico che, in séguito a fatti storici di ordine diverso (invasioni, colonizzazioni, influssi culturali), si sovrappone a un idioma già in uso in una determinata regione, provocando in esso mutamenti che possono essere di tipo fonetico, talvolta morfosintattico ma soprattutto lessicale, abbiamo visto che si impiega il termine superstrato. Lattuale fisionomia del sardo non è comprensibile se non si considera lapporto che esso ha ricevuto dalle diverse lingue di superstrato.

4 Il superstrato vandalico I Vandali erano una popolazione germanica, che dominò in Sardegna dal 456 al 534 d.C. Durante la dominazione vandalica (come anche sotto i Bizantini) la Sardegna fu unita amministrativamente allAfrica e incrementò molto i contatti con la cristianità africana: di essa, fra laltro, accolse diversi eminenti rappresentanti (vescovi) che furono mandati in esilio dai sovrani vandali, schierati a favore delleresia ariana.

5 Dal punto di vista linguistico la dominazione vandalica fu priva di conseguenze visibili, durature: ciò si può affermare perché nel sardo attuale non compaiono elementi che possano essere attribuiti, con certezza, a un superstrato linguistico germanico. Alcuni vocaboli di origine germanica sono penetrati in sardo per via indiretta, come ad es.: centr. mèrka latte inacidito, dal lat. MELCA (a sua volta dal germanico: cfr. ted. Milch, ingl. milk); ĝèrra guerra, che proviene dallo sp.-cat. guerra (a sua volta dal germanico werra).

6 Il superstrato greco bizantino Nel 534 d.C. la Sardegna entrò a far parte dellesarcato africano di Bisanzio. Dal punto di vista linguistico, M. L. Wagner era incline a ritenere linflusso bizantino sul sardo in generale esiguo, limitato soprattutto alle sfere ecclesiastica e amministrativa. Tale atteggiamento derivava dallaccettazione di uno schema storiografico non adeguato: in sostanza, sino a non molto tempo fa si avvalorava lidea di una presenza bizantina in Sardegna piuttosto leggera.

7 Tale presenza sarebbe stata in grado di esercitare sulla cultura e sulla società sarde soltanto un influsso limitato, per lappunto, agli ambienti elevati della Chiesa e dellamministrazione imperiale. In questo modo, si comprende latteggiamento del Wagner, propenso a riconoscere nel sardo termini di origine bizantina soltanto in quegli ambiti indicati in precedenza. Come esempio, qui ci limitiamo a ricordare una parola importante per la cultura sarda: kondáke, kondá ǥ e raccolta di atti riguardanti negozi giuridici, decisioni giudiziali, donazioni, permute etc. (di solito in relazione a un ente ecclesiastico). Si tratta della tipologia di documento certamente più caratteristica del medioevo sardo.

8 Successivamente, per merito soprattutto di G. Paulis, si è messa in evidenza la maggiore articolazione e profondità dellinflusso bizantino in Sardegna. Tale influsso si può ravvisare, oltreché negli ambiti precedentemente privilegiati della corte e della Chiesa, anche nella vita quotidiana, nelle strutture sociali ed economiche e nella cultura materiale. Il risultato di questo mutamento di prospettive è stato, in campo linguistico, lidentificazione di un più cospicuo e vario apporto al lessico sardo da parte del superstrato bizantino.

9 In particolare, possiamo ricordare le seguenti voci di origine greca: camp. ĝjáni morello (detto del manto dei cavalli e dei buoi; esiste anche come cognome, Ghiani); log. iskontrjare dilombarsi, sfibrare (detto del cavallo), fiaccarsi, rimbambire (delluomo); log. kèra ó ƀ iđa, camp. čèra ó ƀ iđa propoli; annakkare cullare, segnalato per Baunei; log. e camp. lèppa coltello a serramanico; log. sett. eló ǥ u vaiolo.

10 Notevole, poi, è la sopravvivenza nel sardo attuale di alcuni nomi di battesimo di origine greca bizantina: Ba íle, Ba íli Basilio; Elène, Alèni Elena; Gantíne, Gantíni Costantino; Maléni Maddalena; Miále, Miáli Michele, etc. Qui si può ricordare anche il caso di SantAvendrace, denominazione di un quartiere di Cagliari, con Avendrace che si lascia ricondurre a Euandráki(on) (piccolo Evandro), pronunciato evandráki.

11 Ricordiamo infine alcuni toponimi di origine greca bizantina: Ploaghe (comune in provincia di Sassari; nei documenti medioevali compare come Plavaki, Plovaki, Plovake), che si riconduce a Paulákes (pronunciato Pavlákis) e, in ultima analisi, a Paûlos (pronunciato Pávlos) Paolo; Platamona (stagno e spiaggia sabbiosa a est di Portotorres, nella marina di Sorso), che si riporta a platamón, platamónos spiaggia piana e larga.

12 Il primo superstrato italiano In séguito allespansione islamica nel Mediterraneo, i legami con Bisanzio col tempo si allentarono. Anche per questa ragione, per il vuoto di potere che si venne a creare, nacquero in Sardegna, forse fra il X e lXI sec., i quattro giudicati di Gallura, Cagliari, Arborea e Torres, vere e proprie entità statali autonome (è utile vedere la carta di G. G. Ortu nella diapositiva n. 15, che mostra la situazione dellisola intorno al 1300).

13 A partire dallinizio dellXI sec., poi, incominciò la progressiva penetrazione commerciale e politica di Genova e Pisa in Sardegna. Tale penetrazione avvenne allinizio attraverso enti ecclesiastici legati alle due repubbliche marinare, oltreché per liniziativa di casati nobiliari; successivamente avvenne anche in modo più diretto, tramite numerosi Pisani e Genovesi che giunsero in Sardegna e ottennero privilegi di varia natura.

14 In particolare, lingerenza pisana interessò maggiormente i giudicati di Cagliari e Gallura, mentre nel giudicato di Torres il controllo genovese fu via via più netto, specialmente a Sassari. Una posizione più autonoma, in generale, fu quella che seppe conservare il giudicato di Arborea. Tutte queste vicende ebbero delle conseguenze linguistiche evidenti, che modificarono la fisionomia del sardo quale appare già nei primi documenti dopo il Mille.

15

16 Breve bibliografia G. G. Ortu, La Sardegna dei giudici, Nuoro G. Paulis, Lingua e cultura nella Sardegna bizantina. Testimonianze linguistiche dellinflusso greco, Sassari M. L. Wagner, Dizionario etimologico sardo, Heidelberg M. L. Wagner, La lingua sarda. Storia, spirito e forma, Nuoro 1997.


Scaricare ppt "Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 4."

Presentazioni simili


Annunci Google