La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso donazione. Per trapianto si intende la sostituzione di un organo ammalato e non più funzionante, con un organo sano, o parte di esso, prelevato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso donazione. Per trapianto si intende la sostituzione di un organo ammalato e non più funzionante, con un organo sano, o parte di esso, prelevato."— Transcript della presentazione:

1 Corso donazione

2 Per trapianto si intende la sostituzione di un organo ammalato e non più funzionante, con un organo sano, o parte di esso, prelevato da un donatore cadavere o vivente

3 In Italia a tuttoggi vi sono migliaia di pazienti in lista dattesa per un Trapianto di rene e centinaia per un cuore o per un fegato

4 TRAPIANTO : di organi INNESTO: di tessuti

5 Differenze tra organi e tessuti Organi tempo di conservazione breve (max 12 ore) trapianto subito salva-vita immunosoppressione fonti limitate Tessuti tempo di conservazione lungo innesto dilazionato salva-funzione non immunogenetici fonti illimitate Banche dei tessuti (processazione, conservazione, distribuzione,

6 Che cosa può essere donato? Organi –Reni* –Cuore –Fegato (segmenti*) –Pancreas –Polmoni –Intestino –Arti (sperimentale) Tessuti Sangue ** Midollo osseo** Cornee Vasi, valvole cardiache Osso* –tendini -cartilagini Cute Epatociti, isole pancreatiche Membrana amniotica

7

8

9

10

11 Regola della GRATUITÀ Trapianto da vivente a)Rene: artt. 2 e 6 L. 458/67 b)Fegato: art. 1 L. 483/99 c)Sangue: art. 1 L. 107/90 d)Donazione di midollo osseo: art. 4 L. 52/2001 Trapianto da cadavere a)Organi e tessuti: art. 22 L. 91/99 b)Cornea: art. 1 L. 301/1993 Convenzione di Oviedo ( – Ratificata con la Legge 145/ ) Art. 21: >

12

13

14 DEFINIZIONE DI MORTE UNITÀ FUNZIONALE PERDITA TOTALE ED IRREVERSIBILE DELLA CAPACITÀ DELLORGANISMO DI MANTENERE AUTONOMAMENTE LA PROPRIA UNITÀ FUNZIONALE (Comitato Nazionale di Bioetica 15 febbraio 1991)

15

16 Legge 578/ Norme per laccertamento e la certificazione di morte art. 1: >. art. 2: arresto cardiaco <>. Quindi, la morte è unica: CEREBRALE, anche quando le modalità del suo accertamento sono focalizzate a rilevare lassenza dellattività cardiaca

17 ACCERTAMENTO DELLA MORTE Osservazione (per 24 ore o, nei casi di morte improvvisa, per 48 ore) (certezza della morte deriva dalla comparsa dei segni della putrefazione, dalla presenza di ipostasi, dal raffreddamento, dallo sviluppo del rigor mortis; oppure morte per depezzamento, maciullamento, decapitazione, ecc, in cui è sufficiente il rilievo obiettivo di grave danno anatomico) morte cardiaca E.C.G. piatto per non meno di 20 (morte cardiaca) morte cerebrale Metodo NEUROLOGICO (morte cerebrale) Non esistono diversi tipi di morte, ma solo diversi metodi per accertare lo stesso fenomeno

18 MORTE CEREBRALE Distruzione irreversibile di tutta la massa cerebrale D.M. Sanità 582/ Stato di incoscienza 2.Assenza di riflessi del tronco encefalico 3.Assenza di Respirazione Spontanea 4.Assenza di attività elettrica cerebrale (Silenzio Elettrico Cerebrale) Tali condizioni DEVONO essere presenti ininterrottamente per almeno: 6 ORE - Paziente di Età maggiore di 5 anni 12 ORE - Paziente di Età compresa tra 1 e 5 anni tre voltecollegio di tre Sanitari Le verifiche devono effettuarsi per tre volte, da parte di un collegio di tre Sanitari, con la seguente cadenza: Allinizio dell'accertamento A metà Alla fine

19 La MORTE CEREBRALE non è opinabile La MORTE CEREBRALE è una diagnosi di CERTEZZA

20 La morte cerebrale è obiettivata (nervi cranici, apnea) dai tre membri che compongono il collegio fini legali Il tracciato E.E.G. è lausilio strumentale indispensabile a fini legali, al pari dellemogasanalisi, per decretare la morte cerebrale non La morte cerebrale non è decretata dal solo tracciato E.E.G. Le indagini strumentali hanno mera finalità documentale Le indagini strumentali hanno mera finalità documentale (Comitato Nazionale di Bioetica )

21 Legge 578/ Norme per laccertamento e la certificazione di morte Laccertamento deve eseguirsi in tutti i casi in cui ne ricorrono le condizioni, indipendentemente dalla possibilità di effettuare prelievi di organi e tessuti

22 La morte cerebrale si verifica in circa il 10% dei pazienti che muoiono in rianimazione (lo 0,5%-2% di tutti i decessi in Ospedale)

23 Solo dopo avere effettuato la Diagnosi clinica e strumentale di morte cerebrale, il medico di Rianimazione è tenuto a richiedere la convocazione del Collegio Medico che eseguirà laccertamento.

24 rianimazione direzione sanitaria collegio medico

25 Il Collegio Medico è formato da: Un medico legale (o medico della Direzione Sanitaria) Un medico specialista in Anestesia e Rianimazione Un medico neuro- fisiopatologo (neurologo oppure neurochirurgo)

26 Durata della osservazione La legge indica i tempi di osservazione (6 ore per gli adulti) prima di interrompere le manovre rianimatorie

27 DIAGNOSI E ACCERTAMENTO Losservazione clinica ….. ….diventa anche certezza giuridica

28 ACCERTAMENTO DELLA MORTE –La legge, letica e il senso comune richiedono che la morte sia accertata –Non è consentito né logico che i cadaveri restino nei letti di casa o di ospedale Nello stesso tempo è necessario avere la certezza che di cadaveri si tratti

29

30 CAUSA CARDIACA È obbligatorio soltanto per prelevare tessuti e organi da cadavere a cuore fermo Registrazione di tracciato ECG per almeno 20 minuti

31

32 In Italia la donazione degli organi è regolamentata dalla legge n. 91 del 1999 Tutti siamo potenziali donatori. Basta dare la propria disponibilità al trapianto dopo la morte. Vige anche la regola del silenzio assenso La donazione comprende tutti gli organi ed è sempre gratuita e anonima

33 Legge 1 aprile 1999 n.91 (Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti) Consenso presunto informato Dissenso esplicito informato art. 4 art. 4 >.

34

35 Fino allattivazione del S.I.T. Possono verificarsi solo tre situazioni: 1) Il soggetto ha espresso, in vita, volontà positiva alla donazione In questo caso il prelievo è consentito se altra dichiarazione, redatta in epoca successiva, non neghi tale scelta. I familiari non possono opporsi. 2) Il soggetto ha espresso volontà negativa alla donazione in questo caso il prelievo non è consentito. 3) Il soggetto non si è espresso in questo caso il prelievo è consentito se i familiari non si oppongono.

36 È indispensabile che il Collegio Medico interpelli i familiari aventi diritto e documenti per iscritto: È indispensabile che il Collegio Medico interpelli i familiari aventi diritto e documenti per iscritto: che è stata loro offerta la possibilità di produrre dichiarazione scritta della volontà del congiunto, che modifica quella eventualmente resa in data antecedente, già individuata; che è stata loro offerta la possibilità di produrre dichiarazione scritta della volontà del congiunto, che modifica quella eventualmente resa in data antecedente, già individuata; che è stata loro fornita linformazione sui trapianti; che è stata loro fornita linformazione sui trapianti; che è stata loro offerta la possibilità di esercitare leventuale diritto di opporsi alla donazione (qualora il congiunto non abbia espresso volontà). che è stata loro offerta la possibilità di esercitare leventuale diritto di opporsi alla donazione (qualora il congiunto non abbia espresso volontà). Circolare n. 12/2000 del Ministero della Sanità

37 Schema tipo del modulo utilizzabile (circ. 12/00 Min. Sanità)

38 Il prelievo di cornee, oggetto di specifica disciplina previgente -L.301/93-, anchessa temporaneamente salvaguardata -art.27 comma 2 L.91/99-, prevede il preventivo assenso scritto dei familiari.

39

40

41 Fine osservazione SALA OPERATORIA PRELIEVO cuore fegato reni pancreas cornee

42 Fine prelievo SALA OPERATORIA TRAPIANTI rene e cornea Cornea Rene

43 Fine prelievo Direzione Sanitaria Archivia atti Trasmette attiCura rapporti con la famiglia

44 VERBALI analitico verbale, in duplice copia Delle operazioni relative allaccertamento della morte viene esteso analitico verbale, in duplice copia, ognuna sottoscritta dai sanitari del collegio: Loriginale viene archiviato in Direzione Sanitaria; Una copia viene trasmessa, a cura della Direzione Sanitaria, all'Assessorato alla Salute della Regione Calabria; Una copia viene trasmessa, a cura della Direzione Sanitaria, allOsservatorio Epidemiologico della Regione Calabria.

45

46 1.LEGGE n° 301 del 12 agosto 1993 assenzo da parte dei familiari accertamento della morte con ECG prelievi in strutture pubbliche, private, a domicilio centri di riferimento: informazione organizzazione deposito e conservazione esame, selezione, trattamento e consegna ricerca

47 Per la prima volta in un testo legislativo si parla correttamente di "innesti" e non di trapianto, poiché la cornea è un tessuto e non un organo e, quindi, come tale, necessitava di una normativa diversa da quella predisposta per la autorizzazione alla effettuazione di trapianti più complessi che comportano l'uso di apparecchiature ed organizzazione di sala operatoria molto sofisticate. Diverse sono, infatti, le logiche biologiche che interessano l'accertamento di morte, la qualità del tessuto da trapiantare, i tempi e i modi di conservazione del lembo

48 Viene introdotto, infatti, l'obbligo di un esplicito assenso da parte dei familiari del donatore o dei suoi legali rappresentanti, sempre nel rispetto dell'opposizione al prelievo, eventualmente espressa in vita, ma per iscritto, da parte del soggetto.

49 Per gli espianti di cornea, invece, tale normativa è stata modificata con una nuova prescrizione: c) il medico che dichiara la morte è tenuto a darne immediata comunicazione al più vicino Centro di Riferimento per gli innesti corneali. Poiché la stessa legge dispone all'art. 5 "l'abrogazione di ogni disposizione in contrasto con la presente legge", in conformità del suo carattere di lex specialis, ne deriva che sono stati aboliti gli obblighi di adempimento previsti nella precedente legge e che il medico che accerta la morte è il solo responsabile della comunicazione contemporanea della certificazione di morte e delle operazioni di espianto al Centro di Riferimento, il quale è il solo abilitato a riceverlo in luogo del procuratore della Repubblica e del medico provinciale, ai quali va comunicato solo l'accertamento della morte. In carenza di tale Centro, il verbale dell'espianto va tenuto in deposito presso l'ente di appartenenza del sanitario, e l'ente provvederà alla trasmissione al Centro.

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61 Il personale di diagnosi, cura ed assistenza, necessario allespletamento delle funzioni e dei servizi attinenti al caso, è tenuto a prestare la sua attività anche oltre il normale orario di servizio


Scaricare ppt "Corso donazione. Per trapianto si intende la sostituzione di un organo ammalato e non più funzionante, con un organo sano, o parte di esso, prelevato."

Presentazioni simili


Annunci Google