La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LItalia fra gli anni Trenta e Quaranta del XIX secolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LItalia fra gli anni Trenta e Quaranta del XIX secolo."— Transcript della presentazione:

1 LItalia fra gli anni Trenta e Quaranta del XIX secolo

2 Insurrezioni del Diffusione di riviste e periodici 1831 Dietro pressioni austriache, il Granduca di Toscana Leopoldo II, proibisce la pubblicazione di Antologia Insurrezioni 1831 Modena: i liberali guidati da Ciro Menotti (appoggiati da Francesco IV) insorgono. LAustria non vuole unespansione del ducato di Modena; Francesco IV abbandona la cospirazione ma mantiene contatti con i liberali

3 Insurrezioni del Novembre 1830: muore Pio VIII e i cospiratori insorgono (sperano in un ampliamento della rivolta anche nello Stato Pontificio ora che la sede pontificia è momentaneamente vacante) Francesco IV ordina larresto di tutti i capi dei congiurati Scoppiano ulteriori moti anche a Bologna, in Romagna, nelle Marche e a Parma A Bologna nasce un Governo delle Province Unite (senza i ducati di Modena e Parma) ma ricompaiono divisioni interne tra Democratici e Moderati

4 Insurrezioni del Democratici: vogliono marciare su Roma Moderati: temono gli Austriaci e sperano nellaiuto dei Francesi (i quali non intervengono) LAustria occupa i ducati di Modena e parma 1831: forze delle Province Unite sconfitte a Rimini

5 Giuseppe Mazzini Il fallimento dei moti del 1831 crea una profonda crisi 1827: Giuseppe Mazzini ( ) entra nella Carboneria ma viene arrestato. Va in esilio in Francia Sentimento mistico-religioso e principi democratici Programma mazziniano: Religiosità laica (Dio=spirito della storia; popoli=strumento per realizzare il disegno di Dio) Diritti ma anche doveri di tutti, in primis obbedienza alla legge del progresso

6 Giuseppe Mazzini Rispetto reciproco fra le Nazioni Costruzione di una fratellanza universale Principio di solidarietà fra Nazioni e tra i singoli individui Lotta di classe come fattore nocivo Italia deve essere INDIPENDENTE, UNITA e REPUBBLICANA Opera pedagogica per educare il popolo italiano agli ideali di uguaglianza, fratellanza, unità, indipendenza e libertà

7 Giuseppe Mazzini 1831: fonda la Giovine Italia Caratteristiche della Giovine Italia sono lapertura verso lesterno e la pubblicità del suo programma politico (non come le società segrete)

8 I moti mazziniani e il loro fallimento La congiuntura internazionale era sfavorevole a qualsiasi insurrezione ma Mazzini non ne tenne conto Obiettivo per lo scoppio dei moti=Regno di Savoia 1834: sarebbe dovuta scoppiare una ribellione a Genova tra i marinai della flotta regia che poi sarebbe dovuta dilagare in Piemonte fallimento Altri tentativi insurrezionali in Toscana e nel Lombardo- Veneto vengono repressi sul nascere Mazzini e Garibaldi condannati a morte in contumacia

9 I moti mazziniani e il loro fallimento Mazzini va in Gran Bretagna dove viene accusato di irresponsabilità (tempesta del dubbio) 1839: Mazzini riorganizza la Giovine Italia e altre insurrezioni 1843 e 1845: scoppiano moti in Romagna (repressi subito); Emilio e Attilio Bandiera sbarcano in Calabria e là vengono arrestati e fucilati Metodi insurrezionali sono inefficaci!!

10 Le alternative a Mazzini Neoguelfi (Vincenzo Gioberti): papato come simbolo di unità spirituale e politica 1843 Del primato morale e civile degli italiani (Gioberti): Italia come confederazione di Stati presieduta dal papa e difesa dal Piemonte Neoghibellini: Repubblicani e anticlericali Federalisti (Cesare Balbo): Austriaci rappresentavano ostacolo allunificazione. Necessità di spostare gli interessi austriaci verso i Balcani dove lImpero Ottomano era già in crisi. Giacomo Durando propone la divisione dellItalia in tre stati: nord (Savoia), centro (Lorena) e sud (Borbone); al papa Roma e la Sardegna

11 Le alternative a Mazzini Massimo dAzeglio (liberale moderato): auspica un processo riformista nei singoli Stati Carlo Cattaneo: Regno di Sardegna era, per lui, il più reazionario. Vuole una Repubblica federale in cui ogni stato è molto autonomo

12 Situazione politica in Italia fino al 1848 Regno di Sardegna: 1831 Carlo Alberto è re. Riforme prudenti. Concede l a nomina di un Consiglio di Stato (funzioni consultive) e nuovi Codici in materia civile, penale e commerciale. Lombardo Veneto: amministrazione centralizzata e direttamente dipendente da Vienna Ducato di Modena (e Toscana): sottomessi allAustria Stato della Chiesa: 1846 eletto papa Pio IX (grandi speranze) Regno delle Sicilie: re Ferdinando II; non cambia nulla, sempre metodi autoritari e politica reazionaria


Scaricare ppt "LItalia fra gli anni Trenta e Quaranta del XIX secolo."

Presentazioni simili


Annunci Google