La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Distribuzione Elettrica: dalla rete passiva alla rete attiva Roberto Caldon Università di Padova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Distribuzione Elettrica: dalla rete passiva alla rete attiva Roberto Caldon Università di Padova."— Transcript della presentazione:

1 Distribuzione Elettrica: dalla rete passiva alla rete attiva Roberto Caldon Università di Padova

2 Struttura attuale del sistema elettrico Centrale Elettrica Transformatore di Distributione Sottostazione Commerciale Industriale Commerciale Gr. Continuità Residentiale

3 Reti elettriche di distribuzione Rete tradizionale BT Rete odierna Rete di domani ?

4 Situazione della rete di distribuzione In Italia il sistema di distribuzione è di primario livello; nel corso degli anni ha raggiunto una notevole affidabilità e una qualità del servizio eccellente, grazie anche a recenti interventi come ad es. ladozione del neutro compensato, il telecontrollo e lautomazione delle reti. Leventuale decisione di operarvi modifiche non è dovuta a ragioni tecniche contingenti, quanto piuttosto a scelte atte ad incentivare, ad esempio, lo sfruttamento di fonti rinnovabili per il conseguimento degli obiettivi di Kyoto e dalle direttive dellUE.

5 Perché la Generazione Distribuita ? convenienza energetica derivante dalla cogenerazione; necessità di integrare le capacità di trasporto della rete; possibilità di sfruttare risorse energetiche disperse altrimenti non utilizzabili; ( presenza di incentivazioni).

6 Altri motivi della possibile diffusione –E più facile la localizzazione di piccoli impianti; –La co-generazione di piccola taglia può essere sfruttata con reti termiche poco estese ed economiche (e il gas naturale è distribuito quasi ovunque); –La GD richiede tempi brevi di installatione; –La liberalizzazione del mercato dellenergia elettrica contribuisce a creare nuove opportunità; –I costi della T&D sono cresciuti mentre quelli della GD si sono ridotti.

7 Nuove strutture e nuove funzioni Connettività fra produttori e carichi Distributori forniscono servizi aggiuntivi o di sistema Flessibilità nella produzione e nella domanda(responsive loads)

8 Generazione Distribuita: possibile Impatto sulla rete Incremento dei livelli di corrente di cortocircuito e la perdita di selettività delle protezioni; Possibile presenza di transitori elettromeccanici e fenomeni di instabilità dinamica dei generatori rotanti. Possibile formazione di isole indesiderate Difficoltà del mantenimento dei profili di tensione al variare dei flussi immessi in rete (regolazione della tensione); Può causare la degradazione della qualità del servizio, in particolare:

9 Rete Contributo alla corrente di corto-circuito I Generatori contribuiscono alla corrente di corto-circuito

10 Selettività Rete Difficoltà a rendere selettiva lazione delle protezioni in presenza di Generazione Distribuita

11 La regolazione della tensione MT/BT Cab.Secondarie 130/20kV Cab. Primaria AVR Tensione Limiti consentiti Regolazione tramite AVR P Q

12 Dopo lapertura dellinterruttore di linea, una porzione di rete rimane alimentata dalla Generazione Dispersa Formazione di isole indesiderate DG AT MT DG

13 Parti di rete in Isola -nel breve termine: Problema di una protezione affidabile contro la perdita di rete -nel lungo termine: Problema del controllo/protezione della rete resa attiva dalla GD Questioni aperte:

14 Innovazioni richieste dalla presenza di GD

15 Integrazione di due infrastrutture Central Generating Station Step-Up Transformer Distribution Substation Receiving Station Distribution Substation Distribution Substation Commercial Industrial Commercial Gas Turbine Recip Engine Cogeneration Recip Engine Fuel cell Micro- turbine Flywheel Residential Photo voltaics Batteries Residential Data Concentrator Control Center Data network Users 2. Information Infrastructure

16 150 kV 60 kV 10 kV 60 kV 10 kV 60 kV 10 kV 60 kV 150 kV InputOutput Controllore Rete attiva

17 Definizione di distribuzione attiva Una rete di distribuzione è attiva se il gestore della rete controlla e/o regola la potenza assorbita o generata da carichi e generatori, la tensione ai nodi ed i flussi di potenza nei rami della rete –Non tutte le funzioni devono essere presenti –Abbandono della politica del connect and forget Approccio probabilistico nel dimensionamento e nella gestione delle connessioni.

18 Criticità delle reti attive - Reti maggiormente interconnesse: per accogliere il maggior numero di generazioni distribuite, una rete di distribuzione dovrebbe essere maggiormente interconnessa. –Effetto Domino: ma una rete di distribuzione fortemente interconnessa rischia di dar luogo a pericolosi effetti di diffusione dei guasti e dei malfunzionamenti che possono compromettere il servizio in aree molto vaste. –Correnti di guasto la magliatura delle reti determina sempre un forte incremento delle correnti di corto circuito. Servono nuove protezioni o limitatori. –Power Quality laumento dellampiezza della corrente di corto circuito porta a buchi di tensione più profondi e ad aree di influenza maggiormente estese. Per scongiurare la possibilità di un forte degrado della qualità della tensione è necessario pianificare le reti di distribuzione considerando tali aspetti in modo esplicito. Necessità di sviluppare nuove tecnologie e nuove strategie di controllo / gestione

19 R&S delle reti attive: (UK) Impiego di (Distribution Management System) per la gestione integrata della rete e della GD

20 R&S delle reti attive: (Danimarca)

21 R&S delle reti attive: Self-healing networks (Intelligrid EPRI-EDF)

22 R&S delle reti attive: Le microreti capaci di autosussistenza (EPRI)

23 Microgrids Potenza anche in caso di perdita di risorse distribuite nella microgrid; Vendita alla rete di eventuali eccessi di produzione; Permettono di alimentare durante i guasti la totalità o un sottoinsieme degli utenti (isola intenzionale).

24 Conclusioni Le reti di distribuzione MT e BT non sono progettate per la integrazione di GD La presenza diffusa della GD può creare problemi e limitare laffidabilità dellattuale sistema di distribuzione Bisogna modificare le modalità di controllo e i criteri di esercizio delle reti (protezioni, regolazione della tensione, ecc.,) La trasformazione del sistema di distribuzione verso scenari futuri in cui non si pongano barriere ed ostacoli alla penetrazione della GD richiede notevoli investimenti e potrà avvenire solo sotto la spinta di una chiara indicazione politica e il coinvolgimento dei soggetti interessati. Molti paesi (soprattutto in Europa) stanno affrontando il problema; a questo fine molte imprese stanno investendo nello sviluppo di nuove tecnologie in particolare lintegrazione di ICT e di Automazione.

25 Domande Il nostro paese che cosa intende fare ? Esistono regole certe e chiari scenari di sviluppo ?


Scaricare ppt "Distribuzione Elettrica: dalla rete passiva alla rete attiva Roberto Caldon Università di Padova."

Presentazioni simili


Annunci Google