La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PDP PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Individuati gli alunni con BES, si porrà la domanda: Il/i problema/i rilevato/i può/possono essere affrontato/i e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PDP PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Individuati gli alunni con BES, si porrà la domanda: Il/i problema/i rilevato/i può/possono essere affrontato/i e."— Transcript della presentazione:

1 PDP PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

2 Individuati gli alunni con BES, si porrà la domanda: Il/i problema/i rilevato/i può/possono essere affrontato/i e almeno in parte risolto/i dalla scuola ?

3 Il Consiglio di Classeelabora un percorso individualizzato e personalizzato per alunni con BES, attraverso la redazione di un Piano Didattico Personalizzato (PDP), che serva come strumento di lavoro in itinere per gli insegnanti ed abbia la funzione funzione di documentare alle famiglie le strategie di intervento programmate.

4 Cosa deve contenere il PDP? analisi della situazione dellalunno L analisi della situazione dell alunno deve riportare le indicazioni fornite da chi ha redatto la segnalazione, quelle pervenute dalla famiglia e i risultati del lavoro di osservazione condotto a scuola. Deve rilevare le specifiche difficolt à che l allievo presenta ed anche i suoi punti di forza. livello degli apprendimenti Nelle diverse discipline o nei diversi ambiti di studio vanno individuati gli effettivi livelli di apprendimento, che devono essere rilevati con le modalit à pi ù idonee a valorizzare le effettive competenze dell allievo superando le sue specifiche difficolt à

5 obiettivi e contenuti dapprendimento per ciascun alunno Per ciascuna disciplina o ambito di studio vanno individuate le abilit à e le conoscenze fondamentali che l allievo deve acquisire, affinch é sia mantenuta la validit à effettiva del corso di studi ma al contempo assicurando un volume di lavoro compatibile con le specifiche modalit à di funzionamento di un allievo con BES Per ciascuna disciplina o ambito di studio vanno individuate le metodologie pi ù adatte ad assicurare l apprendimento dell allievo in relazione alle sue specifiche condizioni. Per ciascuna disciplina o ambito di studio vanno individuati gli Per ciascuna disciplina o ambito di studio vanno individuati gli strumenti compensativi e dispensativi necessari a sostenere lallievo nellapprendimento Metodologie-Misure Compensative e Dispensative

6 Valuta zione Andranno specificate le modalità attraverso le quali si intende valutare i livelli di apprendimento nelle diverse discipline o ambiti di studio. Dovrà essere ad esempio esplicitamente esclusa la valutazione della correttezza ortografica e sintattica per gli allievi disgrafici o disortografici. obiettivi minimi ed esami Per ogni disciplina andranno pertanto individuate le modalit à che consentano di appurare leffettivo livello di apprendimento Gli obiettivi minimi che questi alunni devono raggiungere in ogni materia sono identici a quelli dei compagni, così come stabilito nelle programmazioni disciplinari curricolari. Le indicazioni per questi alunni sono relative alladozione di strumenti compensativi e dispensativi, di modalità differenti di verifica e valutazione, che afferiscono ai modi, ma non alla sostanza. In ogni caso le prove scritte e orali devono essere uguali a quelle dei compagni e non differenziate (semplificate o equipollenti).

7 assegnazione dei compiti a casa e rapporti con la famiglia Nella programmazione personalizzata dovranno essere indicate le modalit à di accordo tra i vari docenti e con la famiglia in ordine all assegnazione dei compiti a casa: Come vengono assegnati (con fotocopie, con nastri registrati,…); In quale quantità vengono assegnati (tenere conto che i ragazzi con BES sono lenti e fanno molta più fatica degli altri, quindi occorre selezionare gli aspetti fondamentali di ogni apprendimento; Con quali scadenze vengono assegnati, evitando sovrapposizioni e sovraccarichi; Con quali modalità possono essere realizzati, se quelle consuete risultano impossibili e difficoltose.

8 Firma del PDP e legge sulla privacy Alla stesura del PDP deve far seguito il contatto con la famiglia, alla quale sarà proposta la firma del documento. Con lapposizione della firma la famiglia deve essere consapevole che autorizza il Consiglio di Classe ad utilizzare gli strumenti indicati per il raggiungimento del successo scolastico dellalunno e che si impegna a procurarglieli e farglieli usare

9 Il Consiglio di classe/team in relazione ai bisogni educativi e alla situazione di partenza dellalunno programma i seguenti interventi didattici ed educativi PDP: Il Consiglio di Classe/team in relazione ai bisogni educativi e alla situazione di partenza dellalunno programma i seguenti interventi didattici ed educativi Alunno:verifica/valutazione Partecipazione alla vita scolastica Organizzazione di lavoro di gruppo Coinvolgimento dellalunno nella fase dellorganizzazione del lavoro Schematizzare il percorso di ricerca/strutturare il percorso per obiettivi raggiungibili Creare occasioni di interazione verbale/non verbale Organizzare forme di tutoraggio Organizzazione dello spazio classe Impegno/motivazione Controllo delluso corretto e costante del diario Gratificare i progressi a scopo di rinforzo Far verbalizzare le difficoltà incontrate nel rispettare tempi e modalità di esecuzione Socializzazione: attivazione di……………………………. Lavoro di gruppo Laboratori teatro Incarichi di responsabilità verso compagni più deboli/in difficoltà Comportamento Conoscenza e comprensione guidata del regolamento di disciplina Stesura di un contratto relativo a comportamenti-obiettivo Incarichi di responsabilità verso compagni più deboli/in difficoltà

10 Abilità trasversaliAlunnoverifica/valutazione Lettura Semplificazione dei contenuti Esercizi sulluso del vocabolario Esercitazioni guidate con schemi e suggerimenti Schede di comprensione strutturate Discussione guidata sul testo Scelta di testi motivanti nel contenuto e negli obiettivi …………………………………………….. ………………………………………… ……………………………………….. Ascolto e/o Comprensione: Scelta di testi motivanti nel contenuto e negli obiettivi Discussione guidata sul testo ascoltato Far verbalizzare le difficoltà incontrate nellascolto Esercizi strutturati/schede di comprensione Esercizi per comprendere le istruzioni di lavoro/consegne Esercitazioni guidate con schemi e suggerimenti Produzione scritta: Contenuto: esercitazione guidata con schemi e suggerimenti Esercizi di ortografia/grammatica/ lessico Predisposizione di scaletta per la stesura di testi diversi Invito a tenere un diario personale

11 Produzione orale/ comunicazione: Arricchimento del vocabolario personale tramite esercizi sul lessico Discussione guidata con rispetto dei tempi dintervento Frequenti verbalizzazioni di esperienze del vissuto personale Uso di facilitatori per esposizione dei contenuti (parole chiave, immagini..) Capacità di osservare Lettura di immagini attraverso esercizi guidati Proiezione di video e successivo lavoro con schede individualizzate Lavoro personale e di gruppo (osservazione e descrizione di oggetti) Capacità operativo/creative: Laboratorio di………………………………………………. Assegnazione di lavori particolari (per facilitare le sue potenzialità creative) Lavori di gruppo ·Attività strutturate per apprendere una semplice procedura progettuale Uso del computer Inserimento in attività di:……………………………

12 Conoscenze ed abilità disciplinariAlunno verifica/valutazion e Area linguistica ·Schede individualizzate………………………… Esercizi e verifiche graduati…………………… Semplificazione dei contenuti proposti…………. Frequenti ritorni sui contenuti affrontati ·Ricerche guidate Area tecnico - scientifica Esercitazioni guidate con schemi per……………… Esercizi adattati per il recupero di…………………. Semplificazione dei contenuti di…………………… Laboratorio di informatica Favorire lapprendimento attraverso luso degli strumenti di misura e il disegno Promuovere lapprendimento attraverso lesperienza Area artistico musicale ·Esercitazioni guidate con schemi per……………….. Esecuzione di semplici performance/ lavori legati allesperienza personale Laboratorio di……………………………… Attività di……………………………………

13 Area motoria: Attività ludico-sportive motivanti Rispetto delle consegne e delle regole di gioco Esercizi personalizzati per migliorare la coordinazione motoria Giochi di squadra Partecipazione a……………………… Interventi di tipo trasversale: Coinvolgimento in momenti e attività interdisciplinari (progetti pluridisciplinari) Sviluppo della predisposizione a/di…………………… Ricerche guidate Uso del computer /internet Esercizi di problematizzazione e conseguente ricerca di soluzioni

14 Metodo di studio/autonomiaAlunno verifica/valutazion e Guidare lalunno a organizzare i tempi dedicati allo studio Fornire scalette per raggruppare i concetti in schemi grafici Migliorare la motivazione attraverso frequenti gratificazioni Esercizi strutturati e condivisi con lalunno Esercizi per comprendere le istruzioni di lavoro/consegne Far verbalizzarle difficoltà incontrate nello svolgimento dei compiti assegnati ALTRI TIPI DI INTERVENTO TRAMITE OPERATORI ESTERNI /FAMIGLIA: STRUMENTI COMPENSATIVI

15 Legenda: A = attivato A + = obiettivo raggiunto A ± = obiettivo parzialmente raggiunto A- = obiettivo non ancora raggiunto

16 Il Consiglio di classe/team verifica e valuta lefficacia degli interventi programmati e di conseguenza prosegue o modifica e/o amplia la tipologia di interventi. La verifica andrà effettuata almeno ogni 2 mesi.

17 Al termine di ogni quadrimestre il GLI incontrerà i coordinatori/docenti delle classi con alunni con BES (anche quelli che non fanno parte del gruppo) per una verifica e valutazione su quanto fatto e sui risultati degli interventi relativi agli alunni con disabilità/ con DSA/ con altri bisogni speciali.

18 Quanto su espresso ed esplicitato trova forza nel fatto che: la Direttiva 27/12/2013 e la C.M. del 08/03/2013 estendono a tutti gli alunni con BES quanto disposto dalla Legge 170/2010 per gli alunni DSA: adattamenti metodologici e didattici, strumenti compensativi e misure dispensative redazione del piano didattico personalizzato.

19 Rilevanti ultime precisazioni A seconda della gravità del problema il trattamento differenziato sarà più o meno evidente, ma comunque non occultabile. Questo deve essere chiarito fin dallinizio. Se la famiglia non vuole che siano rese palesi le difficoltà dello studente o insiste perché non si riveli alla classe la condizione del figlio, lo deve dichiarare ed essere consapevole delle conseguenze. Rifiutando ladozione delle misure indicate nel PDP per il successo scolastico si assume anche la responsabilità di un suo eventuale insuccesso. La diagnosi di DSA rientra nei dati sensibili secondo la normativa sulla privacy, quindi, senza lautorizzazione della famiglia, non si può rendere noto ad altri (compresi i compagni) questa condizione, a meno che non sia lo stesso alunno a farlo.

20 Riepilogando il PDP è uno strumento diverso dal PEI PEI previsto dalla L.104/92 per gli alunni con disabilità, consente di predisporre una programmazione individualizzata e/o differenziata PDP C.M del 05/10/2004, C.M. 28/05/2009, C.M.4089 del 15/06/2010, L. 170 del 08/10/2010, D.M.5669 del 12/07/2011 consente di diversificare le metodologie, i tempi e gli ausili didattici per lattuazione della progettazione curricolare prevista per la classe di appartenenza, modalità didattiche personalizzate con attività di recupero individualizzate.

21 Strumenti di intervento per alunni con bisogni educativi speciali: Piano educativo individualizzato P.E.I. per alunni con certificazione di disabilità Piano educativo personalizzato P.E.P. ovvero PDP (piano didattico personalizzato) per alunni con certificazione di Disturbi specifici dellapprendimento (dislessia, discalculia…) Piano didattico personalizzato per alunni con disturbi specifici non esplicitati nella legge 170/10, ma richiamati dalla circolare 8/13 ( deficit da disturbo dellattenzione, iperattività, funzionamento cognitivo limite……anche non certificati) (dott.ssa Maria Giovanna Lucchesi)

22 Alunni con bisogni educativi speciali Non sempre si tratta di alunni certificati


Scaricare ppt "PDP PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Individuati gli alunni con BES, si porrà la domanda: Il/i problema/i rilevato/i può/possono essere affrontato/i e."

Presentazioni simili


Annunci Google