La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

M. di PARKINSON SINTOMI: Tremore a riposo Rigidità muscolare Acinesia, bradicinesia Instabilità posturale STORIA NATURALE: La maggior parte dei pazienti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "M. di PARKINSON SINTOMI: Tremore a riposo Rigidità muscolare Acinesia, bradicinesia Instabilità posturale STORIA NATURALE: La maggior parte dei pazienti."— Transcript della presentazione:

1 M. di PARKINSON SINTOMI: Tremore a riposo Rigidità muscolare Acinesia, bradicinesia Instabilità posturale STORIA NATURALE: La maggior parte dei pazienti ha un decorso sfavorevole: 60% > sintomi invalidanti entro 5-9 anni dallesordio 80% > sintomi invalidanti entro anni dallesordio Mortalità 3 volte maggiore Eziologia: Idiopatico Post-encefalitico Aterosclerotico Da farmaci: reserpina, neurolettici MPTP (metil-fenil-tetraidropiridina)

2

3 TALAMO GL. PALLIDO s. nigra (pars reticulata) N. SUBTALAMICO S. NIGRA (est.) (int.) glu GABA STRIATO via INDIRETTA (inibitoria) via DIRETTA (eccitatoria) GABA Ach D1D1 D2D2 CORTECCIA glu dopamina M1M1 (pars compacta) (n. ventrolaterale e ventroanteriore)

4 EVOLUZIONE DEL TRATTAMENTO del M. di Parkinson ANTICOLINERGICI: triesifenidile, orfenadrina, biperidene Amantadina L-DOPA Inibitori della DOPA-decarbossilasi (carbidopa, benserazide) DOPAMINERGICI ergolinici: bromocriptina, lisuride, pergolide INIBITORI della MAO-B: selegilina, rasagilina DOPAMINERGICI non-ergolinici: pramipexolo, ropinirolo, rotigotina (transdermica) apomorfina (sottocutanea) INIBITORI delle COMT: entacapone, tolcapone

5 bromocriptina amantadina L-DOPA carbiDOPA benserazide selegilina pramipexolo ropinirolo triesifenidile

6 D2D2 DA L-DOPA DOPA decarbossilasi MAO-B L-DOPA DA 3-OH-metil- DOPA decarbossilasi COMT dopaminergici diretti amantadina inibitori S.N.C

7 EFFICACIA CLINICA (F. antiParkinson) ANTICOLINERGICI: miglioramento del % RIGIDITA > TREMORE > ACINESIA L-DOPA:miglioramento del 40-50% ACINESIA > RIGIDITA > TREMORE riduce la mortalità OPZIONI TERAPEUTICHE: 1° gradino: amantadina, antimuscarinici, selegilina 2° gradino: dopaminergici, l-DOPA+inib. DOPA decarbossilasi (basse dosi) 3° gradino: aumentare le dosi di l-DOPA.

8 Risposta al LEVODOPA

9 N Engl J Med 2004; 351:

10 La rasagilina ritarda la necessità di iniziare una terapia farmacologica nelle forme iniziali, lievi di Parkinson

11 EFFETTI INDESIDERATI (F. antiparkinson) ANTICOLINERGICI:stato confusionale, compromissione della memoria recente, effetti periferici. Amantadina:tolleranza, edema periferico, livedo reticularis. DOPAMINERGICI:nausea, vomito, aritmie, ipotensione posturale, discinesie (corea, atetosi), allucinazioni, psicosi. fluttuazioni della risposta (acinesia mattutina, wearing-off, on-off). Prevenzione/trattamento degli effetti dopaminergici : periferici: inibitori DOPA decarbossilasi, domperidone, entacapone centrali:clozapina

12 Effetto on-off

13 TRATTAMENTO delle fluttuazioni della risposta Preparati di l-DOPA a lento rilascio Aumentare la frequenza di somministrazione Ridurre lapporto proteico nella dieta Associare agonisti D 2, selegilina, entacapone Apomorfina s.c.


Scaricare ppt "M. di PARKINSON SINTOMI: Tremore a riposo Rigidità muscolare Acinesia, bradicinesia Instabilità posturale STORIA NATURALE: La maggior parte dei pazienti."

Presentazioni simili


Annunci Google