La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Salerno Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Commercio Prof. ssa Daniela Valentino Corso di Diritto Privato Parte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Salerno Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Commercio Prof. ssa Daniela Valentino Corso di Diritto Privato Parte."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Salerno Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Commercio Prof. ssa Daniela Valentino Corso di Diritto Privato Parte quarta – Autonomia negoziale Il contratto Requisiti Forma - Oggetto

2 FORMA DEFINIZIONE: La forma, come requisito del contratto, indica il documento (ATTO PUBBLICO o SCRITTURA PRIVATA) dal quale risulta la manifestazione di volontà delle parti. E necessario che vi sia un segno autografo in grado di identificare con certezza i dichiaranti (cd. SOTTOSCRIZIONE). PRINCIPIO DI LIBERTA DELLE FORME Principio vigente nel nostro ordinamento, quale corollario del principio di autonomia privata: i privati possono scegliere liberamente la forma delle loro negoziazioni, quando non sia la legge a richiedere una forma particolare (art n. 4 c.c.). Poiché tale norma individua nella forma un requisito essenziale solo quando è richiesta dalla legge, si argomenta a contrario che, in assenza di qualsiasi previsione normativa, le parti sono libere di adottare qualsiasi forma. In questa prospettiva le norme sulla forma sono norme eccezionali, perché derogano al principio di libertà della forma. 358

3 FORMA CRITICANecessaria prospettiva funzionale della forma: linterprete deve guardare al perchè, alla ratio della prescrizione sulla forma, la quale, tende, di norma, a realizzare un interesse meritevole di tutela. Quando vi sia un interesse costituzionalmente rilevante che può essere tutelato utilizzando una certa forma, questa dovrà essere osservata anche in mancanza di una previsione di legge. SUPERAMENTO DEL PRINCIPIO DI LIBERTA DELLE FORME. Norme sulla forma Norme ordinarie perchè mirano alla realizzazione di interessi costituzionalmente rilevanti. 359

4 CLASSIFICAZIONI DELLA FORMA FORMA AD SUBSTANTIAM =E richiesta ai fini della validità del contratto – la sua mancanza comporta la nullità del contratto. FORMA AD PROBATIONEM =E richiesta per provare in giudizio la stipulazione del contratto qualora dovesse sorgere una controversia tra le parti. In mancanza di tale forma il contratto è valido, ma non può essere provato per testimoni o mediante presunzioni. FORMA AI FINI PUBBLICITARI = La forma è necessaria ai fini della trascrizione o delliscrizione dellatto in pubblici registri. Es. Vendita di autoveicoli che può perfezionarsi anche con una stretta di mano, ma per liscrizione al P.R.A. occorre una dichiarazione autenticata del venditore. FORMA PER LOPPONIBILITA AI TERZI = La forma è richiesta per far valere nei confronti dei terzi gli effetti del contratto. Es. Vendita con riserva di proprietà non è opponibile ai creditori se non risulta da atto scritto anteriore al pignoramento. 360

5 FENOMENI PARTICOLARI RELATIO Individuazione del regolamento attraverso fonti esterne. Nei negozi solenni è possibile solo per il cd. contenuto accessorio. Il contenuto minimo, ossia lintento delle parti, di conseguire il risultato corrispondente, deve rivestire necessariamente la forma richiesta – solenne, sì che non è possibile la RELATIO. In caso contrario si ha linvalidità del contratto. FORME CONVENZIONALI (Art c.c.) Le parti possono determinare, con patto scritto, la forma del proprio futuro contratto. REQUISITI DI VALIDITA DEL PATTO SULLA FORMA: 1) Forma scritta 2) Meritevolezza il patto deve tendere a realizzare un interesse meritevole di tutela, ovvero non imporre un sacrificio al contraente debole che intenda esercitare un diritto. EFFETTI DEL PATTO SULLA FORMA: Si presume che la forma sia voluta AD SUBSTANTIAM sì che si ha invalidità del contratto senza la forma convenzionale, salvo che risulti una diversa volontà delle parti in ordine alle conseguenze che le parti hanno dichiarato univocamente di volere. 361

6 OGGETTO Necessaria distinzione tra OGGETTO DEL NEGOZIO/CONTRATTO CATEGORIA LOGICA OGGETTO DELLOBBLIGAZIONE/ RAPPORTO ENTITA MATERIALE Elemento della fattispecie, categoria logica sulla quale si forma il consenso delle parti, si sostanzia nella rappresentazione della realtà operata dalle parti mediante segni convenzionali (es. scrittura, parola, disegno, ecc.). La sua mancanza o la sua patologia comporta linvalidità della fattispecie. Elemento del rapporto, entità materiale, che scaturisce dalla fattispecie. Si tratta delle cose esterne (materiali) mediante le quali i soggetti conseguono le utilità perseguite. Se loggetto del rapporto è viziato non si ha invalidità ma si incide sulla fase attuativa ed esecutiva del contratto, sì che può aversi risoluzione del contratto. 362

7 Normalmente SITUAZIONE REALE E SITUAZIONE RAPPRESENTATA coincidono Oggetto del rapportoOggetto del contratto La mancata coincidenza può avvenire per anomalie o incongruenze della situazione descritta o per ipotesi patologiche. (es. Negozi su beni futuri – Negozi per relationem) OGGETTO REQUISITI DELLOGGETTO (Art c.c.) 1) POSSIBILITA FISICA FISICA = Va valutata sul piano materiale. Si ha impossibilità fisica quando loggetto non esiste in natura o quando il comportamento umano non può, in base allesperienza comune, raggiungere il risultato dedotto nel negozio. GIURIDICA GIURIDICA = Va valutata sul piano giuridico – normativo. Si ha impossibilità giuridica quando loggetto non è affatto configurabile sul piano giuridico (es. Pegno su beni immobili). Si parla di CONTRATTO ASSURDO. Diversa è lipotesi di un contrasto con la legge, che ne determina illiceità. 363

8 REQUISITI DELLOGGETTO (Art c.c.) 2) LICEITA = Conformità delloggetto a norme imperative, ordine pubblico e buon costume. Lessenza dellilliceità consiste nellattitudine del regolamento contrattuale a sacrificare un interesse superindividuale. DIVERSA É LA ILLICEITA DELLA CAUSA 364

9 REQUISITI DELLOGGETTO (Art c.c.) 3) DETERMINATEZZA / DETERMINABILITA Immediata riconducibilità delle situazioni soggettive programmate a fatti e casi univoci. Concreta determinazione in base ai referenti e ai criteri indicati dalle parti. DETERMINAZIONE PER RELATIONEM: Le parti indicano loggetto mediante un rinvio ad una fonte esterna (es. contratto intercorso tra le stesse o diverse parti; un giornale; ecc.). ARBITRAGGIO: Loggetto è individuato da un terzo soggetto (arbitratore) al quale le parti, congiuntamente, deferiscono tale compito (art c.c.). La scelta dellarbitratore può essere impugnata per manifesta iniquità o erroneità (arbitraggio prudenziale), da parte del giudice, o solo a causa di mala fede (arbitraggio discrezionale), non effettuabile dal giudice. 365

10 REQUISITI DELLOGGETTO (Art c.c.) DISTINZIONE OGGETTO – CAUSA – CONTENUTO Il contenuto, inteso come linsieme delle pattuizioni, causaoggetto esprime la sintesi della causa e dell oggetto del contratto. assetto di interessi perseguiti dalle parti (Profilo dinamico) condotte e cose predisposte per la realizzazione dellinteresse delle parti (Profilo statico) 366


Scaricare ppt "Università degli Studi di Salerno Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Commercio Prof. ssa Daniela Valentino Corso di Diritto Privato Parte."

Presentazioni simili


Annunci Google