La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DISLESSIA E I DISTURBI SPECIFICI DELLAPPRENDIMENTO (DSA) Inquadramento Generale Enrico Profumo Unita Operativa di Neuropsichiatria Infantile e dellAdolescenza,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DISLESSIA E I DISTURBI SPECIFICI DELLAPPRENDIMENTO (DSA) Inquadramento Generale Enrico Profumo Unita Operativa di Neuropsichiatria Infantile e dellAdolescenza,"— Transcript della presentazione:

1 DISLESSIA E I DISTURBI SPECIFICI DELLAPPRENDIMENTO (DSA) Inquadramento Generale Enrico Profumo Unita Operativa di Neuropsichiatria Infantile e dellAdolescenza, Direttore Prof. Carlo Lenti Azienda Ospedale San Paolo - Milano 12 marzo 2009 Aula Magna Università degli Studi di Milano

2 LEGGERE E SCRIVERE LE PAROLE DELLA PROPRIA LINGUA MADRE E UNA PROCEDURA Che si acquisisce in tempi molto brevi Che in breve tempo diventa automatica Che ha caratteristiche di robustezza

3 Alla fine della I° elementare i bambini italiani leggono e scrivono correttametne il 96% delle parole della loro lingua I bambini inglesi solo il 36% PRECOCE

4 AUTOMATICO leone

5 ROBUSTO Allinizio della II° elementare, dopo lestate, i bambini leggono meglio di quanto facessero alla fine della I°, prima dellestate. E così per ogni classe

6 SI TRATTA DI PROCEDURE AUTOMATIZZABILI eseguibili molto precocemente senza alcun impegno attentivo caratterizzate da rapidità e correttezza

7 NERO ROSSO VERDE BLU ROSA 3 x 4 ?

8 COSA SUCCEDE SE QUESTE PROCEDURE NON DIVENTANO AUTOMATICHE? Lettura Scrittura Grafia Calcolo ?????

9 I DISTURBI SPECIFICI dellAPPRENDIMENTO Dislessia Disortografia Disgrafia Discalculia Trattasi di disturbi di origine neurobiologica. Sono presenti dalla nascita. Ad alta componente eredo-familiare. Non scompaiono. Nel tempo possono compensarsi.

10 CRITERI PER FARE DIAGNOSI DI DISLESSIA EVOLUTIVA A quali condizioni una difficoltà di lettura può esere diagnosticata come DISLESSIA Intelligenza nella norma Assenza di disturbi neurologici Assenza di disturbi sensoriali Assenza di disturbi psichiatrici importanti RAPIDITA e/o CORRETTEZZA < - 2 d.s. dalla norma

11 ACCESSI FONOLOGICI Lapido munato bacuto miotra notole ecchiu lapiro quodre amizio gamapi falaso tigomo nivaba barloma giagna dagumi buglia strova defito fromopu irrole scorpi pilcone tifola beniro enchea vostia fucido avelli vicepo chiore digato

12 ACCESSI LESSICALI Socdno una riccrea dlelUnvrsetiià di Carbmdgie loidrne dlele lertete alliternno diuna praloa non ha imprtzaona a ptatp che la pimra e lulimta saino nllea gusita psoizoine. Anhce se le ltteere snoo msese a csao una peonrsa può leggere linetra fasre sneza poblremi. Ciò è dovuto al ftato che il nstoro celverlo non lgege ongi sigonla leterta ma tiene in cosinaderzione la prolaa nel suo inesime. Icnrebidile he?

13 Possibili problemi della decodifica casa c a s a cavedio neuropsicologia gafebiagafebia neur ???????????????

14 Quali errori????? Fonologicamente compatibili: CUOTA/QUOTA Distanza fonologica minima: FINO/VINO; CLINA/CLIMA; VASO/FASO; doppie Conversione sillabica e consistenze 1/2: adago/ADAGIO; GIRO/GHIRO; Altri: fusioni/segmentazioni illegali: ch iesa/ CHIESA

15 ESPRESSIVITA DEI DSA IN ETA ADOLESCENTE ED ADULTA

16 Lettura Grande effetto specificità lessicale del testo

17 BRANI: Dati Normativi scuola secondaria di II grado - Disastro ecologico – MT prova finale III media (Stella, Tintoni, 2007) - 26 dicembre Brano giornalistico - Funghi in città – Italo Calvino ProvaRapidità Sec/sill MT (prova finale III media) Stella, Tintoni 0,16 ( 0,03) Brano Giornalistico Gruppo MT 0,18 (0,03) Italo Calvino…. Judica, et al. 0,17 ( 0,02)

18 Medie dei punti z di rapidità e accuratezza di 67 soggetti dislessici frequentanti le scule secondarie di seconso grado Media punti z RAPIDITA

19 Differenza tra il processo di lettura e quello di scrittura

20 Scrittura Prevalenza di errori fonologicamente compatibili

21 Qualità degli errori di 67 soggetti dislessici

22 Disturbi del calcolo e del processamento numerico

23 Cosa dicono i miei pazienti……. Giuseppe (III liceo scientifico): 13 – 5???? = 8. Come hai fatto? 5 – 3 = 2; 10 – 2 = 8. Ginevra (V liceo scientifico): faccio tutti i calcoli con le dita; ho sempre paura di sbagliare e li rifaccio due tre volte. Non riesco mai a finire le verifiche. Chiara (II anno di Design): 7 x 8? 7 x 5 = 35. Per favore mi da una matita per aggiungere 14……. Alessandro (I anno ingegneria) e Franco V elementare: 16 – 8 …………

24 Livelli di comorbidità tra dislessia e discalculia evolutiva in età adolescente. Studio su 67 soggetti dislessici evolutivi Solo 5 soggetti (4,5%) sono in norma in tutte le prove somministrate 55 soggetti (83%) hanno risultati -2d.s. almeno in una delle aree indagate

25 PROVE COMPROMESSE NELLAREA DEL CALCOLO A MENTE

26 CHE FARE? Seconda infanzia Riabilitare il disturbo specifico del linguaggio Scuola elementare Interventi specifici intensivi e mirati Misure compensative e dispensative Protesi: libri parlati e sintesi vocali computerizzate, computer, calcolatrice Scuola media e superiori Misure compensative e dispensative Protesi: libri parlati e sintesi vocali computerizzate, computer, calcolatrici

27 Quali misure compensative e dispensative Il problema dei tempi Lettura: processamento del testo scritto attraverso lorecchio Scrittura: uso della videoscrittura Calcolo: uso della calcolatrice Supporto alla memoria: uso di appunti e di formule

28


Scaricare ppt "DISLESSIA E I DISTURBI SPECIFICI DELLAPPRENDIMENTO (DSA) Inquadramento Generale Enrico Profumo Unita Operativa di Neuropsichiatria Infantile e dellAdolescenza,"

Presentazioni simili


Annunci Google