La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il rischio biologico I.P. Stefano GermanDr. Inf. Pietro Valenta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il rischio biologico I.P. Stefano GermanDr. Inf. Pietro Valenta."— Transcript della presentazione:

1 Il rischio biologico I.P. Stefano GermanDr. Inf. Pietro Valenta

2 Per rischio biologico sintende quello di contrarre una malattia infettiva, ossia una forma morbosa, determinata da un agente biologico capace di penetrare, moltiplicarsi e produrre effetti dannosi in un organismo vivente, e che successivamente è in grado di allontanarsi da esso e di penetrare in altri organismi. Il personale che opera nei laboratori è esposto a questo particolare rischio occupazionale. Il rischio biologico

3 Il punto di partenza per un accurato programma di biosicurezza è rappresentato dalla conoscenza del rischio. Le principali linee guida per la valutazione del rischio comprendono la conoscenza di: - patogenicità dellagente infettante; - modalità di trasmissione; - fattori di rischio; - sorgenti e vie di infezione.

4 Le strategie per la prevenzione e la gestione delle infezioni sono basate sul contenimento degli agenti infettanti mediante: - la loro separazione fisica dallambiente e dagli operatori; - l informazione del personale circa i rischi occupazionali; - la disponibilità di un programma di educazione sanitaria. Il rispetto delle linee guida fornite dal decreto legislativo 626/94 e i continui aggiornamenti riducono fortemente il rischio di una esposizione occupazionale agli agenti infettanti manipolati nei luoghi di lavoro

5 E stato dimostrato che il 21% dei casi documentati nel mondo di infezioni occupazionali da HIV si è manifestata tra personale di laboratorio !!! Lavorare con microrganismi, siano essi agenti patogeni o geneticamente modificati,costituisce un potenziale rischio. Attenzione:

6 - inoculazione percutanea o permucosa; - inalazione; - ingestione; Le principali vie di trasmissione

7

8 devono essere considerate le seguenti caratteristiche: - linfettività, intesa come la capacità di un microrganismo di penetrare e moltiplicarsi nellospite; - la patogenicità: capacità di un microrganismo di produrre malattia in seguito allinfezione; - la trasmissibilità: capacità di un microrganismo di essere trasmesso da un soggetto infetto ad uno suscettibile; - la neutralizzabilità: disponibilità di efficaci misure profilattiche o terapeutiche. Pericolosità di un agente biologico

9 I guanti Luso dei guanti è importante in quanto riduce il rischio di trasmissione dellinfezione da un soggetto allaltro e da oggetti e strumenti contaminati alle persone. I guanti non sostituiscono la necessità di lavarsi le mani, in quanto possono presentare dei microfori, oppure perché le mani si possono contaminare durante la rimozione dei guanti stessi.

10

11 Indicazioni generali - eliminare i guanti usati nei contenitori per rifiuti speciali; - non lavare o disinfettare i guanti chirurgici o da esplorazione per il riuso; - usare guanti per uso domestico per procedure come la pulizia dello strumentario o degli ambienti;. - con i guanti non vanno toccate superfici come porte e telefoni, ma è necessario rimuoverli prima oppure usare, ad esempio, i gomiti per aprire le porte.

12 - Non indossare anelli e braccialetti in quanto non consentono una buona igiene delle mani e potrebbero lesionare i guanti; - Evitare l'applicazione di creme prima di indossare i guanti in quanto alcune creme possono interferire con la permeabilità del guanto; - Tenere le unghie corte per evitare la rottura dei guanti. Indicazioni generali

13 Grazie per lattenzione!!!


Scaricare ppt "Il rischio biologico I.P. Stefano GermanDr. Inf. Pietro Valenta."

Presentazioni simili


Annunci Google