La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

San Mauro di Romagna (1855) Bologna (1912) Giovanni Pascoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "San Mauro di Romagna (1855) Bologna (1912) Giovanni Pascoli."— Transcript della presentazione:

1 San Mauro di Romagna (1855) Bologna (1912) Giovanni Pascoli

2 10 agosto 1867: suo padre fu assassinato ma sicari e mandanti non furono arrestati sia per lomertà della gente che per linerzia delle indagini - Desolata visione dei rapporti sociali e senso di profonda ingiustizia - Convinzione che la morte incombe su tutto (nel giro di pochi anni morirono la sorella maggiore, la madre, due fratelli) - Attaccamento morboso alle sorelle Ida e Mariù.... Quali furono gli eventi principali della vita di Pascoli?

3 Formazione: studi classici, laurea in lettere a Bologna - Pascoli insegnò per tutta la vita: prima nei licei di Matera, Massa e Livorno, poi nelle università di Messina, Pisa, Bologna Adesione allideologia socialista - Nel 1879 fu arrestato per aver partecipato a manifestazioni antigovernative... - Distacco dalla politica militante - Elaborazione di una personale ideologia socialista: umanitaria.... patriottica.... Quali furono gli eventi principali della vita di Pascoli?

4 Pascoli morì a Bologna nel 1912 «Vorrei essere seppellito in terra, nellorto di Castelvecchio, e che sul mio cuore fosse posto un seme, piccolo seme che poi salisse albero vivo tra gli alberi» Quali furono gli eventi principali della vita di Pascoli? «Dal Petrarca in poi non avemmo poeta più grande di lui» (G. DAnnunzio)

5 QUALCHE RIFLESSIONE… La chiusura gelosa nel nido familiare rivela una paura di vivere che impedì a Pascoli, tra laltro, un normale rapporto con le donne La chiusura gelosa nel nido familiare rivela una paura di vivere che impedì a Pascoli, tra laltro, un normale rapporto con le donne «Ho vissuto senza amore non per incapacità ma perché mi dovevo dedicare solo a voi» Pascoli condusse una vita appartata, senza grandi avvenimenti, chiuso nella cerchia dei suoi studi e degli affetti familiari, a contatto con la natura; una vita esteriormente serena ma in realtà turbata nellintimo da oscure angosce e paure (della morte/dellamore) e da un continuo rifugiarsi nei ricordi per sfuggire a un presente che non gli piaceva. Pascoli condusse una vita appartata, senza grandi avvenimenti, chiuso nella cerchia dei suoi studi e degli affetti familiari, a contatto con la natura; una vita esteriormente serena ma in realtà turbata nellintimo da oscure angosce e paure (della morte/dellamore) e da un continuo rifugiarsi nei ricordi per sfuggire a un presente che non gli piaceva. È considerato un poeta decadente : È considerato un poeta decadente : - perché inquieto, tormentato, malato - perché esprime tale sensibilità attraverso il simbolismo - perché avverte la crisi del Positivismo e la frattura tra intellettuali e società

6

7 Il poeta è colui che riesce a far parlare il fanciullino che è dentro di sé Il poeta è colui che riesce a far parlare il fanciullino che è dentro di sé Il poeta è dotato di una vista più acuta…perché coglie lessenza segreta delle cose (poeta veggente) Il poeta è dotato di una vista più acuta…perché coglie lessenza segreta delle cose (poeta veggente) Quali tesi espose ne Il fanciullino?(Saggio del 1897) guarda le cose Un bambino guarda le cose con stupore e meraviglia, non coglie i rapporti logici di causa- effetto, ma intuisce La poesia è conoscenza irrazionale, intuitiva, alogica e immaginosa scopre nelle cose Un bambino scopre nelle cose le somiglianze e le relazioni più ingegnose più ingegnose La poesia è simbolica e analogica La poesia deve usare un linguaggio libero da ogni solennità… si esprime Un bambino si esprime in modo semplice ANALOGIA Accostare in modo impensato e sorprendente due realtà tra loro remote eliminando tutti i passaggi logici intermedi Tra il nero un casolare: unala di gabbiano METAFORA SIMILITUDINE

8 La poesia è in tutte le cose, nelle più grandi come nelle più piccole e semplici… La poesia è in tutte le cose, nelle più grandi come nelle più piccole e semplici… Poesia delle piccole cose (realismo impressionistico? No, la realtà assume un valore simbolico!) La poesia ha funzione La poesia ha funzione Saggio del 1897) Quali tesi espose ne Il fanciullino?(Saggio del 1897) Morale e sociale… Consolatoria…

9 Nella poetica pascoliana si intrecciano due spinte fondamentali: una verso l'esterno, verso l'intervento attivo nella società per produrre dei cambiamenti nelle cose e negli uomini. una verso l'esterno, verso l'intervento attivo nella società per produrre dei cambiamenti nelle cose e negli uomini. -una verso l'interno, intimista, abbinata al gusto contadino per le cose semplici e all'attenzione a volte ossessiva alle complicazioni tortuose del suo animo decadente. -una verso l'interno, intimista, abbinata al gusto contadino per le cose semplici e all'attenzione a volte ossessiva alle complicazioni tortuose del suo animo decadente.

10 Lo sperimentalismo stilistico di Pascoli LESSICO: termini tecnici…vengono mescolati a parole umili, quotidiane, persino dialettali… LESSICO: termini tecnici…vengono mescolati a parole umili, quotidiane, persino dialettali… EFFETTI FONICI: allitterazioni, onomatopee, rime interne EFFETTI FONICI: allitterazioni, onomatopee, rime interne SINTASSI: paratassi, punteggiatura… SINTASSI: paratassi, punteggiatura… METRICA: pause, enjambements METRICA: pause, enjambements

11 Il titolo della raccolta (1891) è tratto da un verso di Virgilio (Bucoliche). Il significato allude alla poetica del basso, del comune, delle piccole cose, pur nella compresente ricerca di sostenutezza stilistica ed espressiva. arbusta iuvant humilesque myricae Mi piacciono gli arbusti e le basse tamerici Il poemetto introduttivo Il giorno dei morti annuncia il dominante tema funebre che attraverserà tutto il volume. Laltro tema dominante è quello della natura quale grande consolatrice benefica. Ma la natura non riesce mai a purificare completa- mente le tracce del male negli uomini e sulla terra. Il senso di colpa avvolge i sopravvissuti e la stessa natura appare segnata dal tema funebre. Lo stesso Ultimo sogno, composizione scelta a chiusura della raccolta dal poeta, fa coincidere il raggiungimento della serenità col ricongiungimento del poeta alla madre morta.

12 Lassiuolo Dov'era la luna? ché il cielo notava in un'alba di perla, ed ergersi il mandorlo e il melo parevano a meglio vederla. Venivano soffi di lampi da un nero di nubi laggiù; veniva una voce dai campi: chiù... Le stelle lucevano rare tra mezzo alla nebbia di latte: sentivo il cullare del mare, sentivo un fru fru tra le fratte; sentivo nel cuore un sussulto, com'eco d'un grido che fu. Sonava lontano il singulto: chiù... Su tutte le lucide vette tremava un sospiro di vento: squassavano le cavallette finissimi sistri d'argento (tintinni a invisibili porte che forse non s'aprono più?...); e c'era quel pianto di morte... chiù... La lirica riportata qui a fianco, pubblicata per la prima volta nel 1897 sulla rivista Il Marzocco, entrò a far parte della quarta edizione di Myricae, nella sezioneIn campagna. Lassiuolo è un uccello rapace, simile al gufo, che compare frequentemente nella poesia pascoliana come simbolo di tristezza e di morte. 1. Comprensione complessiva Dopo una prima lettura, riassumi il contenuto informativo del testo in non più di 10 righe. 2. Analisi e interpretazione del testo - Ogni strofa della poesia inizia con una impressione di chiarore. Individua le parole che esprimono una idea di luminosità. - Attraverso quali immagini il poeta riesce a comunicare una sensazione di mistero e in quali punti della poesia essa si accentua? - Il verso dellassiuolo (chiù...) è dapprima voce dei campi (v. 7), poi singulto (v. 15), infine pianto di morte (v. 23). Spiega questa varietà di espressioni. - Spiega le ragioni per cui Pascoli ricorre spesso alle onomatopee. - Prova a spiegare il significato della domanda racchiusa tra parentesi ai vv Esprimi le tue osservazioni in un commento personale di sufficiente ampiezza. Esercitazion e


Scaricare ppt "San Mauro di Romagna (1855) Bologna (1912) Giovanni Pascoli."

Presentazioni simili


Annunci Google