La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il componimento poetico si distingue Per la presenza di rime e Per la presenza di strofe Linsieme delle regole che ordinano queste elementi si chiama.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il componimento poetico si distingue Per la presenza di rime e Per la presenza di strofe Linsieme delle regole che ordinano queste elementi si chiama."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Il componimento poetico si distingue Per la presenza di rime e Per la presenza di strofe Linsieme delle regole che ordinano queste elementi si chiama metrica

3 2 I l verso è lunità metrica costituita da una serie di parole suddivise in sillabe in cui si alternano sil la be ac cen ta te e sil la be a to ne

4 3 I versi della tradizione poetica italiana sono costituiti da un numero predeterminato di sillabe, dal quale prendono il nome 2 sillabe Sal/za binario 3 sillabe ti /scher/ni ternario 4 sillabe da/mi/gel/la quaternario 5 sillabe nin/fa gen/ti/le quinario 6 sillabe Dol/ci /miei /so/spi/ri senario 7 sillabe da /vo/lar/ su/ le/ nu/bi settenario 8 sillabe Teo/do/ri/co/ di/ Ve/ro/na ottonario 9 sillabe Na/scon/di/ le/ co/se/ lon/ta/ne novenario 10 sillabe Sof/fer/ma/ti/ sul/la/ri/da/ spon/da decasillabo 11 sillabe Per/ me/ si/ va/ ne/ la/ cit/tà/ do/len/te endecasillabo

5 4 sinalefe Il computo delle sillabe in un verso tiene presente non solo le regole normali della morfologia, ma anche le seguenti particolarità Consiste nel considerare due vocali contigue, una fine di parola e laltra al principio di quella successiva, come ununica sillaba Ei fu. Sicco me im mobile

6 5 dialefe Diversamente dalla sinalefe, considera le due vocali (finale e iniziale) come due sillabe separate Che fece me a me uscir di mente

7 6 dieresi Consiste nel considerare le due vocali contigue allinterno di una parola come due sillabe separate Forse perché della fatal quië te

8 7 sineresi Consiste nel fondere in una sola sillaba allinterno di una parola 2 o più vocali contigue Ed oggi nella troade inseminata

9 8 LA STROFA: serie regolare e ritmica di versi raggruppati insieme - Distico: due versi -Terzina: tre versi -Quartina:quattro versi -Sestina: sei versi -Ottava:otto versi Strofa libera Strofa lunga dannunziana Canzone libera leopardiana (endecasillabi e settenari) A schema fisso A schema libero

10 9 LA RIMA La rima è una identità di suono, a partire dallultima sillaba accentata, fra due parole in fine di verso. Questera un lago piccolo e giocondo dacque tranquille e chiare in sin al fondo. Matteo Maria Boiardo Forse perché della fatal quiete tu sei limago, a me sì cara vieni, o Sera! E quando ti corteggian liete Le nubi estive e i zeffiri sereni. Ugo Foscolo Voi che per li occhi mi passaste l core E destaste la mente che dormia, Guardate a langosciosa vita mia, Che sospirando la distrugge amore. Guido Cavalcanti Nel mezzo del cammin di nostra vita Mi ritrovai per una selva oscura Che la diritta via era smarrita. Ahi quanto a dir qual era è cosa dura orte Esta selva selvaggia e aspra e forte Che nel pensier rinnova la paura! Dante Alighieri

11 10 Rima baciata (AABBCC) Si ha quando due versi consecutivi rimano. E uno schema tipico della poesia popolare che dà alla lirica un ritmo cantilenante. Rima incrociata (ABBA) E uno schema a quattro versi in cui il primo rima con lultimo e il secondo col terzo. Rima alternata (ABAB) Collega due versi dispari e due versi pari. Rima incatenata (ABA BCB CDC) Realizza uno schema a gruppi di tre versi (terzina) in cui il primo rima col terzo, il secondo col primo e il terzo della terzina successiva.

12 11 LA RIMA Rima baciata due versi consecutivi rimano fra loro ES.: Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d'orto (Montale) Rima alternata i versi in rima si alternano ES. Pace non trovo e non ò da far guerra; e temo e spero; e ardo e son un ghiaccio: e volo sopra 'l cielo e giaccio in terra; (Petrarca) Rima baciata Rima baciata

13 12 Rima incrociata Il primo verso rima con il quarto, il secondo con il terzo. Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia quand'ella altrui saluta, ch'ogne lingua deven tremando muta, e li occhi no l'ardiscon di guardare (Dante) Rima incrociata Rima incrociata

14 13 Rima incatenata l primo verso rima con il terzo, il secondo con il primo e con il terzo della terzina seguente Es.: Non li ricordi più, dunque, i mattini meravigliosi ? Nuvole a ' nostri occhi, rosee di peschi, bianche di susini, parvero: un'aria pendula di fiocchi, o bianchi o rosa, o l'uno o l'altro: meli, floridi peri, gracili albicocchi (G. Pascoli, Il vischio) Osserva i colori….. Osserva i colori…..

15 14 Le figure retoriche Sono accorgimenti formali, processi stilistici letterari e poetici per arricchire il senso del messaggio Figure fonetiche Riguardano il livello delle strutture fonetiche, la ripetizione, la musicalità Figure sintattiche riguardano la disposizione delle parole allinterno del testo Figure semantiche incidono sul significato della parola

16 15 FIGURE RETORICHE DI SIGNIFICATO Sono le figure retoriche che riguardano i cambia- menti di significato di singole parole o di gruppi di parole che vengono utilizzate al di là del loro significato denotativo. LA SIMILITUDINE stabilisce un paragone E' una figura retorica che stabilisce un paragone tra due termini che hanno qualcosa in comune, collegandoli con nessi comparativi (così...come tra due termini che hanno qualcosa in comune, collegandoli con nessi comparativi (così...comeecc.). La similitudin e La similitudin e

17 16 Similitudine Esempi della lingua quotidiana: I tuoi capelli sono luminosi come il sole. Quel ragazzo è come il pane Quando corri sembri una gazzella: Esempi letterari Garzoncello scherzoso, codesta età fiorita è come un giorno d'allegrezza pieno (G. Leopardi) Nessi comparativi: come; sembri; pare… Nessi comparativi: come; sembri; pare…

18 17 FIGURE RETORICHE DI SIGNIFICATO LA METAFORA E una similitudine abbreviata, privata del nesso logico; in essa un termine ne sostituisce un altro a cui è legato da un rapporto di somiglianza. Esempi della lingua di ogni giorno: Una montagna di compiti. Esempi letterari Piove senza rumore sul prato del mare (C. Pavese, Tolleranza, v. 1) La metafora La metafora

19 18 FIGURE RETORICHE DI SIGNIFICATO L'ANALOGIA (1) Si tratta di un c cc condensato della metafora. Si basa su accostamenti inaspettati che sono frutto di percezioni soggettive che regalano alle immagini….. luci nuove. Es.. "Caprioli d'argento scherzano nelle radure del cielo (Attilio Bertolucci, Fuochi di novembre)

20 19 ANALOGIA (2) "Caprioli" costellazioni Il poeta ha voluto rendere più familiare alluomo la vastità del cielo con l'immagine dei caprioli che scherzano nelle radure, evocando, così, immagini di serena dolcezza. Facciamo il percorso dalla similitudine alla metafora allanalogia "I tuoi occhi brillano come due stelle" Similitudine "I tuoi occhi sono due stelle " Metafora "Le tue stelle" Analogia

21 20 FIGURA RETORICA DEL SIGNIFICATO LA SINESTESIA(1) E' una figura di significato che consiste nel m mm mettere in relazione parole che rimandano a campi sensoriali diversi, dando luogo ad unimmagine inedita. Es.... tra fresco mormorio di alberi e fiori... (G. Carducci, Visione). percezione tattile percezione uditiva fredde luci Colore caldo

22 21 SINESTESIA(2) Es.... l'urlo nero della madre che andava incontro al figlio crocifisso sul palo del telegrafo... (S. Quasimodo) Percezione uditiva percezione visiva

23 22 FIGURE RETORICHE DI SIGNIFICATO L'ossimoro (1) E' una figura di significato che consiste n nn nellunione di due termini antitetici che sembrano escludersi l'un l'altro. Un simile accostamento produce effetti espressivi densi di significati inediti. Esempi non letterari: Grido silenzioso Amara dolcezza Dolce sofferenza Amara consolazione

24 23 FIGURE RETORICHE DI SIGNIFICATO L'ossimoro (2) Esempi letterari " bianca bianca nel t tt tacito tumulto" (G. PASCOLI) Sentia nell'inno la d dd dolcezza amara de' canti uditi da faciullo (G.Giusti, Sant'Ambrogio, vv.65-66)

25 24 METONIMIA Consiste nella s ss sostituzione di un termine con un altro, con cui si trova in rapporto di contiguità di significato. La contiguità può essere di vario tipo: la materia per l'oggetto: Mentre Rinaldo così parla, fende con tanta fretta il suttil legno l'onde, (L. Ariosto, Orlando Furioso, XLIII,44, vv.1-2) (la materia, cioè il suttil legno, per l'oggetto, la barca)

26 25 METONIMIA Consiste nella sostituzione di un termine con un altro, con cui si trova in rapporto di contiguità di significato. La contiguità può essere di vario tipo: il contenente per il contenuto: ma per le vie del borgo dal ribollir de' tini va l'aspro odor dei vini (G. Carducci, San Martino, vv.5-7) (il contenente, i tini, per il contenuto, il mosto)

27 26 FIGURA RETORICA DEL SIGNIFICATO LA SINEDDOCHE(1) E' la s ss sostituzione di un termine con un altro che presenta con il primo rapporti di maggior o minor estensione: la parte per il tutto: "questa impresa ha bisogno di cervelli" (cioè di persone intelligenti); "Ha mangiato la torta"(cioè un pezzo di torta); Il termine generale per quello particolare: "E' destino di noi mortali..." (cioè degli uomini);

28 27 Sineddoche (2) Il singolare per il plurale "....lo straniero..." per dire "...gli stranieri...". 1) e sol da lunge i ii i miei tetti saluto. (U. Foscolo, In morte del fratello Giovanni) 2) In un gran porto pieno di v vv vele lievi Pronte a salpar per un orizzonte azzurro (D. Campana)

29 28 FIGURE RETORICHE DI SIGNIFICATO PERSONIFICAZIONE E' una figura di significato che c cc consiste nell'attribuire a cose o animali azioni e sentimenti umani. Forse perchè della fatal quiete tu sei l'immago, a me sì cara vieni o Sera!... (U. Foscolo) Laudata sii pel tuo viso di perla, o Sera,e pe tuoi grandi umidi occhi… La personificazione in pubblicità: "La scarpa che respira"

30 29

31 30 LE FIGURE DELL'ORDINE O DELLA SINTASSI (Tali figure riguardano l'ordine dei termini nelle frasi) ANAFORA (1) E la r rr ripetizione di una parola o di un gruppo di parole all'inizio di due o più strofe o versi o periodi successivi Per me si va nella città dolente, per me si va nell'eterno dolore, per me si va tra la perduta gente (Dante) Anafora: Per me… Per me Anafora: Per me… Per me

32 31 Anafora in pubblicità: La parola "mi" è ripetuta all'inizio di ogni affermazione

33 32 LE FIGURE DELL'ORDINE O DELLA SINTASSI (Tali figure riguardano l'ordine dei termini nelle frasi) ANASTROFE (1) L'anastrofe, o inversione, s ss si verifica quando si inverte l'ordine delle parole rispetto all'uso più comune: soggetto, predicato, complementi Complementi, predicato, soggetto L'anastrofe serve a mettere in posizione forte (per es. all'inizio di frase) le parole a cui si vuole dare maggior rilievo. Come l'aere, l'acqua ed il fuoco fatto è l'oro un periglioso elemento che ha i suoi nembi... (G. D'Annunzio)

34 33 ANASTROFE (2) Eliminando lanastrofe, si avrebbe il seguente ordine sintattico: prima il soggetto poi il predicato ( mentre il poeta ha messo prima il predicato del soggetto). Come l'aere, l'acqua ed il fuoco l'oro è fatto(trasformato in ) un elemento periglioso che....

35 34 FIGURE DELL'ORDINE IPERBATO separare due parole che normalmente stanno vicine interponendovi altri elementi. E' una figura retorica di sintassi che consiste nel separare due parole che normalmente stanno vicine interponendovi altri elementi. In genere è la parola chiave che viene posposta, creando una certa tensione nella lettura. Es.: Dolce e chiara è la notte, e senza vento (G. Leopardi, La sera del dì di festa, v.1) Es.:.... E in quelle seguo de' miei sogni l'orme... (G. Carducci, Traversando la Maremma toscana)

36 35 LE FIGURE DELL'ORDINE Chiasmo disposizione di due espressioni in modo che l'ordine sintattico della prima sia inverso rispetto a quello della seconda. E' una figura dell'ordine che consiste nella disposizione di due espressioni in modo che l'ordine sintattico della prima sia inverso rispetto a quello della seconda. Si forma un ipotetica X che unisce i termini sintatticamente equivalenti. Es.. la luce si fa avara - amara l'anima... (E. Montale, I limoni) ecco la X : LA LUCE SI FA AVARA AMARA L'ANIMA I due sostantivi si trovano all'inizio e alla fine della frase, gli aggettivi nel mezzo

37 36 LE FIGURE DELL'ORDINE Climax E' una figura di ordine che consiste nell'elencazione di termini che sono posti in ordine di intensività. La gradazione può essere ascendente, dal termine meno intenso al più intenso o discendente dal termine più intenso al meno intenso..... la terra ansante, livida, in sussulto; il cielo ingombro, tragico, disfatto: CLIMAX... (G. Pascoli, Il lampo) Brama assai, poco spera, e nulla chiede; ANTICLIMAX (T. Tasso, La Gerusalemme liberata)

38 37 ipotassi paratassi Costruzione sintattica con reggente e secondarie Lingua mortal non dice quel chio sentiva in seno Costruzione sintattica con proposizioni legate con congiunzioni coordinanti o per asindeto E suona ancora lora e mi manda

39 38 Le figure retoriche fonetiche Attraverso la combinazione di suoni si crea non solo una particolare musicalità ma si arricchisce il significato delle parole Attraverso la combinazione di suoni si crea non solo una particolare musicalità ma si arricchisce il significato delle parole

40 39 La POESIA vuole piacerci non solo per le cose che dice, ma anche per come le dice. Per questo motivo usa spesso PAROLE ONOMATOPEICHE. Infatti ci sono dei versi o delle intere poesie che suonano. Vediamo alcuni esempi famosi: «don-don di campane» (Nebbia, G. Pascoli) DON CRA «E gracidò nel bosco la cornacchia» (Pioggia, G. Pascoli) * ! «Un bubbolìo lontano» (Temporale, G. Pascoli)

41 40 Anche senza leggere poesie, può capitare di trovare parole onomatopeiche, ad esempio nei fumetti. Ecco alcuni esempi: In italiano SIGH, GULP, MUMBLE e BOOM sono solo suoni, ma nella lingua inglese sono parole (sostantivi e verbi) che hanno un preciso significato: SIGH = sospiro; TO SIGH = sospirare GULP = sorso; TO GULP = deglutire MUMBLE = borbottio; TO MUMBLE = borbottare BOOM = rimbombo; TO BOOM = rimbombare

42 41 L'ALLITTERAZIONE Fresche le mie parole nella sera ti sien come il fruscio che fan le foglie (G. D'Annunzio) Da notare l'effetto musicale prodotto dal ripetersi costante dei suoni f e s. L'allitterazione consiste nell'accostare, all'interno di un gruppo di versi, parole che cominciano allo stesso modo o che presentano nel loro corpo suoni identici o simili.

43 42 E nella notte nera come il nulla (G. Pascoli) In questo caso, cosa suggerisce l'allitterazione? a) Noia; b) Paura; c) Angoscia

44 43 Consonanza: parlotta maretta Consonanza: parlotta maretta FIGURE RETORICHE DI SUONO LA CONSONANZA Si ha la consonanza quando, a partire dalla vocale accentata, sono uguali le consonanti e diverse le vocali Tra gli scogli parlotta la maretta (E. Montale)

45 44 LE FIGURE RETORICHE DI SUONO: ASSONANZA Di tutto quel cupo tumulto, di tutta quell'aspra bufera, non resta che un dolce singulto nell'umida sera. (G.Pascoli, La mia sera) Carnevale vecchio e pazzo s'è venduto il materasso (G. D'Annunzio, Carnevale) Nei versi di Pascoli e di D'Annunzio ci sono delle assonanze. Prova ad evidenziarle.


Scaricare ppt "1 Il componimento poetico si distingue Per la presenza di rime e Per la presenza di strofe Linsieme delle regole che ordinano queste elementi si chiama."

Presentazioni simili


Annunci Google