La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LO STATO DELLARTE SULL ASSICURAZIONE DEI RISCHI CATASTROFALI Convegno CINEAS Calamità naturali: lesperienza Abruzzo e la proposta CINEAS» Milano, 29 gennaio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LO STATO DELLARTE SULL ASSICURAZIONE DEI RISCHI CATASTROFALI Convegno CINEAS Calamità naturali: lesperienza Abruzzo e la proposta CINEAS» Milano, 29 gennaio."— Transcript della presentazione:

1 LO STATO DELLARTE SULL ASSICURAZIONE DEI RISCHI CATASTROFALI Convegno CINEAS Calamità naturali: lesperienza Abruzzo e la proposta CINEAS» Milano, 29 gennaio 2014 ROBERTO MANZATO1

2 Messaggi chiave 2ROBERTO MANZATO Lattuale sistema dintervento finanziario per i danni subiti dai cittadini a causa delle catastrofi naturali non è ottimale, si può fare facilmente meglio 1 1 Il mercato delle coperture assicurative catastrofali per le imprese funziona 2 2 Ci sono interessanti iniziative di offerta di coperture catastrofali per le abitazioni, sebbene la domanda è scarsa ma in evoluzione 3 3 Per incrementare la domanda va creato un sistema, gli assicuratori hanno, in questi anni, presentato più volte delle proposte. Per gli assicuratori è fondamentale che si rispettino alcuni requisiti tecnici imprescindibili per il corretto funzionamento delle coperture e per la loro sostenibilità 4 4

3 Attuale sistema fortemente migliorabile 3ROBERTO MANZATO 1 1 Lattuale sistema italiano è basato su finanziamenti ad hoc deliberati successivamente allevento catastrofale. Storicamente i risarcimenti statali non hanno coperto il totale dei danni alle abitazioni private, bensì una percentuale che varia dal 50% all80%. CRITICITÀ DELL ATTUALE SISTEMA Finanziamento degli interventi a carico delle fiscalità generale e quindi anche dei cittadini che non possiedono immobili (con il paradosso che gli evasori fiscali non contribuiscono, ma beneficiano dei risarcimenti) Sistema che non fornisce incentivi alla prevenzione e alla mitigazione del rischio Incertezza sul diritto e sullentità dei risarcimenti Incertezza sui criteri valutativi e sulla tempistica Sistema che non accantona riserve per far fronte agli eventi che, se investite, concorrerebbero a mitigarne il costo

4 Mercato dedicato alle imprese: diffusione/ disponibilità dellestensione delle assicurazioni property ai rischi catastrofali 4 (*): Espressa in percentuale delle polizze property attualmente in essere (**): Sono generalmente definiti in polizza «eventi atmosferici» gli uragani, bufere, tempeste, trombe daria, grandine, vento, precipitazioni intense. EVENTI DIFFUSIONE DELLA COPERTURA* DISPONIBILITÀ DI OFFERTA EVENTI ATMOSFERICI**Alta (>30%) Alta (sempre offerta con nessuna selezione) TERREMOTOMedia (da 5% a 30%) Media (offerta con bassa selezione in fase assuntiva) ALLUVIONIMedia (da 5% a 30%) Media (offerta con bassa selezione in fase assuntiva) FRANE E SMOTTAMENTI, BRADISISMO Marginale (<1%)Marginale (mai offerta) ERUZIONE VULCANICAMarginale (<1%) Bassa (offerta in presenza di selezione consistente) SOVRACCARICO NEVE Media (da 5% a 30%) Media (offerta con bassa selezione in fase assuntiva) ROBERTO MANZATO 2 2

5 Mercato dedicato alle imprese: distribuzione regionale delle esposizioni al rischio terremoto e alluvione , milioni di euro, unità Dalle rilevazioni PERILS, per il segmento di mercato assicurativo dedicato alle imprese, emerge una esposizione rilevante ai rischi catastrofali (alluvione e terremoto), pari, nellanno 2013, a circa 300 mld di euro (somme assicurate). Tali esposizioni si concentrano in particola modo nelle regioni più industrializzate, ovvero la Lombardia, lEmilia Romagna ed il Veneto. % esp. tot. Italia ROBERTO MANZATO 2 2

6 Mercato dedicato alle abitazioni: diffusione/ disponibilità dellestensione delle assicurazioni property ai rischi catastrofali 6 (*): Espressa in percentuale delle polizze property attualmente in essere (**): Sono generalmente definiti in polizza «eventi atmosferici» gli uragani, bufere, tempeste, trombe daria, grandine, vento, precipitazioni intense. ROBERTO MANZATO EVENTI DIFFUSIONE DELLA COPERTURA* DISPONIBILITÀ DI OFFERTA EVENTI ATMOSFERICI**Alta (>30%) Alta (sempre offerta con nessuna selezione) TERREMOTOMedia (da 5% a 30%) Media (offerta con bassa selezione in fase assuntiva) ALLUVIONIBassa (da 1% a 5%) Bassa (offerta in presenza di selezione consistente) FRANE E SMOTTAMENTI, BRADISISMO Marginale (<1%)Marginale (mai offerta) ERUZIONE VULCANICAMarginale (<1%)Marginale (mai offerta) 3 3

7 Mercato dedicato alle abitazioni: distribuzione regionale delle esposizioni al rischio terremoto e alluvione , milioni di euro, unità Dalle rilevazioni PERILS, per il segmento di mercato assicurativo dedicato alle abitazioni, emerge una esposizione inferiore ai rischi catastrofali (alluvione e terremoto) rispetto alle imprese, pari, nellanno 2013, a circa 50 mld di euro (somme assicurate). Tali esposizioni si concentrano in particolar modo in Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio. ROBERTO MANZATO 3 3

8 Iniziativa di offerta vivace per le abitazioni 8ROBERTO MANZATO 3 3 Negli ultimi anni si è ampliata lofferta di polizze casa con facoltà di estensione di copertura alle catastrofi naturali. Il mercato offre anche la possibilità di sottoscrivere tali coperture tramite polizze casa on-line: lofferta tende ad essere molto semplice, ad esempio basta inserire lindirizzo di ubicazione ed i metri quadrati per ottenere una quotazione. Recentemente una compagnia che opera on-line offre per la prima volta la possibilità di stipulare la polizza terremoto per la casa stand-alone. Negli ultimi anni si è ampliata lofferta di polizze casa con facoltà di estensione di copertura alle catastrofi naturali. Il mercato offre anche la possibilità di sottoscrivere tali coperture tramite polizze casa on-line: lofferta tende ad essere molto semplice, ad esempio basta inserire lindirizzo di ubicazione ed i metri quadrati per ottenere una quotazione. Recentemente una compagnia che opera on-line offre per la prima volta la possibilità di stipulare la polizza terremoto per la casa stand-alone. FASCICOLO INFORMATIVO Polizza terremoto FASCICOLO INFORMATIVO Polizza terremoto

9 Cinque punti chiave da considerare nel disegno di un sistema assicurativo per lItalia (1/2) 9ROBERTO MANZATO 1 1 Ampia disponibilità strumenti assicurativi Come suggerito dallOCSE i governi dovrebbero creare le condizioni affinché strumenti assicurativi privati o pubblici (o misti) per le calamità naturale siano messi a disposizione delle famiglie al fine di pianificare le risorse economiche per far fronte ai relativi danni. 2 2 Utilizzo infrastruttura assicurativa privata Come suggerito dallOCSE per motivi di efficienza, anche nei sistemi in cui il risk-taker è un fondo pubblico (p.es. Spagna, USA limitatamente per le alluvioni, Turchia), linfrastruttura assicurativa privata esistente va utilizzata per la distribuzione dei contratti e per la valutazione e liquidazione dei danni. 3 3 Mitigazione antiselezione e massa critica Per la sostenibilità del sistema è necessaria una certa dispersione geografica del rischio (evitando la cosiddetta anti-selezione cioè la concentrazione dei beni assicurati solo nelle aree a più alto rischio) e il raggiungimento di una certa massa critica per conseguire economie di scala. 4 4

10 10ROBERTO MANZATO 4 4 Capitale privato allocabile limitato Il settore assicurativo/ riassicurativo privato può allocare una certa quantità di capitale per il rischio catastrofale in Italia. Se la diffusione della copertura fosse molto ampia esso sarebbe insufficiente a coprire la domanda. Serve pertanto lintervento dello Stato come co-riassicuratore. Da notare che i sistemi adottati nei paesi caratterizzati da una esposizione elevata ai rischi catastrofali (come lItalia) prevedono la riduzione dei risarcimenti in modo proporzionale in caso di eventi che superino la capacità complessiva del sistema (cfr. California, Giappone, Belgio). 5 5 Premi assicurativi correlati al rischio con correttivi In linea di principio premi proporzionali al rischio incentivano le misure di prevenzione (come raccomandato anche dallOCSE che suggerisce anche eventuali contributi per categorie bisognose). Tuttavia si possono prevedere dei prezzi massimi per rendere la copertura assicurativa popolare e largamente accessibile. Cinque punti chiave da considerare nel disegno di un sistema assicurativo per lItalia (2/2) 4 4

11 11ROBERTO MANZATO Continui colloqui e scambi di idee con: esponenti politici; istituzioni pubbliche (Protezione Civile, Ministeri competenti, regolatori); enti e società interessate; associazioni di categoria (ad es. di proprietari di immobili); Media in generale ed eventi Molte iniziative/ proposte del settore assicurativo sul tema delle assicurazioni contro le catastrofi naturali… 4 4 dal punto di vista istituzionale…. mappatura del territorio per diversi rischi catastrofali (eventi atmosferici ed alluvioni) e sua messa a disposizione alle imprese associate; costruzione di tavole di vulnerabilità per le alluvioni; assistenza ad una società terza per la predisposizione di un servizio di raccolta dati su esposizioni e danni catastrofali per il mercato italiano; studi economici e quantitativi sul rischio sismico in collaborazione con i principali operatori di mercato; proposte di schemi nazionali di copertura assicurativa sia volontaria ed incentivata, sia semi- obbligatoria oppure obbligatoria. …e dal punto di vista tecnico

12 LO STATO DELLARTE SULL ASSICURAZIONE DEI RISCHI CATASTROFALI Grazie ROBERTO MANZATO12 Convegno CINEAS Calamità naturali: lesperienza Abruzzo e la proposta CINEAS» Milano, 29 gennaio 2014


Scaricare ppt "LO STATO DELLARTE SULL ASSICURAZIONE DEI RISCHI CATASTROFALI Convegno CINEAS Calamità naturali: lesperienza Abruzzo e la proposta CINEAS» Milano, 29 gennaio."

Presentazioni simili


Annunci Google