La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Cielo come Laboratorio anno scolastico 2008/09.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Cielo come Laboratorio anno scolastico 2008/09."— Transcript della presentazione:

1 Il Cielo come Laboratorio anno scolastico 2008/09

2 Asiago, 3 – 7 febbraio 2009 Liceo Scientifico E. Curiel - Padova Valentina Guglielmo, Nicola Amoruso, Angelo Colombo

3 DISPERSIONE DI VELOCITA IN GALASSIE ELLITTICHE

4 Fonti, tecniche e svolgimento del lavoro: Fonte dati: archivio SDSS articolo A Survey of Galaxy Redshifts. Data Reduction Techniques di Tonry and Davis, the Astronomical Journal Tecniche: Correlazione incrociata ed analisi spettrale Software: IRAF - FXCOR

5 La dispersione di velocità fornisce una stima del moto caotico delle stelle attorno al centro di massa della galassia.

6 Le galassie ellittiche sono composte prevalentemente di stelle di prima popolazione (classe K). Il loro spettro è la somma degli spettri delle stelle dalle quali sono composte.

7 Confrontando le righe dei due spettri (privati del continuo) Si ottiene un picco di correlazione (con il programma Iraf Fxcor) che si approssima ad una gaussiana e permette il calcolo della dispersione

8 Il significato fisico della dispersione è dato da Cioè la deviazione standard delle velocità lineari stellari rispetto alla velocità media

9 Utilizzando i valori delle dispersioni e i raggi efficaci delle singole galassie si può calcolare la massa La formula deriva dal teorema del viriale (2Ek + U = 0) con la sostituzione v = cost * σ

10 Confrontando i valori di massa e dispersione ottenuti si osserva che confermano la proporzionalità prevista Infatti la dispersione cresce con la densità di massa lineare della galassia

11 Conclusioni All aumentare della massa di una galassia (ellittica) aumenta anche la caoticità del moto delle stelle al suo interno, e quindi la dispersione. Una simile relazione può valere per qualsiasi insieme di corpi in moto attorno a un centro di massa, a meno di una costante Si può supporre che materia oscura e buchi neri alterino tali relazioni

12 Un particolare ringraziamento ai proff. Stefano Ciroi e Francesco di Mille Si ringrazia il Dipartimento di Astronomia dellUniversità di Padova e la Dirigenza del Liceo scientifico E. Curiel di Padova

13


Scaricare ppt "Il Cielo come Laboratorio anno scolastico 2008/09."

Presentazioni simili


Annunci Google