La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20111 Indovinello veronese Postilla amiatina Testimonianza di Travale Privilegio logudorese.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20111 Indovinello veronese Postilla amiatina Testimonianza di Travale Privilegio logudorese."— Transcript della presentazione:

1 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20111 Indovinello veronese Postilla amiatina Testimonianza di Travale Privilegio logudorese 1

2 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ Biblioteca Capitolare di Verona Codice di pergamena VIII – IX sec. Orazionale mozarabico f. 3r 1924 L. Schiaparelli

3 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20113Prof.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20113

4 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20114 Sè parèba bovès, albà pratàlia aràba et àlbo versòrio tenèba, et nègro semèn seminàba Gratias tibi agimus omnipotens sempiterne deus 4

5 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ caduta delle desinenze in -t della terza persona singolare dei verbi (il latino classico avrebbe avuto le forme parabat, arabat, tenebat, seminabat); - scomparsa la desinenza in -um dellaccusativo maschile e neutro, sostituita da una desinenza in -o (albo, negro). - il dativo del pronome personale riflessivo, sibi, è sostituito da se; - la i breve del latino nigrum si è trasformata in e; - un verbo della prima coniugazione (parabat) è stato trasformato in verbo della seconda (come mostra la vocale e nella desinenza pareba). 5

6 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20116 Nella desinenza dei tre imperfetti, la presenza della consonante b, non ancora evolutasi in v. Anche la t di pratalia non è propria del volgare. In Veneto, infatti, si aveva la forma pradalia. Si mantiene luso delle consonanti finali -n ed -s in semen e in boves. 6

7 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20117 Indovinello: versioni coeve in latino e tradizione popolare È volgare o latino? Livello culturale dellautore? Coscienza linguistica? La stessa persona ha scritto lindovinello e la benedizione? Esametri ritmici? 7

8 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20118 Et tunc fecimus eos separari [ab] imbicem: predictum Teodemundum diaconum fecimus duci in partem unam, et memoratum Garipertum clericum et notarium duci in parte alia; predictum Mari clericum et monachum ante nos stare fecimus, quem monuimus de timore Domini, ut quod de causa ipsa veraciter sciret indicaret nobis. Ille autem, tenens in manum predicta abbrebiatura, que memorato Rodelgrimo hostenserat, et cum alia manu tetigit eam, et testifìcando dixit: «Sao ko kelle terre, per kelle fini que ki contene, trenta anni le possette parte sancti Benedicti ». Deinde ante nos benire fecimus predictum Teodemundum diaconum et monachum, quem similiter monuimus de timore Domini, ut quicquid de causa ista veraciter sciret diceret ipsos. Ille autem, tenens in manum predicta abbrebiatura, et cum alia man tangens eam, et testificando dixit: «Sao ko kelle terre, per kelle fini que ki contene, trenta anni le possette parte sancti Benedicti ». 8 Sulla coscienza linguistica nel PLACITO CAPUANO (960)

9 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ Atto notarile: donazione di beni allabbazia di San Salvatore di Montamiata da parte di una coppia di coniugi Pergamena oggi allArchivio di Stato di Siena ista car(tu)la est de caput coctu ille adiuvet de ill rebottu q(ui) mal co(n)siliu li mise in corpu 9

10 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ Archivio di Stato di Pisa Giudice di Torres, Mariano di Laconi A favore di mercanti pisani Su richiesta del vescovo di Pisa

11 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ In nomine Domini amen. Ego iudice Mariano de Lacon fazo ista carta ad onore de omnes homines de Pisas pro xu toloneu ci mi pecterunt: e ego donolislu pro ca lis so ego amicu caru e itsos a mimi; ci nullu imperatore ci lu aet potestare istu locu de non (n)apat comiatu de leuarelis toloneu in placitu: de non occidere pisanu ingratis: e ccausa ipsoro ci lis aem leuare ingratis, de facerlis iustitia imperatore ci nce aet exere intu locu. E ccando mi petterum su toloneu, ligatorios ci mi mandarun homines ammicos meos de Pisas, fuit Falceri e Azulinu e Manfridi, ed ego fecindelis carta pro honore de xu piscopu Gelardu e de Ocu Biscomte e de omnes consolos de Pisas: e ffecila pro honore de omnes ammicos meos de Pisas; Guido de Uabilonia e lLeo su frate, Repaldinu e Gelardu, e Iannellu, e Ualduinu, e Bernardu de Conizo, Francardu e Dodimundu e Brunu e rRannuzu, e Uernardu de Garulictu e tTornulu, pro siant in onore mea ed in aiutoriu de xu locu meu. Custu placitu lis feci per sacramentu ego e domnicellu Petru de Serra, e Gostantine de Azzem e Uoso Ueccesu e Dorgotori de Ussam e nNiscoli su frate (e n)Niscoli de Zor(i e) Mariane de Ussam (.) 11

12 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ In nome di Dio, amen. Io giudice Mariano di Laconi faccio questa carta ad onore di tutti gli uomini di Pisa, per il dazio che mi chiesero; ed io la dono loro perchè sono a loro amico caro ed essi a me; che nessun imperatore (governante) che abbia a potestare in questo luogo non possa togliere loro questo dazio concesso con placito: di non uccidere arbitrariamente un pisano: e per i beni che venissero arbitrariamente tolti, gli faccia giustizia l'imperatore (governante) che ci sarà nel luogo. (...) 12

13 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ Travale (GR) Pergamena del

14 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ Archivio storico della Diocesi di Volterra Il giudice Balduino trascrive la testimonianza di boni homines sul possesso di certi casali Parole di uno dei testimoni: "Io de presi pane e vino per li maccioni a Travale Un altro testimone riporta le parole di lamentela di una guardia: Sero ascendit murum et dixit: "Guaita, guaita male, non mangiai ma' mezo pane". Et ob id remissum fuit sibi servitium, et amplius no tornò mai a far guaita. 14

15 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ PER LINDOVINELLO: Privilegio logudorese: Placito capuano: Testimonianza di Travale: ini/guaita.jpg&imgrefurl=http://www.occxam.it/Storia/Breve% /Guaita%2520di%2 520Travale.htm&usg=__01k8Jrna0doyl- RWNCrE5l8EynA=&h=555&w=400&sz=20&hl=it&start=1&sig2=s_mNijszhI6898FeqdAygQ &zoom=1&um=1&itbs=1&tbnid=O3z4ll6RfybjXM:&tbnh=133&tbnw=96&prev=/images%3F q%3Dtestimonianza%2Btravale%26um%3D1%26hl%3Dit%26sa%3DN%26rlz%3D1T4GGI H_itIT267IT268%26tbs%3Disch:1&ei=4bakTNDfAciM4gbWm7mIDQ4bakTNDfAciM4gbWm7mIDQ 15

16 20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/ R. Luperini et al., La scrittura e linterpretazione edizione rossa, Palumbo. Marazzini, La lingua italiana. Profilo storico, Bologna, Il Mulino,


Scaricare ppt "20/09/2011Marianna Molica FrancoProf.ssa Molica - Classe I A LC 2010/20111 Indovinello veronese Postilla amiatina Testimonianza di Travale Privilegio logudorese."

Presentazioni simili


Annunci Google