La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Presentazione Realizzata da Serena Desiree Lorenzo Erio Fonti:Geografia del presente_Cristina Tincati,Moreno Dell Acqua; Wikipedia;

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Presentazione Realizzata da Serena Desiree Lorenzo Erio Fonti:Geografia del presente_Cristina Tincati,Moreno Dell Acqua; Wikipedia;"— Transcript della presentazione:

1 1 Presentazione Realizzata da Serena Desiree Lorenzo Erio Fonti:Geografia del presente_Cristina Tincati,Moreno Dell Acqua; Wikipedia;

2 2 Tappe dell integrazione dell Europa CECA Trattati di Roma (CEE) Trattati di Schengen AUE Trattati di Maastricht EURO come moneta unica Trattati di Lisbona 1951 CECA 1957 Trattati di Roma 1985 Trattati di Schengen 1986 AUE1992 Maastricht 1993 UE2002 EURO 2007 LISBONA

3 3 Nascita della CECA Nasce nel 1951 Comunità Europea del Carbone e dellAcciaio Formata da 6 Paesi: Francia, Italia, Belgio, Germania dellOvest, Paesi Bassi e Lussemburgo è importante perchè: 1.Si venne a creare il primo governo sovranazionale europeo 2.Ci fu la riconciliazione tra la Francia e la Repubblica Federale Tedesca (Germania occidentale)

4 4 Trattati di Roma Siglati in Campidoglio nel marzo Paesi rappresentanti della CECA Istituirono la Comunità europea per lenergia atomica (lEuratom) Realizzano la CEE (Comunità Economica Europea) Unione doganale Fondo Sociale Europeo Banca Europea degli Investimenti

5 5 AUE (Atto Unico Europeo) in seguito a Schengen Mercato unico Libertà di circolazione (merci, persone, servizi e capitali) Approvata nel febbraio 1986 Fissa le regole per creare un mercato unico

6 6 Trattato di Maastricht Entra in vigore nel 1992 Nasce lUnione Europea nel 1993 Istituzione dellunione europea Istituzione della cittadinanza europea Firmato da 12 stati

7 7 EURO come moneta unica Moneta unitaria Eliminazione dei costi di scambio Creazione della BCE (Banca Centrale Europea): controllo della moneta; creata nel 1998 Aumento della stabilità monetaria Introduzione nel 2002

8 8 Trattato di Lisbona Firmato da 27 governi nazionali il 13 dicembre 2007 Non fa riferimento a una Costituzione europea Introduce importanti novità sul piano politico, istituzionale e della democrazia In vigore dal 1 dicembre 2009

9 9 Unione di bilancio Concordato il 9 dicembre 2011 durante lOttavo vertice europeo Condivisa da 26 Stati esclusa lInghilterra Obiettivo: rassicurare i mercati sulla solidità della zona EURO Introduzione della regola sul pareggio di bilancio( disavanzo strutturale 0.5% PIL) Sanzioni ai Paesi con deficit eccessivo articolo Il Sole 24 ore per lEuropa nuovo patto senza Londra 10 dicembre 2011; Corriere della SeraUE:Unione di bilancio a 26, fuori solo Londra 11 dicembre 2011.

10 10 Lezione 2: la sfida dellUE pag 142/145 del libro di testo Fonti: Sarcozy: lEuropa rischia di essere spazzata via. Riformiamo i trattati subito, basta veti. (Il sole 24ore) 01/12/11 LEuropa contro la Merkel: Stai distruggendo leuro (Libero) 08/12/11 Linda; Davide; Loris; Matteo.

11 11 LUE 1992: trattato di Maastricht; proprie istituzioni; Dotata di parlamento; Patto fra nazioni sovrane che hanno scelto di condividere uno stesso destino e hanno deciso di rinunciare alla propria sovranità;

12 12 I compiti dell UE Competitività economica; Cambiamenti climatici; Cambiamenti sociali; Sicurezza internazionale; Problemi cittadini;

13 13 Il trattato di Lisbona 01/12/09 Rafforza il parlamento europeo Semplifica i metodi di lavoro e le norme di voto Migliora la vita degli europei Maggior sicurezza Introduce diritti per i cittadini

14 14 Parlamento Assemblea rappresentativa dei cittadini dei paesi membri 1979: le prime elezioni Dal 2014: 751 deputati eletti ogni 5 anni a suffragio universale Sede a Strasburgo Funzione legislativa Principio di codecisione: poteri pari al consiglio; Controlla la commissione europea; Elegge il suo presidente; Presidente: Jerzy Buzek

15 15 Consiglio europeo Capi di stato e di governo Definisce gli orientamenti politici Un presidente che resta in carica 2 anni e mezzo (attualmente: Herman Van Rompuy)

16 16 Consiglio dellunione Funzione legislativa approva le leggi comunitarie Sede a Bruxelles Formato dai ministri nazionali competenti a seconda dellordine del giorno Ogni sei mesi gli stati membri dellunione europea ruotano per dirigere la presidenza; Quando si riunisce come consiglio affari esteri lo presiede lalto rappresentante dellunione per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

17 17 Commissione europea Organo indipendente dalle nazioni; Formata dal Presidente e dai commissari; Presidente eletto dal parlamento; I commissari hanno ognuno la propria materia specifica e sono proposti dal Presidente; Compito far rispettare le leggi; Adesso: un commissario per ogni paese; Dal 2014 rotazione paritaria; Presidente Jose Manuel Durao Barroso; È il governo dellUnione Europea;

18 18 Corte di giustizia Organo giurisdizionale; Giudici (uno per ogni Paese dellUE) e avvocati; Vigila sulla corretta interpretazione e applicazione delle leggi europee nei singoli stati membri; Sede a Lussemburgo.

19 19 Altre istituzioni Corte dei conti Comitato economico sociale europeo (cese) Comitato regioni Banca centrale europea (BCE) governatore Mario Draghi.

20 20 La carta dei diritti In vigore dal 2000; Dichiarati i diritti fondamentali dei cittadini; Fondamentali: principi dello stato di diritto e della democrazia Nuovi diritti (es. quelli relativi allambiente, alla tutela dei consumatori, alla protezione dei dati personali; Con il trattato di Lisbona la Carta ha acquistato un valore giuridico ed è diventata vincolante per gli stati membri.

21 21 Sarkozy: lEuropa rischia di essere spazzata via Sarkozy: noi e la Germania saremo a fianco per la riforma Lincontro fra Sarkozy e la Merkel Le chiavi del futuro: produttività e competitività

22 22 Leuropa contro la Merkel LEuro può esplodere; La posizione della Merkel; Le richieste della cancelliera tedesca; Soluzione al problema e possibili rischi; lordine del giorno; Il parere di Giacalone.

23 23 Allargamento dellUe Tommaso Diego Matteo Lezione 3 del libro di testo, pag Articoli di giornale del 1 e 8 dicembre

24 24 Allargamento dellUE 28 stati, allargamento rivolto soprattutto verso est. Macedonia e Turchia candidati; obiettivo ridurre i divari di sviluppo. Croazia in adesione, Zagabria ufficialmente insediata in UE nel luglio del Unione tra stati mediante i corridoi ( tra cui il corridoio 5 tra Kiev e Lisbona, oggetto di protesta dei NO-T.A.V.)

25 25 LEuropa come potenza Mercato sviluppato (commercio con U.S.A., Cina e Giappone). Settori economici: - Primario e secondario sviluppati - Terziario trainante Fattori di miglioramento: - Investimento nelle risorse umane ( più posti di lavoro e maggiore coesione sociale).

26 26 Divario tra est e ovest 1989: cade il muro di Berlino. Russia in crisi dopo il comunismo (URSS). Est (in generale) in crisi.

27 27 Fondi strutturali UE cerca di diminuire il divario mediante fondi strutturali: - F.E.R.S. Fondo Europeo di Sviluppo Strutturale. - F.S.E. Fondo Sociale Europeo

28 28 Il futuro: giovani, istruzione e ricerca LUE punta a sviluppare uneconomia basata sulla conoscenza: - Gli stati devono fornire unistruzione di qualità - Obiettivi definiti in conferenze Europee Nel 2006 è stato istituito il Life long learning programme

29 29 Accordo sullallargamento dellUE Croazia: ha firmato il trattato di adesione allUE, è osservatrice attiva e sarà un paese membro dell Unione dal luglio del Montenegro: ha ricevuto un premio di consolazione per i progressi compiuti; non è ancora entrato a causa della Francia, che non lo favorisce per mantenere buoni rapporti con la Serbia. Serbia e Bosnia: hanno visto fallire le proprie speranze di entrare a far parte dellUE. Macedonia: viene ammessa nella NATO nonostante lopposizione della Grecia e vede quindi la possibilità di miglioramenti futuri.

30 30 Obiettivi impegni presi dall UE che includono lannettere gli stati con economie più deboli (dellest) al suo interno. – Competitività: Competizione economica tra UE, USA, Giappone e ultimamente Cina. – Politica di coesione: comportamento tra gli stati dellUE secondo il quale essi si aiutano reciprocamente.

31 31 UNA PLURALITA DI LINGUE, CULTURE, RELIGIONE Lezione 4 Marco Chiara Matteo Federico

32 32 LA PLURALITA DELLUE SI ESPRIME CON: Le lingue Le religioni Valori culturali \ morali Diritti

33 33 LE LINGUE DELLEUROPA 23 lingue ufficiali Lingue di lavoro (documenti, attestati ufficiali) : - inglese - francese - tedesco UE tutela tutte le lingue: - regionali - ufficiali Si impegna a promuovere le conoscenze: - ERASMUS - COMENIUS - LEONARDO

34 34 LE RELIGIONI Libertà religiosa di ogni Paese TRATTATO DI LISBONA: firmato nel 2007 ed entrato in vigore nel rafforza il ruolo internazionale dellUE - tutela la libertà religiosa - rifiuta ogni discriminazione UE si professa laica LItalia è uno stato che si professa laico ma è legato alla chiesa dai Patti Lateranensi

35 35 I VALORI CULTURALI E MORALI VALORI FONDANTI: - rispetto dei diritti - democrazia e stato di diritto - libero mercato - tutela dei valori culturali di ogni paese - carta dei diritti fondamentali: sancisce i diritti di ogni cittadino europeo

36 36 I DIRITTI Ogni Paese mantiene i suoi diritti, costituzioni, leggi Norme del diritto comunitario applicate a tutta lUE

37 37 DUE ARTICOLI A CONFRONTO EUROFREGATURA FIRMATA MONTI ITALIA CONSEGNATA ALLA MERKEL Da Libero Cameron non accetta laccordo per conservare i propri diritti Laccordo salvaeuro non può aiutare i paesi in difficoltà lItalia diventa sempre più simile al modello tedesco e perde la sua indipendenza Laccordo penalizzerà sia i paesi in crescita che quelli in recessione NESSUNA SUDDITANZA SI E DECISO DI APPLICARE LE REGOLE DI MAASTRICHT Da La Stampa Il Regno Unito non accetta laccordo perché ha paura di perdere la propria autonomia e sovranità laccordo non rappresenta un innovazione, verranno applicate solo vecchie regole lItalia è ancora molto importante a livelli internazionali Laccordo contribuirà a raggiungere la stabilità economica in Europa

38 38 Presentazione Argomenti Vertice di Bruxelles Spaccatura U.E. Unione fiscale a 26 Radici culturali Europa Lezione 6 ( da pag. 158 a 161) Membri del gruppo Luca Matteo Paolo Lorenzo

39 39 Spaccatura dellUnione Europea Nuovi accordi tra i paesi dellEurozona: la Germania esce vincitrice, spaccatura fra Gran Bretagna e Francia. Le decisione principali sono: Patto fiscale: sanzioni automatiche per chi viola gli accordi; European Stability Mechanism: aumento di dotazione a 500 miliardi ; Fondo Monetario Internazionale (F. M. I.): prestiti di bilancio di 150 miliardi ; Tutele ai privati: escluso coinvolgimento privati;

40 40 Unione fiscale a 26 I Paesi nel vertice di Bruxelles del 9 e 10 Dicembre 2011 hanno deciso solo un pacchetto di riforme per rinforzo bilanci; Niente accordo sullESM Niente accordo trattati a 27 - ostacolati dalla Gran Bretagna; - favorevoli solo 26 stati; Con questi trattati i Paesi vogliono ottenere maggiori sanzioni Monti si dichiara perplesso ma non deluso Draghi si dice ottimista

41 41 Europa Le due guerre mondiali portarono a: - nascita unione europea; - consolidamento stati nazionali. Europa - deriva dalla mitologia greca; - il mito segna il passaggio simbolico tra oriente e occidente; Divisione culturale tra oriente e occidente - a occidente cristianesimo cattolico; - a oriente cristianesimo ortodosso.

42 42 L Europa e lIslam Nella penisola iberica: - civiltà arabo islamica; - la terra degli infedeli; - interessata dalle crociate; - fu il territorio dellimpero ottomano. Radici dellEuropa: - radici cristiane; -tradizione classica, greca e romana; -Tradizione germanica -Tradizione islamica - comunità ebraica.

43 43 Religione Il termine laico - non fa parte del clero; - esercizio critico; - rivoluzione scientifica; - illuminismo.

44 44 Uno stato laico patto fra gli uomini; - libertà religiosa; - separazione fra stato e chiesa.

45 45 LITALIA E IL REGNO UNITO IN EUROPA Due situazioni politiche differenti FONTI: Articoli di giornale; dal libro di testo, lezione 7 capitolo 8. Di Luca, Gaia, Paolo, Paola classe 2^BLs

46 46 LITALIA E LUE LItalia fa parte dellUE dal 1956 VANTAGGI Politici Economici Sociali SVANTAGGI Rinuncia alla sovranità nazionale

47 47 VANTAGGI POLITICI Collaborazione internazionale per fronteggiare: Competitività economica Crisi internazionali Terrorismo Cambiamenti e problemi ambientali Maggiore sicurezza

48 48 VANTAGGI ECONOMICI Promozione dello sviluppo Collaborazione transfrontaliera - 6 Euro-regioni Possibilità delocalizzazione industrie - Maggiore produttività - Riduce la competitività - Abbassa il costo della manodopera Maggiore possibilità di scambi (assenza delle frontiere)

49 49 LE SEI EUROREGIONI DEFINIZIONE: Per euroregioni non intendiamo degli organismi politici ma delle libere associazioni tra regioni separate politicamente ed unite da interessi culturali e socio- economici. Ad es. Euregio: nel 1998 associano Trentino Alto Adige e Austria (autostrada del Brennero).

50 50 VANTAGGI SOCIALI Tutela condizioni sociali -ISU Condivisione e collaborazione contro problemi demografici (calo demografico, mortalità infantile, invecchiamento popolazione …) Organizzazioni e Istituzioni

51 51 IL REGNO UNITO e il vertice di Bruxelles di dicembre da Il Corriere della Sera (12/12/11) Partiti: Conservatori (Cameron): antieuropei Libdem (Clegg): a favore dellUE Laburisti Alleanza del 2010 Cameron ha messo il veto sullunione fiscale per proteggere la City

52 52 DIVERSE IDEE SULLUE: IN ITALIA da Il Mattino del 12/12/11 Posizione centrale nei dibattiti Scontri tra partiti estremisti PRIMA -Prima Repubblica -Seconda Repubblica OGGI SINISTRA Timore del PD DESTRA Rottura tra PDL e LEGA Varie soluzioni attraverso dibattiti costruttivi


Scaricare ppt "1 Presentazione Realizzata da Serena Desiree Lorenzo Erio Fonti:Geografia del presente_Cristina Tincati,Moreno Dell Acqua; Wikipedia;"

Presentazioni simili


Annunci Google