La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I PePS nel Piano socio- sanitario regionale Una opportunità per le comunità di Bernezzo, Cervasca e Vignolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I PePS nel Piano socio- sanitario regionale Una opportunità per le comunità di Bernezzo, Cervasca e Vignolo."— Transcript della presentazione:

1 I PePS nel Piano socio- sanitario regionale Una opportunità per le comunità di Bernezzo, Cervasca e Vignolo

2 Cosa è salute per voi? E la sanità?

3 Sanità=salute?

4 Denutrizione, morte precoce, AIDS … Obesità infantile, rischi cardio-circolatori futuri, incidenti stradali o sul lavoro SALUTE e CONTESTO

5 Infortuni denunciati anno 2006 ITALIA mortali (di cui 274 in itinere) Edilizia: (329 mortali) MORTI NEL 2004 Complessivamente, nel 2004 sono stati rilevati incidenti 42 mila morti in Europa ( AGI) - Roma, 11 feb – Fino ad oggi l'influenza aviaria ha fatto registrare complessivamente 161 casi e ucciso 86 persone in tutto il mondo Sono oltre 3 milioni gli incidenti domestici nelle abitazioni degli italiani morti (secondo schede ISTAT) oltre 8000 morti (secondo stime ISPESL) ICTUS morti Anno in Italia INFLUENZA SUINA ??????

6 I derminanti della salute (OMS Salute per tutti) – il reddito – listruzione – loccupazione e le condizioni di lavoro – lambiente fisico – lorganizzazione sociale – il patrimonio genetico – il comportamento individuale individuale

7 I derminanti della salute

8 La promozione della salute decisioni individuali (comportamenti) decisioni individuali (comportamenti) decisioni collettive (leggi, produzione, mercato, servizi, modelli culturali…) decisioni collettive (leggi, produzione, mercato, servizi, modelli culturali…)

9 Due soli livelli di programmazione: Regione (PSSR) programmazione Distretto (PEPS) orientamento – PEPS: atto della Assemblea dei Sindaci di Distretto.

10 Cause di morte Eliminazione completa dei fattori di rischio Contributo dovuto all assistenza sanitaria Biologici genetici Comporta- mentali Ambientali 1-Tumori Cardiopatia ischemica Cerebrovasculopatie Altre cardiopatie Bronchite, enfisema, asma Polmonite Tutti gli incidenti Incidenti d auto Diabete mellito Suicidi

11

12

13 Calendarizzazione del progetto PePS: 31 dicembre 2008: avvio costituzione del LLS 30 settembre 2009: delineazione di massima di una traccia di documento di Profilo di Salute 31 ottobre 2009: presentazione pubblica alla comunità distrettuale del documento di Piano di Salute 31 dicembre 2009: formulazione e formalizzazione delle scelte in merito allarticolazione delle soluzioni prioritarie progettate, programmate e definitivamente condivise, 31 dicembre 2009: formulazione e formalizzazione delle scelte in merito allarticolazione delle soluzioni prioritarie progettate, programmate e definitivamente condivise, 30 giugno 2010: disponibilità definitiva di un documento di registrazione/comunicazione degli impegni assunti dalle amministrazioni comunali del Distretto, dalle agenzie locali e dagli altri attori partecipanti al LLS, in primis lASL, lASO e Enti gestori / CSA.

14 Nel distretto di Dronero, ad oggi risultano realizzate le seguenti fasi: FASE 1: 12 dicembre 2008, nella quale si è provveduto allascolto dei decisori politici locali, in occasione della riunione del Comitato dei Sindaci di distretto. Modalità esecuzione: focus-group Partecipanti: sette sindaci del distretto, un vicesindaco, un assessore, il presidente e il direttore del Consorzio socio-assistenziale. Cosa è stato fatto? Le opinioni degli amministratori sono andate quindi a costituire la prima bozza del Profilo COMMENTI: Senzatro positivo il coinvolgimento ed invito a tutti gli amministratori del distretto. Purtroppo alcuni amministratori non hanno aderito allincontro, in particolare non erano rappresentati i seguenti comuni. Nel documento non viene dato riscontro sulla modalità di coinvolgimento della fase informativa del progetto alla popolazione dei comuni rappresentata e non rappresentata. CHI CERA IN RAPPRESENTANZA DI BERNEZZO, CERVASCA E VIGNOLO? I PePS nel distretto di Dronero

15 FASE 2: 9 marzo ° Laboratorio Locale di Salute Partecipanti: amministratori locali, tecnici dellAsl (direttore di distretto, referente educazione alla salute, referente epidemiologia) e rappresentanti dei consorzi socio assistenziali e delle comunità montane. Cosa è stato fatto? i partecipanti hanno individuato un elenco di potenziali cittadini competenti da coinvolgere. Il Laboratorio ha poi provveduto a contattare 21 cittadini così individuati per invitarli a prendere parte a un FG dedicato. Prima dellincontro i partecipanti hanno ricevuto la Bozza del Profilo in modo da poter riflettere anticipatamente sui temi e gli argomenti già dibattuti dagli amministratori. COMMENTI: Positiva la convergenza di intenti nella realizzazione del gruppo di laboratorio. CHI HA FATTO DA TRAMITE TRA PROPONENTI IL PROGETTO ED I CITTADINI INTERESSATI? CE STATO UN CENSIMENTO PRELIMINARE DEGLI STESSI ? (Associazioni, pro-loco, oratori, ecc.). I PePS nel distretto di Dronero

16 FASE 3: 20 aprile 2009 FOCUS GROUP con 16 cittadini competenti. Cosa è stato fatto? La Bozza è stata così integrata con le opinioni e le informazioni provenienti dalla cittadinanza. DISTRETTO DI DRONERODISTRETTO DI CUNEODISTRETTO ASLTO5 Capitale pubblico 5 Associazioni volontariato 5 scuole 4 organizzazioni sindacali 3 soggetti portatori di interesse 3 terzo settore 2 gruppi significativi per esperienza, competenza e sensibilità (ass vittime della strada e comitati di quartiere) 2 associazioni sportive 2 parrocchie 1 soggetti territoriali 1 forze locali più rappresentative del territorio 1 soggetti portatori di punti di vista o di particolari problemi che possano interessare il percorso del PePS 1 associazioni 1 associazioni cittadini 1 associazioni culturali 1 associazioni giovanili 1 singoli cittadini 1 centri per limpiego 1 associazioni mediche Responsabile Centro per lImpiego (CN) Operatore Centro per lImpiego (sede Dronero) Formatore AFP Dronero Operatrice Servizio per le Dipendenze Dronero Operatrice servizio poliambulatoriale Asl Direttore CSSA Valle Grana e Maira Operatore Comune di Dronero Direttore AFP Cuneo Direttore Centro per lImpiego Direttore didattico ITC Bonelli (Scuola Polo rete HPS) Rappresentante Polizia Locale Capitale privatoCapitale di mercato Operatore RSA Caraglio Operatrice RSA Caraglio Direttore Caritas Rappresentante Cigl Rappresentante Cisl Rappresentante Coldiretti Rappresentante patronato Coldiretti Rappresentante Confcommercio Rappresentante UIL Capitale sociale Operatrice ASD Dragonero Volontaria Voci dal Mondo (Dronero) Volontaria (diverse associazioni)(Dronero) Volontaria/Assessore/Consigliera del Consorzio Socio- Assistenziale (Caraglio) Volontaria Pro Loco (Canosio) Volontario Pro Loco (Canosio) Volontaria Il Laboratorio (Bernezzo) Rappresentante ACAT Rappresentante associazione Attivamente Rappresentante associazione Consumatori Rappresentante associazione Fiori sulla Luna Rappresentante associazione Lega Ambiente Rappresentante associazione Medici per lAmbiente Rappresentante associazione Mente in Pace Rappresentante associazione ProNatura Rappresentante associazione ThES Rappresentante CIPES Piemonte Rappresentante CRI (2) Rappresentante Tavolo delle Associazioni I PePS nel distretto di Dronero

17 Il PePS rappresenta un processo di costruzione sociale della polis, nel suo termine originario (democrazia partecipativa diretta), dando vita ad una partecipazione dialettica ed effettivamente rappresentativa del distretto, sia nel senso di territorialità, sia nel senso di coinvolgimento dei vari soggetti componenti la comunità identificare e mobilitare tutti i soggetti da coinvolgere nei rispettivi ruoli e secondo le rispettive capacità di assicurare contributi specifici), riassumendo: Una terapia partecipata di comunità. Considerazioni sul costruendo PePS nel distretto di Dronero

18 FASE 3: CONTINUA COMMENTI: Positiva la costituzione di un gruppo di lavoro appositamente dedicato per il progetto PePS Purtoppo alcuni territori della comunità ( es. Busca, Cervasca e Vignolo) non sono rappresentati. Il capitale privato e sociale rappresenta solo una parte della società. Ne consegue che: le informazioni raccolte evidenziano la percezioni e atteggiamenti di parti definite del territorio, tralasciando informazioni di aree con caratteristiche molto differenti, quali le vallate e linterland di Cuneo. Si rileva la totale assenza di rappresentanza del mondo religioso, oratori, ecc.; per quanto riguarda i comuni dellinterland cuneese, cè una totale assenza della scuola e delle associazioni locali di volontariato, pro-loco, sport, ecc., (eccezione per una associazione del comune di Bernezzo). CE STATA COMUNICAZIONE ! I PePS nel distretto di Dronero

19 Conseguentemente il PePS diventa il vero strumento con cui la comunità locale, a livello di distretto, definisce il proprio profilo di salute REALE, individuando gli obiettivi prioritari di salute e diventare il riferimento per la programmazione operativa di distretto, realizzata attraverso: il programma di attività distrettuale, che essendo emanazione del piano attuativo aziendale ASL, deve contenere la concreta analisi dei bisogni definiti nei PePS ed i relativi interventi distrettuali di natura sanitaria necessari per affrontarli; il piano di zona, dove trovano definizioni gli interventi congiunti e di integrazione dei servizi socio-sanitari. I PePS nel distretto di Dronero

20 Riguardo ai laboratori territoriali, pare opportuno che, oltre alla costituzione dei componenti del laboratorio di distretto, nascano dei sotto-laboratori di zona con possibilità di maggiore ed efficace coinvolgimento delle varie componenti sociali di comunità. Allo stesso modo sarebbe auspicabile la formazione di laboratori territorialmente trasversali, legati invece ad un argomento di comune interesse. I PePS nel distretto di Dronero

21 PROPOSTA OPERATIVA TERRITORIO di BERNEZZO, CERVASCA e VIGNOLO: Individuare i punti di forza e le eventuali criticità, relativamente al realizzando PePS nel Distretto di Dronero, con specifica analisi del territorio di Bernezzo, Cervasca e Vignolo. Censire le risorse del territorio di Cervasca, Bernezzo e Vignolo, la realtà produttiva e socio educativa, le attività associative e di volontariato, tutti elementi utili per comunicare e costruire, in rete, le azioni di promozione della salute. Analizzare il profilo di salute del territorio del distretto con specifico riferimento ai comuni di Cervasca, Bernezzo e Vignolo che, situati allimbocco delle valli Grana e Stura, a ridosso del capoluogo di provincia, costituiscono un territorio particolarmente omogeneo; progettare e sperimentare, nellambito del processo democratico e condiviso del PePS del distretto di Dronero, un percorso di salute integrata e partecipata nei comuni di Cervasca, Bernezzo e Vignolo (sottolaboratorio PePS)

22 PROGETTO SALUTE DEL COMUNE E DELLA SCUOLA DI CERVASCA e VIGNOLO (UNA PROPOSTA DA CONDIVIDERE)

23 percorso di salute integrata e partecipata nei comuni di Cervasca, Bernezzo e Vignolo (sottolaboratorio PePS) COSTITUZIONE del gruppo di lavoro PePS Per costruire insieme il profilo di salute del nostro territorio Per programmare insieme il piano di salute COSTITUIRE GRUPPI DI LAVORO AD HOC ricordando che la salute è conseguenze di diverse e differenti politiche attive GRUPPO GIOVANI GRUPPO PISTE CICLABILI E SENTIERI …. Si cercano nuove proposte ed idee

24 PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE DEDICATO AI BAMBINI, FANCIULLI E RAGAZZI DAI 0 AI 14 ANNI e si propone due obiettivi fondamentali: rispondere ai bisogni di sicurezza e salute del bambino, fanciullo e ragazzo; trasmettere al medesimo quei processi educativi utili alla salute del futuro giovane ed adulto. Il Progetto è specificamente dedicato alla nuova generazione, nel periodo che va dalla nascita alladolescenza.

25 LE TEMATICHE DEL PROGETTO 1. 1.la sicurezza del bambino, dal momento del suo concepimento, sino ai due anni; 2. 2.gli incidenti/infortuni negli ambienti di vita (casa-scuola- parco giochi, sport); 3. 3.la sicurezza nell auto durante il trasporto dei bambini; 4. 4.la sicurezza stradale; 5. 5.le abitudini a sani stili di vita, attraverso una corretta alimentazione, attivit à ludica e sportiva; 6. il rischio delle dipendenze (fumo, alcool, droghe); 7. il rispetto e la conoscenza dell ambiente e la corretta gestione dei rifiuti. 8. Le malattie infettive e le malattie trasmesse per via sessuale.

26 PROPOSTA OPERATIVA TERRIOTORIO di BERNEZZO, CERVASCA e VIGNOLO: In ATTESA di definire un programma di interventi condiviso nella comunità, si reputa importante PROPORRE già nel ATTI concreti, sviluppando un progetto condiviso AMMINISTRAZIONE-SCUOLA: Possibili atti concreti: Progetto mobilità sicura e sicurezza stradale: Progetto PASSI ASL coinvolgendo la polizia municipale Giornata sicurezza stradale con MICHELIN (ultima sett. di settembre 09 ?) Piedibus-in bici a scuola-impegno congiunto amm. Cervasca-Vignolo per completare la pista ciclabile Progetto salute a tavola: Progetto SICUREZZA ALIMENTARE ASL Impegno dellamministrazione comunale ad inserire la frutta a scuola a metà mattina Progetto sport, salute e sicurezza: Scuola, associazioni e gruppi sportivi Jim bandana e progetto giovani Impegno amministrazione agevolazione pratica sportiva (sconti su uso impianti sportivi) Progetto salute e sessualità Progetto ASL Incontro con associazione … (esperto ) a scuola Jim bandana e progetto giovani

27


Scaricare ppt "I PePS nel Piano socio- sanitario regionale Una opportunità per le comunità di Bernezzo, Cervasca e Vignolo."

Presentazioni simili


Annunci Google