La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La forza della mente Come la scienza vede la mente oggi e la proposta di Italia Solidale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La forza della mente Come la scienza vede la mente oggi e la proposta di Italia Solidale."— Transcript della presentazione:

1 La forza della mente Come la scienza vede la mente oggi e la proposta di Italia Solidale

2 Cosa dice la scienza sulla mente Nella definizione che si dà di mente oggi, cè una bella confusione. Si parla indistintamente di mente, psiche, coscienza, spirito (in francese), anima (in inglese), e ci sono uninnumerevole quantità di teorie della mente. Nella definizione che si dà di mente oggi, cè una bella confusione. Si parla indistintamente di mente, psiche, coscienza, spirito (in francese), anima (in inglese), e ci sono uninnumerevole quantità di teorie della mente. Al tempo degli antichi filosofi greci o indiani, secondo le teorie che si chiamano pre-scientifiche, parlare di mente equivaleva a parlare di un ambito teologico, non si concepiva una mente senza far riferimento allanima ed alle forze divine che ad essa sono per costituzione connesse. Al tempo degli antichi filosofi greci o indiani, secondo le teorie che si chiamano pre-scientifiche, parlare di mente equivaleva a parlare di un ambito teologico, non si concepiva una mente senza far riferimento allanima ed alle forze divine che ad essa sono per costituzione connesse. Le teorie cosiddette moderne (occidentali), invece, basate su una comprensione scientifica del cervello, vedono la mente come un fenomeno della psicologia e usano questo termine più o meno come sinonimo di conscio. Si dibatte molto su quali sono gli attributi che costituiscono la mente, ma al giorno doggi chiaramente, non esiste più nessun riferimento a forze trascendenti. Le teorie cosiddette moderne (occidentali), invece, basate su una comprensione scientifica del cervello, vedono la mente come un fenomeno della psicologia e usano questo termine più o meno come sinonimo di conscio. Si dibatte molto su quali sono gli attributi che costituiscono la mente, ma al giorno doggi chiaramente, non esiste più nessun riferimento a forze trascendenti.

3 Questo è il risultato dellevoluzione culturale dominante che ha preso piede soprattutto in occidente in cui si è creata nei secoli una vera schizofrenia tra Dio e ciò che egli ha creato. In particolare tra Dio e la sua creatura più nobile, luomo, che Egli ha fatto costitutivamente in relazione di continuo amore con se. Questo è il risultato dellevoluzione culturale dominante che ha preso piede soprattutto in occidente in cui si è creata nei secoli una vera schizofrenia tra Dio e ciò che egli ha creato. In particolare tra Dio e la sua creatura più nobile, luomo, che Egli ha fatto costitutivamente in relazione di continuo amore con se. Abbiamo visto come una certa scienza onesta mette in evidenza in modo così evidente come lUniverso sia frutto dellimmenso amore di Dio che lo ha creato, come egli è sempre stato presente e lo è tuttora in modo scambievole con ciascuna sua creatura. Come egli è sempre ben conscio di ciò che fa, ma lascia a tutte le sue creature la completa libertà di collaborare con lui o di prendere unaltra strada. La strada dellordine della vita Lui la ha impressa nella sua creazione, ma non la impone. Sta alla sua creatura cercarla e seguirla. Se non lo fa, soffre, si ammala e alla fine muore. Abbiamo visto come una certa scienza onesta mette in evidenza in modo così evidente come lUniverso sia frutto dellimmenso amore di Dio che lo ha creato, come egli è sempre stato presente e lo è tuttora in modo scambievole con ciascuna sua creatura. Come egli è sempre ben conscio di ciò che fa, ma lascia a tutte le sue creature la completa libertà di collaborare con lui o di prendere unaltra strada. La strada dellordine della vita Lui la ha impressa nella sua creazione, ma non la impone. Sta alla sua creatura cercarla e seguirla. Se non lo fa, soffre, si ammala e alla fine muore. Siamo in un tempo storico particolare in cui tutto denota uno stato di smarrimento, di disagio e di sofferenza. Dai bambini che da decenni muoiono di fame nellindifferenza totale, alle centinaia di milioni di depressi che continuano ad aumentare, agli altri disagi mentali che si fanno sempre più frequenti, alle malattie che colpiscono ed uccidono sempre più persone che hanno raggiunto il cosiddetto benessere (malattie cardiovascolari, tumori, ecc.), alle guerre ed alle violenze che dilagano, alle questioni che riguardano la vita e la sessualità,ecc. Siamo in un tempo storico particolare in cui tutto denota uno stato di smarrimento, di disagio e di sofferenza. Dai bambini che da decenni muoiono di fame nellindifferenza totale, alle centinaia di milioni di depressi che continuano ad aumentare, agli altri disagi mentali che si fanno sempre più frequenti, alle malattie che colpiscono ed uccidono sempre più persone che hanno raggiunto il cosiddetto benessere (malattie cardiovascolari, tumori, ecc.), alle guerre ed alle violenze che dilagano, alle questioni che riguardano la vita e la sessualità,ecc.

4 Da questo grave smarrimento, emerge o una proposta di soluzione che vede tutta la realtà e vi fa fronte come è necessario, oppure proposte che non possono far altro che portare in se i segni di questo disorientamento. La scienza e la fede attuale sono il frutto di questo disorientamento: cercano di avvicinarsi alluomo per riportarlo a se (la scienza) ed a Dio (la fede) ma in un modo che in realtà non guarisce. Da questo grave smarrimento, emerge o una proposta di soluzione che vede tutta la realtà e vi fa fronte come è necessario, oppure proposte che non possono far altro che portare in se i segni di questo disorientamento. La scienza e la fede attuale sono il frutto di questo disorientamento: cercano di avvicinarsi alluomo per riportarlo a se (la scienza) ed a Dio (la fede) ma in un modo che in realtà non guarisce. Sono i fatti che parlano. Sono i fatti che parlano.

5 Nella scienza, stiamo assistendo a dei grandi passaggi in diversi campi, non solo nella fisica, nella cosmologia, nella storia dellevoluzione e nella biologia, ma anche nello studio che riguarda luomo, medicina e psicologia. Nella scienza, stiamo assistendo a dei grandi passaggi in diversi campi, non solo nella fisica, nella cosmologia, nella storia dellevoluzione e nella biologia, ma anche nello studio che riguarda luomo, medicina e psicologia. Ci si sta sempre più rendendo conto che la concezione meccanicista e riduzionista su cui si è fondata la scienza occidentale fino ad oggi non sta reggendo più. Oggi si torna ad una visione più completa (più olistica) delluomo, che cerca di vederlo nella sua interezza e nella connessione tra le forze che lo caratterizzano. Ci si sta sempre più rendendo conto che la concezione meccanicista e riduzionista su cui si è fondata la scienza occidentale fino ad oggi non sta reggendo più. Oggi si torna ad una visione più completa (più olistica) delluomo, che cerca di vederlo nella sua interezza e nella connessione tra le forze che lo caratterizzano. Queste non sono più voci sporadiche etichettate come eretiche, ma diventano correnti scientifiche supportate da dati e ricerche. In particolare spicca la disciplina della PSICONEUROENDOCRINOIMMUNOLOGIA (che ci ha introdotto Claudia nel suo approfondimento sulla forza del corpo). Ma esattamente cosa dicono e dove ci stanno portando queste correnti? Queste non sono più voci sporadiche etichettate come eretiche, ma diventano correnti scientifiche supportate da dati e ricerche. In particolare spicca la disciplina della PSICONEUROENDOCRINOIMMUNOLOGIA (che ci ha introdotto Claudia nel suo approfondimento sulla forza del corpo). Ma esattamente cosa dicono e dove ci stanno portando queste correnti? Queste considerazioni le facciamo intorno allargomento che dovremmo trattare oggi, la forza della mente. Cosè la mente secondo la scienza? Queste considerazioni le facciamo intorno allargomento che dovremmo trattare oggi, la forza della mente. Cosè la mente secondo la scienza?

6 Correntemente, la mente si riferisce a tutti gli aspetti collettivi dellintelletto e della coscienza, che si manifestano con una combinazione di pensiero, percezione, emozione, volontà e immaginazione. Correntemente, la mente si riferisce a tutti gli aspetti collettivi dellintelletto e della coscienza, che si manifestano con una combinazione di pensiero, percezione, emozione, volontà e immaginazione.

7 Qualcuno dice che solo le funzioni intellettuali superiori costituiscono la mente, in particolare la ragione, la coscienza e la memoria. In questa visione, le emozioni come la paura, lodio, la paura, la gioia, sono più primitive e sono soggettive e vanno dunque viste diverse, come natura e come origine, dalla mente. Qualcuno dice che solo le funzioni intellettuali superiori costituiscono la mente, in particolare la ragione, la coscienza e la memoria. In questa visione, le emozioni come la paura, lodio, la paura, la gioia, sono più primitive e sono soggettive e vanno dunque viste diverse, come natura e come origine, dalla mente. Altri dicono che la parte razionale e la parte emozionale (inconscia) della persona umana non possono essere separate, che hanno la stessa natura ed origine e che devono essere considerate come parte della mente individuale. Molte correnti moderne sono orientate verso questa visione, poiché appare più reale e supportata anche da dati scientifici. Altri dicono che la parte razionale e la parte emozionale (inconscia) della persona umana non possono essere separate, che hanno la stessa natura ed origine e che devono essere considerate come parte della mente individuale. Molte correnti moderne sono orientate verso questa visione, poiché appare più reale e supportata anche da dati scientifici. Nellaccezione comune, mente si usa come pensiero. È una specie di conversazione privata che ci facciamo interiormente nella nostra testa. Da questo punto di vista, è una sfera privata alla quale ha accesso solo il proprietario. Nessun altra persona può conoscere il nostro pensiero, loro conoscono solo quello che comunichiamo. Nellaccezione comune, mente si usa come pensiero. È una specie di conversazione privata che ci facciamo interiormente nella nostra testa. Da questo punto di vista, è una sfera privata alla quale ha accesso solo il proprietario. Nessun altra persona può conoscere il nostro pensiero, loro conoscono solo quello che comunichiamo.

8 La neurobiologia attuale è unita attorno ad un modello così riassunto la mente è un prodotto del cervello, emerge dallattività nervosa (negazione del fatto che la mente possa esistere fuori dal cervello) la mente è un prodotto del cervello, emerge dallattività nervosa (negazione del fatto che la mente possa esistere fuori dal cervello) lattività mentale non è assimilabile a quella del computer, in quanto non è un programma formalizzato e astratto che può prescindere dal contesto biologico ed evolutivo in cui opera (mente incarnata) lattività mentale non è assimilabile a quella del computer, in quanto non è un programma formalizzato e astratto che può prescindere dal contesto biologico ed evolutivo in cui opera (mente incarnata) la coscienza, i sentimenti e le emozioni sono strettamente intrecciati ed è questo complesso che influenza le decisioni e i comportamenti umani. la coscienza, i sentimenti e le emozioni sono strettamente intrecciati ed è questo complesso che influenza le decisioni e i comportamenti umani.

9 coscienza, sentimenti e emozioni sono strettamente intrecciati questa conclusione è il frutto di secoli della storia e del cammino scientifico percorso dalluomo. questa conclusione è il frutto di secoli della storia e del cammino scientifico percorso dalluomo. La struttura del sistema nervoso umano è sostanzialmente la stessa da decine di migliaia di anni. A livello microscopico, si è evidenziato da circa 100 anni che lunità cellulare del sistema nervoso è il neurone. Golgi già a quellepoca esprimeva il fatto che i neuroni non funzionano come entità distinte ma come una rete (network). Il neurone è come unaltra cellula, ha un corpo cellulare ed un citoplasma ma ha appunto la particolarità di formare collegamenti (sinapsi) con altri neuroni e con le cellule gliali. La sinapsi non è solo tra lassone di un neurone e i dendriti di un altro, ce ne sono di tutti i tipi. Nelluomo ci sono 100 miliardi di neuroni solo nel cervello e che ogni neurone può avere fino a sinapsi. Si calcola quindi che il numero di contatti nel cervello umano sia dellordine di 10 alla 15 (un milione di miliardi). La struttura del sistema nervoso umano è sostanzialmente la stessa da decine di migliaia di anni. A livello microscopico, si è evidenziato da circa 100 anni che lunità cellulare del sistema nervoso è il neurone. Golgi già a quellepoca esprimeva il fatto che i neuroni non funzionano come entità distinte ma come una rete (network). Il neurone è come unaltra cellula, ha un corpo cellulare ed un citoplasma ma ha appunto la particolarità di formare collegamenti (sinapsi) con altri neuroni e con le cellule gliali. La sinapsi non è solo tra lassone di un neurone e i dendriti di un altro, ce ne sono di tutti i tipi. Nelluomo ci sono 100 miliardi di neuroni solo nel cervello e che ogni neurone può avere fino a sinapsi. Si calcola quindi che il numero di contatti nel cervello umano sia dellordine di 10 alla 15 (un milione di miliardi). La comunicazione sinaptica è estremamente dispendiosa: usa l80% dellenergia consumata dal cervello. Esiste anche una comunicazione che non è sinaptica ma che proviene dal fluido cerebrospinale e che trasmettono messaggi anche da molto lontano. Oltre ai neuroni ci sono anche le cellule gliali, che hanno diverse funzioni. Ogni neurone nelluomo fa sinapsi con 10 cellule gliali. La comunicazione sinaptica è estremamente dispendiosa: usa l80% dellenergia consumata dal cervello. Esiste anche una comunicazione che non è sinaptica ma che proviene dal fluido cerebrospinale e che trasmettono messaggi anche da molto lontano. Oltre ai neuroni ci sono anche le cellule gliali, che hanno diverse funzioni. Ogni neurone nelluomo fa sinapsi con 10 cellule gliali.

10 Cervello recente ma componenti antichissimi Luniverso ha 17 miliardi di anni. Luniverso ha 17 miliardi di anni. La terra ha 4,5 miliardi di anni. La terra ha 4,5 miliardi di anni. La vita sulla terra ha circa 3,5 miliardi di anni. La vita sulla terra ha circa 3,5 miliardi di anni. Fino a 2 miliardi di anni fa la vita era solo sotto forma di procarioti. Fino a 2 miliardi di anni fa la vita era solo sotto forma di procarioti. Due miliardi di anni fa compaiono i primi organismi multicellulari. Due miliardi di anni fa compaiono i primi organismi multicellulari. Circa 500 milioni di anni fa compaiono gli animali del phylum Cnidaria (coralli anemoni, idre) i primi ad avere i neuroni ed il primo rudimentale sistema nervoso. Circa 500 milioni di anni fa compaiono gli animali del phylum Cnidaria (coralli anemoni, idre) i primi ad avere i neuroni ed il primo rudimentale sistema nervoso. Lo stesso meccanismo opera oggi nelluomo, è solo cambiata la complessità in cui sono organizzati i neuroni e la conseguente forma del corpo per permetterne il funzionamento sempre più efficace nellambiente. Lo stesso meccanismo opera oggi nelluomo, è solo cambiata la complessità in cui sono organizzati i neuroni e la conseguente forma del corpo per permetterne il funzionamento sempre più efficace nellambiente. Il cervello è passato da 400 g degli scimpanzé a 1400 g del genere Homo Il cervello è passato da 400 g degli scimpanzé a 1400 g del genere Homo

11 Importanza del cervello nella storia Nella storia dellumanità, il cervello non ha avuto sempre importanza. Anzi a.C. tra gli antichi egizi, il cuore era importante per lal di là, il cervello non serviva. Anche tra gli antichi greci: Platone vedeva nel cervello la sede del pensiero e il cuore la sede delle passioni; Aristotele, il cuore era la sede dei sentimenti e delle facoltà intellettive. Gli antichi medici cinesi che si basavano sui flussi energetici, la sede dello spirito è il cuore. La stessa cosa vale per le popolazioni africane. La sede dellanima, della vita stessa che identifica luomo è il piccolo cuore. Nella storia dellumanità, il cervello non ha avuto sempre importanza. Anzi a.C. tra gli antichi egizi, il cuore era importante per lal di là, il cervello non serviva. Anche tra gli antichi greci: Platone vedeva nel cervello la sede del pensiero e il cuore la sede delle passioni; Aristotele, il cuore era la sede dei sentimenti e delle facoltà intellettive. Gli antichi medici cinesi che si basavano sui flussi energetici, la sede dello spirito è il cuore. La stessa cosa vale per le popolazioni africane. La sede dellanima, della vita stessa che identifica luomo è il piccolo cuore. Il ruolo del cervello ha preso importanza molti secoli dopo, nel XVI e XVII secolo, con gli sviluppi degli studi di anatomia (basati sullo studio dei cadaveri, non più sui flussi energetici!!). Il ruolo del cervello ha preso importanza molti secoli dopo, nel XVI e XVII secolo, con gli sviluppi degli studi di anatomia (basati sullo studio dei cadaveri, non più sui flussi energetici!!). Era in piena impostazione meccanicistica. La corrente + nota era il localizzazionismo, che durerà due secoli (percezioni, sentimenti, ragionamenti si potevano localizzare in una parte del cervello). Era coerente con la modalità dominante di pensiero che voleva ridurre lo sguardo sullorganismo umano ed a rintracciare lorigine delle patologie nella cellula. Era in piena impostazione meccanicistica. La corrente + nota era il localizzazionismo, che durerà due secoli (percezioni, sentimenti, ragionamenti si potevano localizzare in una parte del cervello). Era coerente con la modalità dominante di pensiero che voleva ridurre lo sguardo sullorganismo umano ed a rintracciare lorigine delle patologie nella cellula. Oggi si sta aprendo una nuova visione del funzionamento del cervello basata sul concetto che ogni funzione è il risultato dellattivazione di circuiti che connettono aree diverse e separate tra loro. Oggi si sta aprendo una nuova visione del funzionamento del cervello basata sul concetto che ogni funzione è il risultato dellattivazione di circuiti che connettono aree diverse e separate tra loro.

12 Lorganizzazione del sistema nervoso

13 Dentro il cervello Dalla spina dorsale, il midollo spinale giunto allinterno della scatola cranica, si allarga formando il midollo allungato che prosegue nel ponte e nel mesencefalo. Linsieme di questa ampia area del cervello si chiama tronco dellencefalo, alle cui adiacenze posteriori si trova il cervelletto. Dalla spina dorsale, il midollo spinale giunto allinterno della scatola cranica, si allarga formando il midollo allungato che prosegue nel ponte e nel mesencefalo. Linsieme di questa ampia area del cervello si chiama tronco dellencefalo, alle cui adiacenze posteriori si trova il cervelletto. Ancora + dentro al cervello troviamo il talamo e ipotalamo (diencefalo) e larea limbica, composta dal giro del cingolo, ippocampo e amigdala. Ancora + dentro al cervello troviamo il talamo e ipotalamo (diencefalo) e larea limbica, composta dal giro del cingolo, ippocampo e amigdala. Sopra, prima di arrivare alla corteccia, sprofondati nel grosso spessore di materia bianca, troviamo i gangli della base. Sopra, prima di arrivare alla corteccia, sprofondati nel grosso spessore di materia bianca, troviamo i gangli della base. Infine, lampio mantello della corteccia e neocorteccia cerebrale. Infine, lampio mantello della corteccia e neocorteccia cerebrale.

14 Il tronco dellencefalo È la continuazione in alto del midollo (gli antichi medici cinesi definivano il cervello il mare del midollo). Collega il basso allalto, unisce il s.n.c. dentro la colonna vertebrale al s.n.c. dentro la scatola cranica. Da qui nascono tutti gli 11 nervi cranici tranne il nervo ottico che sono dei giganteschi collegamenti tra il cervello ed il corpo. Il tronco riceve segnali da tutto il corpo, specie dal nervo vago che innerva apparato gastrointestinale, polmoni, cuore. E invia segnali a tutto il corpo. È la continuazione in alto del midollo (gli antichi medici cinesi definivano il cervello il mare del midollo). Collega il basso allalto, unisce il s.n.c. dentro la colonna vertebrale al s.n.c. dentro la scatola cranica. Da qui nascono tutti gli 11 nervi cranici tranne il nervo ottico che sono dei giganteschi collegamenti tra il cervello ed il corpo. Il tronco riceve segnali da tutto il corpo, specie dal nervo vago che innerva apparato gastrointestinale, polmoni, cuore. E invia segnali a tutto il corpo. È nel tronco che sono collocati i nuclei che in integrazione con lipotalamo, governano il neurovegetativo. E larea più antica dal punto di vista dellevoluzione della specie, qui si concentra il controllo delle funzioni vitali fondamentali che riguardano lattività cardiaca, la respirazione, lattività intestinale, urinaria, sonno e veglia. È qui che vengono raccolti e smistati a livello superiore segnali sensoriali, provenienti sia dallinterno che dallesterno del corpo. Qui si registrano attività neuronali molto intense, quando si sperimentano emozioni antiche come la collera o la tristezza. La felicità invece è più legata al sistema limbico e alle cortecce. È nel tronco che sono collocati i nuclei che in integrazione con lipotalamo, governano il neurovegetativo. E larea più antica dal punto di vista dellevoluzione della specie, qui si concentra il controllo delle funzioni vitali fondamentali che riguardano lattività cardiaca, la respirazione, lattività intestinale, urinaria, sonno e veglia. È qui che vengono raccolti e smistati a livello superiore segnali sensoriali, provenienti sia dallinterno che dallesterno del corpo. Qui si registrano attività neuronali molto intense, quando si sperimentano emozioni antiche come la collera o la tristezza. La felicità invece è più legata al sistema limbico e alle cortecce. Nel tronco si trovano organizzati i nuclei dei neuroni che producono i + importanti neurotrasmettitori cerebrali (dopamina, serotonina, noradrenalina, acetiolcolina, istamina) che vengono rilasciate sia in basso che in alto. Nel tronco si trovano organizzati i nuclei dei neuroni che producono i + importanti neurotrasmettitori cerebrali (dopamina, serotonina, noradrenalina, acetiolcolina, istamina) che vengono rilasciate sia in basso che in alto.

15 Il cuore del tronco dellencefalo è costituito da unintricata rete (network) di neuroni (formazione reticolare). Questa rete è fondamentale come base di attività che riguardano la regolazione tra veglia e il sonno, lo snodo fondamentale del sistema dello stress, aree di produzione dei + importanti neurotrasmettitori. Due grandi ricercatori propongono il tronco (in particolare la formazione reticolare) come radice della coscienza. Cioè, in questarea profonda del ns cervello si forma la coscienza elementare che governa il corpo e le sue emozioni e che viene poi integrata con quelle che chiamano forme superiori di coscienza che sono il frutto di interazioni con larea limbica e corticale. Il cuore del tronco dellencefalo è costituito da unintricata rete (network) di neuroni (formazione reticolare). Questa rete è fondamentale come base di attività che riguardano la regolazione tra veglia e il sonno, lo snodo fondamentale del sistema dello stress, aree di produzione dei + importanti neurotrasmettitori. Due grandi ricercatori propongono il tronco (in particolare la formazione reticolare) come radice della coscienza. Cioè, in questarea profonda del ns cervello si forma la coscienza elementare che governa il corpo e le sue emozioni e che viene poi integrata con quelle che chiamano forme superiori di coscienza che sono il frutto di interazioni con larea limbica e corticale.

16 Diencefalo e sistema limbico È la porzione intermedia del cervello proseguendo in alto, collega la parte profonda alle aree corticali. Tradizionalmente il diencefalo comprende talamo e ipotalamo. È la porzione intermedia del cervello proseguendo in alto, collega la parte profonda alle aree corticali. Tradizionalmente il diencefalo comprende talamo e ipotalamo. Il talamo (in realtà sono due talami) sono ricetrasmittenti obbligate: tutto ciò che dalle cortecce passa al corpo (comandi per il movimento ad es) e tutto ciò che dal corpo passa alle cortecce (stimoli sensoriali, piacere, dolore) passa x i talami. Il talamo (in realtà sono due talami) sono ricetrasmittenti obbligate: tutto ciò che dalle cortecce passa al corpo (comandi per il movimento ad es) e tutto ciò che dal corpo passa alle cortecce (stimoli sensoriali, piacere, dolore) passa x i talami.

17 Lipotalamo Lipotalamo è composto da una serie di nuclei di neuroni. È piccolissimo (pesa 4 grammi, lo 0.3 % del peso medio del cervello) ma integra una quantità incredibile di funzioni vitali (fame, sazietà, metabolismo energetico, liquidi e equilibrio elettrolitico, la temperature corporea, sonno e veglia, comportamento sessuale, sistemi endocrini, sistema immunitario, emozioni). Lipotalamo è composto da una serie di nuclei di neuroni. È piccolissimo (pesa 4 grammi, lo 0.3 % del peso medio del cervello) ma integra una quantità incredibile di funzioni vitali (fame, sazietà, metabolismo energetico, liquidi e equilibrio elettrolitico, la temperature corporea, sonno e veglia, comportamento sessuale, sistemi endocrini, sistema immunitario, emozioni). Prima si pensava che le informazioni sensoriali arrivassero indirettamente allipotalamo invece si sa che tutti i sensi comunicano in diretta con lipotalamo, il quale riceve informazioni dalle aree corticali e sotto corticali. Inoltre allipotalamo arrivano informazioni anche dal sistema immunitario sia tramite la circolazione sanguigna sia tramite il nervo vago. Prima si pensava che le informazioni sensoriali arrivassero indirettamente allipotalamo invece si sa che tutti i sensi comunicano in diretta con lipotalamo, il quale riceve informazioni dalle aree corticali e sotto corticali. Inoltre allipotalamo arrivano informazioni anche dal sistema immunitario sia tramite la circolazione sanguigna sia tramite il nervo vago. Lipotalamo influenza potentemente il comportamento perché le sue fibre proiettano direttamente Lipotalamo influenza potentemente il comportamento perché le sue fibre proiettano direttamente 1.alle aree corticali specie quelle pre-frontali dove si prendono le decisioni, 2.ai nuclei del neurovegetativo situati nel tronco dellencefalo, che comandano la messa in allerta di tutto lorganismo 3.allipofisi (ghiandola master per la produzione ormonale) 4.allamigdala (centro emozionale per eccellenza) 5.allippocampo (centrale di produzione della memoria)

18 Lamigdala Lamigdala è composta da circa 13 nuclei suddivisi in 3 grandi aree tra loro strettamente interconnesse: Lamigdala è composta da circa 13 nuclei suddivisi in 3 grandi aree tra loro strettamente interconnesse: 1.basolaterale, che riceve input dai sensi e invia proiezioni alle cortecce prefrontali e allipotalamo. Contribuisce così in modo determinante alla formazione della memoria emotiva e cognitiva. 2.corticale, che quasi si confonde con corteccia olfattiva: dà significato emotivo agli odori; 3.centromediale costituita dai nuclei profondi, che ricevono input dal talamo e dallipotalamo e ne inviano al neurovegetativo: tramite tra il circuito talamo-ipotalamo e il neurovegetativo, scarica le emozioni sul corpo. Lamigdala è dunque uno snodo importantissimo per la gestione delle emozioni, di tutti i tipi –ve e +ve. Inoltre è decisivo nel circuito orbito- frontale, che attiviamo quando prendiamo decisioni. Giudizio e decisioni sono strettamente impastati di emozioni. Non esiste ragione senza emozioni. Lamigdala è dunque uno snodo importantissimo per la gestione delle emozioni, di tutti i tipi –ve e +ve. Inoltre è decisivo nel circuito orbito- frontale, che attiviamo quando prendiamo decisioni. Giudizio e decisioni sono strettamente impastati di emozioni. Non esiste ragione senza emozioni.

19 Lippocampo e il sistema limbico È la struttura chiave che porta alla formazione di ricordi. Qui cè continua neurogenesi che fissa nuove memorie. Continua collaborazione tra corteccia e ippocampo per fissare i ricordi. I messaggi dallippocampo arrivano continuamente in modo ritmico ai neuroni della corteccia attivati dagli ormoni dello stress (noradrenalina, adrenalina, cortisolo). Con il riposo (sonno) la memoria si consolida. È la struttura chiave che porta alla formazione di ricordi. Qui cè continua neurogenesi che fissa nuove memorie. Continua collaborazione tra corteccia e ippocampo per fissare i ricordi. I messaggi dallippocampo arrivano continuamente in modo ritmico ai neuroni della corteccia attivati dagli ormoni dello stress (noradrenalina, adrenalina, cortisolo). Con il riposo (sonno) la memoria si consolida. Oggi si chiama sistema limbico tutto linsieme di talamo-ipotalamo (diencefalo) + ippocampo e altre strutture profonde. Oggi si chiama sistema limbico tutto linsieme di talamo-ipotalamo (diencefalo) + ippocampo e altre strutture profonde.

20 La corteccia Forma solchi e giri ed avvolge gli emisferi, se si stendesse sarebbe come una tovaglia di un tavolo da cucina. Contiene, qualcuno dice 10, qualcuno dice fino a 30 miliardi di neuroni, comunque una piccola % dei neuroni del s.n. La corteccia è divisa in 4 aree: frontale, parietale, temporale, occipitale. Inoltre è organizzata in strati con circuiti integrati di neuroni. Forma solchi e giri ed avvolge gli emisferi, se si stendesse sarebbe come una tovaglia di un tavolo da cucina. Contiene, qualcuno dice 10, qualcuno dice fino a 30 miliardi di neuroni, comunque una piccola % dei neuroni del s.n. La corteccia è divisa in 4 aree: frontale, parietale, temporale, occipitale. Inoltre è organizzata in strati con circuiti integrati di neuroni.

21 La corteccia Le informazioni che giungono dai sensi vengono portate ad altre aree associative della corteccia, che integrano le varie informazioni. La parte frontale comanda il movimento, lattenzione e la memoria. Le informazioni che giungono dai sensi vengono portate ad altre aree associative della corteccia, che integrano le varie informazioni. La parte frontale comanda il movimento, lattenzione e la memoria. Si tratta di connessioni estremamente complicate. Connessioni tra varie aree ed anche dalla profondità in superficie e viceversa. Si tratta di connessioni estremamente complicate. Connessioni tra varie aree ed anche dalla profondità in superficie e viceversa. Nuclei della base e cervelletto sono due sistemi di regolazione interna che integrano i segnali che vengono dalla corteccia e quelli che vengono dal talamo. Questi sembra siano la struttura nervosa principale da cui emerge la coscienza. Nuclei della base e cervelletto sono due sistemi di regolazione interna che integrano i segnali che vengono dalla corteccia e quelli che vengono dal talamo. Questi sembra siano la struttura nervosa principale da cui emerge la coscienza.

22 La rete nervosa fuori dal cervello: il sistema nervoso periferico Tradizonalmente, il sistema nervoso si suddivide in Tradizonalmente, il sistema nervoso si suddivide in sistema nervoso periferico (SNP) e sistema nervoso periferico (SNP) e sistema nervoso centrale (SNC) sistema nervoso centrale (SNC) il SNC è costituito da: il SNC è costituito da: –cervello –midollo spinale il SNP è costituito da: il SNP è costituito da: –sistema nervoso autonomo –sistema nervoso somatico

23 Il sistema nervoso periferico sistema somatico (tutti i nervi spinali che innervano cute, articolazioni, muscoli; nervi sia sensoriali sia motori) sistema somatico (tutti i nervi spinali che innervano cute, articolazioni, muscoli; nervi sia sensoriali sia motori) sistema autonomo (indipendente dalla volontà, sistema automatico di regolazione degli organi interni, controllato dallipotalamo, che opera come bilanciamento del simpatico, eccitatorio, e del parasimpatico, inibitorio). sistema autonomo (indipendente dalla volontà, sistema automatico di regolazione degli organi interni, controllato dallipotalamo, che opera come bilanciamento del simpatico, eccitatorio, e del parasimpatico, inibitorio).

24 Il sistema nervoso autonomo Tradizionalmente lautonomo si diceva solo motorio, cioè dal centro alla periferia. In realtà non è così, e non è così neppure la distinzione netta tra simpatico e parasimpatico. Nel senso che sia luno che laltro possono essere sia inibitori che eccitatori. Inoltre, recenti studi fanno vedere come il neurovegetativo è anche sensoriale. Basta guardare il nervo vago che è la + imponente via afferente che porta informazioni dagli organi interni al sistema centrale. Unaltra scoperta fondamentale è che queste fibre del neurovegetativo lavorano in stretta connessione con le cellule immunitarie ed i vasi sanguigni. Qui si realizza un dialogo stretto fatto di neuropeptidi, citochine e varie altre sostanze attiva che regola tutta lattività del neurovegetativo. Tradizionalmente lautonomo si diceva solo motorio, cioè dal centro alla periferia. In realtà non è così, e non è così neppure la distinzione netta tra simpatico e parasimpatico. Nel senso che sia luno che laltro possono essere sia inibitori che eccitatori. Inoltre, recenti studi fanno vedere come il neurovegetativo è anche sensoriale. Basta guardare il nervo vago che è la + imponente via afferente che porta informazioni dagli organi interni al sistema centrale. Unaltra scoperta fondamentale è che queste fibre del neurovegetativo lavorano in stretta connessione con le cellule immunitarie ed i vasi sanguigni. Qui si realizza un dialogo stretto fatto di neuropeptidi, citochine e varie altre sostanze attiva che regola tutta lattività del neurovegetativo. Una volta si considerava il sistema simpatico come un retaggio delle specie primitive che svolgeva il suo ruolo solo in casi eccezionali, come nelle emergenze (fuga, paura, allerta, ecc.), ma ora si considera che esso è la base della gestione ordinaria del corpo, una funzione importantissima ma non scollegata bensì fortemente integrata ed in relazione con altri sistemi (endocrino ed immunitario). Una volta si considerava il sistema simpatico come un retaggio delle specie primitive che svolgeva il suo ruolo solo in casi eccezionali, come nelle emergenze (fuga, paura, allerta, ecc.), ma ora si considera che esso è la base della gestione ordinaria del corpo, una funzione importantissima ma non scollegata bensì fortemente integrata ed in relazione con altri sistemi (endocrino ed immunitario).

25 Il sistema nervoso autonomo

26 La psiconeuro- endocrinoimmunologia Questa è una rapida e molto semplificata carrellata su come il sistema nervoso è organizzato alla luce delle scoperte più recenti. Esiste un grande interesse per questa disciplina che finalmente supera il riduzionismo e il meccanicismo e vede lintegrazione tra sistema nervoso, sistema endocrino, sistema immunitario e dunque, secondo lei, spiega la connessione mente-corpo in un modo molto più realistico. Questa è una rapida e molto semplificata carrellata su come il sistema nervoso è organizzato alla luce delle scoperte più recenti. Esiste un grande interesse per questa disciplina che finalmente supera il riduzionismo e il meccanicismo e vede lintegrazione tra sistema nervoso, sistema endocrino, sistema immunitario e dunque, secondo lei, spiega la connessione mente-corpo in un modo molto più realistico. MENTE sistema nervoso-sistema endocrino-sistema immunitario CORPO. MENTE sistema nervoso-sistema endocrino-sistema immunitario CORPO. Inoltre anche il passaggio inverso CORPO MENTE è ipotizzato in quanto certe esperienze a livello somatico possono indurre cambiamenti neuronali. Inoltre anche il passaggio inverso CORPO MENTE è ipotizzato in quanto certe esperienze a livello somatico possono indurre cambiamenti neuronali.

27 Laspetto positivo di questa disciplina, che porta poi a quella che viene chiamata medicina integrata è che sicuramente si avvicina più alla realtà. Laspetto positivo di questa disciplina, che porta poi a quella che viene chiamata medicina integrata è che sicuramente si avvicina più alla realtà. Si comincia ad affermare che la mente, intesa come pensiero razionale, è strettamente connessa e promana dal neurovegetativo che è inconscio. Si comincia ad affermare che la mente, intesa come pensiero razionale, è strettamente connessa e promana dal neurovegetativo che è inconscio. Si supera anche limpostazione di tipo cognitivista in cui la mente può essere paragonata ad un computer, ammettendo che essa non può essere disgiunta dal suo contesto biologico ed evolutivo. Si supera anche limpostazione di tipo cognitivista in cui la mente può essere paragonata ad un computer, ammettendo che essa non può essere disgiunta dal suo contesto biologico ed evolutivo. Ci si allaccia più alla saggezza della medicina orientale che da millenni si basa sulla comprensione dei flussi di energie negli esseri umani, piuttosto che alla medicina occidentale con la sua impostazione ancora fortemente legata al meccanicismo e al riduzionismo. Ci si allaccia più alla saggezza della medicina orientale che da millenni si basa sulla comprensione dei flussi di energie negli esseri umani, piuttosto che alla medicina occidentale con la sua impostazione ancora fortemente legata al meccanicismo e al riduzionismo. Punta al benessere integrale della persona, cerca strade per una medicina integrata. Punta al benessere integrale della persona, cerca strade per una medicina integrata.

28 Dove ci porta questa impostazione moderna? la mente è un prodotto del cervello, emerge dallattività nervosa La coscienza, quindi, a differenza di quanto proposto dal modello freudiano, non dovrebbe avere come obiettivo la bonifica della natura interna, e cioè lomologazione dei territori selvaggi dellES alla Ragione, bensì la comprensione della complessità delluomo e dei contesti in cui opera. Riconoscimento della complessità propria ed altrui, della mente altrui (…), vuol dire ispirare e costruire una scienza non riduzionista, non prepotente verso di sé e verso gli altri sistemi; vuol dire ispirare comportamenti basati sulla compassione verso il mondo che è in noi (archetipi collettivi) e verso il mondo fuori di noi; vuol dire quindi favorire lemergere di persone capaci di non rimanere prigioniere dei contesti, ma di essere transcontestuali, senza divenire disadattate, bensì flessibili, creative e, al tempo stesso, socialmente integrate perché perseguono fini collettivi e sociali. (Francesco Bottaccioli, Psiconeuroendocrinoimmunologia, p. 172) la mente è un prodotto del cervello, emerge dallattività nervosa La coscienza, quindi, a differenza di quanto proposto dal modello freudiano, non dovrebbe avere come obiettivo la bonifica della natura interna, e cioè lomologazione dei territori selvaggi dellES alla Ragione, bensì la comprensione della complessità delluomo e dei contesti in cui opera. Riconoscimento della complessità propria ed altrui, della mente altrui (…), vuol dire ispirare e costruire una scienza non riduzionista, non prepotente verso di sé e verso gli altri sistemi; vuol dire ispirare comportamenti basati sulla compassione verso il mondo che è in noi (archetipi collettivi) e verso il mondo fuori di noi; vuol dire quindi favorire lemergere di persone capaci di non rimanere prigioniere dei contesti, ma di essere transcontestuali, senza divenire disadattate, bensì flessibili, creative e, al tempo stesso, socialmente integrate perché perseguono fini collettivi e sociali. (Francesco Bottaccioli, Psiconeuroendocrinoimmunologia, p. 172)

29 Alcune conseguenze Questo avvalora in termini quasi scientifici il relativismo più totale. La connessione nel biologico delle attività nervose, endocrine, immunitarie, giustifica il fatto di conformare il pensiero e la cultura con come uno si sente dentro, purché raggiunga uno stato di piacere. Questo avvalora in termini quasi scientifici il relativismo più totale. La connessione nel biologico delle attività nervose, endocrine, immunitarie, giustifica il fatto di conformare il pensiero e la cultura con come uno si sente dentro, purché raggiunga uno stato di piacere. Si spinge alleccesso il fatto di non doversi ridurre a nessuno schema o nessuna barriera ideologica e di favorire la cosiddetta libertà. Si spinge alleccesso il fatto di non doversi ridurre a nessuno schema o nessuna barriera ideologica e di favorire la cosiddetta libertà. Ne risulta chiaramente laccettazione indiscriminata, in nome della tolleranza confermata dalla costituzione biologica, di qualsiasi orientamento sessuale. Ne risulta chiaramente laccettazione indiscriminata, in nome della tolleranza confermata dalla costituzione biologica, di qualsiasi orientamento sessuale. Si arriva anche a sminuire gli effetti delluso di droghe cosiddette leggere, con la scusa che esse sono dotate di qualità terapeutiche naturali. Si arriva anche a sminuire gli effetti delluso di droghe cosiddette leggere, con la scusa che esse sono dotate di qualità terapeutiche naturali. Un altro punto è che la guarigione di malattie anche gravi (fuori dalluso dei farmaci) viene spiegata scientificamente come mero frutto della psiche umana che sola, mette in moto dei meccanismi di soggezione e di autoguarigione (Lourdes). Un altro punto è che la guarigione di malattie anche gravi (fuori dalluso dei farmaci) viene spiegata scientificamente come mero frutto della psiche umana che sola, mette in moto dei meccanismi di soggezione e di autoguarigione (Lourdes).

30 Cosa non va con questa impostazione? La completa esclusione di Dio. Luomo è sempre al centro e come punto di riferimento ha la sua mente; La completa esclusione di Dio. Luomo è sempre al centro e come punto di riferimento ha la sua mente; La completa esclusione dellAmore come rispetto e continuo scambio nel rispetto, nella qualità e nei contenuti, necessario fin dal momento del concepimento per arrivare a maturità, e necessario lungo tutto il corso della vita per mantenersi sani e sapienti; La completa esclusione dellAmore come rispetto e continuo scambio nel rispetto, nella qualità e nei contenuti, necessario fin dal momento del concepimento per arrivare a maturità, e necessario lungo tutto il corso della vita per mantenersi sani e sapienti; La completa conseguente distruzione dellautentico carattere della persona, che è basato sulle forze personali ordinate, principalmente sullanima che scambia con Dio, unica fonte di vera salute per tutte le altre forze agenti nella persona, sesso, nervi, corpo e mente. La completa conseguente distruzione dellautentico carattere della persona, che è basato sulle forze personali ordinate, principalmente sullanima che scambia con Dio, unica fonte di vera salute per tutte le altre forze agenti nella persona, sesso, nervi, corpo e mente. La mancata comprensione dei condizionamenti che si sviluppano a causa della mancanza damore e che incidono sul sistema nervoso a livello inconscio. La mancata comprensione dei condizionamenti che si sviluppano a causa della mancanza damore e che incidono sul sistema nervoso a livello inconscio. Lassenza di comprensione della radice di tutti gli errori personali, relazionali, storici, culturali, sociali, economici, spirituali, scientifici, cioè il diavolo, che si piazza sui condizionamenti inconsci e che agisce attivamente lasciando luomo in uno stato di perenne malattia dellanima, della fede, delle relazioni, del corpo e della mente. Lassenza di comprensione della radice di tutti gli errori personali, relazionali, storici, culturali, sociali, economici, spirituali, scientifici, cioè il diavolo, che si piazza sui condizionamenti inconsci e che agisce attivamente lasciando luomo in uno stato di perenne malattia dellanima, della fede, delle relazioni, del corpo e della mente. La non considerazione della mente come risultato del modo dessere delle altre forze inconsce, principalmente Dio, anima, sesso, che è sana solo se è nutrita dallAmore, altrimenti è malata e produce malattia per se e per gli altri. La non considerazione della mente come risultato del modo dessere delle altre forze inconsce, principalmente Dio, anima, sesso, che è sana solo se è nutrita dallAmore, altrimenti è malata e produce malattia per se e per gli altri. La non visione della mente come sapienza, intesa come profonda comprensione del modo dessere della persona, dunque della sua sofferenza, dunque di unazione che risolva fino in fondo questa sofferenza. La non visione della mente come sapienza, intesa come profonda comprensione del modo dessere della persona, dunque della sua sofferenza, dunque di unazione che risolva fino in fondo questa sofferenza. Il fatto che vi sia una visione completamente errata della mente si vede dalle statistiche: disagi mentali sempre più in aumento, uno studio recente mostrava come il 50% degli insegnanti italiani che si rivolgono al medico lo fanno per problemi psichiatrici. Il fatto che vi sia una visione completamente errata della mente si vede dalle statistiche: disagi mentali sempre più in aumento, uno studio recente mostrava come il 50% degli insegnanti italiani che si rivolgono al medico lo fanno per problemi psichiatrici.

31 Gesù, la persona sapiente per eccellenza Cosha fatto Gesù? Quando lui è venuto certo non ha trovato unumanità a posto. Ma non è venuto a fare discorsi o ragionamenti. Cristo è stoltezza per la mente e scandalo per le leggi. Cosha fatto Gesù? Quando lui è venuto certo non ha trovato unumanità a posto. Ma non è venuto a fare discorsi o ragionamenti. Cristo è stoltezza per la mente e scandalo per le leggi. Intanto è venuto bambino, anzi, zigote. Intanto è venuto bambino, anzi, zigote. Tutto il suo modo dessere e di testimoniare parla allinconscio e lo ristabilisce, non parla alla mente. Altrimenti neanche la mente può funzionare. Siccome le persone erano disturbate nelle forze inconsce, la mente era andata fuori strada anche ai tempi di Gesù. Tutto il suo modo dessere e di testimoniare parla allinconscio e lo ristabilisce, non parla alla mente. Altrimenti neanche la mente può funzionare. Siccome le persone erano disturbate nelle forze inconsce, la mente era andata fuori strada anche ai tempi di Gesù. In genere dunque Gesù non è stato capito (veniva nel mondo la luce vera (non la ragione vera), … eppure il mondo non lo riconobbe (Gv 1, 9-13). In genere dunque Gesù non è stato capito (veniva nel mondo la luce vera (non la ragione vera), … eppure il mondo non lo riconobbe (Gv 1, 9-13). Chi stava sulla mente umana non poteva capirlo (hanno orecchi e non sentono, occhi e non vedono). Chi stava sulla mente umana non poteva capirlo (hanno orecchi e non sentono, occhi e non vedono). In realtà neppure gli apostoli lo capivano. In realtà neppure gli apostoli lo capivano. Lungo cammino, che chiama a recuperare le forze dellinconscio per arrivare alla sapienza dello Spirito Santo. Gesù lha testimoniato e lha fatto. Gli stessi apostoli hanno avuto difficoltà, ma alla fine, con la perseveranza e la disponibilità, lhanno fatto. Lungo cammino, che chiama a recuperare le forze dellinconscio per arrivare alla sapienza dello Spirito Santo. Gesù lha testimoniato e lha fatto. Gli stessi apostoli hanno avuto difficoltà, ma alla fine, con la perseveranza e la disponibilità, lhanno fatto.

32 Lesempio della sapienza di un apostolo: Paolo San Paolo ad Atene: At 17, San Paolo ad Atene: At 17, Le esortazioni di S. Paolo sono sempre di purificare il cuore, la coscienza, di avere il corpo lavato. (Eb 9,24-28; 10,19-23). Lui capisce cosa significa il corpo e il sangue di Gesù. Siccome è nelle forze inconsce che siamo malati, a causa dei condizionamenti e dei diavoli che non dipendono da noi, Gesù sapientemente non può fare altro che entrare con forza lì dentro. Anche se noi non capiamo, lui ci guarisce. Le esortazioni di S. Paolo sono sempre di purificare il cuore, la coscienza, di avere il corpo lavato. (Eb 9,24-28; 10,19-23). Lui capisce cosa significa il corpo e il sangue di Gesù. Siccome è nelle forze inconsce che siamo malati, a causa dei condizionamenti e dei diavoli che non dipendono da noi, Gesù sapientemente non può fare altro che entrare con forza lì dentro. Anche se noi non capiamo, lui ci guarisce. Ma non basta guarire: siamo chiamati alla conversione totale, dunque a portare anche la mente a rispettare le forze inconsce, a comprenderle ed a collaborare e partecipare con Dio per la nostra redenzione e quella di tutti gli uomini. Ma non basta guarire: siamo chiamati alla conversione totale, dunque a portare anche la mente a rispettare le forze inconsce, a comprenderle ed a collaborare e partecipare con Dio per la nostra redenzione e quella di tutti gli uomini.

33 Dopo gli Apostoli Dopo Gesù e gli Apostoli, chi ha fatto questo cammino? La storia, anche nel nostro tempo (papa Giovanni Paolo II, Abbé Pierre, Madre Teresa di Calcutta), è costellata da persone che hanno avuto il coraggio di testimoniare la verità della fede, non in senso generale, ma entrando nella realtà precisa che vivevano, mantenendosi persone in Dio e affrontando gli errori che incontravano. Eppure, se si guarda bene, pur rimanendo queste persone per ciascuno di noi dei punti di riferimento forti e degli esempi che ci infondono coraggio nelle scelte, non ci permettono fino in fondo di cambiare vita. Quasi sempre vi è unintegrazione. Dopo Gesù e gli Apostoli, chi ha fatto questo cammino? La storia, anche nel nostro tempo (papa Giovanni Paolo II, Abbé Pierre, Madre Teresa di Calcutta), è costellata da persone che hanno avuto il coraggio di testimoniare la verità della fede, non in senso generale, ma entrando nella realtà precisa che vivevano, mantenendosi persone in Dio e affrontando gli errori che incontravano. Eppure, se si guarda bene, pur rimanendo queste persone per ciascuno di noi dei punti di riferimento forti e degli esempi che ci infondono coraggio nelle scelte, non ci permettono fino in fondo di cambiare vita. Quasi sempre vi è unintegrazione. Noi qui a Italia Solidale abbiamo una fortuna di cui spesso non riusciamo a renderci conto. Noi qui a Italia Solidale abbiamo una fortuna di cui spesso non riusciamo a renderci conto. In un modo o nellaltro, di Gesù ne abbiamo tutti sentito parlare. Ma perché non ci toccava? In un modo o nellaltro, di Gesù ne abbiamo tutti sentito parlare. Ma perché non ci toccava? Avevamo necessità di qualcosa che ci facesse toccare Gesù nella nostra vita, dunque di una cultura che riavvicina Dio alluomo e luomo a Dio. Avevamo necessità di qualcosa che ci facesse toccare Gesù nella nostra vita, dunque di una cultura che riavvicina Dio alluomo e luomo a Dio.

34 Cosa dice P. Angelo della mente? la mente è un grande dono per luomo la mente è un grande dono per luomo attraverso la mente luomo è elevato alla partecipazione della realtà naturale fino ad essere concreatore e corredentore con Dio; attraverso la mente luomo è elevato alla partecipazione della realtà naturale fino ad essere concreatore e corredentore con Dio; la mente è fondamentalmente la mente è fondamentalmente –sostenuta –animata –irrorata dal modo dessere dellinconscio di cui il neurovegetativo è portatore dal modo dessere dellinconscio di cui il neurovegetativo è portatore

35 libido e aggressività sono nel neurovegetativo libido e aggressività sono nel neurovegetativo il neurovegetativo contiene la Grazia, lanima, il sesso i nervi, il corpo, il 90% delle energie della vita. Queste raggiungono ed irrorano il sistema cosciente che rappresenta solo il 10% delle energie. il neurovegetativo contiene la Grazia, lanima, il sesso i nervi, il corpo, il 90% delle energie della vita. Queste raggiungono ed irrorano il sistema cosciente che rappresenta solo il 10% delle energie.

36 Il nostro problema è che siccome il conscio è facile da percepire, storicamente e culturalmente si è dato molto più peso al conscio si è esaltata la forza mentale al di sopra di tutte le altre forze (anche se è solo il 10%), quasi che fosse una realtà a se stante capace di creare, dominare, ordinare ogni cosa. Le connessioni con le forze inconsce sono state viste molto poco. Il nostro problema è che siccome il conscio è facile da percepire, storicamente e culturalmente si è dato molto più peso al conscio si è esaltata la forza mentale al di sopra di tutte le altre forze (anche se è solo il 10%), quasi che fosse una realtà a se stante capace di creare, dominare, ordinare ogni cosa. Le connessioni con le forze inconsce sono state viste molto poco. Però: le energie di Dio, dellanima, del sesso, dei nervi, del corpo, hanno: Però: le energie di Dio, dellanima, del sesso, dei nervi, del corpo, hanno: –un loro modo dessere, –un loro contenuto, –un loro ordine inconscio che è prima della mente. che è prima della mente. Inoltre, sono solo queste energie, ben sviluppate in spirito, verità e amore che rendono la mente sana, sapiente, capace di svolgere la sua funzione di luce e di servizio a tutta la verità che ci rende liberi. Inoltre, sono solo queste energie, ben sviluppate in spirito, verità e amore che rendono la mente sana, sapiente, capace di svolgere la sua funzione di luce e di servizio a tutta la verità che ci rende liberi.

37 La funzione della mente è quella di: La funzione della mente è quella di: –far luce –tutelare –servire –concorrere a ristabilire, con la forza di Dio, qualora fossero disturbate tutte le energie basilari della vita (il 90%). tutte le energie basilari della vita (il 90%). Queste forze si sviluppano solo nellamore. Se no, sono deviate, ridotte, colpite. Allora quali messaggi mandano alla mente? Queste forze si sviluppano solo nellamore. Se no, sono deviate, ridotte, colpite. Allora quali messaggi mandano alla mente?

38 Oggi la scienza e la spiritualità che corrono Oggi la scienza e la spiritualità che corrono –non vedono –non partecipano –dunque non guariscono Sono dunque menzognere. Significa che li dentro si è inserito qualcosa di erroneo che rimane fissato. Scienza e fede in genere non si soffermano, non entrano nella profonda realtà delle forze inconsce della vita. E quasi tabù parlare di inconscio. Sono dunque menzognere. Significa che li dentro si è inserito qualcosa di erroneo che rimane fissato. Scienza e fede in genere non si soffermano, non entrano nella profonda realtà delle forze inconsce della vita. E quasi tabù parlare di inconscio. La fede quando tenta di risolvere i problemi personali, sessuali, relazionali, nervosi, fisici, propone schematiche modifiche mentali, violenze razionali e legali. La fede quando tenta di risolvere i problemi personali, sessuali, relazionali, nervosi, fisici, propone schematiche modifiche mentali, violenze razionali e legali. La scienza ora si comincia ad affacciare ad una visione più olistica delluomo, ma ancora propone soluzioni mentali o biochimiche. Al massimo, propone una visione che rompe con le regole ed è basata sulle emozioni (tra laltro pericolosissima). La scienza ora si comincia ad affacciare ad una visione più olistica delluomo, ma ancora propone soluzioni mentali o biochimiche. Al massimo, propone una visione che rompe con le regole ed è basata sulle emozioni (tra laltro pericolosissima).

39 Perché quello che sentiamo da P.Angelo: è sempre vero e puntuale è sempre vero e puntuale risponde ad ogni nostro quesito presente o passato su fatti personali, sociali, culturali, mondiali risponde ad ogni nostro quesito presente o passato su fatti personali, sociali, culturali, mondiali coglie tutte le realtà della vita, nel suo ordine, nella sua ontologia, nella sua storia coglie tutte le realtà della vita, nel suo ordine, nella sua ontologia, nella sua storia risolve sempre tutto in positivo risolve sempre tutto in positivo non ci immette in qualcosa che ci porta a fare o a affannarci, ma ad avere tutta la gioia e tutta la forza delle nostre energie personali non ci immette in qualcosa che ci porta a fare o a affannarci, ma ad avere tutta la gioia e tutta la forza delle nostre energie personali riesce a riempire la chiesa mentre le altre sono vuote riesce a riempire la chiesa mentre le altre sono vuote produce guarigione fisica lì dove la medicina non riesce produce guarigione fisica lì dove la medicina non riesce produce guarigione mentale e relazionale lì dove la psicanalisi non riesce produce guarigione mentale e relazionale lì dove la psicanalisi non riesce produce guarigione spirituale lì dove la fede non riesce produce guarigione spirituale lì dove la fede non riesce riesce a cogliere la realtà di ogni persona e di ogni cultura riesce a cogliere la realtà di ogni persona e di ogni cultura propone e realizza una modalità di aiuto concreto per risolvere la fame dello spirito e del corpo nel mondo intero propone e realizza una modalità di aiuto concreto per risolvere la fame dello spirito e del corpo nel mondo intero?

40 Perché si tratta di una proposta che: riparte da zero, cioè da nulla già esistente. Stacca la persona perfino dai suoi legami biologicamente più stretti, oltre che dalle varie culture e impostazioni religiose, per portarla in una dimensione che è quella che le è stata data da Dio originariamente. riparte da zero, cioè da nulla già esistente. Stacca la persona perfino dai suoi legami biologicamente più stretti, oltre che dalle varie culture e impostazioni religiose, per portarla in una dimensione che è quella che le è stata data da Dio originariamente. non essendo integrata in nulla, svela gli inganni più subdoli che sono proprio quelli della dipendenza da qualche integrazione. non essendo integrata in nulla, svela gli inganni più subdoli che sono proprio quelli della dipendenza da qualche integrazione. va in tutta la profondità della vita fino ad affermare con consapevolezza che la vita non singanna. Non dipende dalluomo, ma è fatta da Dio che con il Suo CONSCIO è la guida del nostro INCONSCIO. E ci svela così che quello che comunemente chiamiamo disagio o malattia ad esempio a livello mentale, è spesso già una menzogna: perché in genere tutto è considerato normale. Lanormale a livello mentale è considerato quando i suoi effetti compromettono a livelli più o meno gravi lintegrazione dellindividuo nella società che è considerato il punto di riferimento per la realtà. Ma la verità è che siamo tutti disturbati perché tutti siamo portatori di disturbi personali inconsci provenienti dal non amore, dalleducazione, dai condizionamenti di tante false culture. va in tutta la profondità della vita fino ad affermare con consapevolezza che la vita non singanna. Non dipende dalluomo, ma è fatta da Dio che con il Suo CONSCIO è la guida del nostro INCONSCIO. E ci svela così che quello che comunemente chiamiamo disagio o malattia ad esempio a livello mentale, è spesso già una menzogna: perché in genere tutto è considerato normale. Lanormale a livello mentale è considerato quando i suoi effetti compromettono a livelli più o meno gravi lintegrazione dellindividuo nella società che è considerato il punto di riferimento per la realtà. Ma la verità è che siamo tutti disturbati perché tutti siamo portatori di disturbi personali inconsci provenienti dal non amore, dalleducazione, dai condizionamenti di tante false culture.

41 vede lio potenziale come sigillo di Dio, tutto positivo e senza nessun tanatos né peccato originale vede lio potenziale come sigillo di Dio, tutto positivo e senza nessun tanatos né peccato originale scopre nellio potenziale tutte le forze della persona con il loro ordine (di Dio, dellanima, del sesso, dei nervi, del corpo e della mente). scopre nellio potenziale tutte le forze della persona con il loro ordine (di Dio, dellanima, del sesso, dei nervi, del corpo e della mente). vede che lio potenziale ha bisogno di amore che è rispetto e scambio di rispetto perché queste energie maturino fino alla salute del corpo e della mente. vede che lio potenziale ha bisogno di amore che è rispetto e scambio di rispetto perché queste energie maturino fino alla salute del corpo e della mente. vede lio potenziale disturbato in ogni persona dai condizionamenti a causa della mancanza damore vede lio potenziale disturbato in ogni persona dai condizionamenti a causa della mancanza damore

42 ci mostra che il male dellinconscio, e di conseguenza anche della mente, è vecchio quanto luomo, ha la stessa età delluomo, circa anni. ci mostra che il male dellinconscio, e di conseguenza anche della mente, è vecchio quanto luomo, ha la stessa età delluomo, circa anni. vede i diavoli, forze negative potenti con cui siamo abituati da sempre a convivere dentro e fuori, e come queste agiscono, cominciando dallinconscio vede i diavoli, forze negative potenti con cui siamo abituati da sempre a convivere dentro e fuori, e come queste agiscono, cominciando dallinconscio rende viva, necessaria e comprensibile la Croce di Gesù come vero ed unico amore rende viva, necessaria e comprensibile la Croce di Gesù come vero ed unico amore permette a ciascuna persona di percorrere il proprio cammino personale, (non omologato), con la propria croce insieme alla croce di Gesù, fino a far di nuovo coincidere il proprio inconscio con il conscio di Dio. Questa è la propria vocazione permette a ciascuna persona di percorrere il proprio cammino personale, (non omologato), con la propria croce insieme alla croce di Gesù, fino a far di nuovo coincidere il proprio inconscio con il conscio di Dio. Questa è la propria vocazione rende normale leffusione dello Spirito Santo dopo questo cammino, come necessità di mantenere le proprie forze fuori dagli uomini per la carità a tutti gli uomini rende normale leffusione dello Spirito Santo dopo questo cammino, come necessità di mantenere le proprie forze fuori dagli uomini per la carità a tutti gli uomini rende chiara la meraviglia che è luomo rispetto a tutte le altre creature rende chiara la meraviglia che è luomo rispetto a tutte le altre creature avverte ogni persona, chiamandola a fare questo cammino per ritrovarsi, ma la lascia libera anche di non farlo avverte ogni persona, chiamandola a fare questo cammino per ritrovarsi, ma la lascia libera anche di non farlo

43 Si tratta di una proposta profondamente sapiente, molto vicina alla sapienza di Gesù, ma che è calata nel tempo di oggi. Usa i mezzi che oggi ci sono (comprensione dellinconscio). E per arrivare a questa sapienza P.Angelo ha tutelato non la mente, ma le forze personali inconsce che sono prima della mente. Le sue, per poi arrivare a quelle degli altri. Questo gli ha dato una mente sapiente, vicina a quella della Madonna. Ed è sapiente perché è una proposta basata sullamore agli altri. La mente funziona bene solo nellamore. Allora vede i problemi, propone soluzioni e guarisce. Vede lumanità come vera, e la vede sofferente e trova una strada per guarirla. Si tratta di una proposta profondamente sapiente, molto vicina alla sapienza di Gesù, ma che è calata nel tempo di oggi. Usa i mezzi che oggi ci sono (comprensione dellinconscio). E per arrivare a questa sapienza P.Angelo ha tutelato non la mente, ma le forze personali inconsce che sono prima della mente. Le sue, per poi arrivare a quelle degli altri. Questo gli ha dato una mente sapiente, vicina a quella della Madonna. Ed è sapiente perché è una proposta basata sullamore agli altri. La mente funziona bene solo nellamore. Allora vede i problemi, propone soluzioni e guarisce. Vede lumanità come vera, e la vede sofferente e trova una strada per guarirla.


Scaricare ppt "La forza della mente Come la scienza vede la mente oggi e la proposta di Italia Solidale."

Presentazioni simili


Annunci Google