La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RX TORACE OMBRA CARDIACA –Dimensioni (rapporto cardio-toracico > 0.5) –Configurazione (ingrandimento archi cardiaci) –Versamento pericardico COMPONENTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RX TORACE OMBRA CARDIACA –Dimensioni (rapporto cardio-toracico > 0.5) –Configurazione (ingrandimento archi cardiaci) –Versamento pericardico COMPONENTE."— Transcript della presentazione:

1 RX TORACE OMBRA CARDIACA –Dimensioni (rapporto cardio-toracico > 0.5) –Configurazione (ingrandimento archi cardiaci) –Versamento pericardico COMPONENTE VASCOLARE –Disegno vascolare DISEGNO POLMONARE –Edema interstiziale / alveolare (cardiogeno o non) –Versamento pleurico VALUTAZIONE QUADRO CARDIO-POLMONARE

2 ORIENTAMENTO DELLASSE MAGGIORE CARDIACO Latero-lateralePostero-anteriore

3 SCHEMA DI ANALISI DEL CUORE E DEI VASI POLMONARI : PA

4 PROFILI MEDIASTINICI arco sup dx: vena cava superiore arco inf dx: atrio dx arco sup sin: arco aortico arco medio sin: arteria polmonare (sin) arco inf sin: ventricolo sinistro

5 CRITERIO PER VALUTARE LA ROTAZIONE DEL PAZIENTE (PA) Proiezione correttaRotazione a sinistra

6 PROFILI MEDIASTINICI

7 Rapporto cardio-toracico > 0.5

8 DILATAZIONE DELLARTERIA POLMONARE

9 SOVRACCARICO DESTRO Sovraccarico di pressione –Stenosi polmonare –Ipertensione arteriosa polmonare (ostacolo pre- capillare) –Ipertensione venosa polmonare (ostacolo post- capillare) Sovraccarico di volume –Difetto del setto interatriale –Trasposizione in atrio dx delle vene polmonari –Insufficienza della tricuspide o della valvola polmonare

10 INGRANDIMENTO ATRIALE DESTRO DIA

11 SOVRACCARICO SINISTRO Sovraccarico di pressione –Stenosi valvolare aortica –Coartazione aortica –Ipertensione sistemica Sovraccarico di volume –Difetto del setto interventricolare –Pervietà del dotto di Botallo –Insufficienza mitralica –Insufficienza aortica

12 DILATAZIONE ATRIALE Atrio destroAtrio sinistro comparsa auricola atriale parte inferiore arco medio sin arco inf destro con doppio contorno

13 INGRANDIMENTO ATRIALE SINISTRO Doppio contorno Terzo arco Dislocazione esofagea

14 IMPRONTA ESOFAGEA Normale Ingrandimento atriale sx Ingrandimento di atrio e ventricolo sx

15 STENOSI MITRALICA

16 VENTRICOLO SINISTRO: ASPETTI

17 VALVULOPATIA AORTICA InsufficienzaStenosi Sovraccarico di pressione sporgenza arco aortico allungamento e ingrandimento VS Sovraccarico di volume allargamento e ingrandimento VS allargamento atrio sinistro

18 ANEURISMA VS CALCIFICO

19 VASCOLARIZZAZIONE POLMONARE Ortostasi Decubito supino

20 VASCOLARIZZAZIONE POLMONARE

21 IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE : ILI AMPUTATI

22 ENFISEMA POLMONARE

23 RX TORACE DISEGNO POLMONARE –Strie Kerley (tipiche in ipertensione venosa) –Edema interstiziale / alveolare –Edema cardiogeno o non –Versamento pleurico VALUTAZIONE QUADRO CARDIO-POLMONARE

24 EDEMA POLMONARE INTERSTIZIALE

25 EDEMA INTERSTIZIALE

26 STRIE DI KERLEY A B

27 EDEMA POLMONARE ALVEOLARE

28 VERSAMENTO PLEURICO INTRASCISSURALE

29 RM CUORE: INDICAZIONI Clinical indications for cardiovascular magnetic resonance (CMR): Consensus Panel report D. J. Pennell, U. P. Sechtem, C.B. Higgins, et al ; Eur Heart J 2004; 25: 1940.

30 Table 4. Indications for CMR in patients with pericardial disease, cardiac tumours, cardiomyopathies, and cardiac transplants Pericardial effusion III Constrictive pericarditis II Detection and characterization of I cardiac and pericardiac tumors Ventricular thrombus II Hypertrophic cardiomyopathy: apical I non-apical II Dilated cardiomyopathy: differentiation from dysfunction related to CAD I Arrhytmogenic RV cardiomyopathy I Restrictive cardiomyopathy II Siderotic cardiomyopathy II Non compaction II Post-cardiac transplantation rejection Inv

31 Table 3. Indications for CMR in coronary artery disease Assessment of global ventricular function and mass I Detection of CAD: regional left ventricular function at rest and during dobutamine stress II Assessment of myocardial perfusion II Coronary MRA (CAD) III Coronary MRA (anomalies) I Coronary MRA bypass graft patency II Acute and chronic myocardial infarction: detection and assessment I Myocardial viability I Ventricular septal defect III Mitral regurgitation (acute MI) III Ventricular thrombus II

32 Table 1mod. Indications for CMR in congenital heart disease Initial evaluation and follow-up of adult congenital heart disease I Situs anomalies with complex congenital heart disease I Anomalous pulmonary or systemic venous return I VSD associated with complex anomalies I Evaluation of right and left ventricular volumes, mass and function I Pulmonary regurgitation I Supravalvular aortic stenosis I Post-operative follow-up of shunts, coartation, rings I Central pulmonary stenosis, atresia I

33 Global systolic function End diastolic volume Myocardial mass Regional function: segmental wall motion and thickening Diastolic functionValvular function MR function

34 CARDIO-RM: TECNICA DI RIFERIMENTO PER ANALISI MORFOLOGIA, VOLUMI, FUNZIONE VENTRICOLARE

35 Tumori cardio-pericardici Incidenza rara: % (casistiche autoptiche) Frequenza tumori secondari o metastatici: 100 volte superiore (1-3%) Diagnosi: ecocardio RM! Limiti eco Dipendenza dalloperatore Finestra acustica Campo di vista ridotto Limitata risoluzione di contrasto ETE: invasività dubbio: artefatto/variante anatomica/lesione conferma sospetto diagnostico estensione locoregionale, infiltrazione caratterizzazione Roberts WC. Am J Cardiol 1997; 80:

36 Mixoma Fibroelastoma papillare Rabdomioma Fibroma Amartoma, lipoma, teratoma, tumore cistico, emangioma Frequenza relativa Benigni (75%) Angiosarcoma Rabdomiosarcoma Mixosarcoma Fibrosarcoma Leiomiosarcoma, liposarcoma, linfoma Maligni (25%) Araoz PA, et al. Radiographics 2000; 20: Tumori cardiaci primitivi

37 Mixoma Origine dalla sup. endocardica Non infiltra i tessuti circostanti Sviluppo endocavitario Sede: - 75% AS (fossa ovale) - 20% AD - 5%:ventricoli Peduncolati; ¼ sessili Generalmente asintomatici Se sintomatici: - embolie periferiche - Impegno nella valvola A-V

38 PSEUDOMASSE CARDIACHE Strutture anatomiche False immagini ecografiche Trombi Ematomi di parete Masse non neoplastiche Strutture lipomatose Pseudoaneurismi Cardiomiopatia ipertrofica focale

39 Trombo in VS con CMD

40 Report of the 1995 World Health Organization/International Society and Federation of Cardiology Task Force on the Definition and Classification of Cardiomyopaties Cardiomiopatia Dilatativa Cardiomiopatia Ipertrofica Cardiomiopatia Ipertrofica Cardiomiopatia Restrittiva Cardiomiopatia Restrittiva Cardiomiopatia Aritmogena del Ventricolo Destro Cardiomiopatia Aritmogena del Ventricolo Destro Cardiomiopatie non classificate Cardiomiopatie non classificate Cardiomiopatie specifiche Ischemica Cardiomiopatie specifiche: Ischemica Valvolare Valvolare Ipertensiva Ipertensiva Infiammatoria Infiammatoria Metabolica Metabolica da patologie sistemiche, neuromuscolari, tossiche, peri-parto da patologie sistemiche, neuromuscolari, tossiche, peri-parto Definizione: Malattie del miocardio associate a disfunzione cardiaca Classificazione: Circulation 1996

41 Ruolo RM Valutazione morfologica e funzionale Finestra acustica: parete anteriore e laterale medioventricolare e apice ECOCARDIOGRAFIA 67% dei segmenti* RM 97%* *Pons-Llado G et al. Comparison of morphologic assesment of HC by MR versus echocardiographic imaging. Am J Cardiol 1997; 79: 1651 Cardiomiopatie

42 Cardiomiopatia dilatativa Cavità VS, VD di volume aumentato rispetto alla massa cardiaca Spessore miocardico normale o assottigliato Ridotta funzione contrattile

43 (EF 29%)

44 Ispess. pareti ventricoli ( spessore diastolico miocardio VS > 1,5 cm) con cavità ridotte (più spesso asimmetrica ed ev ostruttiva) funzione sistolica normale o (in fase di compenso) Cardiomiopatia ipertrofica

45 HCM Diffusa: HCM simmetrica Focale: HCM asimmetrica Cardiomiopatia ipertrofica

46 Istol.: ipertrofia (focale o diffusa) disarray miofibrille aterosclerosi intramiocardica (small vessel CAD) fibrosi interstiziale ischemia miocardica e fibrosi sono presenti con > frequenza nei pz con segni e sintomi clinici di gravità di malattia (disfunzione ventricolare, angina, aritmie ventricolari e morte improvvisa) caratterizzazione tissutale

47 Roberts & Roberts. Progress in Cardiology 1989;2:3-22. PathologyLE-MR histology Cardiomiopatia ipertrofica

48 Ostruzione tratto di efflusso del VS e insufficienza mitralica Space between septum and mitral valve : < 10 mm LV outflow tract obstruction Flow acceleration Septal anterior movement (SAM) of the anterior mitral leaflet Mitral valve regurgitation Cardiomiopatia ipertrofica

49 Cardiomiopatia restrittiva Alterato riempimento ventricolare: dilatazione atriale, stasi venosa Secondaria a: processi infiltrativi e malattie da accumulo (amiloidosi, emocromatosi, glicogenosi,Fabry etc), generalmente con ventricoli ipertrofici. Ispessimento fibrotrombotico dell endocardio ventricolare associato a s. ipereosinofila (cardiomiopatia di Loeffler) Idiopatica: spessore ventricoli normale (fibrosi interstiziale e disarray miofibrille)

50 Accuratezza 93% Sensibilità 88% Specificità 100 % (Masui T., Finck S., Higgins CB. Radiology 1982) Falsi negativi per cut off ispessimento pericardico (>3mm) (Hancock E.W. Heart 2001) Diagnosi differenziale: cardiomiopatia restrittiva e pericardite costrittiva Diagnosi RM di pericardite costrittiva: ispessimento pericardio + ostacolato riempimento diastolico

51 Pericardite Costrittiva ISPESSIMENTO PERICARDIO segnale T1, T2 (fibrosi, calcificazioni) sede: ant. VD (VS, solco AV) OSTACOLO al RIEMPIMENTO DIASTOLICO dilatazione v.cave,AD VD volume, allungato ( VS) alterata morfologia e cinesi setto IV valutazione funzionale e flusso transvalvolare versamento (30%) pericardite effusivo- costrittiva – costrittiva subacuta

52 EF=66,5% SV=40,5 ml CO=3,2 l/min EDV=61 ml ESV=20,5 H rate= 80 bpm Pericardite costrittiva cronica

53 Displasia aritmogena del ventricolo destro ARVD Cardiomiopatia associata a fibrosi, infiltrazione adiposa, dilatazione e disfunzione del VD (triangolo della displasia:regione diaframmatica, infundibolare,apicale) Caratterizzata da aritmie con aumentato rischio di morte improvvisa e scompenso dx Criteri diagnostici:familiarità (ARVD,morte improvvisa) anomalie elettrocardiografiche (BEV con morfologia BBS, TV, T inv in V2 V3, allungamento QRS, onda ε,potenziali tardivi) alterazioni morfologiche:morfostrutturali morfofunzionali

54 Alterazioni morfologiche in ARVD Criteri > Sostituzione fibroadiposa del miocardio Importante dilatazione e riduzione EF di VD Importante dilatazione segmentaria di VD Aneurisma VD (area di acinesia o discinesia con bulging diastolico Criteri < Moderata dilatazione o riduzione di EF di VD Moderata dilatazione segmentaria Ipocinesia segmentaria (bulging sistolico) Diagnosi di ARVD con 2 criteri >, o 1 criterio> e 2 <, o 4 criteri < di categorie diverse

55

56 Cascata di eventi dovuta allipoafflusso di sangue al miocardio (cascata ischemica): ISCHEMIA Deficit di perfusione subendocardco Deficit di perfusione transmurale Alterazione del metabolismo dei fosfati Disfunzione diastolica Disfunzione sistolica Alterazioni ECG Angina Necrosi tempo MR perfusion MR spectroscopy MR late enhancement MR function

57 A riposo: lequilibrio tra funzione e perfusione può essere conservato anche in presenza di stenosi significativa. Lesercizio fisico o lo stress farmacologico (Dipiridamolo, adenosina, dobutamina) aumentano il fabbisigno energetico che è supportato dalla vasodilatazione coronarica. La presenza di stenosi coronariche significative impedisce laumento di flusso formazione di difetti di perfusione subendocardici o transmurali STRESS PERFUSIONE RM

58 DIFETTO DI PERFUSIONE area di miocardio di bassa intensità di segnale in relazione a territorio vascolare di una coronaria Persiste (almeno 6 immagini) Morfologia tipica ApiceMedioBasaleAdenosinaRiposo

59 IMA subacuto

60


Scaricare ppt "RX TORACE OMBRA CARDIACA –Dimensioni (rapporto cardio-toracico > 0.5) –Configurazione (ingrandimento archi cardiaci) –Versamento pericardico COMPONENTE."

Presentazioni simili


Annunci Google