La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EVOLUZIONE, FORME E CRISI DELLO STATO Lezione 5. Crisi dello Stato liberale Teoria delle crisi di sistema Disconnessione tra offerta e domanda Crisi di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EVOLUZIONE, FORME E CRISI DELLO STATO Lezione 5. Crisi dello Stato liberale Teoria delle crisi di sistema Disconnessione tra offerta e domanda Crisi di."— Transcript della presentazione:

1 EVOLUZIONE, FORME E CRISI DELLO STATO Lezione 5

2 Crisi dello Stato liberale Teoria delle crisi di sistema Disconnessione tra offerta e domanda Crisi di sovrapproduzione Insufficienza della domanda globale Eccedenza di capitale / manodopera Arresto del sistema economico

3 Vicolo cieco Fallimento del mercato –crollo della Costituzione economica liberale Il modello liberale è inerme di fronte alla crisi Tentativi di soluzione –Monopolio della forza e repressione interna Inutile: affronta solo gli effetti sociali della crisi –Esportazione della crisi Colonialismi. Guerra mondiale

4 Krisismanagement Occorrono nuovi modelli di potere Se la crisi deriva dalleconomia stessa la cura è il governo delleconomia Assumendo i poteri di krisismanagement lo Stato –Entra dentro la crisi –Riconnette produzione e consumo –Rivoluziona il rapporto tra diritto ed economia

5 Nuovo ruolo per lo Stato Diritto pubblico liberale –Separazione Stato / mercato –controllo borghese sulleconomia Krisismanagement –Integrazione tra economia e Stato –Diritto pubblico delleconomia –Interventi inizialmente sporadici –Spesa pubblica e domanda globale –Generalizzazione: nasce lo Stato interventista

6 Nuova Costituzione economica Direzione politica delleconomia –Allocazione / Stabilizzazione / Redistribuzione Costituzione finanziaria –Dal pareggio al deficit spending –Diritti sociali e Welfare Costituzione monetaria –Dal Gold Standard alla manovra della moneta Costituzione del mercato –Dal laisser faire alla regolazione –Stato imprenditore

7 Grundgesetz di Weimar Prototipo della democrazia sociale –Costituzionalizzazione degli strumenti dellinterventismo pubblico –Direttiva primaria: salvare il capitalismo Il Nazismo ne conservò strumenti e direttiva primaria, bruciando il resto In tutti gli Stati postliberali i meccanismi del krisismanagement saranno variamente praticati e spesso costituzionalizzati

8 Costituzioni politiche postliberali Stato democratico / Stato autoritario Varietà di modelli di interventismo –Neoliberale, sociale, socialista Varie combinazioni dei modelli –democrazie liberali / sociali, –democrazie / dittature socialiste –fascismi sociali Costituzione economica interventista –Strumenti essenziali (moneta, bilancio, mercato, spesa sociale) –Forme: totale, mista, leggera/intermittente

9 Stato democratico Dalla forma monoclasse alla pluriclasse Ai caratteri costituzionali dello Stato di diritto si aggiungono –Suffragio universale, pluralismo (formazioni sociali, partiti, sindacati) Dalla legalità alla costituzionalità –Rigidità della Costituzione –Tutela delle minoranze e alternanza –Decentramento e autonomia locale

10 Stato autoritario Potere nelle mani di élites politiche –Uso della forza, intenso controllo sociale Assenza del principio pluralista –Partiti controllati dalla élite di governo –Totalitarismo Libertà individuali prive di garanzia Economia privata protetta nei fascismi Pubblici poteri controllati dalla élite (compresa la magistratura e l poteri substatali) Mancano Stato di diritto e costituzionalismo

11 Modelli e transizioni Espansione dei modelli Transizioni costituzionali Progressiva prevalenza del modello liberal- democratico, per due ragioni –È imposto dai Poteri economici mondiali legalità e certezza dei rapporti economici –È più adeguato del modello autoritario / statalista ad affrontare la globalizzazione e la rivoluzione della Costituzione economica Declino dello Stato come forma di potere razionale

12 Viale del Tramonto Economia / Dimensione sovranazionale –Liberalizzazioni e apertura dei mercati –Nazione e mercato divengono asimmetrici –Mutuo riconoscimento (Mutual recognition) Stati a bassa regolazione / Stati interventisti Concorrenza degli ordinamenti –Race to the bottom –Deregulation Fine del krisismanagement Crisi della sovranità economica statale

13 Elementi della crisi Crisi fiscale –Lacuna strutturale tra le due parti del bilancio –Stato assistenziale –Debito e disavanzo irreversibili Crisi di razionalità –Incapacità dello Stato di assicurare crescita e stabilità –Da manager della crisi, è divenuto produttore di crisi Crisi di legittimazione –La società interpreta la crisi come responsabilità dello Stato … –… al quale toglie il suo consenso

14 Nuova Costituzione economica Costituzione finanziaria –Equilibrio di bilancio, produttività, crescita Costituzione monetaria –Stabilità della moneta / controllo dellinflazione Costituzione del mercato –Apertura, concorrenza, sovranazionalità della regolazione Multilevel Economic Constitution –UE / WB, WTO.

15 Diritto pubblico globale Declino del diritto pubblico statale Decisioni chiave pubblici poteri sovranazionali –Legittimazione / controllo Regolazioni, interventismo, Welfare –Inibiti ai Governi –Crisi di libertà, democrazia e socialità Nuovo Costituzionalismo –Sovranità globale = responsabilità globale –Costituzione sovranazionale


Scaricare ppt "EVOLUZIONE, FORME E CRISI DELLO STATO Lezione 5. Crisi dello Stato liberale Teoria delle crisi di sistema Disconnessione tra offerta e domanda Crisi di."

Presentazioni simili


Annunci Google