La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Centro Interdipartimentale di Ricerca e Intervento sui Processi Decisionali (IRIDe) Il Processo Decisionale nella ricerca di una copertura assicurativa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Centro Interdipartimentale di Ricerca e Intervento sui Processi Decisionali (IRIDe) Il Processo Decisionale nella ricerca di una copertura assicurativa."— Transcript della presentazione:

1 Centro Interdipartimentale di Ricerca e Intervento sui Processi Decisionali (IRIDe) Il Processo Decisionale nella ricerca di una copertura assicurativa Ketti Mazzocco, Ph.D. Università Bocconi IRIDe - Università di Milano

2 Tra tutte le attività umane, la pratica medica è quella che più richiede decisioni in situazioni di incertezza, sotto pressione temporale, e con le più gravi conseguenze potenziali

3 ? 70% 30% La decisione razionale

4 Approccio NORMATIVO Teoria dellutilità soggettiva attesa Derivata dalla teoria dellazione razionale (Morgenstern e Von neumann, 1944)

5 operare attendere perforazione stabilizzazione sopravvive muore Muore muore Sopr sopr Appdx Dolori addominali aspecifici P=.01 P=.99 P=.5 P=.04 P=.96 P=.002 P=.998 P=.2 P=.8 U=.96 U=.998 U=.979 U=.9958 U=.99

6 Approccio DESCRITTIVO Nel decidere quale corso d'azione intraprendere, oltre a probabilità e valore intervengono: Fattori emotivi (e.g., influenza del rammarico anticipato) Differenze individuali (diversi modi di approcciare la stessa informazione: analitico vs. euristico) Contesto informativo (modalità di presentazione delle informazioni)

7 Effetto del contesto (effetto attrazione, Huber, Payne, Puto 1982) 1. Assicurazione A Copertura: 8 (range: 1-10) Premio: 2, Assicurazione B Copertura: 6 (range: 1-10) Premio: 2,000

8 Effetto del contesto (effetto attrazione, Huber, Payne, Puto 1982) 1. Assicurazione A Copertura: 8 (range: 1-10) Premio: 2, Assicurazione B Copertura: 6 (range: 1-10) Premio: 2, Assicurazione C Copertura: 7 (range: 1-10) Premio: 2,600

9 Effetto del contesto (effetto attrazione, Huber, Payne, Puto 1982) 1. Assicurazione A Copertura: 8 (range: 1-10) Premio: 2, Assicurazione B Copertura: 6 (range: 1-10) Premio: 2, Assicurazione C Copertura: 7 (range: 1-10) Premio: 2,600

10 Teoria del prospetto: una mappa dellattribuzione psicologica di pesi e di valori psicologici (Kahneman & Tversky, 1979) – Sovrastima degli eventi rari Sensibilità alle differenze tra impossibilità (p=0) e vicinato (p=.01) – Insensibilità alle differenze nelle probabilità intermedie – Sottostima degli eventi altamente probabili Effetto certezza

11 Teoria del prospetto: una mappa dellattribuzione psicologica di pesi e di valori psicologici (Kahneman & Tversky, 1979) Valore assoluto Valore soggettivo Quadrante guadagni Quadrante perdite 200 vivi v.s. di 200 vivi v.s. di 200 morti 200 morti – Le perdite vengono considerate maggiori dei guadagni Avversione al rischio quando siamo in un contesto di guadagno Propensione al rischio quando siamo in un contesto di perdita

12 Centro IRIDe Percezione del rischio la percezione di rischio e beneficio è guidata dalle reazioni emotive che la popolazione ha rispetto alle attività considerate (Alhakami e Slovic 1994; Finucane, Alhakami, Slovic e Johnson 2000)

13 Centro IRIDe Percezione del rischio Il rischio effettivo non corrisponde al rischio percepito Limiti cognitivi impedisco unelaborazione accurata delle informazioni su probabilità, incertezza, valenza degli eventi Intervengono quindi fattori non analitici e contestuali che velocizzano il processo di percezione, ma che portano spesso a degli errori

14 Centro IRIDe Percezione del rischio Differenze individuali nella percezione e atteggiamento verso il rischio Decisori avversi al rischio Decisori propensi al rischio

15 Centro IRIDe Teorie della Selezione Assicurativa a confronto Teoria della Selezione Avversa L'assicurazione è volontaria; I rischi sono eterogenei; I rischi eterogenei sono raggruppati insieme e hanno lo stesso premio assicurativo; I potenziali acquirenti conoscono (almeno in parte) i propri rischi

16 Centro IRIDe Teorie della Selezione Assicurativa a confronto Teoria della Selezione Propizia L'assicurazione è volontaria; I rischi sono eterogenei; I rischi eterogenei sono raggruppati insieme e hanno lo stesso premio assicurativo; Gli individui possono intraprendere delle azioni che risaputamente alzano o abbassano i rischi (e per l'ass. obbligatoria?); I potenziali assicurati hanno differenti gusti per il rischio (comportamenti differenziati rispetto al massimale?); Gli individui sono coerenti nel loro atteggiamento verso il rischio nelle nelle dimensioni sia fisica che finanziaria

17 Centro IRIDe Teoria della Selezione Propizia (Hemenway, 1990) Correlazione negativa tra avventatezza e atteggiamento verso il rischio Personalità avverse al rischio: addottano con maggiore probabilità precauzioni comportamentali Tendono a coprirsi contro possibili rischi Personalità propense al rischio: NON addottano precauzioni comportamentali Tendono a NON coprirsi contro possibili rischi

18 Centro IRIDe Teoria della Selezione propizia (Hemenway, 1990) Secondo Fang e collaboratori (2008), oltre ai fattori previsti dalla propitious Selection theory, la probabilità di acquistare un'assicurazione dipende dalle abilità cognitive del decisore Correlazione positiva tra abilità cognitive (e.g. competenze numeriche) e avversione al rischio

19 Centro IRIDe Optimistic bias (illusione di invulnerabilità) Tendenza di un individuo a ritenere che meno soggetto ad eventi avversi rispetto al resto della popolazione (non può succedere a me) – Probabili assicurazioni meno costose e meno attenzione a comportamenti di limitazione del rischio Status quo bias Tendenza di un individuo a mantenere invariata la situazione attuale (difficoltà a stipulare contratti diversi) nonostante il contratto offerto presenti un'utilità maggiore Distorsioni (bias) di giudizio e decisione

20 Centro IRIDe Possibili azioni da parte delle Assicurazioni? Le informazioni sulla persona non sono immediatamente disponibili allassicuratore (assimmetria informazionale) Alcune possibili azioni per stipulare la polizza adeguata al potenziale assicurato: Misurano l'atteggiamento verso il rischio e la tipologia di comportamenti legati al rischio (questionari) Misurare le abilità cognitive (modalità di elaborazione delle informazioni) degli assicurati, in quanto predittive di un atteggiamento di avversione al rischio e di comportamenti atti a limitare il rischio (questionari) Presentazione (o formulazione) dei piani assicurativi in una modalità coerente con il sistema di pensiero del potenziale assicurato

21 Centro Interdipartimentale di Ricerca e Intervento sui Processi Decisionali (IRIDe) Cos'è IRIDe? Centro Interdipartimentale di Ricerca e Intervento sui Processi Decisionali - Università degli Studi di Milano (www.takeadecision.org) Direttore: Gabriella Pravettoni, Prof. Di Scienze Cognitive e Psicologia della Decisione Staff: ricercatore in Psicologia Cognitiva e della Salute e medici Principali interessi: MEDICAL DECISION MAKING

22 Centro Interdipartimentale di Ricerca e Intervento sui Processi Decisionali (IRIDe) Un progetto in fieri: Medicina personalizzata e patient empowerment Abbiamo costruito un questionario che permetta di fornire al medico informazioni su aspetti cognitivi e psicologici, da integrare con i dati biomedici, e a partire dai quali poter modulare le modalità di relazione e comunicazione Link per accedere al questionario:

23 Centro Interdipartimentale di Ricerca e Intervento sui Processi Decisionali (IRIDe) Grazie per l'attenzione e per la collaborazione per una medicina personalizzata


Scaricare ppt "Centro Interdipartimentale di Ricerca e Intervento sui Processi Decisionali (IRIDe) Il Processo Decisionale nella ricerca di una copertura assicurativa."

Presentazioni simili


Annunci Google