La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Integrazione, Inclusione, Partecipazione Riflessioni in prospettiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Integrazione, Inclusione, Partecipazione Riflessioni in prospettiva."— Transcript della presentazione:

1 Integrazione, Inclusione, Partecipazione Riflessioni in prospettiva

2 Gli appunti del passato possono far capire che lintegrazione non ha riguardato unicamente i soggetti speciali. Ha interessato la formazione attiva, le fonti del sapere, le collaborazioni oltre alla scuola.

3 Rappresenta un modello che non è nato come modello. Forse è solo un quadro che è stato composto a partire da unidea (lintegrazione) e ha utilizzato quanto era possibile utilizzare, nella propria e nellaltrui esistenza. (Canevaro, 2007)

4 I primi anni 90 Un punto di arrivo di un lungo movimento, la più grande riforma della scuola italiana a giudizio di molti autori Un punto di arrivo di un lungo movimento, la più grande riforma della scuola italiana a giudizio di molti autori Uno spartiacque sulla scena nazionale e internazionale Uno spartiacque sulla scena nazionale e internazionale

5 Nuove sfide, nuovi strumenti concettuali Le prime ricerche sulla qualità dellintegrazione scolastica, lo sviluppo di indicatori utili a rilevarla Le prime ricerche sulla qualità dellintegrazione scolastica, lo sviluppo di indicatori utili a rilevarla Il concetto di buone prassi si può parlare di buone prassi quando si ha una organizzazione adatta non solo ad accogliere ma anche a far vivere le differenze Il concetto di buone prassi si può parlare di buone prassi quando si ha una organizzazione adatta non solo ad accogliere ma anche a far vivere le differenze

6 Il prevalere della prosa Lo slancio sembra essersi esaurito con il tentativo normativamente riuscito dimettere a sistema lintegrazione. Si affacciano nella scuola altre tematiche specifiche che guadagnano il centro della scena e fanno prevalere una lettura delegata dellintegrazione.

7 Si apre una nuova prospettiva ICF – International Classification of Functioning, Disability and Health (2002, 2007) ICF – International Classification of Functioning, Disability and Health (2002, 2007) Anno Europeo delle Persone con Disabilità 2003 Anno Europeo delle Persone con Disabilità 2003 Convenzione ONU dei Diritti delle Persone con Disabilità 2006 Convenzione ONU dei Diritti delle Persone con Disabilità 2006

8 LICF: Un nuovo paradigma? Fornire una base scientifica per la comprensione e lo studio della salute, delle conseguenze e delle cause correlate Fornire una base scientifica per la comprensione e lo studio della salute, delle conseguenze e delle cause correlate Stabilire un linguaggio comune per migliorare la comunicazione tra i diversi attori Stabilire un linguaggio comune per migliorare la comunicazione tra i diversi attori

9 ICF Strumento statistico Strumento statistico Strumento di ricerca Strumento di ricerca Strumento clinico per lassessment dei bisogni Strumento clinico per lassessment dei bisogni Strumento per la programmazione personalizzata Strumento per la programmazione personalizzata Strumento di politica sociale Strumento di politica sociale

10 ICF Modello bio-psico-sociale Modello bio-psico-sociale Modello dinamico e funzionale Modello dinamico e funzionale Riferito/riferibile a tutti, non destinato a una categoria di soggetti Riferito/riferibile a tutti, non destinato a una categoria di soggetti Fornisce costrutti atti a mostrare il cambiamento – o la possibilità del cambiamento nel tempo. Fornisce costrutti atti a mostrare il cambiamento – o la possibilità del cambiamento nel tempo.

11 ICF Una concezione della salute universale ed egalitaria, individuando la disabilità come una una situazione particolare che ognuno può sperimentare in misura più o meno importante nel corso della vita (Leonardi, 2005) Una concezione della salute universale ed egalitaria, individuando la disabilità come una una situazione particolare che ognuno può sperimentare in misura più o meno importante nel corso della vita (Leonardi, 2005)

12 LIndex for Inclusion (2002) Linclusione vuole essere non un nuovo modo di dire, ma una realtà complessivamente disposta per la vita di tutte e di tutti, senza strutture speciali o progetti straordinari. Linclusione è un diritto fondamentale ed è in relazione con il concetto di appartenenza. Linclusione vuole essere non un nuovo modo di dire, ma una realtà complessivamente disposta per la vita di tutte e di tutti, senza strutture speciali o progetti straordinari. Linclusione è un diritto fondamentale ed è in relazione con il concetto di appartenenza.

13 Creare culture inclusive

14 Produrre politiche inclusive

15 Sviluppare pratiche inclusive

16 Individuare ostacoli e risorse nella scuola Quali sono gli ostacoli all apprendimento e alla partecipazione? Quali sono gli ostacoli all apprendimento e alla partecipazione? Chi incontra ostacoli all apprendimento e alla partecipazione Chi incontra ostacoli all apprendimento e alla partecipazione Come possono essere ridotti al minimo tali ostacoli? Come possono essere ridotti al minimo tali ostacoli? Quali risorse sono disponibili per sostenere l apprendimento e la partecipazione Quali risorse sono disponibili per sostenere l apprendimento e la partecipazione Come mobilitare altre risorse a sostegno di apprendimento e partecipazione? Come mobilitare altre risorse a sostegno di apprendimento e partecipazione?

17 Qualità della scuola e inclusione L inclusione è in relazione a tutti e a tutte L inclusione è in relazione a tutti e a tutte Parla senza reticenze di accesso alla vita normale, di relazione diretta tra istituzioni educative e formative e società nel suo complesso Parla senza reticenze di accesso alla vita normale, di relazione diretta tra istituzioni educative e formative e società nel suo complesso Presuppone sostegno reciproco tra istituzioni e comunità Presuppone sostegno reciproco tra istituzioni e comunità

18 Qualità della scuola e inclusione Interpreta le differenze come risorse e non come problemi da risolvere Interpreta le differenze come risorse e non come problemi da risolvere Sposta il focus dai bisogni educativi speciali alla riduzione delle barriere all apprendimento e alla partecipazione per tutti, disabili inclusi. Sposta il focus dai bisogni educativi speciali alla riduzione delle barriere all apprendimento e alla partecipazione per tutti, disabili inclusi.

19 Transizioni necessarie Dal prodotto al processo Dal prodotto al processo Dall organizzazione alla cultura Dall organizzazione alla cultura Dal curricolo alla pluralità dei percorsi Dal curricolo alla pluralità dei percorsi Dalla normalità alle differenze Dalla normalità alle differenze

20 Alcune cattive prassi da lasciare alle nostre spalle Progettualità poco coerente con gli obiettivi Progettualità poco coerente con gli obiettivi Comode semplificazioni e banalizzazioni Comode semplificazioni e banalizzazioni Risorse materiali non adeguate Risorse materiali non adeguate Competenze professionali e livelli di specializzazione non garantiti Competenze professionali e livelli di specializzazione non garantiti I rischi di una nuova marginalità I rischi di una nuova marginalità

21 Un processo di autoanalisi e di cambiamento Interrogare criticamente la pratica educativa e didattica della propria istituzione Interrogare criticamente la pratica educativa e didattica della propria istituzione Riappropriarsi di un ruolo professionale indebolito, sfibrato dalla progressiva erosione delle risorse Riappropriarsi di un ruolo professionale indebolito, sfibrato dalla progressiva erosione delle risorse Ridefinire lo specifico della scuola nella relazione con le famiglie, i servizi, le altre istituzioni Ridefinire lo specifico della scuola nella relazione con le famiglie, i servizi, le altre istituzioni Sviluppare una domanda competente nei confronti degli altri nodi della rete per rafforzare le collaborazioni esistenti e per costruire la rete territoriale ove necessario Sviluppare una domanda competente nei confronti degli altri nodi della rete per rafforzare le collaborazioni esistenti e per costruire la rete territoriale ove necessario

22 Il processo Analisi della situazione iniziale in relazione alle tre dimensioni (cultura, politiche, pratiche) Analisi della situazione iniziale in relazione alle tre dimensioni (cultura, politiche, pratiche) Impiego degli indicatori come strumenti di rilevazione e come quesiti di ricerca nel processo di trasformazione Impiego degli indicatori come strumenti di rilevazione e come quesiti di ricerca nel processo di trasformazione Documentazione dei processi e dei cambiamenti prodottisi Documentazione dei processi e dei cambiamenti prodottisi

23 Lo scarto tra la cultura dell integrazione e le pratiche di integrazione nel nostro paese è, allo stato attuale, talmente grande da rendere sempre più diffuse le tentazioni di ritorno all educazione speciale

24 a fronte del rischio molto evidente di nuove forme di invisibilità, di disattenzione, di disaffezione sociale e culturale che possono e devono essere contrastate a partire dalla scuola, come regione chiave dell ecosistema educante.

25 Da una ricerca recente, 3 domande per non concludere Le idee di integrazione/inclusione sono ora rintracciabili in traduzioni operative o sono ipotesi di lavoro aperte alla prova dei fatti? Le idee di integrazione/inclusione sono ora rintracciabili in traduzioni operative o sono ipotesi di lavoro aperte alla prova dei fatti?

26 3 domande, per non concludere La nostra idea di intelligenza è propositiva e idonea a capacitare o costituisce una causa per lo sviluppo e la creazione di soggetti incapacitati? Siamo capaci da soli o abbiamo bisogno di diventare capaci grazie ad una organizzazione? La nostra idea di intelligenza è propositiva e idonea a capacitare o costituisce una causa per lo sviluppo e la creazione di soggetti incapacitati? Siamo capaci da soli o abbiamo bisogno di diventare capaci grazie ad una organizzazione?

27 3 domande, per non concludere Riteniamo di avere gli strumenti diagnostici perfezionati al punto da indicare il futuro dei singoli o non rischiamo invece di chiuderci in undestino segnato? Riteniamo di avere gli strumenti diagnostici perfezionati al punto da indicare il futuro dei singoli o non rischiamo invece di chiuderci in undestino segnato?


Scaricare ppt "Integrazione, Inclusione, Partecipazione Riflessioni in prospettiva."

Presentazioni simili


Annunci Google