La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott.ssa Monica Rizzieri Pedagogista Clinico. La prima legge in materia nata dal bisogno di regolamentare un fenomeno sempre più incontenibile, fu la.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott.ssa Monica Rizzieri Pedagogista Clinico. La prima legge in materia nata dal bisogno di regolamentare un fenomeno sempre più incontenibile, fu la."— Transcript della presentazione:

1 Dott.ssa Monica Rizzieri Pedagogista Clinico

2 La prima legge in materia nata dal bisogno di regolamentare un fenomeno sempre più incontenibile, fu la num. 36 del 1904, intitolata Legge sui manicomi e sugli alienati seguita dalla num. 615 del 1909 Regolamento attuativo.

3 Nel 1968 con la legge num. 431 sull'assistenza psichiatrica si arriva ad una prima parziale revisione della legge del 1904: punti salienti di tale intervento legislativo erano l'abolizione dell'obbligo dell'iscrizione del paziente al Casellario Giudiziario, il riconoscimento della possibilità di ricovero volontario e l'istituzione dei centri di igiene mentalE

4 Si giunge quindi alla riforma psichiatrica n. 180 del 1978, intitolata Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori, poi inserita all'interno della legge num. 833/78. Il principio ispiratore diventa il fatto che il malato di mente ha gli stessi diritti degli altri pazienti e quindi non deve più essere curato in base alla pericolosità sociale con la custodia; la cura e il ricovero diventano una libera scelta della persona, solo in casi particolari si può intervenire contro la sua volontà tramite un trattamento sanitario obbligatorio definito un atto sanitario e non di controllo sociale

5 Esistono solo dei PROTOCOLLI che disciplinano l'uso della contenzione nelle case di riposo, nelle R.S.A, nei reparti di geriatria, nei reparti di rianimazione, nei reparti di neurologia

6 La decisione di applicare la misura di contenzione dovrà porsi come l'extrema ratio, assunta al termine di un processo che non potrà prescindere da una valutazione multidimensionale del soggetto, strumento che permetterà di capire a priori chi potrebbe essere a rischio di cadute o di disturbi comportamentali

7 Il punto d'incontro tra le varie professionalità sarà rappresentato dal Piano Assistenziale Individuale, in cui sarà possibile affrontare le varie problematiche e nel quale si cercherà di individuare gli interventi da mettere in atto per prevenire i disturbi del comportamento in quel soggetto ed in quel contesto

8 Più in particolare si tratta di un atto sanitario- assistenziale che utilizza mezzi fisici-chimici- ambientali, applicati direttamente o allo spazio circostante all'individuo per limitarne i movimenti: per quanto possa sembrare superfluo è importante evidenziare che la contenzione, in quanto atto medico, necessita sempre di PRESCRIZIONE MEDICA.

9 E' bene qui ricordare che una prescrizione, per essere valida, dovrà essere preceduta dal consenso informato: CONSENSO DELLA FAMIGLIAprescrizione

10 Per quanto riguarda la responsabilità infermieristica, essendo la contenzione assimilabile a una pratica terapeutica, l'infermiere potrà contenere soltanto se esiste una PRESCRIZIONE MEDICA, rispondente alle seguenti regole : registrazione in cartella clinica con l'indicazione della: motivazione circostanziata; durata del trattamento o della sua rivalutazione previa verifica; tipo di contenzione e modalità da utilizzare (solo polsi, polsi e caviglie, ecc.).

11 Spesso, nelle case protette, nelle residenze sanitarie assistenziali e nei centri diurni sono ospitati soggetti interessati da disturbi psicologici - comportamentali per i quali il trattamento d'urgenza degli stessi disturbi diventa quotidianità. E' evidente come per tali soggetti risulti arduo esprimere un consenso valido in quanto è difficile pensare ad un loro coinvolgimento nell'iter decisionale. È anche vero, però, che la diagnosi di demenza non indica di per sé una perdita della competenza intesa come la capacità di comprendere una situazione e di prendere decisioni al riguardo. Nelle prime fasi della malattia è infatti possibile che il paziente sia ancora in grado di valutare correttamente una situazione e prendere quindi decisioni al riguardo. Questo perché la competenza non è un concetto unitario: esistono molteplici abilità funzionali differenti, per cui il soggetto può non essere più in grado di guidare la macchina ma ancora in grado di esprimere il proprio consenso (ad esempio, per partecipare ad una sperimentazione medica).

12 Si parla quindi di standard soggettivo che corrisponde a ciò che quel determinato paziente può comprendere e in merito al quale decidere. In questo caso, informazione e acquisizione del consenso dovranno confrontarsi con diverse capacità decisionali. Quando però la perdita di competenza è tale da rendere difficoltoso il coinvolgimento dell'anziano nell'iter decisionale sarà il MEDICO a dover decidere assumendosi ogni responsabilità in merito


Scaricare ppt "Dott.ssa Monica Rizzieri Pedagogista Clinico. La prima legge in materia nata dal bisogno di regolamentare un fenomeno sempre più incontenibile, fu la."

Presentazioni simili


Annunci Google