La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ecosì chiamato in quanto fu un susseguirsi di imperatori : GALBA OTONE VITELLIO VESPASIANO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ecosì chiamato in quanto fu un susseguirsi di imperatori : GALBA OTONE VITELLIO VESPASIANO."— Transcript della presentazione:

1 Ecosì chiamato in quanto fu un susseguirsi di imperatori : GALBA OTONE VITELLIO VESPASIANO

2 Galba: governatore della Spagna Terraconense; scoprì che Nerone voleva metterlo a morte, così marcio in armi a Roma. Non aveva il consenso di: Popolo ed esercito a casa dei suoi modi Pretoriani (scorta armata dellimperatore formata dai migliori soldati) perché non aveva dato loro del denaro. A causa della sua età avanzata fu la marionetta dei suoi favoriti. Nominò come suo successore Pisone (per placare una rivolta delle legioni Germaniche desiderose di un nuovo imperatore). Otone, governatore della Lusitania e sostenitore di Galba indispettito per non essere stato scelto come successore si alleò con i pretoriani e Galba fu ucciso.

3 Otone fu eletto imperatore dal Senato per timore dei pretoriani. Accettò di farsi chiamare Nerone per avere il consenso del popolo che lo rimpiangeva. Di nuovo installate le statue di Nerone. Richiamati i liberti. Intenzione di restaurare la Domus Aurea. A Roma arrivò la notizia che Vitellio, divenuto imperatore delle legioni della Germania stava avanzando verso lItalia. Otone partì verso nord per riuscire a bloccare le truppe, ma riuscì a spingerle solo fino a Cremona. La battaglia decisiva fu quella di Bedriaco dove Otone venne sconfitto.

4 Vitellio, uomo autoindulgente, pigro, amante del cibo e del bere. Dovette lascesa al trono a Cecina Alieno e Fabio Valente comandanti di due legioni del Reno che compirono un colpo di stato militare. Durante il suo breve regno fu completamente sotto linfluenza dei due comandanti che lo condussero una politica di eccessi. Roma divenne lo scenario di rivolte e massacri, spettacoli di gladiatori e fasti stravaganti. Appena si sparse la voce che gli eserciti dellEst, Dalmazia e Illiria avevano acclamato Vespasiano, Vitellio, abbandonato da molti dei suoi sostenitori, avrebbe voluto rinunciare al titolo di imperatore. Le truppe di Vespasiano arrivarono a Roma e Vitellio fu gettato nel Tevere tra gli insulti del popolo.

5 Vespasiano ( d.C.) - Restaurò la disciplina nellesercito trascurata da Vitellio. - Rimpolpò finanze dello stato con il recupero di terreni privati e con nuove tasse. - Emanò un provvedimento: Lex de imperio Vespasiani dove si diceva che il principe è svincolato dalle leggi, quanto piace ad esso ha valore di legge. - Grazie a questa legge gli imperatori successivi non si affidarono più al potere divino ma alla legittimazione giuridica. - Riformò Senato e ordine equestre rimuovendo membri inadatti. - Arruolò solo italici nella guardia pretoriana. - Mandò il figlio Tito a placare una rivolta in Palestina e ottene Gerusalemme. - Attraverso lesempio della sua semplice vita ridusse la mania dello sfarzo e dello spreco.

6 - Vespasiano come soldato non fu eccellente, ma dimostrò forza di carattere e abilità. Egli non ebbe le caratteristiche attese in un imperatore, ma questo fu apprezzato da tutti. - Fu il fautore di un ristabilimento economico e sociale in tutto l'Impero che godette di una pax che rimarrà proverbiale. Fu uno degli imperatori più amati della storia romana. A Vespasiano successe il figlio Tito (79-81d.C.) il cui operato non lasciò tracce significative perché morì per cause naturali dopo soli 2 anni di governo. Si guadagnò il soprannome di delizia del genere umano per la generosità dimostrata nellaiutare le popolazioni di Pompei ed Ercolano colpite dalleruzione del Vesuvio nel 79d.C.

7 A Tito successe il fratello Domiziano (81-96d.C.) Intraprese alcune campagne militari con lo scopo di rafforzare i confini. Instaurò MONARCHIA ASSOLUTA. Aveva una tendenza autocratica voleva essere considerato un Dio. Espulse gli elementi dal Senato a lui sfavorevoli ciò determinò una serie di congiure verso di lui che smascherò e punì con la morte. Una congiura pose fine alla sua vita. Gli venne inflitta la damnatio memoriae demolizione di ogni sua rappresentazione. Con la morte di Domiziano si concluse la dinastia flavia.

8 La dinastia flavia detenne il potere del 69d.C. al 96d.C. I Flavi Vespasiani erano una famiglia della classe media, dorigine modesta, giunta allordine equestre grazie alla militanza nellesercito.

9


Scaricare ppt "Ecosì chiamato in quanto fu un susseguirsi di imperatori : GALBA OTONE VITELLIO VESPASIANO."

Presentazioni simili


Annunci Google