La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

…termine che indica lo straniero, il diverso, lestraneo, il nemico, lo strano; tutto ciò che è altro da noi, anche se con noi viene comunque in rapporto…

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "…termine che indica lo straniero, il diverso, lestraneo, il nemico, lo strano; tutto ciò che è altro da noi, anche se con noi viene comunque in rapporto…"— Transcript della presentazione:

1 …termine che indica lo straniero, il diverso, lestraneo, il nemico, lo strano; tutto ciò che è altro da noi, anche se con noi viene comunque in rapporto…

2 Xenos e filosofia Il termine greco xenos indica chi riceve e chi dà ospitalità. In Grecia vi sono delle leggi ben precise che regolano l ospitalità: le Xenia Le Xenia riassumono il concetto dell'ospitalità e dei rapporti tra ospite ed ospitante nel mondo greco antico, della cui civiltà costituiva un aspetto di grande rilievo.

3 I termini delle leggi dellospitalità si chiariscono nellepisodio dellapprodo di Ulisse nellisola dei Feaci nellOdissea. Lospite viene innanzitutto accolto, sfamato e ristorato, senza indagare in alcun modo sulla sua identità Lospitalità, dunque, nella sua prima fase, è accordata senza nessuna condizione. Qualora fosse necessario ci si difenderà dallo straniero solo dopo averlo accolto. Lorigine di questo uso può risalire alla convinzione, che gli Dei, sotto mentite spoglie, visitassero gli uomini per testare la loro bontà ed ospitalità.

4 Anche il filosofo Platone si interrogava sul ruolo dello Xenos nel Simposio. Tra i simposiasti rappresentanti della migliore cultura attica nessuno riuscì a definire il concetto di amore. Per pronunciare un logos su amore sarà necessario lentrata in scena di una Xene: Diotima, lincarnazione dello straniero nella sua accezione più ampia e comprensiva.

5 Diotima è straniera in quanto: È di Mantinea e non ateniese Non partecipa al Simposio È una donna È una sacerdotessa Diotima, proprio in quanto straniera, è fondamentale per la risoluzione del discorso. Infatti non è possibile raggiungere la verità, se non attraverso il confronto con un discorso di chi sia estraneo alla comunità, e con essa entri in comunicazione.

6 Platone, inoltre, sostiene che il nostro essere attuale coincide con un frammento (Symbolon) il quale esige di essere completato. Il Symbolon, antichissima tradizione greca è la parte di una tavoletta spezzata in due da conservare come segno di un diritto di ospitalità concluso. Rifacendoci al mito tramandatoci da Aristofane (in cui si parla dellantica unità delluomo oggi perduta), gli uomini sono Symbolon, sempre alla ricerca del proprio Symbolon.

7 Lo straniero in Freud Il padre della psicoanalisi Sigmund Freud analizza il tema del diverso nel saggio Das Unheimliche letteralmente il non domestico.

8 Freud esamina varie figure della letteratura. Nei racconti di Hoffman Der Sandmann è la storia di un bambino che ha paura delluomo della sabbia. Una volta adulto la psicosi si sviluppa nel protagonista nel momento in cui scopre che il Sandmann altri non era che un avvocato che frequentava stabilmente la sua casa. Massimamente perturbante è la scoperta che ciò che sembrava non domestico proviene proprio dalla casa stessa.

9 Il termine Unheimliche Freud denuncia la difficoltà della traduzione di questo termine, che trova un corrispondente solo nel termine greco Xenos e nella sua ambivalenza.

10 Italia tra emigrazione ed immigrazione

11 Litaliano come straniero Dal Medioevo fino alle soglie dellOttocento gli spostamenti in e dallItalia erano molto rari. Soltanto a partire dagli anni 40 e 50 dellOttocento nacque in mito dellAmerica che spinse una categoria di girovaghi che approdarono nelle Americhe generando i primi stereotipi anti-italiani.

12 Le cause Crisi del settore agricolo meridionale dovuto alla concorrenza Americana Perdita dei diritti comuni dovuta alla confisca dei beni ecclesiastici Diffusione del socialismo, quindi voglia di riscatto Abolizione del maggiorascato e suddivisione delle terre in poderi insufficienti alle singole famiglie

13 Le fasi

14 La politica italiana del primo 900 sullimmigrazione Per Saverio Nitti lemigrazione avrebbe favorito il progresso del Mezzogiorno grazie alle rimesse degli immigrati. I socialisti vedevano nellimmigrazione una possibilità di riscatto. Tali aspettative vennero deluse. In seguito al provvedimento statunitense sullintroduzione di un esame letterario per coloro che volevano entrare nel Paese, il governo italiano si impegnò per aumentare lalfabetizzazione nei centro con maggior flusso emigratorio.

15 Letà giolittiana Durante letà giolittiana lemigrazione viene vista come una perdita di forza lavoro; lItalia allevava forza lavoro destinata allestero. Ciò andava soprattutto a svantaggio del meridione. Infatti nel nord si registrava un positivo sviluppo dellindustrializzazione.

16 Il mito della Nazione proletaria Affinché lemigrazione avesse un risvolto positivo, secondo i nazionalisti bisognava intraprendere una politica imperialista che contenesse lemigrazione allinterno del fenomeno coloniale. Da qui nacque il fascismo.

17 Lemigrazione cilentana Il primo flusso emigratorio si verificò tra il 1867 ed il 1900 ed interessò circa il 60% della popolazione cilentana. Ma lunico vantaggio furono le rimesse provenienti dallestero. Le esperienze maturate dai cilentani allestero, non vennero mai valorizzate nella madre patria.

18 Realizzato dalla classe IV A del Liceo Scientifico A. Gatto al termine del progetto distituto Xenos A.S. 2009/2010 Coordinatrice del progetto: prof.ssa Celeste Annunziata


Scaricare ppt "…termine che indica lo straniero, il diverso, lestraneo, il nemico, lo strano; tutto ciò che è altro da noi, anche se con noi viene comunque in rapporto…"

Presentazioni simili


Annunci Google