La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il Codice della privacy rappresenta il primo tentativo al mondo di sistematizzazione delle norme in materia Introduzione di nuove garanzie per i cittadini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il Codice della privacy rappresenta il primo tentativo al mondo di sistematizzazione delle norme in materia Introduzione di nuove garanzie per i cittadini."— Transcript della presentazione:

1 1 Il Codice della privacy rappresenta il primo tentativo al mondo di sistematizzazione delle norme in materia Introduzione di nuove garanzie per i cittadini Razionalizzazione delle norme esistenti Semplificazione degli adempimenti Sostituzione della legge madre 675/96

2 2 Il codice è diviso in tre parti La prima parte è dedicata alle disposizioni generali, ordinate in modo da trattare tutti gli adempimenti e le regole del trattamento con riferimento ai settori pubblico e privato La seconda parte è dedicata a settori specifici. Essa, oltre a disciplinare aspetti specifici, introduce la disciplina per il settore sanitario e quella dei controlli sui lavoratori La terza parte affronta la materia della tutela amministrativa e giurisdizionale con il consolidamento delle sanzioni amministrative e penali e con le disposizioni sullufficio del garante

3 3 Protezione dei dati personali non consiste nella copertura ma nella loro difesa

4 4 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice

5 5 trattamento è qualunque operazione o insieme di operazioni, compiute anche senza il supporto di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, lorganizzazione, la conservazione, la consultazione, lelaborazione, la modificazione, la selezione, lestrazione, il raffronto, lutilizzo, linterconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non sono registrati in una banca dati

6 6 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice dato personale è qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificato o identificabili, anche in modo indiretto, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, compreso il numero di identificazione personale (Art. 2 Direttiva 95/46/CE qualsiasi informazione concernente una persona fisica identificata o identificabile; si considera identificabile la persona che può essere identificata, direttamente o indirettamente, in particolare mediante riferimento ad un numero di identificazione o ad uno o più elementi specifici caratteristici della sua identità fisica, fisiologica, psichica, economica, culturale o sociale)

7 7 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice dati sensibili sono i dati personali che permettono la rivelazione dellorigine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, ladesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale

8 8 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice titolare è la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni relative alle finalità, alle modalità del trattamento dei dati personali e agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza

9 9 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice responsabile è la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal titolare al trattamento di dati personali

10 10 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice incaricati sono le persone fisiche autorizzate ad effettuare operazioni di trattamento dal titolare dei dati o dal responsabile

11 11 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice interessato è la persona fisica, la persona giuridica, lente o lassociazione cui si riferiscono i dati personali

12 12 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice comunicazione consiste nel portare a conoscenza dei dati personali a uno o più soggetti determinati diversi dallinteressato, dal rappresentante del titolare nel territorio dello Stato, dal responsabile e dagli incaricati, in qualsiasi forma, anche attraverso la loro messa a disposizione o consultazione

13 13 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice diffusione consiste nel portare a conoscenza dei dati personali soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche attraverso la loro messa a disposizione o consultazione

14 14 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice blocco consiste nella conservazione di dati personali con sospensione temporanea di ogni altra operazione del trattamento

15 15 Il significato delle espressioni letterali ricorrenti nel Codice dati sensibili sono i dati personali che permettono la rivelazione dellorigine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, ladesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale

16 16 Titolo II I diritti dellinteressato Art.7 Art. 8 Esercizio dei diritti Art. 9 Modalità di esercizio Diritto di accesso ai dati personali e altri diritti Art. 10 Riscontro dellinteressato

17 17 Art. 11 Regole generali per il trattamento dei dati Le modalità di trattamento Liceità e correttezza Raccolta e registrazione per scopi determinati, espliciti e legittimi Esattezza Pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità di utilizzo Conservazione finalizzata allidentificazione dellinteressato per il periodo necessario al raggiungimento dello scopo di raccolta e trattamento

18 18 Art. 12 Regole generali per il trattamento dei dati Sono previsti codici deontologici e di buona condotta come fonti di norme flessibili e agevolmente modificabili. Il rispetto delle disposizioni dei codici costituisce condizione essenziale per la liceità e correttezza del trattamento dei dati personali

19 19 Regole generali per il trattamento dei dati Informativa Lart. 13 prevede i contenuti e i termini dellinformativa allinteressato o alla persona presso la quale sono raccolti i dati personali.

20 20 Art. 15 (Danni cagionati per effetto del trattamento) 1. Chiunque cagiona danno ad altri per effetto del trattamento di dati personali è tenuto al risarcimento ai sensi dell'articolo 2050 del codice civile. 2. Il danno non patrimoniale è risarcibile anche in caso di violazione dell'articolo 11. Il richiamo allart del c.c. comporta linversione dellonere della prova a carico di chi svolge attività pericolosa. Pertanto chiunque provochi un danno ha lobbligo di dimostrare di aver posto in essere ogni misura idonea ad evitarlo Regole generali per il trattamento dei dati

21 21 Regole generali per il trattamento dei dati In caso di cessazione del trattamento i dati sono: distrutti; ceduti ad altro titolare per un ulteriore trattamento compatibile con gli scopi originari della raccolta; conservati per fini personali e sottratti a comunicazione o diffusione; conservati o ceduti ad altro titolare a fini storici statistici o scientifici secondo le disposizioni normative

22 22 Criteri applicabili al trattamento dei dati sensibili e giudiziari (art. 22) prevenzione di danni per linteressato, conformando il trattamento in modo da prevenire Violazione della dignità dellinteressato Violazione dei diritti Violazione delle libertà fondamentali

23 23 Criteri applicabili al trattamento dei dati sensibili e giudiziari (art. 22) Principio di indispensabilità sono trattati i dati sensibili e giudiziari indispensabili allo svolgimento di funzioni istituzionali

24 24 Tra le attività svolte dalla PA il codice, per diversi comparti, precisa con molto dettaglio, le attività che investono finalità di rilevante interesse pubblico

25 25 Criteri applicabili al trattamento dei dati sensibili e giudiziari (art. 22) DIVIETO di diffondere i dati idonei a rivelare lo stato di salute

26 26 La privacy nellordinamento scolastico

27 27 La privacy nella scuola I richiami normativi nella scuola Oltre alle fonti normative generali, troviamo i seguenti richiami specifici Art. 330 bis TU 297/94 Art. 2, c. 2 d.p.r. 249/98 (regolamento sullo statuto delle studentesse e degli studenti)

28 28 La privacy nella scuola I dati utilizzati e trattati dalla scuola concernono: gli alunni e le rispettive famiglie il personale scolastico altri soggetti relativamente ad attività svolte nella scuola o nellesercizio dellazione amministrativa

29 29 La privacy nella scuola La scuola svolge la sua attività nei seguenti ambiti Attività istituzionali Attività svolte nel ruolo di datore di lavoro

30 30 La privacy nella scuola Attività istituzionali Il codice consente il trattamento di dati personali solo per lo svolgimento delle funzioni istituzionali(2 comma art. 18) e la comunicazione e diffusione …unicamente quando sono previste da una norma di legge o regolamento (u.c. art. 19) I soggetti pubblici non devono richiedere il consenso dellinteressato

31 31 Trattamento dati personali Comunicazione dati personali da soggetti pubblici a soggetti pubblici Comunicazione dati personali da soggetti pubblici a privati e diffusione La privacy nella scuola Art. 19 Possibile per lo svolgimento delle funzioni istituzionali Possibile se prevista da norme di legge o Regolamenti o sono necessarie per lo svolgimento di funzioni istituzionali nel rispetto dellart. 39 Possibile solo se previste da norme di Legge o regolamenti

32 32 La privacy nella scuola Al momento della raccolta dei dati personali da parte dellistituzione scolastica, linteressato, ai sensi dellart. 13 deve essere informato: Sulle finalità e modalità di trattamento dei dati; Sulla natura obbligatoria o facoltativa del conferimento; Sulle conseguenze di un eventuale rifiuto a rispondere; Sui soggetti ai quali i dati possono essere comunicati; Sui diritti ex art. 7; Sul titolare ed il responsabile del trattamento. E esclusa linformativa quando i dati sono trattati in base ad un obbligo di legge o regolamento o normativa comunitaria

33 33 Attività istituzionali La privacy nella scuola Se i dati sono sensibili vanno applicati gli artt. 20 e 22, 95 e 96 Art. 20, c. 1 Il trattamento dei dati sensibili da parte di soggetti pubblici è consentito solo se autorizzato da espressa disposizione di legge nella quale sono specificati i tipi di dati che possono essere trattati e di operazioni eseguibili e le finalità di rilevante interesse pubblico perseguite

34 34 La privacy nella scuola Lart. 22 dedica una particolare attenzione ai dati sensibili idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, prevedendo ulteriori cautele rispetto a quelle generali. Il comma 7 prevede che essi devono essere conservati separatamente da altri dati personali; non possono essere diffusi

35 35 La privacy nella scuola Art. 20 Prevede il trattamento dati sensibili solo se riconosciute le finalità di interesse pubblico Art. 95 qualifica di interesse pubblico le finalità di istruzione e di formazione Art. 96 regolamenta il trattamento dei dati relativi agli studenti

36 36 La privacy nella scuola Lart. 95 (Dati sensibili e giudiziari) considera di rilevante interesse pubblico, ai sensi degli artt. 20 e 21, le finalità di Istruzione e formazione in ambito scolastico,professionale o universitario, con particolare riferimento a quelle svolte anche in forma integrata

37 37 Attività svolte nel ruolo di datore di lavoro La privacy nella scuola Lart. 112 insiste sulla nozione delle finalità di rilevante interesse pubblico e consente di rilevare analiticamente le varie attività nelle quali è ammesso il trattamento dei dati personali per linstaurazione e la gestione dei rapporti di lavoro, e inoltre i limiti posti alla diffusione e comunicazione dei dati stessi


Scaricare ppt "1 Il Codice della privacy rappresenta il primo tentativo al mondo di sistematizzazione delle norme in materia Introduzione di nuove garanzie per i cittadini."

Presentazioni simili


Annunci Google