La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PISA 2006 Corso Pon Insegnare con metodo Prof. Calogero Gugliotta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PISA 2006 Corso Pon Insegnare con metodo Prof. Calogero Gugliotta."— Transcript della presentazione:

1 PISA 2006 Corso Pon Insegnare con metodo Prof. Calogero Gugliotta

2 Le indagini OCSE-PISA PISA, acronimo di Programme for International Student Assessment, è un grande progetto internazionale promosso e coordinato dallOCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico). Lo scopo delliniziativa è quello di accertare e confrontare tra loro competenze e capacità dei ragazzi di 15 anni che frequentano la scuola dellobbligo nei paesi membri.

3 Finalità dellindagine conoscere in che misura i 15enni posseggono le competenze ritenute indispensabili per risolvere i problemi della vita quotidiana Le indagini OCSE-PISA

4 Obiettivi specifici: mettere a punto indicatori delle prestazioni degli studenti quindicenni comparabili a livello internazionale individuare le caratteristiche dei sistemi scolastici dei paesi che hanno ottenuto i risultati migliori, in modo da trarre indicazioni sull'efficacia delle politiche scolastiche fornire dati sui risultati dei sistemi di istruzione in modo da orientare eventuali provvedimenti innovativi e di riforma Le indagini OCSE-PISA

5 La rilevazione dei dati per PISA 2006 è avvenuta sottoponendo un campione di circa ragazzi provenienti da 57 paesi ad una prova scritta, comprensiva di quesiti a risposta aperta e a risposta chiusa. Per il nostro paese, hanno partecipato studenti in 806 scuole. Il campione italiano è rappresentativo di 11 regioni: Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Veneto) e delle due province autonome di Bolzano e di Trento.

6 Le competenze secondo OCSE- PISA La competenza matematica è descritta come "la capacità di una persona di individuare e comprendere il ruolo che la matematica gioca nel mondo reale, di operare valutazioni fondate e di utilizzare la matematica e confrontarsi con essa in modi che rispondono alle esigenze della vita di quella persona in quanto cittadino impegnato, che riflette e che esercita un ruolo costruttivo".

7 Livello 1. Risposte a domande formulate in un contesto familiare, contenenti tutte le informazioni pertinenti e definite chiaramente. Svolgimento di procedimenti di routine secondo istruzioni dirette. Livello 2. Estrazione di informazioni pertinenti da un'unica fonte e comprensione di un'unica forma di rappresentazione. Applicazione di algoritmi, formule, procedure o convenzioni fondamentali. Livello 3. Svolgimento di procedure descritte chiaramente. Utilizzazione e interpretazione di rappresentazioni basate su varie fonti di informazioni e capacità di trarne delle conclusioni dirette. Livello 4. Uso corretto di modelli espliciti per situazioni complesse. Scelta e integrazione di varie fonti, di rappresentazione e loro collegamento con aspetti di situazioni reali, argomentazione flessibile. Livello 5. Sviluppo e utilizzazione di modelli per situazioni complesse. Scelta, confronto e valutazione di strategie opportune per affrontare problemi complessi. Utilizzazione strategica di forme di rappresentazione adatte e applicazione di conoscenze riferite alle situazioni. Livello 6. Concettualizzazione, generalizzazione e uso di informazioni basate su situazione e problemi complessi. Collegamento fra diverse fonti di informazione e forme di rappresentazioni differenti, in seguito a combinazione di diversi elementi. Sviluppo di nuove soluzioni e strategie di gestione di situazioni non familiari. I LIVELLI

8

9

10

11

12

13

14 Esempi di prove PISA Chiacchierata su Internet Mark (da Sydney, Australia) e Hans (da Berlino, Germania) comunicano spesso tra loro usando le chat su Internet. Per poter chattare devono collegarsi ad Internet nello stesso momento. Per trovare un orario adeguato per chattare Mark ha dato uno sguardo a un grafico dei fusi orari e ha trovato quanto segue:

15 Domanda 1: Quando sono le a Sydney, che ora è a Berlino? Livello di competenze testato: livello 3 Punteggio pieno: Se la risposta è 10 o Punteggio nullo: altre risposte o risposta mancante. Domanda 2: Mark e Hans non possono chattare nelle ore comprese tra le 9:00 e le 16:30 della loro rispettiva ora locale, perché devono andare a scuola. Inoltre, dalle 23:00 alle 7:00 ora locale non possono chattare perché stanno dormendo. Qual è un'ora giusta per Mark e Hans per chattare? Scrivi le rispettive ore nella tabella. Livello di competenze testato: livello 5 Punteggio pieno: per ogni orario o intervallo di tempo che soddisfa la differenza di 9 ore e preso da uno dei seguenti intervalli: Sydney ; Berlino o Sydney ; Berlino Sydney 17.00; Berlino 8.00 Punteggio nullo: tutte le altre risposte, anche quelle che contengono un orario corretto ma l'orario corrispondente errato. Sydney 8.00, Berlino 20.00

16 La mamma permette a Roberto di prendere una caramella da un sacchetto. Roberto non può vedere le caramelle. Il seguente grafico mostra il numero di caramelle di ciascun colore che ci sono nel sacchetto. Domanda 1: Qual è la probabilità che Roberto prenda una caramella di colore rosso? A 10% B 20% C 25% D 50% Livello di competenze testato: livello 4 Punteggio pieno: se la risposta è 20% Punteggio nullo: altre risposte o risposta mancante CARAMELLE COLORATE

17 Un carpentiere ha 32 metri di tavole di legno e vorrebbe realizzare un bordino attorno ad unaiuola. Per il bordino prende in considerazione i seguenti progetti. CARPENTIERE Indica per ciascun progetto se è possibile realizzarlo con 32 metri di tavole La prova CARPENTIERE rappresenta un esempio di livello 6 di difficoltà. È un problema di geometria piana in cui si richiede agli studenti di stabilire quale/i dei quattro progetti presentati sono adatti come recinto di unaiuola, avendo a disposizione una data lunghezza massima di tavole di legno per il perimetro.

18

19 Meli Un agricoltore pianta dei meli in modo da formare un quadrato. Per proteggere questi alberi dal vento, pianta delle conifere intorno al frutteto. Qui sotto si può vedere uno schema che rappresenta la disposizione dei meli e delle conifere per un numero qualsiasi (n) di filari di meli:

20

21

22

23 Meli Osservazioni sulle difficoltà Non confondere il numero di filari con il numero di meli Nello schema che rappresenta la disposizione dei meli, stai attento alla distanza tra i meli (le conifere sono più fitte)

24 Qual è la distanza approssimativa tra la linea di partenza e l'inizio del tratto rettilineo più lungo del circuito? Dove è stata registrata la velocità minima durante il secondo giro?

25 PISA valuta le competenze, ma la scuola italiana è programmata per conoscenze. Limpianto disciplinare si basa sullidea che la Scuola debba trasmettere conoscenze utili per acquisire le competenze. Ma quando gli apprendimenti sono distaccati dallesperienza rimangono a livello intellettuale INDAGINE PISA 2006

26 Le nuove generazioni di studenti (New Millennium Learners), per essere competenti secondo le aspettative dell Europa e i suggerimenti dellOCSE, devono saper usare nuovi linguaggi e nuove strategie di pensiero che rimandano ad una realtà multimediale. Lutilizzo delle ICT nella didattica diviene elemento determinante nella formazione: - ambiente di esplorazione diretta (Personalized learning) - laboratorio virtuale di apprendimento INDAGINE PISA 2006

27 Nella didattica italiana: Bisogna cercare di superare il modello cognitivo e suscitare negli studenti la ricerca del significato degli apprendimenti INDAGINE PISA 2006 Proposte

28 Le priorità: la diversificazione dei piani di studio – la flessibilizzazione (distinzione tra apprendimenti fondamentali, opzionali e facoltativi - Caso Finlandia) la pluralità di attori e la personalizzazione dei percorsi (liceali, professionali, alternanza scuola lavoro, apprendistato) la costruzione di un portfolio personale delle competenze certificate (Europass) per accrescere lungo larco della vita le competenze possedute (educazione permanente) INDAGINE PISA 2006

29 Il modello organizzativo Proposte Rilanciare la decentralizzazione: Rendere le scuole più autonome sul piano economico e sulla gestione del personale (fino alla scelta degli insegnanti da Albi professionali regionali) ma anche più responsabili attraverso processi esterni di valutazione della qualità complessiva delle scuole e dei singoli attori dellistruzione (dirigenti e docenti) INDAGINE PISA 2006

30 Il modello organizzativo Proposte Prevedere una qualche forma di carriera per gli insegnanti in base al merito Organizzare allinterno delle scuole i dipartimenti come luoghi di ricerca delle metodologie didattiche

31 SPUNTI DI RIFLESSIONE Che ne pensiamo della definizione di competenza matematica (literacy) secondo OCSE-PISA?competenza matematica (literacy) La definizione dei livelli di OCSE-PISA è adeguato ad individuare le capacità matematiche degli alunni?livelli di OCSE-PISA Lindagine PISA è in grado di misurare la quantità di conoscenze matematiche di ciascun alunno? Quali sono i motivi per cui le regioni del Nord sono nella media europea ed anche sopra mentre quelle del Sud sono ampiamente sotto? (Insegnanti? Contesto sociale?.....)le regioni del Nord Le competenze matematiche fissate dallUMI (http://umi.dm.unibo.it/italiano/Didattica/didattica.html vedi in particolare il Syllabus ) sono in grado in qualche modo di migliorare i futuri risultati in PISA?http://umi.dm.unibo.it/italiano/Didattica/didattica.htmlSyllabus

32 SPUNTI DI RIFLESSIONE La formazione degli insegnanti La formazione degli insegnanti La qualità della scuola è fondata sulla qualità della preparazione e della condizione dei docenti La qualità della scuola è fondata sulla qualità della preparazione e della condizione dei docenti NEWS Alle elementari e alle medie studiamo di più Gli studenti italiani studiano, nella scuola dell'obbligo (7-14 anni), più ore rispetto ai loro colleghi dell'Ocse: si parla di oltre contro una media di Solo in Cile si studia di più, quasi ore. Quanto al numero di studenti per classe, nel nostro paese, secondo l'Ocse non si registrano sovraffollamenti, con meno di venti alunni per aula nella scuola primaria e poco di più in quella secondaria, a fronte degli oltre 30 di Corea, Cile e giappone. Dal rapporto emerge che le classi più numerose da noi, seppur di poco, sono quelle delle scuole private.

33 Ocse: scuola e università, l'Italia spende male. E alla laurea arrivano in pochi Cifre alla mano in Italia solo il 17% della popolazione tra i 24 e i 34 anni ha conseguito una laurea, percentuale che scende al 9% se si prende in considerazione la fascia di età tra i 55 e i 64 anni. Nell'Ocse invece l'educazione terziaria riguarda il 33% dei giovani tra i 25 e i 34 anni e il 19% dei più anziani. Maglia nera Complessivamente l'Italia risulta fra i paesi che spendono meno in istruzione: la quota di spesa pubblica in educazione è salita al 9,3% nel 2005 (contro il 9% del 2000) ma resta sempre al di sotto della spesa media degli altri paesi Ocse pari all'13,2%. In fatto di laureati e specializzati il Belpaese si colloca al di sotto della media di Cile e Messico, in una classifica impietosa che lo vede fanalino di coda assieme a Brasile, Turchia, Repubblica Ceca e Slovacchia.


Scaricare ppt "PISA 2006 Corso Pon Insegnare con metodo Prof. Calogero Gugliotta."

Presentazioni simili


Annunci Google