La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trattamento dei traumi epatici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA CATTEDRA DI CHIRURGIA DURGENZA E P.S. Prof. Giuseppe Vadalà

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trattamento dei traumi epatici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA CATTEDRA DI CHIRURGIA DURGENZA E P.S. Prof. Giuseppe Vadalà"— Transcript della presentazione:

1 Trattamento dei traumi epatici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA CATTEDRA DI CHIRURGIA DURGENZA E P.S. Prof. Giuseppe Vadalà

2 2000 a. C. I sacerdoti babilonesi studiavano negli animali le scissure e le lobazioni per trarne vaticinio 1654 Glisson studiò la distribuzione della vena porta a livello epatico XVIII sec. Iniziarono le prime dissezioni sui cadaveri 1927 McIndoe e Counseller dimostrarono lautonomia dei sistemi portali e biliari destro e sinistro 1928 Tung studiò in laboratorio 300 fegati per comprenderne lanatomia STORIA DELLA RESEZIONE EPATICA

3 1939 Tung rese nota la sua tecnica chirurgica per demolire il lobo sinistro con legatura intraparenchimale dei peduncoli 1951 Lortat-Jacob in Francia e Pettinari in Italia sperimentarono la resezione regolata del fegato 1961 Tung eseguì ad Hanoi il primo intervento di resezione epatica destra con accesso intraparenchimale ai vasi, per frattura digitale 1962 Tung assieme al suo aiuto Quang eseguì 82 resezioni epatiche con una mortalità operatoria del 19% 1983 Quang e collaboratori pubblicarono una statistica assai significativa con più di 1000 casi di resezioni epatiche, caratterizzata da una mortalità complessiva dell11,7% nel decennio

4 CLASSIFICAZIONE EPATICA IN SEGMENTI E SOTTOSEGMENTI SECONDO TON THAT TUNG

5 Segmentazione del fegato secondo Ton That Tung

6 CLASSIFICAZIONE DELLE LESIONI TRAUMATICHE SECONDO LA.A.S.T. I -Ematoma sottocapsulare, non espansivo, <10% superficie -Lacerazione della capsula, sanguinante, interessamento parenchimale <1 cm. II -Ematoma sottocapsulare non espansivo, 10-50% superficie; intraparenchimale non espansivo con diametro <2 cm -Lacerazione capsulare, sanguinamento in corso, interessamento parenchimale 1-3 cm, lunghezza <10 cm. III -Ematoma sottocapsulare, >50% superficie; sottocapsulare con sanguinamento attivo; intraparenchimale con diametro > 2 cm o in espansione. -Lacerazione con interessamento parenchimale > 3 cm

7 IV -Ematoma intraparenchimale rotto con sanguinamento attivo -Lacerazione con distruzione parenchimale che interessa il 25-50% del lobo epatico V -Ematoma con distruzione parenchimale interessante > 50% lobo epatico -Lacerazione con lesioni venose periepatiche VI -Avulsione epatica

8 TERAPIA CHIRURGICA Epatorraffia Legatura selettiva dellarteria epatica Tamponamento con garze (packing) Uso di reti compressive a maglie assorbibili Resezioni tipiche Resezioni atipiche Trapianto epatico Trattamento conservativo: Trattamento demolitivo:

9 Effettuata mediante il riconoscimento dei peduncoli vascolari Eseguita senza il riconoscimento e la preparazione dei peduncoli, che vengono clampati e legati sotto il controllo digitale RESEZIONE EPATICA TIPICA: RESEZIONE EPATICA ATIPICA:

10 RESEZIONE EPATICA TIPICA EPATECTOMIA DESTRA EPATECTOMIA SINISTRA EPATECTOMIA DESTRA ALLARGATA Asportazione del parenchima epatico situato a destra della scissura portale principale (segmenti V-VI-VII-VIII) Resezione del parenchima epatico situato a sinistra della scissura portale principale (segmenti II-III-IV) Resezione del parenchima epatico situato a destra del legamento falciforme (segmenti IV-V-VI-VII-VIII)

11 RESEZIONE EPATICA ATIPICA DIGITOCLASIA FRANTUMAZIONE DEL PARENCHIMA EPATICO CON I POLPASTRELLI DELLE DITA SENZA LEDERE LE STRUTTURE VASCOLARI E BILIARI, CHE AVENDO UNA MAGGIORE CONSISTENZA, VENGONO APPREZZATE AL TATTO E SUCCESIVAMENTE LEGATE E SEZIONATE

12 Faccia superiore: distribuzione portale intraepatica

13 Faccia inferiore: distribuzione portale intraepatica

14 Epatectomia destra: clampaggio del peduncolo portale destra

15 Resezione epatica: frantumazione del parenchima per digitoclasia

16 CASISTICA Sesso Sesso Lesione patologica Lesione patologica Trattamento chirurgico Trattamento chirurgico M Trauma addominale da incidente stradale Lobectomia destra Lobectomia destra M Trauma addominale da incidente stradale Lobectomia destra Lobectomia destra M Trauma addominale da incidente stradale Lobectomia destra Lobectomia destra M Ferite darma da fuoco (pistola) Lobectomia destra Lobectomia destra M Ferite darma da fuoco (fucile) Lobectomia destra Lobectomia destra M Lesioni darma bianca Lobectomia destra Lobectomia destra M Trauma addominale da incidente stradale Lobectomia sinistra Lobectomia sinistra M Trauma addominale da incidente stradale Lobectomia sinistra Lobectomia sinistra M Ferite darma da fuoco Ferite darma da fuoco Lobectomia sinistra Lobectomia sinistra M Angiosarcoma epatico Angiosarcoma epatico Lobectomia destra Lobectomia destra M Epatocarcinoma Epatocarcinoma Lobectomia destra Lobectomia destra F Colangiocarcinoma Colangiocarcinoma Lobectomia destra Lobectomia destra Sopravvivenza: 9 pazienti Mortalità: 3 pazienti Sopravvivenza: 9 pazienti Mortalità: 3 pazienti

17 Immagine laparoscopica di lacerazione epatica

18 Immagine intraoperatoria di lacerazione epatica

19 Lacerazione stellare del parenchima epatico

20 Neoplasia epatica interessante il lobo sinistro

21 Lacerazione a scoppio del parenchima epatico

22 Epatectomia destra eseguita per digitoclasia

23 Epatectomia destra: visione della lacerazione epatica intra-parenchimale

24 Visione posteriore del lobo destro del fegato ove si apprezzano le lacerazioni intra-parenchimali

25 Immagine di epatectomia destra eseguita per digitoclasia dopo trattamento emostatico con sutura e packing eseguiti in altro nosocomio

26 Epatectomia sinistra: visione del lobo sinistro (II e III segmento)

27 CONSIDERAZIONI I traumi maggiori del fegato, sia isolati che associati a lesioni multiple, sono difficilmente trattabili ed in genere comportano una elevata morbilità e mortalità: in un recente studio che riguarda casi di lesioni epatiche, il sanguinamento provocò il 54% dei decessi. (Asensio 2000)

28 CONCLUSIONI La resezione epatica secondo Ton That Tung rappresenta lintervento di scelta nei gravi traumi epatici, in quanto consente unemostasi immediata, diminuendo la mortalità e la morbilità


Scaricare ppt "Trattamento dei traumi epatici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA CATTEDRA DI CHIRURGIA DURGENZA E P.S. Prof. Giuseppe Vadalà"

Presentazioni simili


Annunci Google